Andata nel popolo

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

La scheda: Andata nel popolo

L'andata nel popolo (in russo: хождение в народ) fu uno spontaneo movimento politico di massa, iniziato in Russia nel 1873, che raggiunse il culmine nell'estate del 1874, quando fu represso dal regime zarista. Migliaia di studenti lasciarono le città e si trasferirono nei villaggi per vivere a contatto dei contadini e portarvi la propaganda rivoluzionaria populista.
Per quanto spontaneo, il movimento fu la conseguenza di decenni di preparazione ideologica e organizzativa. Dall'esilio di Londra Herzen e Ogarëv, attraverso gli articoli del «Kolokol» avevano spinto la giovane intelligencija russa a comprendere le esigenze dei contadini, mentre Lavrov l'aveva invitata a «pagare il debito» dovuto al popolo e Bervi-Flerovskij aveva indicato nella comunità contadina la base di partenza per un rinnovamento della società russa.
Negli anni Sessanta si erano creati gruppi rivoluzionari come la Zemlja i Volja dei fratelli Nikolaj e Aleksandr Serno-Solov'evič, l'organizzazione di Išutin, la Società del rublo di Volchonskij e Lopatin, e poi i circoli di Čajkovskij e di Dolgušin. Come Bakunin, tutti questi gruppi credevano che fosse contenuta nei contadini la forza che avrebbe rovesciato la società russa.
Con iniziative individuali, diversi populisti avevano creato centri di propaganda nei villaggi rurali. Krylov, Klemenc e Kravčinskij, tra i čajkovcy, ne avevano fondato uno presso Tver', dove «le discussioni nelle strette izbe contadine, tutte piene d'una numerosa folla d'ascoltatori, duravano oltre la mezzanotte. Un senso di solennità dominava il pubblico e si levava il canto corale di uno degli inni rivoluzionari».
Un altro populista, Aleksandr Lukaševič, spiegava la necessità di svolgere una propaganda fissa in ciascun villaggio: «È necessario che ognuno impari un mestiere o un'occupazione determinata per poi disseminarsi su un territorio dove sia possibile mantenere con facilità delle comunicazioni gli uni con gli altri», in modo che in pochi anni quel territorio arriverebbe «a un notevole grado di spirito rivoluzionario», traendo così «nuove energie per le altre regioni».
Nato con queste premesse, il movimento iniziò a interessare le regioni di Mosca, di Tver', di Kaluga e di Tula, per allargarsi sia a oriente, nelle province di Jaroslavl', di Nižnij Novgorod, di Samara e di Saratov, che in Ucraina, nelle regioni di Černigov, di Charkiv, di Cherson e di Kiev. «Non s'era visto niente di simile né prima né dopo» - scrisse Kravčinskij, uno dei protagonisti - le persone «abbandonano case, ricchezze, onori, famiglie, si gettano nel movimento con una gioia, un entusiasmo, una fede che non si prova che una sola volta nella vita». Motivazioni politiche, psicologiche ed etiche si confusero: «non si cercava soltanto di giungere a un certo fine pratico, ma anche di appagare un intenso sentimento del dovere, un'aspirazione verso la propria perfezione morale».
Lo studente di medicina e populista ebreo Osip Aptekman decise di farsi cristiano prima di partire per i villaggi intorno a Penza, dove vivevano comunità di molocani, una setta cristiana: «mi sentii letteralmente rinnovato» - scrive - «mi ero così avvicinato ai contadini tra i quali sarei vissuto». Prima di partire, molti cercarono d'imparare un mestiere organizzando laboratori sotto la guida di un operaio che condivideva le loro idee e divennero calzolai, falegnami, ebanisti.
Nell'estate del 1874 migliaia di studenti, vestiti da contadini, si misero in cammino, da soli o a gruppi, verso i villaggi, avvicinando i mužiki e lavorando per loro e con loro, per guadagnarsi la loro fiducia e dimostrare di essere capaci di guadagnarsi da vivere, di sapere e voler vivere come loro e condividere la loro miseria. Poi parlarono apertamente ai contadini, dicendo che quella terra era di tutti loro, e che bisognava ribellarsi.
Non ci fu nessuna rivolta. I contadini si mostrarono ora sorpresi ora diffidenti verso quella gente di città così diversa da loro benché si vestisse come loro. Quattromila di quegli studenti furono fermati e interrogati dalla polizia. Alla fine dell'anno il ministro della Giustizia K. I. Palen poteva tirare le somme: 770 persone erano sotto processo, 265 in carcere, 452 in libertà provvisoria e 53 latitanti.
Anche i populisti trassero un insegnamento dall'«andata al popolo» e analizzarono il rapporto del conte Palen. Il ministro aveva sostenuto che la responsabilità del movimento rivoluzionario andava attribuita a Lavrov e a Bakunin. A loro avviso, invece, era stato quel movimento a influenzare Lavrov, mentre Bakunin aveva sempre avuto scarso seguito in Russia. L'«onore» dell'iniziativa rivoluzionaria spettava unicamente «a tutta la gioventù russa» che non aveva «bisogno di loro» perché sapeva «da sé quel che occorra fare», tanto da essere «finalmente riuscita, dopo una lotta disperata, a creare una minacciosa forza rivoluzionaria».


