Alcide Amedeo Francesco

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Max Biaggi
In rilievo

Max Biaggi

Alcide Degasperi

La scheda: Alcide Degasperi

Componente della I commissione: affari interni (I, II)
Componente della II commissione: affari esteri (I)
Componente della rappresentanza della Camera all'assemblea della Comunità europea del carbone e dell'acciaio (II)
Alcide Amedeo Francesco De Gasperi, o più propriamente Degasperi (pronuncia, Pieve Tesino, 3 aprile 1881 – Borgo Valsugana, 19 agosto 1954), è stato un politico italiano. Figlio primogenito di Amedeo, maresciallo maggiore della gendarmeria locale tirolese originario di Sardagna, e di Maria Morandini originaria di Predazzo. Ebbe due fratelli, Mario, seminarista morto nel 1906, Augusto, e una sorella, Marcellina.
Nato in Trentino, nella Cisleithania dell'Impero austro-ungarico, è stato membro della Camera dei Deputati Austriaca per il collegio uninominale della Val di Fiemme nella Contea del Tirolo, poi esponente del Partito Popolare Italiano e fondatore della Democrazia Cristiana con il suo scritto Le idee ricostruttive della Democrazia Cristiana, è stato l'ultimo presidente del Consiglio dei ministri del Regno d'Italia e il primo della Repubblica Italiana.
Reputato uno dei padri della Repubblica Italiana, è considerato - assieme al tedesco Konrad Adenauer, ai francesi Robert Schuman e Jean Monnet, all'olandese Johan Willem Beyen, al belga Paul-Henri Spaak, al federalista Altiero Spinelli - uno dei padri fondatori dell'Unione europea.
La Chiesa cattolica lo venera come servo di Dio ed è in corso la causa di beatificazione.


ITALIA-FRANCIA, LA LEZIONE DI DE GASPERI.Il primo ministro italiano rappresentava un paese sconfitto che aveva fatto la guerra dalla parte sbagliata. Ma ottenne tutto.

ITALIA-FRANCIA, LA LEZIONE DI DE GASPERI.Il primo ministro italiano rappresentava un paese sconfitto che aveva fatto la guerra dalla parte sbagliata. Ma ottenne tutto.

Tempo di tensioni con i cugini francesi. Inevitabili? Forse no. Proviamo a fare un salto indietro nel tempo, alle ore 16 del 10 agosto 1946, conferenza di pace di Parigi. Alcide De Gasperi, primo ministro italiano, rappresenta il nostro paese, di fronte a lui i 21 paesi vincitori del conflitto. Ecco l’inizio, memorabile, del suo discorso: “Prendendo la parola in questo consesso mondiale sento che tutto, tranne la vostra personale cortesia, è contro di me: è [...]

deleted

deleted

EVENTI: Alcide Degasperi

Nel 1919 aderì al Partito Popolare Italiano promosso da don Luigi Sturzo, solo nel 1921 venne eletto deputato a Roma, in quanto il Trentino fino a quell'epoca era stato sottoposto a regime commissariale.

Nel 1919 aderì al Partito Popolare Italiano promosso da don Luigi Sturzo, solo nel 1921 venne eletto deputato a Roma, in quanto il Trentino fino a quell'epoca era stato sottoposto a regime commissariale.

Nel 1919 aderì al Partito Popolare Italiano promosso da don Luigi Sturzo, solo nel 1921 venne eletto deputato a Roma, in quanto il Trentino fino a quell'epoca era stato sottoposto a regime commissariale.

Nel 1919 aderì al Partito Popolare Italiano promosso da don Luigi Sturzo, solo nel 1921 venne eletto deputato a Roma, in quanto il Trentino fino a quell'epoca era stato sottoposto a regime commissariale.

Nel 1922 si sposa con Francesca Romani (1894-1998) nella chiesa arcipretale di Borgo Valsugana.

Nel 1922 si sposa con Francesca Romani (1894-1998) nella chiesa arcipretale di Borgo Valsugana.

Nel 1922 si sposa con Francesca Romani (1894-1998) nella chiesa arcipretale di Borgo Valsugana.

Nel 1922 si sposa con Francesca Romani (1894-1998) nella chiesa arcipretale di Borgo Valsugana.

Il 20 maggio 1924 assunse la segreteria del Partito popolare, carica che manterrà fino al 14 dicembre 1925.

Il 20 maggio 1924 assunse la segreteria del Partito popolare, carica che manterrà fino al 14 dicembre 1925.

Il 20 maggio 1924 assunse la segreteria del Partito popolare, carica che manterrà fino al 14 dicembre 1925.

Il 20 maggio 1924 assunse la segreteria del Partito popolare, carica che manterrà fino al 14 dicembre 1925.

