'Castaway' e 'Post Magazine'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Emma Marrone
In rilievo

Emma Marrone

La scheda:

Post di Delirii di naufrago

Il cuore batte forte: avevo promesso a me stesso di aspettare, di non incorrere nuovamente nei soliti errori, di concedere una pausa ai miei sentimenti almeno finché obiettivi concreti, la laurea ad esempio, fossero stati raggiunti. Credevo di non poter provare più certe sensazioni dopo la disillusione di novembre, e invece... Domenica sera il primo bacio. Da allora una persona che avevo visto soltanto poche volte è diventata indispensabile. Adesso che l'angelo [...]

Post di Delirii di naufrago

Sulla capitale regna il gelo: ieri candidi fiocchi cadevano lentamente donando serenità al mio animo tormentato. L'anima della Regina ancora aleggia minacciosa, privandomi di spontaneità nel rapporto con gli altri. Ho conosciuto una persona interessante, meritevole di attenzioni, disposta a regalarmi il suo affetto. La conosco da poco, ma è già in grado di emozionarmi; non riesco ad immaginare cosa potrà riservarci il futuro. Sono pieno di speranze e al tempo [...]

Post di Delirii di naufrago

"Non c’è spazio per la tristezza nel giorno in cui nasce la vita, una vita che distrugge la paura della morte e dona la gioia delle promesse eterne." (San Leone Magno) Auguro a tutti coloro che leggono queste pagine un Natale sereno e felice. Com'è scritto nella citazione non c'è spazio per la tristezza: dopo la mezzanotte ho inviato gli auguri anche ad Elisabetta, senza ricevere risposta; ma è Natale, devo essere felice. Oggi sarò a pranzo dalla Nonna: [...]

Post di Delirii di naufrago

Maria Antonietta, mi hai affidato il Manuale con la segreta speranza che io possa diventare un giorno un vero guerriero della Luce, forte di tutte le esperienze vissute, saggio per tutto il dolore provato. A pag. 50 del manuale leggo: "Un guerriero della luce ha bisogno di amore. L'affetto e la tenerezza fanno parte della sua natura, quanto il mangiare, il bere e il piacere del Buon Combattimento. Quando il guerrero non si sente felice davanti al tramonto, c'è [...]

Post di Delirii di naufrago

Sono tornato nella mia città: qui l'affetto dei familiari contribuirà a lenire le ferite d'amore. Oggi sono stato ad offrire il mio saluto ai cari defunti e al mare: il volto sereno di mio nonno sulla lapide mi ha infuso nuova forza; il mare mi ha rivelato con il suono delle sue onde che siamo diventati più simili adesso. La mia anima non ha più catene. Sono Libero: affine al mare, senza strade né punti di riferimento posso decidere la mia rotta istante per [...]

Post di Delirii di naufrago

Sintetizzare in poche righe i mutamenti del mio animo durante questo periodo di silenzio è impresa ardua; tuttavia sento di dover consegnare alla memoria delle lettere le mie riflessioni. Un giorno, rileggendole, potrò trarne preziosi insegnamenti. Dopo l'abbandono ho mascherato l'amore con l'odio; gelidi venti di rabbia spazzavano l'arido terreno del mio cuore, e giorno dopo giorno imparavo ad odiarla. Ma era soltanto un'illusione: dietro quella rabbia si [...]

Post di Delirii di naufrago

Le armate della Regina abbandonano il campo, restano solo desolazione e macerie. Lei è di altri ormai, altri la rendono felice.

Post di Delirii di naufrago

Agaji, ad onta di svariati chilometri che ci separano, sembri comprendermi più delle persone che vivono al mio fianco. Forse le nostre anime sono state create affini, o forse con i baci scambiati nel caldo pomeriggio di giugno abbiamo trasfuso anche un po' di noi stessi. Talvolta sei una presenza scomoda, eppure ti porto con me, e ti avrò sempre... Ed anche tu porterai sempre con te il ricordo di quei momenti, sebbene stia facendo di tutto per cancellarli [...]

Post di Delirii di naufrago

"Ama la verità; mostrati qual sei, e senza infingimenti e senza paure e senza riguardi. E se la verità ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento, e tu sopportalo. E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, e tu sii forte nel sacrificio." (San Giuseppe Moscati) In occasione di una mostra itinerante, in cui mi sono offerto di fare da guida, ho conosciuto il medico santo; sono incontri che lasciano il segno, che mutano la [...]

Post di Delirii di naufrago

Il rumore del mondo mi concede finalmente attimi di silenzio per potermi dedicare alla scrittura; ho scoperto un'altra lettrice, un'altra vita che l'instancabile lavorìo del destino ha unito alla mia in modo bizzarro. E' molto simile a me, si accosta all'amore con occhi di bimbo: è pronta a rinunciare ai precari equilibri del reale per inseguire un sogno, per vivere un'emozione forte come il primo batticuore; quando però il sogno finisce resta il disincanto e [...]

