Anestesiologia

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

La scheda: Anestesiologia

Anestesia indica genericamente l'abolizione della sensibilità, della coscienza e del dolore, associato a rilassamento muscolare. L'anestesiologia è quindi quella branca della medicina che si occupa di annullare la sensibilità dolorifica e la coscienza durante un intervento di chirurgia o durante una procedura invasiva. La parola fu inventata dal medico e poeta Oliver Wendell Holmes, che la mutuò dal greco ἀναισθησία ("mancanza della facoltà di sentire", per via dell'alfa privativo). Il termine può anche indicare un sintomo di molte malattie nervose (vedi Anestesia organica).
L'anestesia generale viene realizzata mediante farmaci "anestetici" e che inducono uno stato di narcosi, ovvero una condizione di perdita di coscienza in cui possono essere alterate in varia misura anche le funzioni vegetative. I farmaci che inducono la narcosi possono essere somministrati dall'anestesista principalmente per due vie: quella iniettiva (nello specifico quella endovenosa) e quella inalatoria.
Gli scopi dell'anestesia sono: la soppressione dello stato di coscienza (ipnosi), l'abolizione del dolore (analgesia), il rilassamento dei muscoli (miorisoluzione), l'abolizione del ricordo (amnesia) e la riduzione delle complicazioni legate allo stress chirurgico.
L'anestesia viene divisa in tre fasi: pre-operatoria (preparazione), intra-operatoria (somministrazione dei farmaci anestetici e monitoraggio) e post-operatoria (risveglio e recupero delle funzioni vitali).
È indispensabile in ogni tipo di chirurgia, in quanto consente ai pazienti di essere sottoposti ad interventi e ad altre procedure (TAC, endoscopia) senza dolore, ansia e proteggendo l'organismo dal trauma dell'intervento stesso. I progressi della chirurgia maggiore sono dovuti principalmente ai progressi della moderna anestesia. Infatti essa permette di poter anestetizzare, oggigiorno, praticamente qualsiasi tipo di paziente: qualunque sia la sua condizione di salute ed i rischi connessi.


deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

16 ottobre 1846 - Primo uso come anestetico dell'etere da parte del medico statunitense William Morton, padre della chirurgia indolore

16 ottobre 1846 - Primo uso come anestetico dell'etere da parte del medico statunitense William Morton, padre della chirurgia indolore

William Green Morton Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. William Thomas Green. William Thomas Green Morton (Massachusetts, 9 agosto 1819 – Boston, 15 luglio 1868) è stato un medico dentista statunitense. Malgrado non avesse mai esercitato la professione medica, ma solo quella di dentista, svolse studi fondamentali alla base dell'anestesiologia moderna. Scoperte scientifiche È considerato lo scopritore dell'azione anestetica dell'etere dietilico. In realtà fu [...]

&id=HPN_Anestesiologia_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Anestesia" alt="" style="display:none;"/> ?>