'Opera omnia' e 'Ugo Foscolo'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Località
In rilievo

Località

La scheda:

Ugo Foscolo - opera omnia - lettera a monsieur guillon - letteratura italiana

PER LA SUA INCOMPETENZA A GIUDICARE I POETI ITALIANI       Signore, Brescia, 26 Giugno 1807. (1) Un francese, qualunque sia il suo ingegno, non ha ombra di pudore nel farne pompa. (2) «Qual fia tistoro a' dí perduti un sasso | Che distingua le mie dalle infinite | Ossa che in terra e in mar semina morte?» S'ella avesse concepita la forza di questa frase, io non le desterei il rimorso d'aver calunniato d'arroganza l'autore, che nè qui, nè mai chiede un [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - in morte di amaritte - letteratura italiana

      Qui sorge un'urna, e qui in funereo manto erran le Grazie, e qui eccheggiar s'ascolta flebili versi, fioche voci, e pianto.       E di cipressi sotto oscura volta cupa Malinconia muta s'aggira coi crin su gli occhi, e nel suo duol raccolta.       Qui gemebondo a lagrimar si mira Vate canuto su la sorda pietra, e ora ammuta, ora geme, ed or sospira:       giace da un lato al suoi mesta la cetra, che con le dolci fila tremolando manda [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - orazione a bonaparte pel congresso di lione - letteratura italiana

NE' tempi licenziosi o tirannici i governi sono sempre ubbriachi di lodi e sempre di lodi assetati; e poiché tali (pur troppo!) sono i nostri tempi, grande argomento vi porgo della mia estimazione intitolandovi una operetta che le passate descrivendo e le presenti sciagure, tutte le speranze ripone nell'avvenire. Mi avete reputato degno di scrivere il vero a Bonaparte, ed io, riconoscente, vi reputo capaci di confermarlo con la vostra autorità. Non é di voi [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - a dante - letteratura italiana

      Alto rombano i secoli su rapidissim'ali, e dall'aere giù vibrano dritti infiammati strali che additano agl'ingegni d'eterna gloria i segni:       ma qual nebbia! qual livido umor spargon dai vanni che in fetida caligine attomban nomi ed anni, e rodono quel serto che ombreggia un tenue merto!       O mio poeta, o altissimo signor del sommo canto, che con sublime cetera per la casa del pianto girasti, e fra la gente, che o gioisce, o si [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - a venezia - letteratura italiana

      O di mille tiranni, a cui rapina riga il soglio di sangue, imbelle terra! 've mentre civil fama ulula ed erra, siede negra Politica reina;       dimmi: che mai ti vai se a te vicina compra e vil pace dorme, e se ignea guerra a te non mai le molli trecce afferra onde crollarti in nobile ruina?       Già striscia il popol tuo scarno e fremente, e strappa bestemmiando ad altri i panni, mentre gli strappa i suoi man più potente.       Ma [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - ajace - letteratura italiana

Infelix, utcumque ferent ea facta minores; Vincet amor patriae, laudumque immensa cupido. (Virg. Aen. Lib. VI). La scena è nel campo de' Greci, dinanzi alla tenda d'Agamennone. Agamennone - Ite: a Priamo intimate, che alla tregua un dí rimane, e che al cader del sole sciolto son io dal giuramento. Agamennone - Alfine sei spento, o Achille; e ogni trionfo è mio. Ulisse - Terrore è in campo, o re de' re. La turba che all'Ellesponto accompagnò gli avanzi [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - a luigia pallavicini caduta da cavallo - letteratura italiana

      I balsami beati Per te Grazie apprestino, Per te i lini odorati Che a Citerea porgeano Quando profano spino Le punse il piè divino,       Quel dì che insana empiea Il sacro Ida di gemiti, E col crine tergea E bagnava di lacrime Il sanguinoso petto Al ciprio giovinetto.       Or te piangon gli amori, Te fra le dive Liguri Regina e diva! e fiori Votivi all'ara portano D'onde il grand'arco suona Del figlio di Latona.       E te chiama [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - biografia di ugo foscolo - letteratura italiana

Scrivo di Niccolò Ugo Foscolo brevissimi cenni; non col fine d'inneggiare ciecamente all'eccelso poeta, non con quello di denigrarne la fama col racconto dei difetti ch egli ebbe, ma per tratteggiare con la scorta del vero la strana figura di quest'uomo avventuroso nella politica, nelle armi, in amore, e grandissimo nella repubblica letteraria. Nacque a bordo di un vascello veneziano nei pressi dell'isola di Zante, l'antica Zacinto, nel 26 gennaio 1778, stile [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - prosa - commento - parafrasi a luigia pallavicini caduta da cavallo - letteratura italiana

      Le Grazie preparino per te i medicamenti che danno sollievo [e] le bende profumate, le stesse che porgevano a Venere, quando una "irrispettosa" spina di un cespuglio di rose punse il suo piede di dea,       quel giorno in cui, fuori di sé per dolore, riempiva di gemiti il sacro monte Ida, e asciugava con i capelli, e allo stesso tempo bagnava di lacrime, il petto sanguinante del giovane cipriota [Adone, di cui era innamorata].       Ora che [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - viaggio sentimentale di yorick - letteratura italiana

Avec tous les sentiments les plus respectueux et les plus tendres, Tout à vous JACQUES ROQUE. (1) Tristram Shandy, epist. dedicat. (2) Viaggio sentimentale, cap. XL. (3) Questo e parecchi altri vocaboli e modi francesi si sono serbati nella versione, perché furono dall'autore industriosamente inseriti e distinti nel testo. (F.) (4) Gli averi del forestiero che moriva in Francia s'incameravano. (F.) (5) Elisabetta Drapper, a cui l'autore quasi morente scriveva [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - la giustizia e la pietà - letteratura italiana

