'Licenziamento' e 'Il motivo in maschera'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

La scheda:

deleted

deleted

200 licenziamenti nel 2013 nella Pubblica Amministrazione: il motivo principale è legato all'assenteismo

200 licenziamenti nel 2013 nella Pubblica Amministrazione: il motivo principale è legato all'assenteismo

Il portale www.ansa.it pubblica una notizia a mio avviso molto interessante e su cui riflettere. Nel 2013 (ultimo anno di cui sono disponibili i dati) a fronte di circa 6000 procedimenti intentati dallo stato contro dipendenti della pubblica amministrazione, ci sono stati 200 licenziamenti. La cifra è stabile rispetto a quella del 2012, ma c'è una differenza sostanziale tra i dati relativi a due anni consecutivi. Se nel 2012, infatti, la causa principale per il [...]

Motivi di licenziamento del dirigente

Da quali disposizioni è disciplinato il licenziamento del dirigente? Che caratteristiche deve avere il licenziamento del dirigente? Quali sono i casi in cui il datore di lavoro può licenziare un lavoratore dirigente? Quali sono i comportamenti del dirigente che possono giustificare il suo licenziamento? Che rapporto deve esserci tra fatto commesso dal dirigente e licenziamento dello stesso? Quali sono i principi che il datore deve rispettare nell'intimare il [...]

Le ragioni del licenziamento collettivo e le tutele previste in favore dei lavoratori

Il datore di lavoro il quale intenda licenziare almeno 5 lavoratori nell’arco di 120 giorni è obbligato, per legge, ad attivare una particolare procedura, detta procedura di licenziamento collettivo. E’ tenuto altresì ad osservare la procedura di licenziamento collettivo il datore di lavoro che ha chiesto ed ottenuto l’ammissione alla cassa integrazione straordinaria, il quale intenda licenziare propri dipendenti. Scopo della procedura di licenziamento [...]

Licenziare per giusta causa. Oltre 80 motivi di licenziamento

Premessa. La giusta causa di licenziamento ricorre quando il lavoratore commette, durante il rapporto di lavoro od al di fuori di esso, fatti talmente gravi da far venir meno la fiducia che il datore di lavoro ripone nel lavoratore stesso. Ciò rende impossibile la prosecuzione del rapporto di lavoro, per cui il datore di lavoro può intimare il licenziamento in tronco, vale a dire senza preavviso. In questi casi, dunque, il lavoratore dovrà abbandonare [...]

Il ricatto dell'art. 18 è peggio del licenziamento?

Non capisco perché nessuno abbia ancora detto o scritto qualcosa sul reale motivo per cui si vuole l'abbattimento dell'art. 18 e cioè la possibilità, da parte di ogni azienda, di "ricattare" i dipendenti con la minaccia del licenziamento. Sarà ancora possibile scioperare, andare in ferie, non fare straordinari quando richiesto, andare in maternità, donare il sangue in orario lavorativo, curarsi o anche solo contraddire una richiesta del proprio superiore [...]

Rispondi

motivi di licenziamento

quali i motivi per cui un'azienda può licenziare e con quali criteri?grazie "Licenziamento Il licenziamento di un lavoratore può avvenire solo per: giusta causa: cioè una causa talmente grave da non consentire la prosecuzione nemmeno provvisoria del rapporto di lavoro e che quindi è "senza preavviso" (esempio: furto in azienda) giustificato motivo: con preavviso o con pagamento dell’indennità sostitutiva del preavviso. Il giustificato motivo di distingue a [...]

Rispondi

deleted

deleted

&id=HPN_'Licenziamento'+e+'Il+motivo+in+maschera'_" alt="" style="display:none;"/> ?>