'.er' e 'Cicero'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Località
In rilievo

Località

La scheda:

Er Cicerone concrude ...

XX. Er Cicerone concrude ... Ner vedè' 'ste bellezze e pensà poi Che li barberi, gente malandrina Hanno commesso 'sta carnificina De statue, palazzi e quer che vôi, Je diressi: Guardateme ch'eroi, Mica avressivo fatto 'sta rovina Se 'gni casa, villino o palazzina L'avemio, invece, fabbricata noi! Perchè noiantri, gente de progresso, Tiramo su un palazzo o un murajone Fatto in modo che casca da se' stesso. Così si quarche barbero adannato Volese un giorno venì [...]

Er cicerone spiega... 18

Er Cicerone spiega ... XVIII. Poi quì dietro 'na specie de ripparo (1) Trovi un sacco de cocci assai carini, Anfore, cunculine, tegamini Te pare 'na bottega de cocciaro. Lì tu ce poi trovà 'gni vaso raro; Pile, boccie, lucerne, bicchierini, Quer coso pe' ripone li quattrini ... ... Si è vôto? Ma se sa, brutto somaro! Però benanche giri tutt'in cerchio De tanti recipienti così strani Nu' rieschi a trovà che sia un coperchio! Tu me dirai che se lo so' [...]

Er cicerone spiega... 16

Er Cicerone spiega ... XVI. Appresso ar pozzo bello che t'ho detto Ce ne so' tanti mezzi rovinati, La fonte de Giuturna (1) co' un tempietto Che serviva a pregacce l'antenati. Eppoi antri pozzi neri, sgangherati Che si ce butti l'occhi p'un pochetto Te senti come da' 'na stretta ar petto E appena che te scanzi te rifiati. Appresso 'na fontana scura scura Dove adesso nessuno ce se sciacqua Ch'a vedella fa' un senso de paura. Perchè pe' li romani è un gran destino; [...]

Er cicerone spiega... 15

Er cicerone spiega... XV. Calligola, quer boia imperatore Che ciaveva la casa lì vicina Lo sai si che te fece? 'Na matina Zompò dar letto, senza fa' rumore, Messe er grugnaccio dietro la tendina, E ner vedè quell'angeli d'amore Senza che scommodasse er servitore Se lavò er viso, se spartì la crina, Spalancò la finestra e fece un segno Come pe' dije: Mo v'imparo un gioco, Aspettateme lì, ch'adesso scegno. ... Quelle cederno a li capricci sui E invece de bada' [...]

Er cicerone spiega... 14

Er cicerone spiega... XIV. Ma 'na scoperta degna de vedella E' del pozzo riservato a le Vestale Che se conserva novo, tal'e quale, Sortanto che je manca la girella. Lì la vestale annava in vestarella In polacchetta bianca, cor zinale, E nun trovava poi gnente de male A tirà l'acqua co' la cordicella. Sortanto che doveva riguardasse De fa' l'amore: c'era pe' principo Che lei mica poteva maritasse! Ma guarda che supprizio rifinito! A sta' sempre vicino ar Municipio [...]

Er cicerone spiega... 13

Er Cicerone spiega ... XIII. Lì Giulio imperatore spesso spesso La matina scenneva e dava udienza E te faceva causa e sentenza Senza bisogno d'imbastì er processo. Tu, presempio, volevi avè er permesso Der fucile, capischi? la licenza, O ciavevi, mettiamo, 'na pennenza? Quello te l'aggiustava da lui stesso. Nun serviva, così, carta bollata, Nun c'era l'avvocato difensore Che te dava 'gni tanto 'na stoccata, Ch'adesso si ricorri ar tribunale, Cor caccià li [...]

Er Cicerone spiega ... 10

Er Cicerone spiega ... X. Più in fonno ce sta un buco ch'è un tesoro (1) E potrebbe servì pe' fà bisboccia ... Ce ritrovorno, chiuse in una boccia, Un quattrocento e più monete d'oro. Che bellezza, percrilla, che lavoro! Robba, dico, da perde' la capoccia! Vedelle e nun potelle avè' in saccoccia Mannerebbe per aria tutt'er Foro! Indove stanno mo? Valle a ripija! Tutto 'sto gran tesoro l'hanno messo Dentr'ar Museo e nessuno se lo pija. Se capisce! Guardateme [...]

