'Mafia siciliana' e 'Italia'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Sistema elettorale
In rilievo

Sistema elettorale

La scheda:

Forlì, siciliana picchiata e minacciata di morte dai vicini: «Terrona e mafiosa, torna a casa tua»

Forlì, siciliana picchiata e minacciata di morte dai vicini: «Terrona e mafiosa, torna a casa tua»

La segretaria di una scuola media di Forlì di origini siciliane ha denunciato di essere stata insultata per le sue origini e picchiata da una coppia di vicini di casa in seguito ad una lite sul posto auto condominiale. L'episodio, di cui scrivono diversi siti e l'edizione di Repubblica Palermo, risale al 26 agosto scorso quando Ilde Cascio, 53enne di Terrasini, in provincia di Palermo, ma da tempo trasferita in Emilia Romagna con il figlio, scrive su Facebook: [...]

Forlì, siciliana picchiata e minacciata di morte dai vicini: «Terrona e mafiosa, torna a casa tua»

Forlì, siciliana picchiata e minacciata di morte dai vicini: «Terrona e mafiosa, torna a casa tua»

La segretaria di una scuola media di Forlì di origini siciliane ha denunciato di essere stata insultata per le sue origini e picchiata da una coppia di vicini di casa in seguito ad una lite sul posto auto condominiale. L'episodio, di cui scrivono diversi siti e l'edizione di Repubblica Palermo, risale al 26 agosto scorso quando Ilde Cascio, 53enne di Terrasini, in provincia di Palermo, ma da tempo trasferita in Emilia Romagna con il figlio, scrive su Facebook: [...]

Quando Gratteri lanciava l'accusa: “Ormai non sono più i mafiosi che cercano i politici. Ora sono i politici che cercano i mafiosi”

Quando Gratteri lanciava l'accusa: “Ormai non sono più i mafiosi che cercano i politici. Ora sono i politici che cercano i mafiosi”

      .   seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping   .   Quando Gratteri lanciava l'accusa: “Ormai non sono più i mafiosi che cercano i politici. Ora sono i politici che cercano i mafiosi” Fiumi d’oro, quelli dei profitti della ’ndrangheta che arrivano a inquinare l’acqua degli affari puliti. Fiumi d’oro è anche il titolo del nuovo libro di Nicola Gratteri e Antonio Nicaso che Mondadori ha appena mandato in libreria. Un grande racconto [...]

Beppe Fiorello dalla parte del sindaco di Riace: in carcere chi accoglie i bisognosi e i mafiosi a spasso - A questo punto arrestateci tutti...

Beppe Fiorello dalla parte del sindaco di Riace: in carcere chi accoglie i bisognosi e i mafiosi a spasso - A questo punto arrestateci tutti...

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Beppe Fiorello dalla parte del sindaco di Riace: in carcere chi accoglie i bisognosi e i mafiosi a spasso - A questo punto arrestateci tutti... Lo scrive in un tweet l'attore in difesa del sindaco di Riace Domenico Lucano, arrestato questa mattina per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. "Siamo tutti in pericolo, punto. Il sindaco #domenicolucano è stato arrestato per aver accolto non [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

chi è Alfano,chiedi a Pizza che ha fatto assumere suo fratello

 chi è Alfano,è questo quà, lo abbiamo sempre saputo,poi il problema dell'italia sono i 5 stelle?Corruzione e arraffamento di posti dove metti il culo  e prendi centinaia di migliaia euro,il fratello di Alfano ne prende 160.000 l'anno e prima erano milioni di lire,oggi sono euro,ma sempre quella è la solfa e questa signori miei è mafia, mafia di stato, questo piddì è diventato diccì, e adesso manca il psi, poi è completo ossia siamo in mano a [...]

classe politica indegna,mafiosa,malavitosa,fogna del paese

classe politica indegna,mafiosa,malavitosa,fogna del paese

  un appalto incarico al condannato Boschetti,sono sempre loro,si proteggono fra loro,si legiferano fra loro,sono la fogna nostra,basta ,oramai una repubblica democratica non siamo più,siamo una dittatura di associazioni mafio/stato che oramai è alla luce del sole,intanto se si facesse una legge che interdica da tutto il pubblico i condannati sarebbe un bene per il paese e anche per la morale e per la facciata di un'italia democratica, hai rubato,hai [...]

deleted

deleted

Mafia, Maroni e Alfano celebrano i "successi senza precedenti" del governo

Mafia, Maroni e Alfano celebrano i "successi senza precedenti" del governo

Dal maggio 2008 ad oggi sono stati arrestati 6.483 mafiosi e 26 dei 30 latitanti più pericolosi. In media sono stati catturati otto mafiosi al giorno e un superlatitante al mese". Così i ministri Maroni e Alfano, a Palermo in occasione del comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica di Ferragosto, hanno presentato i risultati della lotta alla mafia del governo e annunciat la sconfitta di Cosa Nostra entro i prossimi tre anni. Ecco cos'altro ha [...]