Buon viaggio della vita

    E' tutto il pomeriggio che ci provo ma ce l'ho fatta..HO COMPRATO I BIGLIETTI PER IL CONCERTO AL GRAN TEATRO DI BAGLIONI!NON VEDO L'ORA! Stavo ascoltando l'ultimo cd e Dio mio quant'è bello! Ma quello che mi ha colpito è stata questa canzone..quant'è bella! E il video..pensare che mi aspetta uno spettacolo del genere al concerto..sono troppo eccitata! Ma ovviamente tutte le canzoni hanno un ricordo..non la vedrai mai, ma voglio comunque dedicartela, non ci [...]

Robert De Niro senza freni: "Trump è un idiota, dobbiamo liberarcene"

Robert De Niro senza freni: "Trump è un idiota, dobbiamo liberarcene"

  . . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Robert De Niro senza freni: "Trump è un idiota, dobbiamo liberarcene" L'attore continua: "È una disgrazia e un danno per il nostro Paese" «Scusate, non è che sono ossessionato dalla politica, ma questo idiota proprio non riesco a digerirlo. È una disgrazia e un danno per il nostro Paese». In teoria, Robert De Niro è venuto all’organizzazione culturale di Manhattan 92Y per [...]

Sylvie Lubamba ho fatto richiesta del reddito di cittadinanza

Sylvie Lubamba ho fatto richiesta del reddito di cittadinanza

L'ex modella - showgirl Sylvie Lubamba era diventata famosa con la sua partecipazione nei programmi di Chiambretti e dopo essere tornata in libertà il giorno di Natale 2017 dopo tre anni passati in carcere per uso indebito di carte di credito, confessa di non passarsela affatto bene e di aver richiesto il reddito di cittadinanza ed essere in lista per l’assegnazione una casa popolare. Attraverso un comunicato stampa la showgirl ha reso nota la sua condizione: [...]

Sylvie Lubamba ho problemi economici ho richiesto il reddito di cittadinanza

Sylvie Lubamba ho problemi economici ho richiesto il reddito di cittadinanza

L'ex showgirl Sylvie Lubamba era diventata famosa con la sua partecipazione nei programmi di Chiambretti e dopo essere tornata in libertà il giorno di Natale 2017 dopo tre anni passati in carcere per uso indebito di carte di credito, confessa di non passarsela affatto bene e di aver richiesto il reddito di cittadinanza ed essere in lista per l’assegnazione una casa popolare. Attraverso un comunicato stampa la showgirl ha reso nota la sua condizione: “Attendo [...]

Sylvie Lubamba ho richiesto il reddito di cittadinanza e la casa popolare

Sylvie Lubamba ho richiesto il reddito di cittadinanza e la casa popolare

Sylvie Lubamba era diventata famosa con la sua partecipazione nei programmi di Chiambretti e dopo essere tornata in libertà il giorno di Natale 2017 dopo tre anni passati in carcere per uso indebito di carte di credito, confessa di non passarsela affatto bene e di aver richiesto il reddito di cittadinanza ed essere in lista per l’assegnazione una casa popolare. Attraverso un comunicato stampa la showgirl ha reso nota la sua condizione: “Attendo risposta, sono [...]

Sylvie Lubamba ho chiesto il reddito di cittadinanza

Sylvie Lubamba ho chiesto il reddito di cittadinanza

La vita dell ex showgirl Sylvie Lubamba oggi è completamente stravolta,era diventata famosa con la sua partecipazione nei programmi di Chiambretti e dopo essere tornata in libertà il giorno di Natale 2017 dopo tre anni passati in carcere per uso indebito di carte di credito, confessa di non passarsela affatto bene e di aver richiesto il reddito di cittadinanza ed essere in lista per l’assegnazione una casa popolare. Attraverso un comunicato stampa la showgirl [...]

Non succede, ma se succede...