Er Cicerone spiega ... 9

Er Cicerone spiega ... IX. Dev'esse' stato buffo certamente Vede' un omo parlà da un colonnato, Uguale ar ciarlatano più sfacciato Che strilla in piazza a ingarbujà la gente. Eppoi me lo sai di' se quanto fiato Ce voleva e che voce strapotente? Che sinnò nun capivi un accidente E te n'annavi via mortificato. Ma noi ciavemo er Parlamento, indove Quarsia tribuno, quanno che viè eletto, Sarva l'umanità puro se piove! Sta callo e chiuso pe' studià la legge, [...]

Er Cicerone spiega ... 8

Er Cicerone spiega ... VIII. Co' 'sta maniera quì, tu je dimostri Tutte quante le cose a perfezione E je le metti dentr'ar capoccione Come l'avemmarie e li paternostri. Dopo er Lapise porto 'sto frescone A fa' vede', indovinece?, Li Rostri De Giulio (1), indove l'antenati nostri Se sciupaveno un'ala de pormone. Già, lì sopra Tribuni e deputati Saliveno a parlà contro li ricchi Pe' riggirasse un po' de disgraziati, Che diceveno: Si questi so' amichi! E 'sta cosa [...]

Er Cicerone spiega ...

Er Cicerone spiega ... V. Ma co' li scavi dietro a Campidojo (1) E che pe' questi er Foro s'è ingrandito Io me ce sento guasi ribambito A le vorte, ce credi? me c'imbrojo. Tu me dirai ch'io mica so' 'no scojo, Parlo estro benone ... so' istruito ... Conosco Marc'Urelio ... coso ... Tito ... Calligola, ... Pasquino e quer che vojo ... Ma l'antichità nove, in concrusione Nun me vanno a faciolo (2) e finiranno Cor fammese lassà annà la professione. Perchè co' [...]

Er Cicerone spiega ... 3

Er Cicerone spiega ... III. Ma tu portelo, invece,dentr'ar Foro Metteje avanti er Coliseo e poi vedi! Je dico: Musiù mio, osservè, miledy, Regardè si che straccio de lavoro! Noi nu' lo damo manco a peso d'oro, So robe de valore, che te credi? Nun so' pa' sciose fatte co' li piedi, Ma 'gni petì sassetto è un gran tesoro. E stanno lì a sentimme a bocca aperta Ch'io er francese lo parlo a perfezione E te lo butto giù puro a la sverta. Che si poi quarche ingrese [...]

Er Cicerone spiega ... 2

Er Cicerone spiega ... II. Pe' questo er forestiere tramontano Viè' pe' l'antichità, nun c'è questione, Perchè in quanto al moderno sporcaccione Lui nu' lo guarda manco da lontano. Sella cor grugno nero de carbone, E Mamiani, che povero cristiano Benchè de marmo cià la carta in mano Come avesse da fa' 'n'operazione; Cossa, Minghetti e tutti li scenziati Pare che stanno esposti a l'intemperie Pe' mette in mostra l'abiti attillati. E lui che nun conosce 'sti [...]

Er Cicerone spiega ... 1

Er Cicerone spiega ... I. Già, Roma capus munni, e tiello a mente Che abbenanche accompagni er forestiere, Sia magara er più magno cavajere, Nu' je devi sta' sotto un accidente! Servelo bene, rispettosamente, Dije: Musiù ... Milorde ... aver piacere ... Jesse ... trebien ... uì ... come volere ... Ma sappilo trattà romanamente. Co' tutto che noi semo un po' acciaccati, Puro, quanno sta sotto ar Cuppolone Deve portà rispetto all'antenati Nun dico bene! E s'ha [...]

&id=HPN_'.er'+e+'Cicero'_" alt="" style="display:none;"/> ?>