      Quando l'Eterno passeggiò col guardo tutto il creato, diffondendo intomo riso di pace, e fiammeggiar si vide ne' cieli il Sole, e rotear le stelle dietro la dolce?radiante Luna tra il fresco vel di solitària notte, e germogliò natura, e al grigio capo degli altissimi monti alberi eccelsi pero corona, e. orrisonando udissi l'ampio padre Oceàn fremer da lungi: sin da quel giorno d'aquilon sui vanni scese Giustizia, e i fulmini guizzando al fianco le [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - ultime lettere di iacopo ortis - letteratura italiana

AL LETTORE Pubblicando queste lettere, io tento di erigere un monumento alla virtù sconosciuta; e di consecrare alla memoria del solo amico mio quelle lagrime, che ora mi si vieta di spargere su la sua sepoltura. E tu, o Lettore, se uno non sei di coloro che esigono dagli altri quell'eroismo di cui non sono eglino stessi capaci, darai, spero, la tua compassione al giovine infelice dal quale potrai forse trarre esempio e conforto. LORENZO ALDERANI     Il [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - ai novelli repubblicani - letteratura italiana

[Credo adattata a quest'oda la lettera scritta a Tullio da Marco Bruto. Ella nel Consolo, e nell'Oratore di Roma, ci funge l'uomo malfermo, e quindi il non vero Repubblicano. MARCO BRUTO A CICERONE    SALUTE    A te non duole il tiranno; bensì ti duole il tiranno nemico. soffrire un servaggio piacevole; ecco tuo scopo. Quind'è che mi pinsi fra gli ottimi l'Addottivo di Cesare. Ma sai tu pure che i nostri padri sempre abborrirono signoria benché mite. Per [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - difesa pel disgraziato sergente armani - letteratura italiana

DIFESA [ DA ME FATTA A VALENCIENNES L'ANNO 1805 PEL DISGRAZIATO SERGENTE ARMANI ] So che con uomini i quali giudicano secondo il vero ed il giusto, a' quali unica base è la legge, unica norma la verità, inutili riescirebbero le lusinghe oratorie; e però s'io potessi e sapessi valermi della eloquenza, me ne asterrei, poichè nè potrei certamente adescare il giudizio vostro co' sotterfugi, nè impadronirmi dell'animo vostro per mezzo della commiserazione e delle [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - la verità - letteratura italiana

      Sino al trono di Dio lanciò mio cor gli accenti, che in murmure tremendo rispondono i torrenti, e da la ferrea calma de le notti profonde palma battendo a palma ogni morto risponde.       D'entusiasmo ho l'anima albergo; e sol d'un nume io son cantor: de gli angeli l'impenetrabil lume circonda il mio pensiero ch'erto su lucid'ali sprezza l'invito altero de' superbi mortali.       E coronar di laudi dovrò chi turpe e folle splendido sol per [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - la croce - letteratura italiana

      Abbracciava il creato immensa notte, e nel deserto con ruggir feroce rompeano i turbi lor sonanti grotte;       quando tuonar udii terribil voce, che dal sonno mi scosse, e all'aere in grembo vidi alto balenar rovente Croce.       Piovea di sangue e di fiammelle un nembo, cui sette Serafini a capo chino, onde raccor, stendean l'aurato lembo,       e aprissi il cielo e scese un Cherubino con un calice in mano ov'era scritto a note di [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - ricciarda - letteratura italiana

Scena, il castello del Principe in Salerno. Guido - Fuggi! -- Il mio duol col tuo periglio accresci. Corrado - Che dirò al signor mio, che lagrimando Jer m'imponea di non tornarmi al campo Senza di te? Sotto Salerno ei stesso M'accompagnava; ei mi fu solo ajuto Al mio salir furtivo. Intorno al vallo, Chiuso nell'elmo, e fra nemici e l'ombre Dubbioso errando, or ch'io ti parlo, aspetta Il figliuol suo -- Me misero! m'avanza Poco omai della notte. Guido - Se del [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - prosa - commento - parafrasi dei sepolcri - letteratura italiana

      Il sonno della morte è forse meno doloroso all'ombra dei cipressi e nei sepolcri su cui i parenti possono piangere i loro morti? Quando il Sole non alimenterà più per i miei occhi la vita del mondo animale e vegetale, quando non potrò più godere dei doni della natura, e quando le ore del futuro non danzeranno più dinnanzi a me ricche di lusinghe, né potrò più udire, o caro Pindemonte, la tua poesia malinconica, né più sentirò nel cuore [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - al sole - letteratura italiana

      Alfin tu splendi, o Sole, o del creato anima e vita, immagine sublime di Dio che sparse la tua faccia immensa di sua luce infinita! Ore e stagioni tinte a varii color danzano belle per l'aureo lume tuo misuratore de' secoli, e de' secoli scorrenti. Alfin tu splendi! tempestoso e freddo copria nembo la terra; a gran volute gravide nubi accavallate il cielo empiean di negro liste, e brontolando per l'ampiezza de l'aere tremendi rotolavano i tuoni, e lampi [...]

Ugo Foscolo - opera omnia - sonetti - letteratura italiana

EDIZIONE DI RIFERIMENTO: "Ugo Foscolo - Opere I, poesie e tragedie", edizione diretta da Franco Gavazzeni con la collaborazione di Maddalena Lombardi e Franco Longoni, Einaudi-Gallimard, Torino, 1994

&id=HPN_'Opera+omnia'+e+'Ugo+Foscolo'_" alt="" style="display:none;"/> ?>