 Arriva nelle (tante) sale Italiane il nuovo Film Commedia Non succede, ma se succede... (Usa 2019, 115'. Nella Foto). Regia di Jonathan Levine. Nel cast: Charlize Theron, Seth Rogen, O'Shea Jackson Jr., Randall Park, June Diane Raphael. «New York. Rimasto senza lavoro, il giornalista Fred Flarsky incontra un'amica d'infanzia, Charlotte Field, che un tempo gli faceva da baby sitter e ora è candidata alla presidenza degli Stati Uniti. Charlotte chiama Fred nel [...]

Il Sindaco del Rione Sanità

Si conferma nelle Sale il Film Drammatico Il Sindaco del Rione Sanità (Italia 2019, 115'. Nella Foto). Regia di Mario Martone. Nel cast: Francesco Di Leva, Roberto De Francesco, Massimiliano Gallo, Adriano Pantaleo, Daniela Ioia, Giuseppe Gaudino e il Collettivo attori indipendenti del Nest; con l'amichevole partecipazione di Ernesto Mahieux.Sceneggiatura tratta dalla Commedia di Eduardo De Filippo: «Napoli. Antonio Barracano ha il carisma di un rapper e il [...]

Aquile Randagie

 Arriva Lunedì 30 Settembre in alcune Sale il nuovo Film Drammatico Aquile Randagie (Italia 2019, 100'. Nella Foto). Regia di Gianni Aureli. Nel cast: Teo Guarini, Alessandro Intini, Romeo Tofani, Ralph Palka, Marco Pratesi. Una storia vera: «Milano. Un gruppo di scout si oppone al Fascismo, che chiude le associazioni cattoliche. Con la guerta, il Gruppo “Aquile Randagie” in Val Codera offre il proprio contributo e sfocia nel movimento Oscar, che [...]

Machete, recensione di Biagio Giordano

Machete, recensione di Biagio Giordano

Machete, di Ethan Maniquis, R. Rodriguez, con Danny Trejo, Robert De Niro. Usa, 2010, genere thriller, durata 105 minuti. Machete, ex agente della polizia federale messicana, vaga per le strade bruciate del Texas, quando gli viene proposto per 156.000 dollari di assassinare un senatore ritenuto corrotto, accettato l'incarico Machete si rende conto al momento dell'esecuzione di essere caduto in una trappola. Tre anni dopo Machete scatena la vendetta contro gli [...]

I giocolieri nel Palazzo

Considerazioni sull'attuale situazione politica in Italia. In queste ultime settimane nutro una certa pena per il mio Paese , ancora una volta svilito e ridicolizzato da quelli che io chiamo i giocolieri nel palazzo ovvero quei politici che pur di rimanere al poter si esibiscono in complicate acrobazie che non trovi  neanche al Circo Orfei . Ma vi rendete conto di quello che stanno combinando PD e 5 stelle ? Dopo aver passato gli ultimi anni ad insultarsi a [...]

Laura Morante madrina di Mangiacinema

Laura Morante madrina di Mangiacinema

Laura Morante madrina di Mangiacinema L'attrice ritirerà il Premio Mangiacinema - Creatrice di Sogni e presenterà "La tragedia di un uomo ridicolo" SALSOMAGGIORE TERME (Parma) – È Laura Morante la madrina della sesta edizione di Mangiacinema - Festa del cibo d’autore e del cinema goloso, che si svolgerà a Salsomaggiore Terme dal 25 settembre al 2 ottobre e che sarà dedicata a Bernardo Bertolucci. La Morante sarà l'ospite d'onore della prima giornata [...]

Scuola di Arti Visive e Digitali. Inaugurazione a Bisceglie

 Inaugura Domenica 22 Settembre a Bisceglie la nuova Scuola di arti visive e digitali del Laboratorio urbano Cineclub Canudo.  Nasce una vera e propria scuola, con corsi annuali legati alle arti visive e digitali, con un’offerta formativa per chi voglia specializzarsi ed acquisire un bagaglio di conoscenze e competenze tecniche in ambito artistico e professionale, spendibili nel mondo del lavoro, nelle diverse categorie e mansioni e a vari livelli. I corsi si [...]

Grandi Bugie tra Amici

 Arriva nelle sale Italiane il nuovo Film Commedia Grandi Bugie tra Amici (Tit. Orig.: Nous finirons ensemble - Francia 2019, 131'. Nella Foto). Regia di Guillaume Canet. Nel cast: François Cluzet, Marion Cotillard, Gilles Lellouche, Laurent Lafitte, Benoît Magimel. «Dopo diversi anni, un gruppo di amici storici si ritrova a sorpresa nella casa al mare di Max per il suo compleanno. Max non finge neppure di essere felice. Anzi, fa di tutto per non mettere a [...]

