'United States of America' e 'Odio'

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Father
In rilievo

Father

La scheda:

L'ODIO VERSO GLI STATI UNITI

Angelo Panebianco ha scritto sul “Corriere”(1) un editoriale che andrebbe studiato nelle scuole superiori di ogni ordine e grado. In sintesi, egli sostiene che, a forza di dir male di tutte le cose positive di cui fruiamo da tanto tempo – democrazia, prosperità, protezione americana – corriamo seriamente il rischio di perderle. Rinviando alla lettura di quel prezioso e tuttavia sintetico testo, mi permetto di riprendere un solo punto: secondo Panebianco, [...]

Linciati per una capra, storia di cinque italiani vittime del razzismo negli Stati Uniti ...ma non rompete i coglioni, noi Italiani oggi non siamo meglio di quegli assassini...!

Linciati per una capra, storia di cinque italiani vittime del razzismo negli Stati Uniti ...ma non rompete i coglioni, noi Italiani oggi non siamo meglio di quegli assassini...!

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Linciati per una capra, storia di cinque italiani vittime del razzismo negli Stati Uniti ...ma non rompete i coglioni, noi Italiani oggi non siamo meglio di quegli assassini...! LINCIATI PER UNA CAPRA, STORIA DI CINQUE ITALIANI VITTIME DEL RAZZISMO NEGLI STATI UNITI Il 20 luglio 1899 la capra di Francesco Difatta entrava nel giardino del sig. Hodges, medico e coroner della contea di Tallulah, in [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Odio per Israele, gli islamici in marcia sul consolato Usa

Redazione Un migliaio al presidio di piazza Cavour: preghiere e slogan La Milano musulmana ha risposto all’appello degli imam. %image%

Imam e comunisti alleati: sfila l’odio per Usa e Israele

Imam e comunisti alleati: sfila l’odio per Usa e Israele

Alberto Giannoni  Spariti i simboli sacri dalle luminarie Corteo per Gerusalemme, secondo giorno di «rabbia» I centri islamici e la sinistra inneggiano all’Intifada «Allah u akbar» e Palestina libera. «Siamo qui per un solo, unico scopo», gridano dal camion che guida la manifestazione. A seguire gli attivisti delle organizzazioni filopalestinesi, i musulmani delle moschee cittadine e gli italiani, i militanti della sinistra estrema.

La grande tristezza

La grande tristezza

Premesso che è meglio che l'Oscar l'abbia preso Sorrentino per La Grande Bellezza piuttosto che il solito regista coreano dal nome impronunciabile e presto dimenticato, il film non rientra tra quelli di mio gusto. Ma io ho gusti barbari. Mi solleva tuttavia scoprirmi ancora una volta completamente in linea con quanto Gramellini scrive nel suo Buongiorno sulla Stampa Ma ti pare possibile, sospirava al telefono un amico dopo l’Oscar a «La Grande Bellezza», che [...]

Una che vive negli Usa ha il coraggio di dire che l'Italia è razzista...

Una che vive negli Usa ha il coraggio di dire che l'Italia è razzista...

Non stimo  il 90% degli italiani, pur di avere telefonini nuovi, andare in vacanza  fare l'abbonamento allo stadio,mangiare e bere, sono disposti a farselo mettere in quel posto e mandare giu bocconi amari,e mi riferisco sopratutto agli operai con la quale ho avuto da ridire (ogni tanto ho discussioni anche adesso) in quei posti dove ho lavorato,anche con gli imprenditori ovviamente.Mi fanno veramente pena i "nuovi partigiani" che hanno il coraggio di presentarsi [...]

Londra, l'imam dell'odio sarà estradato negli Stati Uniti

Sulla STAMPA  Andrea Malaguti comunica la buona notizia: l'imam dell'odio sarà finalmente consegnato agli Usa affinchè venga processato.  I portatori di keffia protestano.Ecco l'articoloAbu Hamza al Masri e un suo seguace«Gran Bretagna e Stati Uniti veri Stati terroristi». «Legge dell’uomo vattene all’inferno»...

1° DICEMBRE 1955

1° DICEMBRE 1955

Il 1° dicembre 1955 la signora Rosa Parks rifiutò di cambiare posto quando il conducente dell'autobus le disse di alzarsi e spostarsi  in fondo alla vettura. La signora Parks occupava il primo sedile del settore non sottoposto a restrizione. Tutti i posti a sedere erano occupati; se la signora Parks avesse obbedito al conducente sarebbe dovuta rimanere in piedi, lasciando il posto a un passeggero bianco di sesso maschile, che era appena salito. Con un [...]

Di sinistra e antirazzista. Ma contro la devastante invasione straniera che sta portando alla scomparsa dei popoli europei ed in particolare del popolo italiano.

