Aleksej Naval nyj

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Review
In rilievo

Review

Alexei Navalny

La scheda: Alexei Navalny

Aleksej Anatol'evič Naval'nyj (in russo: Алексе́й Анато́льевич Нава́льный?, traslitterazione anglosassone: Alexei Anatolievich Navalny, Butyn, 4 giugno 1976) è un attivista, politico e blogger russo.
È segretario del Partito del Progresso e presidente della Coalizione Democratica (che unisce il Partito del Progresso e RPR-Parnas), formazione in precedenza co-presieduta con Boris Nemcov, morto assassinato nel febbraio 2015.


Russia, rigettato ricorso contro Navalny

Russia, rigettato ricorso contro Navalny

(ANSA) – MOSCA, 14 GEN – Vittoria (per ora) del dissidente Alexei Navalny contro il capo della Guardia Nazionale russa, il generale Viktor Zolotov (che aveva sfidato a duello Navalny promettendo di ridurlo in “poltiglia”). La richiesta di diffamazione presentata da Zolotov a dicembre non è infatti conforme agli articoli pertinenti del codice di procedura civile. Lo riporta RT. Al generale in tribunale ha dato tempo fino al 9 gennaio per presentare le [...]

Da Mosca nuova ipotesi morte Magnitsky

Da Mosca nuova ipotesi morte Magnitsky

(ANSA) – MOSCA, 19 NOV – La sostanza – a base di alluminio – usata per avvelenare l’avvocato Sergei Magnitsky mentre si trovava in carcere viene studiata tradizionalmente in paesi occidentali tra cui “Stati Uniti, Francia e Italia”. Lo ha detto il portavoce dell’ufficio del procuratore generale russo Mikhail Alexandrov, citato da Interfax. La procura sta valutando l’ipotesi che William Browder, per cui Magnitsky lavorava, sia il mandante [...]

EVENTI: Alexei Navalny

Nel 2000 si iscrive al partito Jabloko, del quale fra il 2004 e il 2007 diventa uno dei leader nell'area di Mosca.

Nel 2000 si iscrive al partito Jabloko, del quale fra il 2004 e il 2007 diventa uno dei leader nell'area di Mosca.

Nel 2000 si iscrive al partito Jabloko, del quale fra il 2004 e il 2007 diventa uno dei leader nell'area di Mosca.

Nel 2010 viene selezionato per il programma Yale World Fellows organizzato dalla celebre Università di Yale e rivolto ogni anno a circa quindici-venti leader emergenti provenienti da tutto il mondo e con una carriera già avviata.

Nel 2010 viene selezionato per il programma Yale World Fellows organizzato dalla celebre Università di Yale e rivolto ogni anno a circa quindici-venti leader emergenti provenienti da tutto il mondo e con una carriera già avviata.

Nel 2010 viene selezionato per il programma Yale World Fellows organizzato dalla celebre Università di Yale e rivolto ogni anno a circa quindici-venti leader emergenti provenienti da tutto il mondo e con una carriera già avviata.

Nel marzo del 2017 Naval'nyj è stato arrestato insieme ad altre centinaia di persone a causa di una manifestazione contro la corruzione non autorizzata dal governo, e per questo è stato condannato a 15 giorni di carcere e a una multa da 20.

Nel giugno del 2017 viene nuovamente arrestato a causa di nuove proteste nei confronti della corruzione, insieme a lui sono state arrestate anche 1500 persone.

Il 29 settembre 2017 viene arrestato con l'accusa di aver invitato, ripetutamente, i suoi sostenitori a partecipare a "eventi pubblici" non autorizzati.

Nel marzo del 2017 Naval'nyj è stato arrestato insieme ad altre centinaia di persone a causa di una manifestazione contro la corruzione non autorizzata dal governo, e per questo è stato condannato a 15 giorni di carcere e a una multa da 20.

Nel giugno del 2017 viene nuovamente arrestato a causa di nuove proteste nei confronti della corruzione, insieme a lui sono state arrestate anche 1500 persone.

Il 29 settembre 2017 viene arrestato con l'accusa di aver invitato, ripetutamente, i suoi sostenitori a partecipare a "eventi pubblici" non autorizzati.

