Abbazia di San Benedetto in Polirone

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Tina Cipollari
In rilievo

Tina Cipollari

La scheda: Abbazia di San Benedetto in Polirone

Coordinate: 45°02?33?N 10°55?41?E? / ?45.0425°N 10.928056°E45.0425, 10.928056
L'Abbazia di San Benedetto in Polirone, nel territorio del comune di San Benedetto Po (Mantova), fu fondata nel 1007 dal conte Tedaldo di Canossa (nonno paterno di Matilde) attraverso una donazione ai monaci benedettini di metà dei terreni che si trovavano tra i fiumi Po e Lirone, sito importante per garantire il controllo della navigazione fluviale. Del precedente insediamento romano abbiamo poche tracce.
Si trattava di un significativo centro spirituale, formato inizialmente da un piccolo nucleo di 7 monaci. Verso la metà dell'XI secolo Bonifacio di Canossa, signore del territorio, riedificò la chiesa, di cui rimangono pochi resti, e costruì l'Oratorio di Santa Maria, tuttora esistente.
Nel 1077, in occasione dell'incontro tra l'imperatore Enrico IV e il papa Gregorio VII a Canossa, Matilde, succeduta al padre Bonifacio, donò il monastero al papa, che a sua volte lo affidò all'abate dell'Abbazia di Cluny, Ugo. Il monastero aderì pertanto alla riforma di Cluny e alle Consuetudines del monastero francese, che regolavano la vita, la liturgia ed anche l'architettura: la chiesa infatti fu ricostruita verso il 1130 secondo la tipologia cluniacense, con deambulatorio, cappelle radiali e transetto absidato. Il monastero di Polirone, molto potente, diventò in quel periodo un importante centro culturale, dotato di un celebre scriptorium, dove si trascrivevano i manoscritti sia per uso liturgico sia per studio.
Al tempo della lotta per le investiture, fu uno dei principali centri propulsori della diffusione della riforma gregoriana nell'Italia settentrionale.
Tra il 1115 e il 1632 ospitò la tomba di Matilde di Canossa, il cui corpo fu poi traslato nella basilica di San Pietro a Roma.
Visse poi almeno due secoli, XIII e XIV, di continua decadenza spirituale ed economica, aggravata dalle lotte contadine (dei contadini non pagati o sottopagati) contro il monastero, mentre molte famiglie mantovane cominciarono ad impadronirsi dei beni monastici.
Nel 1419 i Gonzaga divennero abati commendatari, cioè amministratori del monastero: essi si preoccuparono anche dell'aspetto spirituale della comunità monastica aggregandola nel 1420 alla Congregazione di Santa Giustina di Padova, divenuta poi Congregazione cassinese. La Congregazione, oltre ad una rinnovata spiritualità, promosse lo studio delle umanae litterae. Polirone ospitò anche autorevoli protagonisti della devotio moderna, un movimento legato a Padova e a Venezia che anticipava alcuni temi dell'evangelismo protestante, a Polirone fu ospite anche Martin Lutero durante il suo viaggio a Roma nel 1510. La chiesa fu ricostruita in forme tardogotiche, intuibili al di sotto delle ristrutturazioni di Giulio Romano che, infine, trasformò quasi completamente il complesso nella veste attuale.
Tra Quattro e Cinquecento lo scriptorio del monastero rifiorì e ospitò filosofi e umanisti. Molto importante per la costruzione e ricostruzione del monastero fu la presenza dell'abate Gregorio Cortese, umanista e giurista: fu lui ad incaricare Giulio Romano della ristrutturazione del complesso nel 1540 e a chiamare a lavoravi i migliori artisti attivi fra Mantova e Verona, tra i quali il Correggio, il pittore veronese Bonsignori e lo scultore Antonio Begarelli. A Paolo Veronese furono poi commissionate ben tre pale d'altare, di cui una è ora nella National Gallery di Londra, una è a Norfolk (USA) ed una terza, già a Londra, purtroppo distrutta in un incendio.
La storia dell'abbazia nel '600 e '700 è storia di inondazioni, di guerre e di saccheggi. Il monastero era impoverito a tal punto che l'abate nel 1633 vendette al papa Urbano VIII il corpo della contessa Matilde, sepolta nella chiesetta di Santa Maria, in cambio di una considerevole somma di denaro. Matilde ora riposa in San Pietro in un ricco sepolcro del Bernini.
Fu soppressa durante l'epoca napoleonica (1797). Per fortuna i libri e i manoscritti furono portati alla biblioteca comunale di Mantova e in buona parte salvati.
Oggi si conservano tre chiostri, il refettorio grande, l'infermeria nuova e la basilica. Del periodo medievale rimane la Chiesetta di Santa Maria, con un mosaico pavimentale datato 1151, un candelabro della fine dell'XI secolo e una capsella (dal latino capsa, "cassetta per libri o per frutta") di avorio (XII - XIII secolo). Nel museo dell'abbazia, allestito nell'antico refettorio, si ammirano due rilievi con i mesi di novembre e dicembre, attribuiti a Wiligelmo. Del Cinquecento, oltre all'architettura di Giulio Romano, sono interessanti la porta lignea d'ingresso del 1547, il coro ligneo di Vincenzo Rovetta (1550), le statue di terracotta del Begarelli, nel refettorio l'affresco sulla parete di fondo attribuito al Correggio e la tela con l'Ultima Cena del Bonsignori. Si visita infine il grande scalone del 1674, decorato con stucchi.
Chiostro dell'abbazia del Polirone.
Chiostro dell'abbazia del Polirone.
Campanile dell'abbazia.
Campanile dell'abbazia.


