'Terra incognita' e 'Politica'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Road
In rilievo

Road

La scheda:

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

IL REFERENDUM DELLA CATALOGNA E L'EUROPA: PROSPETTIVE ED INCOGNITE.

IL REFERENDUM DELLA CATALOGNA E L'EUROPA: PROSPETTIVE ED INCOGNITE.

La Catalogna é riuscita, nonostante tutte le azioni poste in atto dal governo centrale per impedirlo, a far svolgere  il referendum indetto per accertare la reale volontà della sua popolazione di conseguire l'indipendenza dalla Spagna. Lo spoglio delle schede ha dato una percentuale di votanti del 41% ed una favorevole alla secessione superiore al 90%, non c'é da meravigliarsi: é la coerente manifestazione di un secolare desiderio dei catalani [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

L'INCOGNITA DEL REFERENDUM

Il referendum mi ha stufato. Non soltanto non so – come non lo sa nessuno – quale risultato darà, ma mi rifiuto di sprecare le mie meningi per ipotizzare le conseguenze dell’eventuale “sì” o dell’eventuale “no”. Riguardo al “sì”, i dubbi sono minori. Renzi trionferà, e realizzerà o non realizzerà le peggiori paure dei fautori del “no”. Quanto alle cose positive che ha promesso, il loro stesso eccesso ne dimostra l’inverosimiglianza. [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

L'ACCUMULAZIONE DELLE INCOGNITE

Per molti anni il centrodestra ha avuto un leader incontrastato, dal grande carisma. Per questo gli oppositori hanno parlato di partito proprietario, di partito di plastica, di partito azienda. È stata una sciocchezza. Purtroppo, che si trattasse di partito proprietario o di carisma, il peso specifico di Berlusconi non è mai bastato ad assicurare la desiderabile prevedibilità: infatti l’uomo è capace di decisioni impreviste, a volte effettivamente [...]

LE INCOGNITE IGNOTE DELLA LIBIA

di Daniel Greenfield (1) 30 marzo 2011. La guerra di Libia può essere la guerra più sciocca in cui siamo mai incappati. È una guerra in cui il nostro Segretario della Difesa ha ammesso che non è implicato alcun interesse nazionale, una guerra dove non sappiamo a vantaggio di chi stiamo combattendo o perché soltanto siamo lì. Una guerra a proposito della quale la Casa Bianca non si è data la pena di consultare il Congresso del popolo americano, salvo dopo il [...]

La Piazza Tahrir ha vinto. L'incognita del potere ai militari

Lo sgomento e la frustrazione, la rabbia e il furore nell'ormai storica piazza Tahrir, epicentro della «rivoluzione» e nel resto del paese annunciavano sviluppi potenzialmente esplosivi e sanguinosi per il giorno dopo, venerdì, quando milioni di persone sarebbe (ri)discese per le strade per protestare. Pochi minuti dopo le 6 del pomeriggio (le 5 in Italia), Suleiman è riapparso in televisione e ha annunciato che Mubarak (che secondo le voci aveva già lasciato [...]

L’incognita minaccia dei biocarburanti

L’incognita minaccia dei biocarburanti

Le associazioni internazionali che si occupano di ambiente, ma soprattutto di diritti umani, l’hanno detto chiaramente ormai da tempo, e non mostrano alcun dubbio: la corsa alla produzione e alla diffusione dei biocarburanti non è davvero un atto verde, anzi si tratta di un forte rischio per gli ecosistemi naturali di tutto il mondo, oltre che una minaccia serissima alla sopravvivenza di numerose popolazioni che di questi vivono. L’allarme risulta soprattutto [...]

QUELL'INCOGNITA CHIAMATA "SETTEMBRE"

Sta per avvicinarsi la stagione autunnale, settembre è alle porte, ma il Comune è pronto a soddisfare la domanda di trasporto che con l’avvio delle scuole si intensificherà e richiederà una rimodulazione del servizio offerto? CHIOGGIA  (25/08/2009) —    Le scuole stanno per iniziare e molti studenti potranno avvalersi del servizio pubblico per raggiungere gli istituti di istruzione, e molti giovani abbandoneranno il motorino per usare l’autobus, ma la [...]

La Svizzera entra in Schengen, con l'incognita destra estrema

  La Svizzera entra ufficialmente a far parte dell'area Schengen. Da venerdì 12 dicembre non ci saranno più controlli delle persone alle frontiere, ma solo sulle merci. Un traguardo che arriva al termine di anni di negoziati tra la Confederazione e l'Unione Europea, su cui però pende una spada di Damocle. L'8 febbraio infatti il popolo svizzero sarà chiamato a pronunciarsi sul decreto federale del 13 giugno 2008, con cui la Confederazione ha approvato il [...]

&id=HPN_'Terra+incognita'+e+'Politica'_" alt="" style="display:none;"/> ?>