Il 10 agosto 1946 intervenne a Parigi alla Conferenza di pace, dove ebbe modo di contestare, attraverso un elegante e impeccabile discorso, le dure condizioni inflitte all'Italia dalla Conferenza.

Il 10 agosto 1946 intervenne a Parigi alla Conferenza di pace, dove ebbe modo di contestare, attraverso un elegante e impeccabile discorso, le dure condizioni inflitte all'Italia dalla Conferenza.

Il 10 agosto 1946 intervenne a Parigi alla Conferenza di pace, dove ebbe modo di contestare, attraverso un elegante e impeccabile discorso, le dure condizioni inflitte all'Italia dalla Conferenza.

Il 10 agosto 1946 intervenne a Parigi alla Conferenza di pace, dove ebbe modo di contestare, attraverso un elegante e impeccabile discorso, le dure condizioni inflitte all'Italia dalla Conferenza.

Nel 1956 in un processo intentato in contumacia presso lo stesso Tribunale nei confronti del presunto fornitore delle lettere, una serie di perizie diedero risultati contraddittori (i periti della difesa sostennero che le lettere periziate presentavano diversità palesi con quelle pubblicate sul Candido).

Nel 1956 in un processo intentato in contumacia presso lo stesso Tribunale nei confronti del presunto fornitore delle lettere, una serie di perizie diedero risultati contraddittori (i periti della difesa sostennero che le lettere periziate presentavano diversità palesi con quelle pubblicate sul Candido).

Nel 1956 in un processo intentato in contumacia presso lo stesso Tribunale nei confronti del presunto fornitore delle lettere, una serie di perizie diedero risultati contraddittori (i periti della difesa sostennero che le lettere periziate presentavano diversità palesi con quelle pubblicate sul Candido).

Nel 1956 in un processo intentato in contumacia presso lo stesso Tribunale nei confronti del presunto fornitore delle lettere, una serie di perizie diedero risultati contraddittori (i periti della difesa sostennero che le lettere periziate presentavano diversità palesi con quelle pubblicate sul Candido).

Il 27 aprile 1914 ottenne anche un seggio nella Dieta Tirolese di Innsbruck.

Il 27 aprile 1914 ottenne anche un seggio nella Dieta Tirolese di Innsbruck.

Il 27 aprile 1914 ottenne anche un seggio nella Dieta Tirolese di Innsbruck.

Il 27 aprile 1914 ottenne anche un seggio nella Dieta Tirolese di Innsbruck.

Nel 2016 è stata avviata l'Edizione Nazionale degli epistolari dello statista con corrispondenti italiani e stranieri secondo criteri cronologici, tematici e geografici.

Nel 2016 è stata avviata l'Edizione Nazionale degli epistolari dello statista con corrispondenti italiani e stranieri secondo criteri cronologici, tematici e geografici.

Nel 2016 è stata avviata l'Edizione Nazionale degli epistolari dello statista con corrispondenti italiani e stranieri secondo criteri cronologici, tematici e geografici.

Nel 2016 è stata avviata l'Edizione Nazionale degli epistolari dello statista con corrispondenti italiani e stranieri secondo criteri cronologici, tematici e geografici.

Nel 1952, per il timore di un'affermazione in Italia delle posizioni marxiste, il Vaticano avallò per le elezioni amministrative del comune di Roma l'iniziativa di don Luigi Sturzo che prospettava un'ampia alleanza elettorale che coinvolgesse, oltre ai quattro partiti governativi anche il Movimento Sociale Italiano e il Partito Nazionale Monarchico.

Nel 1952, per il timore di un'affermazione in Italia delle posizioni marxiste, il Vaticano avallò per le elezioni amministrative del comune di Roma l'iniziativa di don Luigi Sturzo che prospettava un'ampia alleanza elettorale che coinvolgesse, oltre ai quattro partiti governativi anche il Movimento Sociale Italiano e il Partito Nazionale Monarchico.

Nel 1952, per il timore di un'affermazione in Italia delle posizioni marxiste, il Vaticano avallò per le elezioni amministrative del comune di Roma l'iniziativa di don Luigi Sturzo che prospettava un'ampia alleanza elettorale che coinvolgesse, oltre ai quattro partiti governativi anche il Movimento Sociale Italiano e il Partito Nazionale Monarchico.

Nel 1952, per il timore di un'affermazione in Italia delle posizioni marxiste, il Vaticano avallò per le elezioni amministrative del comune di Roma l'iniziativa di don Luigi Sturzo che prospettava un'ampia alleanza elettorale che coinvolgesse, oltre ai quattro partiti governativi anche il Movimento Sociale Italiano e il Partito Nazionale Monarchico.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Dal vaffa a De Gasperi, il lungo cammino dei 5 Stelle da anarchici squinternati a democristiani difensori del sistema. Pateticissimi.