Post di Delirii di naufrago

L'anima mia ha sete del Dio Vivente. Lontano da Salerno, non mi è dato di calpestare il terreno consacrato del cimitero, né condurre fiori odorosi ai sepolcri dei cari defunti. La mia preghiera si innalza al Signore per Amalia che mi iniziò alla comprensione delle lettere, per Gino, luce della mia infanzia, per nonno Aniello, inseparabile compagno di giochi, per zio Vincenzo, custode di saggezza, per nonna Teresa, maga del telaio; e per quanti non ho [...]

Post di Delirii di naufrago

Sono abituato ormai alla sofferenza; mi è facile accettare pianti e smorfie di dolore sul volto delle persone anziane solcato dal tempo e dagli acciacchi. La sofferenza negli occhi di una giovane donna, invece, ancora non riesco a sopportare. Impossibile ricercarne un finalismo, avverto questa sofferenza come una profonda ingiustizia, esacerbata dal non poter individuare un responsabile. Mi impongo di essere forte e non pensarci, ma certe immagini mi [...]

Post di Delirii di naufrago

Ancora una volta sabato, ancora una volta un po' di tempo per scrivere... Lo scorso fine settimana sono stato in compagnia dei miei genitori e di mia sorella; ho trascorso due giornate serene rivivendo suoni e sapori della mia terra. Ho ascoltato nuovamente il mio accento nella parlata dei miei; ho mangiato di nuovo la pizza rustica che preparava mia madre quando ero bambino. Ho percorso con mio padre e mia madre le strade di Roma: le viuzze di Trastevere, ponte [...]

Post di Delirii di naufrago

Ti ho conosciuta il sei settembre; quella notte mi persi nei tuoi occhi. Ancora adesso mi sembra di avvertire l'immenso potere del tuo sguardo. Lo stesso destino che si è divertito ad unirci, ora pare divertirsi ancor di più nel separarci. Sono più di tre giorni che non ti sento; ciò che tempo fa sarebbe stato insostenibile, accetto adesso con animo sereno. Al mio fianco c'è sempre la Regina; ad unirci forse non è più l'amore, ma ci sono tante cose che non [...]

Post di Delirii di naufrago

Sono costretto ad ammetterlo: almeno in un punto il vecchio diario cartaceo è superiore di gran lunga al "weblog": in caso di necessità è molto semplice, per ciascuno di noi, rimediare una biro ed un foglio; altrettanto non può dirsi di un PC e di un collegamento ad internet. I pochi computers dell'Eremo sono diventati inaccessibili da giorni, né so quando sarà possibile utilizzarli nuovamente. Sto pubblicando questo messaggio dalla Sala Computer della [...]

Post di Delirii di naufrago

Amica mia, hai confessato: avresti vissuto il momento, avresti colto l'attimo che fugge. Adesso lo so. Non che abbia rimpianti, solo voglia: voglia di diventare finalmente Uomo tra le tue braccia e di renderti pienamente Donna; voglia di unire i nostri vergini corpi in un amplesso giocoso; voglia di raggiungere in tua compagnia le vette estreme di un piacere mai esplorato. E l'indomani guardarsi negli occhi, ancora amici... Troppo tardi ormai; altri ti inizieranno [...]

Post di Delirii di naufrago

Amica mia, oggi sarei dovuto venire a trovarti: sarebbe stato un bel banco di prova per la nostra amicizia. Ma ieri sera quando ho ascoltato la voce che fai così dolce prima di dormire, quando abbiamo fatto il bilancio di tutti i nostri incontri, quando abbiamo ricordato i languidi baci scambiati nella tua stanza in un caldo pomeriggio di giugno, ho capito di non essere ancora pronto. Una notte intera trascorsa con te sarebbe stata fatale; mi sarei perso ancora [...]

Post di Delirii di naufrago

Da un po' di tempo al mattino mi sveglio in preda ad una cefalea da astinenza da caffeina che mi accompagna poi per tutta la giornata; il mal di testa è aggravato dal fatto che non vedo per niente bene: i miei occhiali si sono rotti ed in attesa che l'ottico laborioso compia il restauro sono costretto ad utilizzarne un paio con una gradazione non più al passo con la mia miopia. La cecità dovrebbe conferire saggezza: gli occhi del saggio di Tebe non riuscivano [...]

Post di Delirii di naufrago

Prepararsi per un'impresa, affrontarla, dare il meglio di sé, vincere, veder riconosciuto il proprio valore... Un'emozione unica, difficile da descrivere. Oggi sentivo il cuore battere all'impazzata nel petto, i muscoli tesissimi, la mente che cercava di mantenere la concentrazione e il controllo; adesso la tensione è sciolta, resta solo l'euforia, preludio ai festeggiamenti della notte. Non è la prima volta che provo queste sensazioni, anche se non ci si fa [...]

Post di Delirii di naufrago

Da qualche giorno ho cambiato pagina al calendario; ottobre è un dipinto di Palazzo Contarini, a Venezia. L'artista è Monet, il pittore che mi sta accompagnando quest'anno. La mia anima è plumbea come l'acqua del canale, girigia come le pareti del palazzo, sola e triste come la gondola. Mai come adesso mi sono sentito solo: la Sirena d'Agosto è ormai immersa negli abissi e non riesco all'orizzonte a scorgere più la Chimera, credo sia confinata nella città [...]

&id=HPN_'Castaway'+e+'Post+Magazine'_" alt="" style="display:none;"/> ?>