E' arrivata alla fine la terza guerra mondiale, incruenta ma la più distruttiva di tutte, perchè cancellerà tutti i popoli europei, le loro identità e specificità, la biodiversità umana caratteristica dell'Europa. Questa che chiamano "immigrazione" è in realtà una devastante invasione dell'Italia e dell'Europa ad opera di tutte le popolazioni del mondo, con l'incredibile consenso degli invasi. Un fenomeno unico e senza precedenti nella storia. Dobbiamo [...]

Riforme oggi contro l'odio di domani

Uno dopo l'altro il pacchetto di mischia economico della Casa Bianca di Barack Obama perde i fuoriclasse. A luglio il direttore del bilancio Peter Orszag, poi Christina Romer, presidente del Council of economic advisers, e ora Larry Summers, direttore del National economic council. Moderati, star accademiche dell'economia, chi da Harvard chi da Berkeley, i maghi di Obama sono frustrati dall'intrattabile crisi del XXI secolo. Nessun manuale di economia, neppure il [...]

Significato di "salsa cubana" e di "balli caraibici"

Significato di "salsa cubana" e di "balli caraibici"

  Sò perfettamente che molti non mi crederanno per quello che stò per dirvi, ma è giusto che cominciate a comprendere cosa significhi “salsa cubana” e balli “caraibici” in genere. Dagli inizi del ‘900 fino alla rivoluzione di Fidél Castro, Cuba era un’isola del divertimento, era sotto il “controllo” degli Stati Uniti d’America, e non vi era cosa che si manifestasse pubblicamente che non fosse in accordo con la politica cubana ed americana. Le [...]

RASSEGNA STAMPA, CORSERA, I GIORNALI USA E L'AMORE-ODIO PER LA "RETE"

RASSEGNA STAMPA, CORSERA, I GIORNALI USA E L'AMORE-ODIO PER LA "RETE"

di Raffaele Mastrolonardo «Quanti soldi abbiamo perso con l'edizione online? E quanti ne avremmo persi se non l'avessimo avuta?». Se lo chiedeva qualche anno fa il Wall Street Journal. Il paradosso espresso dal giornale oggi di Rupert Murdoch sintetizza il rapporto di amore-odio dell'editoria con il nuovo mezzo. Che da una parte ha sottratto lettori ai quotidiani ma dall'altra è una risorsa imprescindibile per quei giornali che non si rassegnano a sparire. [...]

L'IRAN DA LEZIONI ALL'ONU

L'IRAN DA LEZIONI ALL'ONU

  Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad sarà oggi a New York per partecipare all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Come tutti i regimi totalitari tenuti insieme dalla forza militare e dall’oscurantismo, anche quello dei Guardiani della Rivoluzione e degli ayahtollah – di cui Ahmadinejad è solo il golem – non resiste alla tentazione di presentarsi al mondo mascherandosi da profeta e paladino del nuovo corso storico. Così fecero, ben lo [...]

YES WE CAN

Quando leggo il discorso sulla razza di Barak Obama mi tornano alla mente tanti ragionamenti e tanti pregiudizi che governano e padroneggiano in questo buco di paese, in questo schifo di nazione...mentre Obama tenta di far capire al suo popolo,alla sua famiglia, che siamo tutti un'unica cosa tutti un unico paese, qui in Italia si pensa a come poter fare per avere sempre meno immigrati e non sempre la soluzione è delle più pacifiche...Si, mentre l'America tenta di [...]

"Non si tratta di razzismo ma di regole"

"Non si tratta di razzismo ma di regole"

 Ho preso spunto da due commenti arrivati su un mio post riguardo al "razzismo" per scrivere un breve racconto. Vero inventato? Chissà........... Gloria aveva scambiato il suo turno di lavoro con quello pomeridiano di Svevi ragazza extracomunitaria da qualche mese ospite presso una parente che da anni viveva in città. Bella ragazza dal fisico perfetto, nonostante fosse già madre di due bimbi in tenera età. Il suo aspetto e la conoscenza di due lingue le [...]

Schiavitù

Oramai tutto era chiaro. Florence fu per me fonte di grandissima infelicità. Ogni volta che lei tornava, anche se soltanto sotto forma di pensiero, non risultava mai essere evanescente, ma viveva nella mia mente in maniera concreta, più cattiva che mai. Già, perché lei era cattiva, ma tanto cattiva. Con lei scoprii cosa volesse significare essere schiavo. Fui suo schiavo, e ancora mi pento di essermi ridotto in quello stato. Liberarsi dalle catene è difficile, [...]

&id=HPN_'United+States+of+America'+e+'Odio'_" alt="" style="display:none;"/> ?>