wu ming Tomahawk

 
Tomahawk
di Wu Ming 1, Wu Ming 2 e Wu Ming 4
-1-
- A m'arcmand, pôc pugnàtt! - disse Mr. Fantastic mentre varcavamo il portone di via Milza 9, sede del gruppo editoriale Il Sarchiapone (trimurti composta dal Sarchiapone medesimo, da Mario Maratea Editore e da Fràciche Editrice). Era un giorno di fine estate. Noi Cinque, scrittori ormai affermati dopo il successo di "Uh?", ci recavamo all'incontro con Maratea. In testa, tanti dubbi e una proposta. Ma com'era cominciato tutto? Qualche mese prima, per uno scherzo del caso, avevamo conosciuto Valente Ravaleo Jr., sanguigno romagnolo plurisessantenne, reduce della guerra d'indipendenza di Capo Verde (conclusasi nel 1975 con la fine del dominio coloniale portoghese). Ravaleo era un guerrigliero con una bella storia da raccontare, e noi volevamo raccontarla mescolando memorialistica e fiction. Un'operazione fortemente politica. "Chi potrebbe pubblicarla, a parte Mario Maratea?", c'eravamo chiesti senza trovare risposte. Quest'ultimo, spregi...

Leggi tutto l'articolo