Adam Smith

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Francesca Cipriani
In rilievo

Francesca Cipriani

Adamo Smith

La scheda: Adamo Smith

Adam Smith, talvolta italianizzato in Adamo Smith (Kirkcaldy, 5 giugno 1723 – Edimburgo, 17 luglio 1790), è stato un filosofo ed economista scozzese, che, a seguito degli studi intrapresi nell'ambito della filosofia morale, gettò le basi dell'economia politica classica.
Adam Smith studiò filosofia sociale - non essendo ancora l'economia una disciplina accademica - all'Università di Glasgow e a Balliol College, Oxford. Viene considerato unanimemente il primo degli economisti classici, sebbene non sia facile individuare con precisione la fine del mercantilismo e l'inizio dell'età classica, poiché per un certo periodo ci fu una sovrapposizione tra le due correnti di pensiero.
Spesso Smith è stato definito il padre della scienza economica. In effetti, nonostante molti precursori dell'economia classica avessero prodotto singole tessere o parti dell'intero mosaico, nessuno di essi fu in grado di fornire in un'unica opera il quadro generale delle forze che determinassero la ricchezza delle nazioni, delle politiche economiche più appropriate per promuovere la crescita e lo sviluppo e del modo in cui milioni di decisioni economiche prese autonomamente vengano effettivamente coordinate tramite il mercato.
L'opera più importante di Smith è intitolata Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni (1776). L'opera di Adam Smith chiude il periodo dei mercantilisti, da lui così definiti e criticati, dando avvio alla serie di economisti classici superando i concetti definiti dai fisiocratici. La ricchezza delle nazioni diventa il testo di riferimento per tutti gli economisti classici del XVIII e XIX secolo, come David Ricardo, Thomas Robert Malthus, Jean-Baptiste Say, John Stuart Mill, che o ne ripresero il contenuto per elaborare le proprie posizioni, anche divergenti fra di loro, oppure la criticarono alla ricerca di nuove vie. La ricchezza delle nazioni è però anche un importante libro di storia economica, perché vi vengono descritte le trasformazioni dell'economia inglese del tempo.
La concezione di Smith a proposito dello scopo della scienza economica segue quella dei mercantilisti, tendente alla spiegazione della natura e delle cause della ricchezza delle nazioni. In termini moderni si direbbe che Smith fu un teorico della macroeconomia, interessato alle forze che determinano la crescita economica, anche se le forze di cui egli parlava erano ben più ampie rispetto all'ambito della moderna economia: il suo modello economico è ricco di considerazioni di tipo politico, sociologico e storico.



deleted

deleted

ADAM SMITH

Adam Smith, (Kirkcaldy, 5 giugno 1723 – Edimburgo, 17 luglio 1790), è stato un filosofo ed economista scozzese. La prima edizione de La ricchezza delle nazioni, l'opera principale di Smith (1776)Smith, studiò filosofia sociale e morale non essendo ancora l'economia una disciplina accademica all'Università di Glasgow e al Balliol College di Oxford. Egli gettò le basi dell'economia politica classica e viene pertanto considerato unanimemente il primo degli [...]

la mano invisibile

la mano invisibile

quando rientrai a casa senti una mano sulla spalla.davvero senti una manoavevo i brividiqualcuno aveva appoggiato la mano sulla mia spallasentivo una mano mi confortava era una strana sensazione una sensazione di pace di grande pacenon avevo mai sentito una cosi grande ,pace mi sembrava di essere in paradisoquando mi voltai rimasi sorpresaera il mio nonninoil mio nonninomi stava accanto confortandomi per il duro lavoro nelle campagneero felice di averlo [...]