Dal vaffa a De Gasperi, il lungo cammino dei 5 Stelle da anarchici squinternati a democristiani difensori del sistema. Pateticissimi.

Luigi Di Maio: "De Gasperi diceva che politica vuol dire realizzare". L'appello per il governo citando il leader Dc.Il capo politico M5s cita la dottrina sociale della Chiesa: "Noi impegnati a realizzare bene comune" Il leader M5S Luigi Di Maio lancia un nuovo appello per la formazione del governo e cita le parole di ieri del presidente della Cei, cardinale Angelo Bassetti. "Faremo tutto il possibile per rispettare il mandato che ci hanno affidato. Mi auguro che [...]

Dentro alla Urne - Dentro i Talk show - in mezzo alla Piazza.... .

Dentro alla Urne - Dentro i Talk show - in mezzo alla Piazza.... .

 A volte o la precisa impressione  che i "MODERATI" dimostrino  eccessiva ambizione  a fare ciò  che tradizionalmente  non  sono capaci  di fare : ossia impadronirsi  delle Piazze - in senso stretto o in senso televisivo - ,sopraffare l'avversario  nella gare delle declamazioni ,delle  perorazioni,delle inventive,degli  appassionati appelli  alla mitica "GENTE".La "SINISTRA" è da sempre maestra  in queste tecniche  populiste  e demagogiche [...]

Breve riflessione su politica-spettacolo e politici di bassa statura

Alcuni giorni fa ricorreva l'anniversario della morte di Alcide De Gasperi (1881-1954), che fu il primo Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana e guidò la ricostruzione del nostro Paese negli anni del secondo dopoguerra (1945-1953). Riconosciuto da tutti come grande uomo politico, forse il più grande che la nostra nazione abbia finora avuto, in un'occasione dichiarò che "la politica non deve mai abbassarsi a fare spettacolo e teatro, ma deve essere [...]

VIVA L'ITALIA, L'ITALIA LIBERATA (L'Italia del valzer e l'Italia del caffè)

VIVA L'ITALIA, L'ITALIA LIBERATA (L'Italia del valzer e l'Italia del caffè)

L’Italia attraversò gli anni che vanno dal 1918 al 1939 uno dei periodi più controversi della sua Storia; controversi perché è innegabile che ci sia stata la più importante opera di ricostruzione strutturale del Paese, con la costruzione di infrastrutture come ferrovie, strade, ponti, bonifiche di grandi territori impestati dalla malaria, distribuzione di terre ai contadini, costruzione di tantissime case popolari, fabbriche, industrie , Palazzi che oggi [...]

FOTO: Alcide Degasperi

Alcide_de_Gasperi

Alcide_de_Gasperi

Alcide_De_Gasperi

Alcide_De_Gasperi

Alcide_Degasperi

Alcide_Degasperi

Prima seduta dell'Assemblea costituente, 25 giugno 1946

Prima seduta dell'Assemblea costituente, 25 giugno 1946

Prima seduta dell'Assemblea costituente, 25 giugno 1946

Prima seduta dell'Assemblea costituente, 25 giugno 1946

Prima seduta dell'Assemblea costituente, 25 giugno 1946

Prima seduta dell'Assemblea costituente, 25 giugno 1946

Prima seduta dell'Assemblea costituente, 25 giugno 1946

Prima seduta dell'Assemblea costituente, 25 giugno 1946

Le vere riforme

LE VERE RIFORME CHE HANNO CAMBIATO L’ITALIA da nazione fascista dell’Asse (Germania, Giappone- Italia) a Repubblica democratica indipendente Tabella dei seggi assegnati ai Partiti nell'Assemblea Costituente: Democrazia Cristiana 207 Movimento Indipendentista Sicilia 4 Partito Socialista 115 Concentramento Democratico Repubblicano 2 Partito Comunista 104 Partito Sardo d’Azione 2 Unione Democratica Nazi.le 41 Movimento Unionista Italiano 1 Uomo Qualunque 30 [...]

....laicità delo stato oggi...

....laicità delo stato oggi...

  Cristiani con i piedi per terra e la testa in cielo. Dipendenza nei principi e autonomia nelle decisioni, e non il contrario: questa è l'unica strada da percorrere per un politico cristiano. Oggi, l'Italia è molto meno laica di quanto lo fosse ai tempi di La Pira e De Gasperi.   C'è un passo del Vangelo che mi viene in mente molto spesso, da quando faccio politica. La scena non a caso, si svolge, sulla strada che va a Gerusalemme: c'è Gesù che cammina [...]