Nel marzo del 2017 Naval'nyj è stato arrestato insieme ad altre centinaia di persone a causa di una manifestazione contro la corruzione non autorizzata dal governo, e per questo è stato condannato a 15 giorni di carcere e a una multa da 20.

Nel giugno del 2017 viene nuovamente arrestato a causa di nuove proteste nei confronti della corruzione, insieme a lui sono state arrestate anche 1500 persone.

Il 29 settembre 2017 viene arrestato con l'accusa di aver invitato, ripetutamente, i suoi sostenitori a partecipare a "eventi pubblici" non autorizzati.

Nel 2005 fonda il gruppo giovanile Democrazia Alternativa (abbreviato in DA!), un'altra dirigente del quale riceve finanziamenti dalla NED (National Endowment for Democracy), una ONG con sede a Washington finanziata in massima parte dal Congresso degli Stati Uniti.

Nel 2005 fonda il gruppo giovanile Democrazia Alternativa (abbreviato in DA!), un'altra dirigente del quale riceve finanziamenti dalla NED (National Endowment for Democracy), una ONG con sede a Washington finanziata in massima parte dal Congresso degli Stati Uniti.

Nel 2005 fonda il gruppo giovanile Democrazia Alternativa (abbreviato in DA!), un'altra dirigente del quale riceve finanziamenti dalla NED (National Endowment for Democracy), una ONG con sede a Washington finanziata in massima parte dal Congresso degli Stati Uniti.

Nel 2008 acquista piccoli pacchetti azionari di grandi compagnie così da poter esercitare il diritto all'informazione degli azionisti e ottenere prove di condotte dubbie da parte dei dirigenti.

Nel 2008 acquista piccoli pacchetti azionari di grandi compagnie così da poter esercitare il diritto all'informazione degli azionisti e ottenere prove di condotte dubbie da parte dei dirigenti.

Nel 2008 acquista piccoli pacchetti azionari di grandi compagnie così da poter esercitare il diritto all'informazione degli azionisti e ottenere prove di condotte dubbie da parte dei dirigenti.

Nel 2007 fonda un movimento politico chiamato "Popolo", ritenuto da alcuni su posizioni nazionaliste.

Nel 2007 fonda un movimento politico chiamato "Popolo", ritenuto da alcuni su posizioni nazionaliste.

Nel 2007 fonda un movimento politico chiamato "Popolo", ritenuto da alcuni su posizioni nazionaliste.

La Corte di Strasburgo condanna la Russia per Navalny

La Corte di Strasburgo condanna la Russia per Navalny

'Arresti illegittimi, motivazione politica'. L'oppositore esulta

Corte Strasburgo condanna Russia per arresti Navalny

Corte Strasburgo condanna Russia per arresti Navalny

Azioni condotte a fini politici per "soffocare pluralismo"

Russia: Navalny bloccato in aeroporto

Russia: Navalny bloccato in aeroporto

(ANSA) – MOSCA, 13 NOV – Le autorità russe hanno impedito ad Alexei Navalny di lasciare la Russia mentre era diretto a Strasburgo per prendere parte a un’udienza della Corte Europea dei Diritti Umani. Lo ha fatto sapere lo stesso Navalny sul suo sito. “Le guardie di frontiera mi hanno prima messo dietro un nastro rosso poi mi hanno detto che mi è stato proibito di lasciare il paese sulla base di una lettera”, ha scritto Navalny pubblicando uno [...]

Navalny arrestato subito dopo aver lasciato il carcere

Navalny arrestato subito dopo aver lasciato il carcere

 Alexey Navalny, leader dell’opposizione russa, è stato nuovamente arrestato non appena è uscito dalla prigione dove ha scontato la condanna a 30 giorni di detenzione amministrativa per aver organizzato lo scorso gennaio proteste non autorizzate. Lo ha fatto sapere la sua portavoce su Twitter. A quanto pare l’accusa è di avere violato ancore le leggi sulle manifestazioni di massa. “Alexei Navalny è stato portato alla stazione di polizia Danilovsky e [...]