Abbazia di San Benedetto in Polirone:
Stato:  Italia
Regione:  Lombardia
Località: San Benedetto Po
Religione: Cattolica
Titolare: Benedetto da Norcia
Diocesi: Diocesi di Mantova
Consacrazione: 1130

Nuova pagina 1

/ Residenza fortificata a Portiolo di S. Benedetto Po ( DCI MN-044 ) JN 55 LA - WAIP MN - I.T.A. H 771 Cenni storici Attivazioni DCS Home

Sacra di San Michele

Sacra di San Michele

Un giorno in cui il meteo prevedeva tuoni-fulmini-saette, ma noi ci siamo andati ed abbiamo gustato due monumenti straordinari e misteriosi: Sant'Antonio di Ranverso e la Sacra di San Michele. Ecco le foto: 001-la Precettoria di S. Antonio di Ranverso 002-ingresso della Precettoria

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

CONCORSO AL COMUNE DI SAN BENEDETTO PO

CONCORSO AL COMUNE DI SAN BENEDETTO PO

Il Comune di San Benedetto PO ha indetto un concorso per un posto par time di 27 ore a tempo indeterminato. Leggi articolo

Dalla d?Urso alla Palombelli, parata di vip alla prima dello show "Giudizio Universale"

Dalla d?Urso alla Palombelli, parata di vip alla prima dello show "Giudizio Universale"

Serata di gala a Roma per la prima assoluta di "Giudizio Universale. Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel", show del regista e direttore artistico Marco Balich. Si tratta di uno spettacolo tra proiezioni immersive a 270°, performer dal vivo, musiche di grande impatto e spettacolari effetti scenici che racconta le meraviglie della Cappella Sistina, in programma fino al 31 maggio presso l'Auditorium Conciliazione, nella Capitale. Numerosi vip della [...]

Il Pesco e il Mandorlo.

Il Pesco e il Mandorlo.

  Nel giardino del Pesco ho visto delle rose senza spine. Di lontano il Mandorlo  osservava e nel cuore si rallegrava vedendo che il Pesco e le rose erano dello stesso colore. Come stavano bene insieme! Il profumo dell’uno si univa a quello delle altre creando sinfonie odorose, la cui scia si elevava al cielo. Mentre anch’io ammiravo quest’incontro, mi chiedevo dove fossero andate a finire le spine delle rose e così le ritrovai nella corona di spine [...]

deleted

deleted

Viboldone, terra di marcite e...

Viboldone, terra di marcite e...

 Durante le mie ricerche sono venuto in possesso di un poemetto in onore dell'Abbazia di Viboldone, dal titolo "Vicus Boldoni terra di marcite" di don Luisito Bianchi. E' stato cappellano dell'abbazia benedettina per molti anni. Leggendo i suoi poemi, s'intuisce il sentimento romantico spirituale che questo sacerdote provava per le pietre, per i luoghi e per le persone che aveva visto e incontrato in questo luogo mistico. Il suo intento era proporre una guida [...]