L'insostenibile leggerezza del capitalismo. Testi sacri capitalistici. Primo capitolo: Adam Smith e il Vecchio Testamento di Eugenio Orso

Presento di seguito il primo capitoletto del saggio L’insostenibile leggerezza del capitalismo, in cui tento un’analisi dei principali “testi sacri capitalistici”, partendo dalla Ricchezza delle Nazioni di Adam Smith, che simbolicamente rappresenta l’origine esterna ed è a tutti gli effetti il Vecchio Testamento capitalistico. Questo saggio è stato scritto per il futuro libro Insurrezione e Rivoluzione, del quale costituirà una sezione articolata su [...]

La radice comune della crisi del capitalismo e del marxismo: il concetto falso e ideologico della "mano invisibile".

La radice comune della crisi del capitalismo e del marxismo: il concetto falso e ideologico della "mano invisibile".

  Si intende qui "ideologico" nel senso proprio del termine, idea e Logos. Il concetto e la sua "ratio" applicativa, il metodo. E' Adam Smith, il padre dell'economia moderna, nella sua celebre opera fondativa della stessa, "La ricchezza delle Nazioni" a porlo e proporlo: "[Quando l'imprenditore dirige la sua] attività in modo tale che il suo prodotto sia il massimo possibile, egli mira solo al suo proprio guadagno ed è condotto da una mano invisibile, in questo [...]

Giorgio Cesarale, Capitalismo e crisi globale, l’

Giorgio Cesarale, Capitalismo e crisi globale, l’

Capitalismo e crisi globale, l’attualità del pensiero di Giovanni Arrighi di Giorgio Cesarale - Micromega Nel dibattito sulla attuale crisi economica globale è diventato ormai quasi senso comune la critica all’incapacità della scienza economica dominante di indicare e interpretare adeguatamente le cause di questa crisi, e in particolare di uno dei suoi fenomeni più abbaglianti, e cioè il processo di finanziarizzazione. Che legami ha questo processo con [...]

La mano invisibile di Adam Smith

La mano invisibile di Adam Smith

La mano invisibile   Devo ricredermi, Adam Smith (l'economista padre del liberismo economico) aveva ragione: la “mano invisibile” (QUI)  - quella forza silenziosa che a suo dire, nell’apparente confusione del libero scambio e secondo suoi imperscrutabili disegni, rende giusto il mercato - esiste eccome. Finalmente ho capito chi è che ogni giorno succhia banconote dal mio portafoglio senza che me ne accorga; come mai alla sera, dopo aver comprato [...]

La mano invisibile del Mercato

La mano invisibile del Mercato

di Frei Betto, segnalato da: http://domani.arcoiris.tv/?p=893 Fin da bambino avevo le mie paure, come tutti. La prima paura era di figurare bene davanti a mio padre, quindi obbedirgli e mangiare ravanelli (che non mi piacevano); paura di prendere zero in matematica. Paura, negli anni della dittatura, d’essere travolto da un’auto della polizia. Paura sotto la pioggia torrenziale, che la mia baracca nella favela, affacciata su un precipizio, fosse travolta [...]

FOTO: Adamo Smith

La prima edizione de La ricchezza delle nazioni, l'opera principale di Smith (1776)

La prima edizione de La ricchezza delle nazioni, l'opera principale di Smith (1776)

François Quesnay, principale esponente dei fisiocratici

François Quesnay, principale esponente dei fisiocratici

Francis Hutcheson, maestro di Smith

Francis Hutcheson, maestro di Smith

David Ricardo

David Ricardo

John Keynes, fautore dell'intervento pubblico in economia

John Keynes, fautore dell'intervento pubblico in economia

Inquiry into the nature and causes of the wealth of nations, 1922

Inquiry into the nature and causes of the wealth of nations, 1922

deleted

deleted

ADAM SMITH

Adam Smith, (Kirkcaldy, 5 giugno 1723 – Edimburgo, 17 luglio 1790), è stato un filosofo ed economista scozzese. La prima edizione de La ricchezza delle nazioni, l'opera principale di Smith (1776)Smith, studiò filosofia sociale e morale non essendo ancora l'economia una disciplina accademica all'Università di Glasgow e al Balliol College di Oxford. Egli gettò le basi dell'economia politica classica e viene pertanto considerato unanimemente il primo degli [...]

