'Lavoratore' e 'Corte Suprema di Cassazione'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Gerry Scotti
In rilievo

Gerry Scotti

La scheda:

Cassazione: legittimo il licenziamento del lavoratore che utilizza per fini personali i permessi sindacali

Cassazione: legittimo il licenziamento del lavoratore che utilizza per fini personali i permessi sindacali

Attualità 22/02/2019 Cassazione: legittimo il licenziamento del lavoratore che utilizza per fini personali i permessi sindacali Con la sentenza n. 4943 del 20.02.2019, la Cassazione afferma che è passibile di licenziamento il lavoratore che utilizza per finalità personali le ore di permesso accordate per la partecipazione alle riunioni degli organismi direttivi sindacali, qualificandosi la relativa assenza come mancato svolgimento della prestazione per [...]

Quietanza a saldo sottoscritta dal lavoratore: requisiti perchè abbia valore di rinuncia o transazione - Cass.

Quietanza a saldo sottoscritta dal lavoratore: requisiti perchè abbia valore di rinuncia o transazione - Cass. n. 13731 del 2006   Con la sentenza n. 13731 del 14 giugno 2006, la Cassazione ritorna sul valore della quietanza a saldo sottoscritta dal lavoratore - nel caso in esame un ex dipendente dell’ENEL Distribuzione s.p.a. – per chiarire che non basta il riferimento generico ad una serie di titoli in astratto ipotizzabili in relazione alla prestazione di [...]

Cassazione: illegittimo il licenziamento per il lavoratore che trasmette file aziendali al proprio legale

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 5179 del 5 marzo 2014, ha affermato che "la trasmissione di atti aziendali ad un difensore e la loro divulgazione sono condotte radicalmente diverse tra di loro" in quanto nel primo caso si radica l'informazione presso un professionista che è tenuto alla riservatezza ed anche, sul piano deontologico, ad informare il cliente sulle conseguenze di una diffusione ulteriore. Nel caso di specie un dipendente, addetto al settore [...]

Cassazione: illegittimo licenziamento del lavoratore che minaccia un collega senza passare alle vie di fatto. Anche se ha commesso reato

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 12232 del 20 maggio 2013, ha affermato che "ai fini della legittimità del licenziamento disciplinare irrogato per un fatto astrattamente costituente reato, non rileva la valutazione penalistica del fatto né la sua punibilità in sede penale, né la mancata attivazione del processo penale per il medesimo fatto addebitato, dovendosi effettuare una valutazione autonoma in ordine alla idoneità del fatto a integrare gli [...]

Cassazione: mobilità e licenziamenti collettivi. Ecco   quando basta elenco dei soli lavoratori da licenziare

Cassazione: mobilità e licenziamenti collettivi. Ecco quando basta elenco dei soli lavoratori da licenziare

"In tema dì procedura di mobilità, la previsione di cui alla L. n. 223 del 1991, art. 4, comma 9, secondo cui il datore di lavoro, nella comunicazione ivi prevista deve dare una "puntuale indicazione" dei criteri di scelta e delle modalità applicative.....LEGGITUTTO>>>cassazione licenziamenti collettivi.pdf

Cassazione: è condotta antisindacale sostituire lavoratori in sciopero...

Cassazione: è condotta antisindacale sostituire lavoratori in sciopero...

Giustizia 17/08/2012 Cassazione: è condotta antisindacale sostituire lavoratori in sciopero con altri lavoratori di qualifica superiore La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 14157 del 6 agosto 2012, va a decidere su una questione di illegittimità sindacale. Una società di Cash and Carry si rivolge alla Suprema Corte per ricorrere contro una sentenza del Tribunale di Venezia. La società in questione aveva sostituito dei lavoratori in sciopero con altri di [...]

