Anne Frank

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Father
In rilievo

Father

Anna Frank

La scheda: Anna Frank

Annelies Marie Frank, detta Anne (pronuncia olandese: , tedesca: , ascolta), nome spesso italianizzato in Anna Frank, (Francoforte sul Meno, 12 giugno 1929 – Bergen-Belsen, febbraio o marzo 1945), è stata una deportata e scrittrice ebrea tedesca, divenuta un simbolo della Shoah per il suo diario, scritto nel periodo in cui lei e la sua famiglia si nascondevano dai nazisti, e per la sua tragica morte nel campo di concentramento di Bergen-Belsen. Visse parte della sua vita ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, dove la famiglia si era rifugiata dopo l'ascesa al potere dei nazisti in Germania. Fu privata della cittadinanza tedesca nel 1935, divenendo così apolide e nel proprio diario scrisse che ormai si sentiva olandese e che dopo la guerra avrebbe voluto ottenere la cittadinanza dei Paesi Bassi, Paese nel quale era cresciuta.



Il diario di Anna Frank, film del 1959 diretto da George Stevens
Anne no nikki: Anne Frank monogatari ("Il diario di Anne: la storia di Anne Frank"), film d'animazione giapponese per la televisione del 1978 diretto da Eiji Okabe
Il diario di Anna Frank, film del 1980 diretto da Boris Sagal
Anne no nikki ("Il diario di Anne"), film d'animazione giapponese del 1995 diretto da Akinori Nagaoka
La storia di Anne Frank, miniserie televisiva statunitense del 2001
Il diario di Anna Frank, film per la televisione inglese del 2008
Mi ricordo Anna Frank, film per la televisione italiano del 2009.

Anna Frank, la famiglia chiese due volte asilo negli Usa, senza risposta.

Anna Frank, la famiglia chiese due volte asilo negli Usa, senza risposta.

Centinaia di migranti che chiedono aiuto di asilo in Europa è perchè sono in pericolo nei loro paesi. Durante la seconda guerra mondiale migliaia di europei cercavano di fuggire negli Stati Uniti o in Argentina, molti di loro scappavano dai nazisti. Tra questi ci fu la famiglia di Anna Frank, Una ricerca pubblicata in collaborazione fra la Fondazione Frank e il Museo dell’Olocausto di Washington, prova che la famiglia fece due volte domanda di essere accolta [...]

deleted

deleted

EVENTI: Anna Frank

Nel 1939 la madre di Edith raggiunse i Frank ad Amsterdam, dove rimase fino alla sua morte nel gennaio del 1942.

Nel 1938 Otto avviò una seconda ditta insieme al macellaio Hermann van Pels - anche lui in fuga con la sua famiglia ebrea da Osnabrück - per la distribuzione di sale da conservazione, erbe e spezie: la Pectacon.

Dal 1933 Otto Frank diresse la filiale olandese della ditta (tedesca) Opekta.

Nel 1935 e nel 1936 Anna poté ancora fare spensierate vacanze con la sua prozia parigina Olga Spitzer in Svizzera a Sils im Engadin, dove strinse amicizia con una ragazza del posto.

Nel 1931 questa si era trasferita con la figlia Helene detta "Leni" (zia di Anna e sorella di Otto) ed i figli di lei Stephan e Bernhard (divenuto poi famoso come attore con lo pseudonimo di Buddy Elias) a Basilea, dove suo marito nel 1929 aveva aperto la rappresentanza svizzera della Opekta, una ditta producente pectina per la realizzazione di marmellate.

Nel 1998 la scrittrice Melissa Müller la identificò come responsabile della delazione, ma ritirò l'accusa nel 2003 allorquando la storica britannica Carol Ann Lee confutò tale tesi, supportata dalle ricerche senza esito del Istituto olandese per la documentazione di guerra (Nederlands Instituut voor Oorlogsdocumentatie, NIOD).

Nel 2009 il giornalista olandese Sytze van der Zee nel suo libro Vogelvrij – De jacht op de joodse onderduiker si occupò dell'ipotesi che la traditrice potesse essere stata Ans van Dijk.

Nel 1956 il diario venne adattato in un'opera teatrale che vinse il Premio Pulitzer, nel 1959 ne venne tratto un film, nel 1997 ne fu tratta un'opera di Broadway con materiale aggiunto dal diario originale.

L'11 settembre 1944 furono trasferiti nel Campo di concentramento di Amersfoort.

Il 3 settembre 1944 Anna Frank e gli altri clandestini vennero caricati sull'ultimo treno merci in partenza per Auschwitz, dove giunsero tre giorni dopo.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Anna Frank

Firma di Anna Frank

Firma di Anna Frank

La casa di Anna Frank ad Amsterdam, in Prinsengracht 263. Anna era piuttosto soddisfatta del nascondiglio: « L'Alloggio segreto è un nascondiglio ideale! Anche se è umido e storto non esiste in tutta Amsterdam, né probabilmente in tutta l'Olanda, un nascondiglio più comodo di questo »

La casa di Anna Frank ad Amsterdam, in Prinsengracht 263. Anna era piuttosto soddisfatta del nascondiglio: « L'Alloggio segreto è un nascondiglio ideale! Anche se è umido e storto non esiste in tutta Amsterdam, né probabilmente in tutta l'Olanda, un nascondiglio più comodo di questo »

Statua di cera di Anna Frank al Madame Tussauds di Amsterdam

Statua di cera di Anna Frank al Madame Tussauds di Amsterdam

Ricostruzione della libreria girevole che nascondeva l'accesso al rifugio segreto.

Ricostruzione della libreria girevole che nascondeva l'accesso al rifugio segreto.

Tomba di Anna e Margot a Bergen-Belsen, dove morirono nel febbraio 1945

Tomba di Anna e Margot a Bergen-Belsen, dove morirono nel febbraio 1945

Statua commemorativa di Anna Frank a Barcellona

Statua commemorativa di Anna Frank a Barcellona

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_Anne+Frank_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Anne{{}}Frank" alt="" style="display:none;"/> ?>