'Gherone' e 'Medicina'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

La scheda:

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Dal Ventre della Notte.

                    Sono lievi i miei pensieri... in queste mie giornate opache.... Cerco tra i miei ricordi una soffice emozione remota, Nata da una storia vissuta che non faccio fatica a trovarne le tracce sulla mia pelle..ancora graffiata, un racconto di me in sintesi stringate... dove ho vissuto attimi di momenti in cui mi sono sentita soffocare... come affogare spingere in fondo ad una girandola fatta di aria Ma sono stati i soffi di quell'aria che [...]

Amo il tuo grembo

Amo il tuo grembo

Di te amo le lunghe gambe, puerili, lente aste tenere soavi, che per spirali adolescenti salgono, infinite, esatto tocco e fremito. Di te amo le braccia giovani, che abbracciano fidenti, il mio squilibrio, mani disvelate, mani moltiplicanti , che accompagnano in fretta il mio incupito nuoto. Amo il tuo grembo pieno d’ombra, onda lenta e solinga, dove si va facendo esausto il mare, dove affondare sino a rompermi il cuore, e di amore affogare e piangere. Di te amo [...]

Perché tenere in grembo

“Perché tenere in grembo una bimba che ha una grave menomazione dell’avambraccio sinistro e decidere di non abortire? Perché sarebbe uccidere una vita umana, che per me vale più di ogni altra, perché è la vita di mia figlia. Certo, mille volte mi sono chiesta se sia giusto per lei venire al mondo con tutti i suoi problemi, ma mi sono accorta che è una scusa: io non posso sapere i problemi cui potrebbe andare incontro, per mille ragioni, l’altra mia [...]

nel tuo grembo

nel tuo grembo

La tua voce lontana. al telefono così vicina, e presto dalla vicinanza, la sentirò più lontana, perché dalla tua bocca, alle mie orecchie, deve percorrere la lunga strada. che passa per i tuoi seni, oltre l’ombelico, e la piccola collina, e per tutto il tuo corpo. lungo il quale ti guardi, giù giù fino alla mia testa, che ha il viso, sepolto fra le tue cosce sollevate, nel vello, e nel tuo grembo,. (Erich Fried)

La madre-nonna partorirà il suo nipotino: vuole in grembo gli ovuli della figlia morta

La madre-nonna partorirà il suo nipotino: vuole in grembo gli ovuli della figlia morta

Sua figlia è morta all'età di 23 anni per un cancro all'intestino e la madre vorrebbe esaudire il suo ultimo desiderio: farsi impiantare nel grembo gli ovuli congelati della ragazza e dare alla luce suo nipote. Accade a Londra, in Inghilterra. Come riporta il Mirror, la madre 59enne - che per ragioni di privacy preferisce essere identificata come signora M. - ha iniziato una battaglia legale per poter usufruire degli ovuli congelati della ragazza, dando seguito [...]

Colpita da un fulmine nel grembo della mamma ha ancora i capelli dritti per effetto elettrostatico.

Colpita da un fulmine nel grembo della mamma ha ancora i capelli dritti per effetto elettrostatico.

ALBUQUERQUE (NEW MESSICO) – Kimberly Gordon, una bambina di un anno di vita, colpita da un fulmine quando era ancora nel grembo della mamma, continua ad avere i capelli dritti per l’effetto elettrostatico, non può sedersi, né gattonare e tantomeno ingerire il cibo correttamente. A distanza di un anno l’effetto della scossa non si è ancora esaurito. I genitori della piccola, Kendra Villanueva e Ian Gordon, stavano guardando i fuochi d’artificio durante la [...]

deleted

deleted

Lo psichiatra Guglielmo Campione racconta come cominciamo a sentire nel grembo materno

Guglielmo Campione VideoScienza - Il potere della musica www.videoscienza.it L'udito è la prima forma di contatto con il mondo per il feto che si sviluppa nell'utero. Ma quando si comincia davvero a sentire? E come si percepiscono i suoni attraverso il liquido amniotico? In questa bella conferenza, il racconto di quello che la scienza sa e dell'importanza di certi comportame...

Nel mio grembo!

Nel mio grembo!

Nel mio grembo dormono le nuvole scure. Perciò io sono così triste, mio bene. Io devo chiamare il tuo nome con la voce dell'uccello del paradiso quando le mie labbra si colorano. Già dormono tutti gli alberi nel giardino anche l'instancabile davanti alla mia finestra frulla l'ala dell'avvoltoio e mi porta per l'aria fin sulla tua casa. Le mie braccia si appoggiano ai tuoi fianchi, per rispecchiarmi nella trasfigurazione del tuo corpo. Non spegnere il mio cuore [...]

Sir Stephen

Sir Stephen

       In Sir Stephen intuì una volontà ferrea e gelida, che non sarebbe stata piegata dal desiderio, e davanti alla quale lei, per quanto potesse mostrarsi condiscendente e sottomessa, non contava assolutamente nulla. Altrimenti perché avrebbe provato tanta paura? Le fruste alla cintura dei valletti di Roissy, le catene che quasi incessantemente l'avevano gravata le erano parse meno spaventose dello sguardo con cui Sir Stephen le fissava i seni che non [...]

Commento al vangelo del 20 dicembre 2009 Paolo Curtaz

  Quarta domenica di Avvento, anno di Luca Mic 5,1-4/ Eb 10,5-10/Lc 1,39-48 Danze Poche ore, poche ore e celebreremo l’inaudito di Dio. No, non siamo qui a far finta che poi Gesù nasce… Dio è già nato, è morto ed è risorto e vive glorioso. A noi, in questo tempo che ci è dato, in questa vita più o meno soddisfacente, il compito di lasciar nascere Dio nei nostri cuori. Ancora: di lasciarlo nascere non come ero un anno fa, non come stavo tre anni fa. Ora. [...]

ARCANI MAGGIORI - LA SACERDOTESSA

ARCANI MAGGIORI - LA SACERDOTESSA

Il Mago è solo e basta a se stesso, non conosce nessuna limitazione, nessun ostacolo. Adesso incontra la Sacerdotessa (o Papessa), il primo essere separata dal suo. Lei è pura energia femminile. Lui e suo padre possono essere un tutt’uno, ma quando incontra la prima donna, si deve inchinare di fronte al fatto di essere ridotto a una metà! La Sacerdotessa è seduta fra i due pilastri che rappresentano il mondo della dualità, e sfida il Mago a entrare in questo [...]

grembi e limbi

grembi e limbi

  A contarli ci sono tutti, per quanto disturbi ammetterlo. E il numero è inesorabile e lo specchio nondimeno, sempre più negletto e trascurato e da mettere in soffitta come nel racconto di Wilde : per non vedere e sapere cosa ci accade realmente - e conta l'illusione di un tempo infinito e di un qui-e-ora privo di angoli e perimetri spazio-temporali e di ombre che ci inquietano prima del sonno : quando smetti la corazza razionale e i sogni dettano l'agenda e [...]

&id=HPN_'Gherone'+e+'Medicina'_" alt="" style="display:none;"/> ?>