Cosa rende 'dipendente' un lavoratore? Auto e fax no, pc e Adsl sì. Parola di Cassazione

Cosa rende 'dipendente' un lavoratore? Auto e fax no, pc e Adsl sì. Parola di Cassazione

Un'auto aziendale non fa dipendente. E nemmeno un cellulare o un fax. In altre parole, per un lavoratore flessibile non basta il possesso di questi benefit per dimostrare che si tratta in realtà di un rapporto di lavoro subordinato svolto fuori sede e contestare così il "licenziamento". Al contrario, il possesso di un computer con connessione Adsl aziendale è un indizio dell'appartenenza all'organizzazione aziendale e quindi "qualifica" il lavoro dipendente. Lo [...]

Cassazione – Illegittimo il trasferimento del lavoratore che assiste familiare disabile

Cassazione – Illegittimo il trasferimento del lavoratore che assiste familiare disabile

11-07-2012 NEWS   Con sentenza n. 9201 del 7 giugno 2012 la Corte di Cassazione ha dato ragione a un dipendente Telecom che, è ricorso al giudice del lavoro per contestare il suo trasferimento. La Suprema Corte ha affermato che è da considerarsi illegittimo il trasferimento del lavoratore che assiste un familiare portatore di handicap anche non grave, qualora l’azienda non abbia prodotto alcun motivo che, in un bilanciamento degli interessi, possa giustificare [...]

Cassazione - Illegittimo il trasferimento di un lavoratore che assiste familiare portatore di handicap

Cassazione - Illegittimo il trasferimento di un lavoratore che assiste familiare portatore di handicap

15-06-2012 NEWS   La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 9201 dello scorso 7 giugno ha dichiarato illegittimo il trasferimento di un lavoratore che assiste un familiare portatore di handicap anche non grave, qualora l’azienda non abbia prodotto alcun motivo che, in un bilanciamento degli interessi, possa giustificare la perdita di cure da parte del soggetto debole. Il caso ha riguardato un dipendente Telecom che, ricorreva al giudice del lavoro avverso il [...]

Cassazione: ricollocazione del lavoratore licenziato e onere del datore di lavoro

LEGGI TUTTO>>>onere del datore di lavoro in caso di licenziamento.pdf

Cassazione: no al licenziamento per giusta causa del lavoratore che si azzuffa con un collega

"L'elencazione delle ipotesi di giusta causa di licenziamento contenuta nei contratti collettivi ha valenza meramente esemplificativa e non esclude, perciò, la sussistenza di una giusta causa per un grave inadempimento o per un grave comportamento del lavoratore contrario alle norme della comune etica o del comune vivere civile, alla sola condizione che tale grave inadempimento o tale grave comportamento, con apprezzamento di fatto del giudice di merito non [...]

Cassazione, il lavoratore assente per malattia che esce di casa non può essere licenziato

Cassazione, il lavoratore assente per malattia che esce di casa non può essere licenziato

Rivoluzione per le assenze ingiustificate dal lavoro: non è possibile licenziare il lavoratore che in malattia – per giunta per problemi alla gamba – è sorpreso in giro sia in macchina sia a piedi. Lo ha detto la Corte di Cassazione con la sentenza 6375/2011, che ha confermato il mantenimento del posto di lavoro per il dipendente di una società piemontese addetto al controllo degli acquisti. Il datore di lavoro aveva mandato degli investigatori privati sotto [...]

Cassazione: il verbale di conciliazione non sottoscritto dal rappresentante sindacale alla presenza ed in contestualità con il lavoratore non è valido

leggi tutto>>>conciliazione non valida se.....pdf

Cassazione - Lavoratori dello spettacolo e l’indennità ordinaria di disoccupazione

Cassazione - Lavoratori dello spettacolo e l’indennità ordinaria di disoccupazione

NEWS No al trattamento di disoccupazione per i lavoratori dello spettacolo Con la sentenza 12355 del 20 maggio 2010, citata nel messaggio Inps numero 33014 del 31 dicembre 2010, si conclude in maniera negativa una querelle che da anni poneva in contrapposizione la legge, le circolari della Direzione Centrale Inps e i comportamenti delle singole sedi dell'Istituto. Ci riferiamo alla possibilità di percepire l'indennità di disoccupazione con requisiti ridotti per i [...]

