'Carlo Alberto' e '.er'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Francesca Cipriani
In rilievo

Francesca Cipriani

La scheda:

Er monumento a Trilussa

Er monumento a Trilussa

Er monumento a TrilussaPover'amico mio, chi t'ha stroppiato?Tu che vivo parevi un monumento,ner monumento pari un disgrazziato;tu ch'eri tanto bello, fai spavento.Io me ce sento rabbia, me ce sento,de nun poté conosce st'ammazzatoche prima t'ha scorpito a tradimento,poi mette in mostra er corpo der reato.Tutto pe sbieco, mezz'a pecoronelui po' ringrazzià Dio che nun te vediarinnicchiato accanto ar fontanone.Se te vedessi, Tri, nun ciabbozzavie benché t'abbia [...]

Er presepio (Trilussa)

Ve ringrazio de core, brava gente, pé 'sti presepi che me preparate, ma che li fate a fa? Si poi v'odiate, si de st'amore non capite gnente... Pé st'amore sò nato e ce sò morto, da secoli lo spargo dalla croce, ma la parola mia pare 'na voce sperduta ner deserto, senza ascolto. La gente fa er presepe e nun me sente; cerca sempre de fallo più sfarzoso, però cià er core freddo e indifferente e nun capisce che senza l'amore è cianfrusaja che nun cià valore. - [...]

Er pappagallo scappato (Trilussa)

Lei me chiamò e me fece: - Sarvatore, er pappagallo jeri scappò via perché nu' richiudeste er coridore;1 eccheve er mese,2 e fôr de casa mia.-   Te para carità, te pare core, pe' 'na bestiaccia fa' 'sta bojeria, mette in mezz'a 'na strada du servitore che deve portà er pane e la famîa?...   Ma io so tutto: er fatto der tenente, le visite a Firenze ar maresciallo, la balia a Nemi... e nun ho detto gnente.   Percui stia attenta a lei, preghi er su' Dio, [...]

TRILUSSA -Er carattere-

TRILUSSA -Er carattere-

Un Rospo uscì dar fosso e se la prese còr Camaleonte: - Tu - ciai le tinte sempre pronte: quanti colori che t'ho visto addosso! L'hai ripassati tutti! Er bianco, er nero, er giallo, er verde, er rosso... Ma che diavolo ciai drent'ar pensiero? Pari l'arcobbaleno! Nun c'è giorno che nun cambi d'idea, e dài la tintarella a la livrea adatta a le cose che ciai intorno. Io, invece, èccheme qua! So' sempre griggio perchè so' nato e vivo in mezzo ar fango, ma nun [...]

Er carattere (Trilussa)

Un Rospo uscì dar fossoe se la prese cor Camaleonte:- Tu - ciai le tinte sempre pronte:quanti colori che t'ho visto addosso!L'hai ripassati tutti! Er bianco, er nero,er giallo, er verde, er rosso...Ma che diavolo ciai drent'ar pensiero?Pari l'arcobbaleno! Nun c'è giornoche nun cambi d'idea,e dài la tintarella a la livreaadatta a le cose che ciai intorno.Io, invece, èccheme qua! So' sempre griggioperchè so' nato e vivo in mezzo ar fango,ma nun perdo er [...]

Lomo e er lupo Trilussa

Un vecchio Lupo, ner guardà le stelle, diventò bono e se sentì er dolore d'avé scannato tante pecorelle. (Tutte le cose belle fanno un effetto maggico ner core.) E diceva fra sé: - Pe' conto mio sarei disposto a fa' la vita onesta: però bisognerà che me travesta perché nessuno sappia chi so' io. Infatti puro l'Omo s'è convinto che pe' sta' bene ar monno è necessaria una certa vernice umanitaria che copra la barbaria de l'istinto. - E fisso in quel'idea [...]

Trilussa, L'elezzione der Presidente

Trilussa, L'elezzione der Presidente Un giorno tutti quanti l’animali sottomessi ar lavoro decisero d’elegge un Presidente che je guardasse l’interessi loro. C’era la Società de li Majali, la Società der Toro, er Circolo der Basto e de la Soma, la Lega indipendente fra li Somari residenti a Roma; e poi la Fratellanza de li Gatti soriani, de li Cani, de li Cavalli senza vetturini, la Lega fra le Vacche, Bovi e affini… Tutti pijorno parte all’adunanza. [...]

&id=HPN_'Carlo+Alberto'+e+'.er'_" alt="" style="display:none;"/> ?>