'Fabrizio Cristiano' e 'Essere supremo'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Gerry Scotti
In rilievo

Gerry Scotti

La scheda:

deleted

deleted

Amore Che Vieni Amore Che Vai... Fabrizio De Andrè

Amore Che Vieni Amore Che Vai... Fabrizio De Andrè

      “Mentre lui le insegnava a fare l’amore lei gli insegnava ad amare.”  

IL TESTAMENTO DI TITO - FABRIZIO DE ANDRE

"Non avrai altro Dio all'infuori di me, spesso mi ha fatto pensare: genti diverse venute dall'est dicevan che in fondo era uguale. Credevano a un altro diverso da te e non mi hanno fatto del male. Credevano a un altro diverso da te e non mi hanno fatto del male. Non nominare il nome di Dio, non nominarlo invano. Con un coltello piantato nel fianco gridai la mia pena e il suo nome: ma forse era stanco, forse troppo occupato, e non ascoltò il mio dolore. Ma forse [...]

Verranno a chiederti del nostro amore - Fabrizio De Andrè

  Quando in anticipo sul tuo stupore verranno a chiederti del nostro amore a quella gente consumata nel farsi dar retta un amore così lungo tu non darglielo in fretta non spalancare le labbra ad un ingorgo di parole le tue labbra così frenate nelle fantasie dell'amore dopo l'amore così sicure a rifugiarsi nei "sempre" nell'ipocrisia dei "mai" non sei  riuscita a cambiarmi non ti ho cambiata lo sai. E dietro ai microfoni porteranno uno specchio per farti [...]

R.Vecchioni, Cantautori, A tu per tu con Dio

R.Vecchioni, Cantautori, A tu per tu con Dio

da  L'AVVENIRE 2 gennaio 2011 ROBERTO VECCHIONI Cantautori, A tu per tu con Dio In musica, nella grande musica (dalla polifonia medioevale all’Ottocento), Dio è stato celebrato con afflati e trasporti spirituali che sfiorano il sublime (si pensi a Monteverdi, a Palestrina, ad alcune insuperate romanze) ma ne è venuto fuori sempre un Dio astratto, lontano, temuto e adorato, incapace di interagire col mondo, alto e inaccessibile. Anche nella poesia, nella grande [...]

ROBERTO VECCHIONI NARRA L’INCONTRO TRA MUSICA E DIVINO

A dare voce allo scontento e all’incertezza umana arriva nel ’67 De André (con Spiritual e Si chiamava Gesù) col suo Dio-uomo da una parte e il suo uomo incolpevole dall’altra, temi che tre anni dopo esprimerà in senso più ampio ne La buona novella . Altra storia è in De André: lui sì che prende e subito una posizione. L’afflato di Fabrizio è fortemente, tortuosamente terreno, è l’uomo il centro morale, il valore primo dell’universo; ogni cosa [...]

“Sorella morte”. Viaggio di Speranza attraverso l’arte, la poesia e la musica contemporanea

Cosa vedi al di qua della Porta?   Durante l’ascolto scriviamo su un foglio il nome di chi vogliamo ricordare stasera e deponiamolo sull’altare   “Giuda uscì dal cenacolo. Ed era notte” (Evangelo di Giovanni)   La stanza tua piena di fiori e due coltelli i testimoni di un rito che non ha padroni un rito l'unico rimedio a libertà negate a volontà spezzate in mezzo al sangue lei per terra vinceva la sua guerra senza parlare senza accusare dei suoi tre [...]

De Andrè e la Buona Novella

Ghezzi sottolinea poi numerosi dati consonanti fra il cattolicesimo e quell’lp del 1970: lo scandalo del male, la compassione, la pietà. Per un Cristo non solo 'rivoluzionario': «Fosse stato solo questo, La Buona Novella oggi direbbe poco», scrive Ghezzi. «Ma se De André tornò a cantarla nei suoi ultimi concerti è perché la parabola del Messia ha uno spessore spirituale straordinario risolto in un inno all’uomo, la più grande di tutte le creature». In [...]

&id=HPN_'Fabrizio+Cristiano'+e+'Essere+supremo'_" alt="" style="display:none;"/> ?>