Viboldone, terra di marcite e…

 Durante le mie ricerche sono venuto in possesso di un poemetto in onore dell’Abbazia di Viboldone, dal titolo “Vicus Boldoni terra di marcite” di don Luisito Bianchi. E’ stato cappellano dell’abbazia benedettina per molti anni. Leggendo i suoi poemi, s’intuisce il sentimento romantico spirituale che questo sacerdote provava per le pietre, per i luoghi e per le […] L'articolo Viboldone, terra di marcite e… proviene da Humilitas.

Dramma a Casaluce, uomo si lancia dal balcone

Dramma a Casaluce, uomo si lancia dal balcone

CASALUCE - È successo questa mattina presto intorno alle 8, 8 e un quarto in una stradina di via Giacomo Matteotti, al rione Cupa. Un uomo pare sulla sessantina, non si sa se sia stato un incidente o se si è trattato di un suicidio, è volato dal secondo piano di un palazzo schiantandosi al suolo. Comunque la prima ipotesi è quella che si sia volutamente lanciare, visto che aveva ancora stretto in una mano un rosario. Sul posto sono giunti i militari [...]

La Sacra di San Michele si candida a diventare Patrimonio UNESCO

La Sacra di San Michele si candida a diventare Patrimonio UNESCO

La Sacra di San Michele si candida a diventare Patrimonio UNESCO ed inizia il tour LA MAGIA DELLA SACRA – NEI LUOGHI DEL NOME DELLA ROSA La Magia della Sacra di San Michele! I luoghi del “Nome della Rosa” diventano Patrimonio Unesco. Una escursione “magica” per scoprire l’Abbazia medievale che ha ispirato Umberto Eco nel Nome della Rosa. Una visita simbolica e suggestiva della Sacra di San Michele, spiritualmente connessa a Mont Saint Michel e a San [...]

Mappa generale del sito

Mappa generale del sito

Menu principale: Pagina iniziale Verso la Digola... Verso i Pradetti... Sul Monte Zovo Sul Col Curié In Val Vissada Espandi tutto | Contrai tutto

D'inverno... in Comelico

D'inverno... in Comelico

Menu principale: Ecco 5 gallerie di immagini relative a passeggiate invernali effettuate, nei dintorni di Costalta di Cadore, da Ferruccio Casanova Fuga e amici, nell'inverno 2008-2009... I nostri "eroi con ciaspole" ci propongno immagini mozzafiato raccolte durante i "viaggi" attraverso i meravigliosi paesaggi innevati del Comelico: da Campolongo verso la Digola, dalla Segheria a Forcella Zovo e ai Pradetti, sul Monte Zovo, sul Col Curiè e infine in Val [...]

D'inverno... in Comelico

D'inverno... in Comelico

Menu principale: Ecco 5 gallerie di immagini relative a passeggiate invernali effettuate, nei dintorni di Costalta di Cadore, da Ferruccio Casanova Fuga e amici, nell'inverno 2008-2009... I nostri "eroi con ciaspole" ci propongno immagini mozzafiato raccolte durante i "viaggi" attraverso i meravigliosi paesaggi innevati del Comelico: da Campolongo verso la Digola, dalla Segheria a Forcella Zovo e ai Pradetti, sul Monte Zovo, sul Col Curiè e infine in Val [...]

Abbazia di Chiaravalle

● G U G L I E L M A  la B O E M A ●  con Luisa Muraro, filosofa e scrittrice autrice di: "Guglielma e Maifreda. Storia di un’eresia femminista" 16 settembre ore 17.00, presso l'Abbazia di Chiaravalle.

LA CERTOSA DI PAVIA di Teresa Ramaioli

CERTOSA DI PAVIA  di Teresa Ramaioli iltuonoilgrillo il 19/08/16 alle 18:31 via WEB GIAN GALEAZZO--CERTOSA DI PAVIA---La storia racconta che Gian Galeazzo si rifugiò nel castello di Melegnano per sfuggire al contagio della peste, ma malgrado le diverse cure vi morì nel settembre 1402. La salma era ormai infetta e per prudenza le esequie si celebrarono nel Duomo di Milano senza il corpo. La paura era molta, e pregare davanti ad una salma appestata, e [...]

&id=HPN_Abbazia+di+San+Benedetto+in+Polirone_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Polirone{{}}Abbey" alt="" style="display:none;"/> ?>