Zolotov sfida Navalny a duello

Zolotov sfida Navalny a duello

(ANSA) – MOSCA, 11 SET – Viktor Zolotov, il capo della Guardia Nazionale russa, ha pubblicato un video in cui sfida “a duello” l’oppositore Alexei Navalny. “Sul ring, sul tatami del Judo, ovunque: prometto di trasformarti in poltiglia”, ha tuonato Zolotov, che a lungo è stato il capo della sicurezza di Vladimir Putin. Il fondo anti-corruzione di Navalny ha pubblicato recentemente un’inchiesta in cui denuncia “prezzi gonfiati” per l’acquisto [...]

Sostenitori Navalny si accampano a Mosca

Sostenitori Navalny si accampano a Mosca

(ANSA) – MOSCA, 10 SET – Alcuni giovani sostenitori dell’oppositore Alexei Navalny hanno dato inizio a una protesta “permanente” contro il “potere” in Russia. Lo hanno comunicato su Telegram. Ne dà notizia Znak.com. I ragazzi hanno scelto come punto di raccolta il viale Strastnoy, nel centro di Mosca, nei pressi della statua del poeta Aleksandr Tvardovsky, situata in un’area pedonale. Gli attivisti hanno scritto che chiunque voglia unirsi deve [...]

Russia: Navalny, il 9/9 tutti in piazza

Russia: Navalny, il 9/9 tutti in piazza

(ANSA) – MOSCA, 29 AGO – Vladimir Putin è in preda “al panico” e cerca di “addolcire la medicina”. Lo sostiene l’oppositore Alexei Navalny – che sta scontando una pena di 30 giorni di carcere amministrativo – commentando in un post il discorso televisivo del presidente. “Per questo dobbiamo scendere in piazza il 9 settembre e impegnarci al massimo perché queste manifestazioni siano il più potenti possibili”, scrive Navalny sottolineando [...]

Politkovskaia, Corte Strasburgo condanna la Russia

Politkovskaia, Corte Strasburgo condanna la Russia

La Corte europea dei diritti umani ha condannato la Russia perché non ha condotto un’inchiesta efficace per determinare chi abbia commissionato l’omicidio della giornalista Anna Politkovskaia, uccisa nell’ascensore del palazzo dove abitava a Mosca nell’ottobre del 2006. A ricorrere a Strasburgo nel 2007 contro le autorità russe sono state la madre, la sorella e i figli della giornalista. Nella sentenza i giudici di Strasburgo affermano che “nonostante [...]

FOTO: Alexei Navalny

Aleksej Anatol'evič Naval'nyj

Aleksej Anatol'evič Naval'nyj

Aleksej Anatol'evič Naval'nyj

Aleksej Anatol'evič Naval'nyj

Politkovskaia,Strasburgo condanna Russia

Politkovskaia,Strasburgo condanna Russia

(ANSA) – STRASBURGO, 17 LUG – La Corte europea dei diritti umani ha condannato la Russia perché non ha condotto un’inchiesta efficace per determinare chi abbia commissionato l’omicidio della giornalista Anna Politkovskaia, uccisa nell’ascensore del palazzo dove abitava a Mosca nell’ottobre del 2006. A ricorrere a Strasburgo nel 2007 contro le autorità russe sono state la madre, la sorella e i figli della giornalista. Nella sentenza i giudici di [...]

La Corte suprema russa ha respinto l'appello dell'oppositore Navalny

La Corte suprema russa ha respinto l'appello dell'oppositore Navalny

Mosca, 6 gen. (askanews) – La Corte Suprema russa ha respinto l’appello dell’oppositore Alexei Navalny, che chiedeva di annullare la decisione di escluderlo dalle elezioni presidenziali di marzo. Il 31 dicembre la Corte Suprema ha confermato la decisione della Commissione Elettorale Centrale, che ha dichiarato impossibile la registrazione della candidatura dell’avvocato-blogger anticorruzione, a causa di una condanna per frode e sottrazione indebita, che [...]

Respinto l'appello di Navalny (non potrà sfidare Putin alle presidenziali)

Respinto l'appello di Navalny (non potrà sfidare Putin alle presidenziali)

Mosca, 30 dic. (askanews) – La Corte Suprema russa ha respinto l’appello di Alexey Navalny, principale oppositore del presidente Vladimir Putin, confermandone l’ineleggibilità sancita dalla Commissione elettorale per le presidenziali del prossimo marzo: lo ha annunciato il giudice Nikolay Romanenko. La Commissione si era pronunciata lunedì scorso, giustificando la propria decisione con una condanna per evasione fiscale che Navalny aveva denunciato come [...]