Ciao Guido, eroe della vita, vittima della mafia, vittima dello Stato che tante volte ti ha lasciato solo, arrivederci Guido amico mio

Ciao Guido, eroe della vita, vittima della mafia, vittima dello Stato che tante volte ti ha lasciato solo, arrivederci Guido amico mio

Se n'è andato un eroe dei nostri giorni, stroncato da un infarto che il suo grande cuore non reggeva più, quel suo cuore che tante volte si agitava dalla paura, dalle tantissime intimidazioni che i mafiosi senza Dio, molte volte gli hanno fatto.   Se n'è andato un uomo perbene, un uomo coraggioso, se n'è andato in silenzio e con  tantissima dignità, Guido Gallo Stampino era amico mio. Ieri quando Paolo Bocedi mi ha dato la tragica notizia, non volevo [...]

RIFORMA DELL’ASSEGNAZIONE DEI BENI CONFISCATI AI MAFIOSI. UNA VOCE ANTIMAFIA CONTRO LA POSIZIONE DI LIBERA

RIFORMA DELL’ASSEGNAZIONE DEI BENI CONFISCATI AI MAFIOSI. UNA VOCE ANTIMAFIA CONTRO LA POSIZIONE DI LIBERA

da Antonio Giangrande - Presidente Nazionale Associazione Contro Tutte Le Mafie   La finanziaria 2010 prevede la vendita per pubblico incanto dei beni confiscati ai mafiosi, di cui non si è potuta effettuare l’assegnazione sociale. Don Ciotti, presidente di “Libera”: "Niente regali alle mafie, i beni confiscati sono cosa nostra". Antonio Giangrande, presidente nazionale dell’Associazione Contro Tutte le Mafie: “I beni confiscati sono cosa di tutti, non [...]

Illegittima difesa...

Illegittima difesa...

Vi ricordate il “delitto Pecorelli”, quel giornalista di O.P. legato ai servizi segreti che aveva anticipato lo “scandalo dei petroli” e sapeva tutto sul “caso Moro” e che, al di là dei risultati processuali che hanno subito ribaltamenti quanto meno strani nei vari gradi, ha dato fastidio a più di un potente della politica, della massoneria della finanza e delle mafie e che venne ucciso a revolverate all’uscita da giornale? E vi ricordate il delitto [...]

Bologna non dimentica!

Bologna non dimentica!

E' successo quello che era normale aspettarsi cioè che appena prendeva la parola il Ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi,sarebbero volati fischi e insulti e questo signore se li merita tutti.In una città "rossa" come Bologna non puoi mandare una persona che una volta era di Rifondazione ma che poi è passato a destra in mezzo a fascisti -mafiosi omertosi ecc ecc. Certa gente non la devono mandare perchè vuol dire prendere per il culo i famigliari delle [...]

L'ombra della mafia siciliana sulla Puglia

L'ombra della mafia siciliana sulla Puglia

26/3/2009 L'ombra della mafia siciliana sulla Puglia Marisa Ingrosso Armi dalla Sicilia per una rapina ad una gioielleria di Modugno (Bari), poi sfumata all’ultimo momento. Esplosivo al plastico e relativo detonatore, acquistati nel Barese, ma da impiegare in Sicilia per rapinare un furgone portavalori. Inoltre, impegni di lavoro in Puglia nonché traffici e solidi rapporti d’amicizia. C’è un inquietante «fronte» pugliese che emerge dalle intercettazioni [...]

Sì ai profili dei mafiosi. No alle mamme che allattano. Accade su Facebook

Sì ai profili dei mafiosi. No alle mamme che allattano. Accade su Facebook

La mafia entra e si insedia su Facebook e scoppia la polemica, si alza l'indignazione. La società californiana che gestisce il social network più affollato di Internet è ancora una volta nel mirino. I gestori del sito hanno infatti dichiarato che non faranno nulla contro i profili dei mafiosi online, né contro chi apre le pagine nel nome dei vari Totò Riina, Bernardo Provenzano, amici, e amici degli amici. Così un quotidiano inglese (da sottolineare inglese e [...]

&id=HPN_'Mafia+siciliana'+e+'Italia'_" alt="" style="display:none;"/> ?>