la mano invisibile

la mano invisibile

quando rientrai a casa senti una mano sulla spalla.davvero senti una manoavevo i brividiqualcuno aveva appoggiato la mano sulla mia spallasentivo una mano mi confortava era una strana sensazione una sensazione di pace di grande pacenon avevo mai sentito una cosi grande ,pace mi sembrava di essere in paradisoquando mi voltai rimasi sorpresaera il mio nonninoil mio nonninomi stava accanto confortandomi per il duro lavoro nelle campagneero felice di averlo [...]

L'insostenibile leggerezza del capitalismo. Testi sacri capitalistici. Primo capitolo: Adam Smith e il Vecchio Testamento di Eugenio Orso

Presento di seguito il primo capitoletto del saggio L’insostenibile leggerezza del capitalismo, in cui tento un’analisi dei principali “testi sacri capitalistici”, partendo dalla Ricchezza delle Nazioni di Adam Smith, che simbolicamente rappresenta l’origine esterna ed è a tutti gli effetti il Vecchio Testamento capitalistico. Questo saggio è stato scritto per il futuro libro Insurrezione e Rivoluzione, del quale costituirà una sezione articolata su [...]

La radice comune della crisi del capitalismo e del marxismo: il concetto falso e ideologico della "mano invisibile".

La radice comune della crisi del capitalismo e del marxismo: il concetto falso e ideologico della "mano invisibile".

  Si intende qui "ideologico" nel senso proprio del termine, idea e Logos. Il concetto e la sua "ratio" applicativa, il metodo. E' Adam Smith, il padre dell'economia moderna, nella sua celebre opera fondativa della stessa, "La ricchezza delle Nazioni" a porlo e proporlo: "[Quando l'imprenditore dirige la sua] attività in modo tale che il suo prodotto sia il massimo possibile, egli mira solo al suo proprio guadagno ed è condotto da una mano invisibile, in questo [...]

Giorgio Cesarale, Capitalismo e crisi globale, l’

Giorgio Cesarale, Capitalismo e crisi globale, l’

Capitalismo e crisi globale, l’attualità del pensiero di Giovanni Arrighi di Giorgio Cesarale - Micromega Nel dibattito sulla attuale crisi economica globale è diventato ormai quasi senso comune la critica all’incapacità della scienza economica dominante di indicare e interpretare adeguatamente le cause di questa crisi, e in particolare di uno dei suoi fenomeni più abbaglianti, e cioè il processo di finanziarizzazione. Che legami ha questo processo con [...]

La mano invisibile di Adam Smith

La mano invisibile di Adam Smith

La mano invisibile   Devo ricredermi, Adam Smith (l'economista padre del liberismo economico) aveva ragione: la “mano invisibile” (QUI)  - quella forza silenziosa che a suo dire, nell’apparente confusione del libero scambio e secondo suoi imperscrutabili disegni, rende giusto il mercato - esiste eccome. Finalmente ho capito chi è che ogni giorno succhia banconote dal mio portafoglio senza che me ne accorga; come mai alla sera, dopo aver comprato [...]

La mano invisibile del Mercato

La mano invisibile del Mercato

di Frei Betto, segnalato da: http://domani.arcoiris.tv/?p=893 Fin da bambino avevo le mie paure, come tutti. La prima paura era di figurare bene davanti a mio padre, quindi obbedirgli e mangiare ravanelli (che non mi piacevano); paura di prendere zero in matematica. Paura, negli anni della dittatura, d’essere travolto da un’auto della polizia. Paura sotto la pioggia torrenziale, che la mia baracca nella favela, affacciata su un precipizio, fosse travolta [...]

&id=HPN_Adam+Smith_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Adamo{{}}Smith" alt="" style="display:none;"/> ?>