Cassazione - Contributi figurativi per le lavoratrici non assunte durante il congedo di maternità

Cassazione - Contributi figurativi per le lavoratrici non assunte durante il congedo di maternità

.....semprechè al 27 aprile 2001 risultino iscritte all'AGO da almeno 5 anni Hanno diritto ai contributi figurativi per il periodo di maternità le lavoratrici che, pur non assunte al momento del congedo, al 27 aprile 2001 risultano iscritte all'Assicurazione Generale Obbligatoria da almeno cinque anni. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 23037 del 12 novembre scorso affermando che "La contribuzione figurativa spetta, a domanda, anche per i [...]

Danni morali per le morti causate da amianto

Danni morali per le morti causate da amianto

Stretta della Cassazione sulle morti dovute alla esposizione alle polveri di amianto. Possono chiedere direttamente anche i danni morali tutte le Associazioni di fatto che rappresentano i lavoratori, pure quelle nate successivamente. Non solo. Nei casi di gravi inadempienze sulla sicurezza ne risponde l'intero Consiglio di amministrazione. Sono questi i punti fermi raggiunti dalla Corte di Cassazione (sentenza n. 38991 del 4 novembre 2010) sul tanto discusso tema [...]

Per la Cassazione si al licenziamento del lavoratore ubriaco

Motivazione che rientrerebbe per i giudizi di piazza Cavour nella "giusta causa" Secondo la sezione lavoro della Corte di Cassazione, il lavoratore licenziato perchè trovato ubriaco durante lo svolgimento delle sue mansioni rientra nella giusta causa di licenziamento. Nella fattispecie, il licenziamento viene considerato legittimo se si prende in considerazione l’accertata gravità della questione contestata anche perchè il lavoratore risultava recidivo. Per [...]

CASSAZIONE: Accertata la malattia, il lavoratore è libero di uscire dopo la visita fiscale. L'obbligo di reperibilità non vale più.

CASSAZIONE: Accertata la malattia, il lavoratore è libero di uscire dopo la visita fiscale. L'obbligo di reperibilità non vale più.

Riceviamo da Matteo Gentile Accertata la malattia, il lavoratore è libero di uscire dopo la visita fiscale. L'obbligo di reperibilità non vale più. Purché ci si curi a dovere Gli assenti per malattia possono uscire di casa dopo la visita del medico fiscale. Perché l'obbligo di  reperibilità vale solo fino a quando non sia stato accertato lo stato di malattia. A dirlo  non è il Ministero della Funzione Pubblica, ma la Suprema Corte di Cassazione, con una [...]

Cassazione: lavoratore in malattia va a trovare mamma malata. L'assenza è giustificata

Il lavoratore in malattia che non viene trovato in casa al momento della visita fiscale, può essere giustificato dal fatto di essersi recato a trovare la mamma malata. Esistono infatti esigenze di solidarietà e vicinanza familiare che legittimano la non reperibilità fiscale. Parola di Cassazione. La Corte spiega che tali esigenze di "solidarieta' e di vicinanza familiare" sono senz'altro meritevoli di tutela "nell'ambito dei rapporti etico sociali garantiti [...]

Cassazione: il lavoratore minaccia i capi? Non può essere licenziato in tronco

Cassazione: il lavoratore minaccia i capi? Non può essere licenziato in tronco

Il dipendente inveisce contro il capo proferendo «ingiurie e minacce»? Il datore non può comunque "licenziarlo in tronco" per giusta causa: per farlo deve comunque seguire le procedure previste dallo Statuto dei lavoratori. Lo rileva la Corte di cassazione che ha confermato il reintegro di un lavoratore abruzzese licenziato da una ditta di ascensori dopo una accesa lite con il capo. Le regole dello Statuto dei lavoratori. Il proprietario della ditta aveva [...]

&id=HPN_'Lavoratore'+e+'Corte+Suprema+di+Cassazione'_" alt="" style="display:none;"/> ?>