Giorgio Almirante- l'uomo che immaginò il futuro-

Giorgio Almirante nasce a Salsomaggiore, in provincia di Parma, il 27 giugno 1914. Il padre, attore, direttore di scena di Eleonora Duse e di Ruggero Ruggeri e poi regista del cinema muto, apparteneva ad una famiglia di attori e di patrioti, con ascendenti appartenenti all'alta nobiltà di Napoli. Il piccolo Giorgio visse quindi i suoi primi anni seguendo la famiglia da una città all'altra, fino a che gli Almirante si stabilirono a Torino, dove [...]

De Gasperi (1)

Discorso pronunciato al I Congresso Nazionale D.C., Roma, 24-28 aprile 1946 …E se ci sono stati dei difetti, delle mancanze, queste hanno riguardato non le idee, ma gli uomini, perché in verità voi potete discutere come meglio vi piaccia o vi è possibile: in un'Assemblea o nelle riunioni del Consiglio Nazionale o della Direzione, si trovano sempre delle formule concordate, ma non gli uomini che le attuano. Oggi c'è una povertà generale di uomini direttivi in [...]

Domani, 30 gennaio si celebra il 29° anniversario della morte di Giuseppe Spataro

di Nicola D'Adamo Il Comitato “Sen. Giuseppe Spataro” di Vasto presieduto da Giuseppe Forte, in collaborazione con la Società Operaia di Mutuo Soccorso, anche quest’anno ricorda la figura di Spataro in occasione del 29° anniversario della morte. Il  30 gennaio 2008 ore 18 è prevista una S. Messa presso la Cattedrale S. Giuseppe. Seguirà in piazza del Popolo la deposizione di una corona di alloro al busto di Spataro.Alle ore 18.45,   presso la Sala [...]

Il comitato ricorda Giuseppe Spataro, presente anche il senatore De Cinque

Da Nicola D'Adamo riceviamo e pubblichiamo: Il Comitato “Sen. Giuseppe Spataro” di Vasto presieduto da Giuseppe Forte, in collaborazione con la Società Operaia di Mutuo Soccorso, anche quest’anno ricorda la figura di Spataro in occasione del 29° anniversario della morte. Il  30 gennaio 2008 ore 18 è prevista una S. Messa presso la Cattedrale S. Giuseppe.Seguirà in piazza del Popolo la deposizione di una corona di alloro al busto di Spataro. Alle ore [...]

La nostra emigrazione1- Il patto del carbone

23 giugno 1946 viene firmato a Roma lo storico accordo Italia-Belgio. A quell’epoca il Belgio aveva urgente bisogno di manodopera per estrarre il carbone dalle miniere, la cui produzione era in netto calo. I belgi rifiutano di scendere in miniera, consapevoli della pericolosità del lavoro e del basso salario percepito in cambio. Il Governo decide allora l’importazione di manodopera straniera e intraprese la trattative con il Governo italiano guidato da Alcide [...]

Il più grande statista d'Italia

Il più grande statista d'Italia

Alcide De Gasperi Questo è ben poco per gli approfondimenti vi rimando a www.degasperi.net e al libro scritto dalla figlia Maria Romana: Alcide De Gasperi. Nel gennaio 1947 effettuò un viaggio negli Stati Uniti con il quale ottenne aiuti finanziari e materiali, e promosse con successo l'immagine della nuova Repubblica, iniziando il processo di reinserimento dell'Italia nella comunità internazionale. Nell'occasione fu il terzo italiano di sempre ad essere onorato [...]

DE GASPERI..? IL FRANKESTAIN DELLA D.C

Sta scorrendo in questi proprio in questo momento sulle frequenze di Rai 1 la fiction intitolata "De Gasperi....".  Mirabolante agiografia del buono e bello e bravo e simpatico e santo ed unto ex-presidente democristiano. Da due giorni la figura dell'azzimato statista ha occupato militarmente la prima rete Rai cacciando fuori a calci nel didietro la Resistenza ( nel film la Resistenza non si vede perché il buon Alcide ha fatto "l'antifascista" protetto dalle [...]

Sunto di tutti i governi

 Tutti i Governi in sintesi 1 1. Governo Parri (20.06.1945 - 24.11.1945) (Patto) Coalizione politica: DC, PCI, PSIUP, PLI, DL, Partito d'Azione Durata (giorni): 157 Giorni di crisi: 3 Ordinamento provvisorio  2 1. Governo De Gasperi (10.12.1945 - 1.07.1946) (Patto) Coalizione politica: DC, PCI, PSI, PLI, DL, Partito d'Azione Durata (giorni): 203 Giorni di crisi: 12 Ordinamento provvisorio 3 (PRIMO GOVERNO UFFICIALMENTE REPUBBLICANO DOPO LE ELEZIONI DEL 2 GIUGNO [...]

&id=HPN_Alcide+Amedeo+Francesco_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}De{{}}Gasperi" alt="" style="display:none;"/> ?>