Un film da Limonov, dirige Pawlikowski

Un film da Limonov, dirige Pawlikowski

(ANSA) – ROMA, 29 DIC – Il regista premio Oscar Pawel Pawlikowski (Ida, miglior film in lingua straniera 2015) dirigerà Limonov, ambizioso adattamento dell’omonimo libro dello scrittore francese Emmanuele Carrere, biografia romanzata del poeta e attivista politico russo Eduard Limonov (in Italia edita da Adelphi). Lo annuncia Variety. Il regista di origini polacche Pawlikowski ha completato la sceneggiatura del biopic, che racconta le “oltraggiose [...]

Russia, Navalny tagliato fuori dalla corsa elettorale

Russia, Navalny tagliato fuori dalla corsa elettorale

Russia, bocciata la candidatura di Navalny, il principale oppositore di Putin.

Russia, proteste in varie città: arrestato il leader opposizione Navalny. Centinaia di fermi

Russia, proteste in varie città: arrestato il leader opposizione Navalny. Centinaia di fermi

Savona, tir si ribalta in autostrada. Travolti operai di un cantiere: due morti, uno gravissimo. Arrestato il conducente

Russia ricorda Nemtsov, grande marcia

Russia ricorda Nemtsov, grande marcia

(ANSA) - MOSCA, 27 FEB - L'opposizione russa oggi ricorda la morte del co-leader del partito Parnas Boris Nemtsov ucciso esattamente un anno fa sul ponte Bolshoi Moskvoretsky, nei pressi del Cremlino. Alla marcia autorizzata dalle autorità - che si dispiegherà dallo Strastnoi Bulvar al Prospekt Akademika Sakharova, un itinerario 'storico' per le opposizioni - sono attese fino a 50mila persone. Altri eventi si terranno nella capitale della regione Nizhniy [...]

Russia: svelati segreti 'armata Kadyrov'

Russia: svelati segreti 'armata Kadyrov'

(ANSA) - MOSCA, 22 FEB - Il leader ceceno Ramzan Kadyrov potrebbe contare su 'un'armata' di 30mila uomini a lui fedeli e perfettamente integrati in una struttura parallela alle forze di sicurezza regolari della repubblica cecena. Lo dice l'attivista amico di Boris Nemtsov - l'oppositore ucciso a Mosca lo scorso febbraio - Ilya Yashin, che domani presenterà un dossier sulla Cecenia a Mosca. La rivista moscovita 'New Times' ha anticipato parte del rapporto dove [...]

Khodorkovski in lista ricercati Interpol

Khodorkovski in lista ricercati Interpol

(ANSA) - MOSCA, 11 FEB - L'oppositore ed ex patron della Yukos, Mikhail Khodorkovski, è stato inserito nella lista dei ricercati internazionali dell'Interpol per un omicidio del quale è stato recentemente accusato in Russia e che risale al 1998, quello di Vladimir Petukhov, allora sindaco di Nefteyugansk, sede del quartier generale del colosso petrolifero guidato dall'oligarca: lo riferiscono le agenzie Tass e Interfax citando una fonte ben informata. L'ex [...]

Russia: incriminazioni delitto Nemtsov

Russia: incriminazioni delitto Nemtsov

(ANSA) - MOSCA, 29 DIC - Si chiude una parte dell'indagine sull'omicidio di Boris Nemtsov, il leader d'opposizione ucciso nel febbraio del 2014 a Mosca. "Gli inquirenti - ha detto il portavoce del pool investigativo Vladimir Markin - intendono incriminare formalmente gli indagati Zaur Dadayev, Anzor, Shadid Gubashev, Temirlan Eskerkhanov e Khamzat Bakhayev". Il ruolo di Ruslan Mukhudinov, sospettato mandante dell'omicidio, verrà analizzato a parte. Entro gennaio [...]

&id=HPN_Aleksej+Naval'nyj_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Alexej{{}}Naval'nyj" alt="" style="display:none;"/> ?>