La mafia non è più quella di una volta

 Arriva nelle sale il nuovo Film Documentario La mafia non è più quella di una volta (Italia 2019. 98. Nella Foto). Regia di Franco Maresco. Con Letizia Battaglia, Ciccio Mira. «Nel 2017, a 25 anni dalle stragi di Capaci e via D'Amelio, si discute sull'assenza e la manipolazione della memoria, nei confronti di due difensori della legalità: Letizia Battaglia, che ha fotografato le guerre di mafia e Ciccio Mira, impresario che allo Zen dedica una serata a [...]

«Carolyn Smith è morta», ma è una fake news. Lo sfogo della coreografa: «Sono viva e vado avanti con le cure»

«Carolyn Smith è morta», ma è una fake news. Lo sfogo della coreografa: «Sono viva e vado avanti con le cure»

Carolyn Smith risponde con un video su Instagram alle voci, sempre più frequenti e diffuse negli ultimi giorni, che la vorrebbero in fin di vita o addirittura morta. La coreografa britannica, nota nel nostro paese soprattutto per la partecipazione al talent show di Rai 1 Ballando con le stelle, ha deciso di sfogarsi in maniera diretta contro tutte le voci relative alla sua morte che negli ultimi giorni l'hanno letteralmente assalita. Fin dall'inizio Carolyn ha [...]

«Carolyn Smith è morta», ma è una fake news. Lo sfogo della coreografa: «Sono viva e vado avanti con le cure»

«Carolyn Smith è morta», ma è una fake news. Lo sfogo della coreografa: «Sono viva e vado avanti con le cure»

Carolyn Smith risponde con un video su Instagram alle voci, sempre più frequenti e diffuse negli ultimi giorni, che la vorrebbero in fin di vita o addirittura morta. La coreografa britannica, nota nel nostro paese soprattutto per la partecipazione al talent show di Rai 1 Ballando con le stelle, ha deciso di sfogarsi in maniera diretta contro tutte le voci relative alla sua morte che negli ultimi giorni l'hanno letteralmente assalita. Fin dall'inizio Carolyn ha [...]

Del Brocco: J'accuse una denuncia contro ogni pregiudizio da cinecittànews

Del Brocco: J'accuse una denuncia contro ogni pregiudizio da cinecittànews

"È un riconoscimento ad un film bellissimo e al genio di Roman Polanski - commenta Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema - Il Leone d’Argento - Gran Premio della Giuria premia un impianto registico maestoso, che solo pochi cineasti contemporanei riescono a costruire con la stessa forza visiva ed emotiva. J'accuse - una coproduzione Francia-Italia con Eliseo Cinema e Rai Cinema - è un film che va dritto all'obiettivo di denuncia e di [...]

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, passione sotto i riflettori

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, passione sotto i riflettori

Accolti come divi in laguna, anche Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser hanno sfilato su un red carpet da sogno. “Chechu, un po’ indisciplinata come sempre, però per fortuna che c’ero io che l’ho disciplinata un po’ per la storia. Comunque fico fico“. E' stato il commento a caldo di Ignazio che si è presentato elegante e bellissimo con un classico smoking scuro. Ha scelto il total black anche Cecilia con un abito ricercato con tanto di velo scuro a [...]

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, passione sotto i riflettori

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, passione sotto i riflettori

Accolti come divi in laguna, anche Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser hanno sfilato su un red carpet da sogno. “Chechu, un po’ indisciplinata come sempre, però per fortuna che c’ero io che l’ho disciplinata un po’ per la storia. Comunque fico fico“. E' stato il commento a caldo di Ignazio che si è presentato elegante e bellissimo con un classico smoking scuro. Ha scelto il total black anche Cecilia con un abito ricercato con tanto di velo scuro a [...]

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, passione sotto i riflettori

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, passione sotto i riflettori

Accolti come divi in laguna, anche Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser hanno sfilato su un red carpet da sogno. “Chechu, un po’ indisciplinata come sempre, però per fortuna che c’ero io che l’ho disciplinata un po’ per la storia. Comunque fico fico“. E' stato il commento a caldo di Ignazio che si è presentato elegante e bellissimo con un classico smoking scuro. Ha scelto il total black anche Cecilia con un abito ricercato con tanto di velo scuro a [...]

&id=HPN_Andata+nel+popolo_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Andata{{}}nel{{}}popolo" alt="" style="display:none;"/> ?>