Armata Nazionale della Kampuchea Democratica

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Località
In rilievo

Località

Partito Rivoluzionario del Popolo Khmer

La scheda: Partito Rivoluzionario del Popolo Khmer

Il Partito Comunista di Kampuchea , noto anche come Partito Comunista Khmer fu un partito politico comunista cambogiano, fondato nel 1951. Un altro nome del partito era Angkar Padevat, letteralmente "Organizzazione Rivoluzionaria".
Ebbe origine dal Partito Comunista Indocinese, allorché nel dopoguerra questo si scisse nelle varie componenti nazionali, quella principale vietnamita, quella laotiana e quella cambogiana. Inizialmente si chiamava "Partito Rivoluzionario del Popolo Khmer" controllato e sovvenzionato dai comunisti vietnamiti. La componente interna dall'accento più nazionalista che si organizzò attorno a Pol Pot fu inizialmente minoritaria, tanto da riscrivere successivamente la propria storia, dichiarando che la nascita del partito risaliva al 1960.
Allorché venne dichiarato illegale da Sihanouk, il partito pare contasse solo un centinaio di aderenti attivi che nel corso degli anni sessanta aumentarono a dismisura, venendo indicati dall'esterno come Khmer rossi. Il termine venne coniato da Norodom Sihanouk, che in realtà l'aveva inizialmente usato per denominare in maniera generica tutti gli esponenti della sinistra.
Passò dalla clandestinità al riconoscimento ufficiale con l'instaurazione della Kampuchea Democratica, segnata dalla presa di Phnom Penh del 17 aprile 1975. Il governo di Pol Pot cessò con l'invasione vietnamita e l'occupazione della capitale nel gennaio 1979, ma il partito continuò a controllare per anni diverse zone del paese. Ebbe fine formalmente nel 1981, quando si riorganizzò nel Partito della Kampuchea Democratica, rinunciando formalmente all'appellativo di "comunista". Fece così parte del Governo di coalizione della Kampuchea Democratica, che occupò il seggio della Cambogia all'ONU per diversi anni, godendo di ampio appoggio internazionale, dissolto dopo aver cambiato nome solo nel 1993.
Il partito dei Khmer Rossi venne associato al genocidio avvenuto dopo la presa del potere nel 1975, che causò la morte di un numero imprecisato di persone attraverso carestie, lavori forzati ed esecuzioni sommarie. Fu uno dei regimi più violenti del XX secolo, ad oggi il regime con la più alta percentuale tra popolazione e numero di morti.
Finora solo tre dei leader Khmer Rossi sono stati processati e condannati. Molti politici dirigenti, e soprattutto quelli più implicati nelle esecuzioni sommarie verificatesi durante la loro breve dittatura, hanno beneficiato di un'amnistia ad hoc, approvata soprattutto per motivi politici e di ordine pubblico. È probabile che alcuni gerarchi dei Khmer Rossi abbiano causato la morte del loro leader, Pol Pot, allo scopo di non consegnarlo vivo nelle mani del Tribunale penale internazionale, l'organismo sovranazionale deputato a giudicare i rei di crimini contro l'umanità e di genocidio.


Khmer rossi, gli ultimi leader condannati per genocidio

Khmer rossi, gli ultimi leader condannati per genocidio

Sentenza storica in Cambogia sui crimini del regime di Pol Pot

Cambogia, ergastolo a due ex dirigenti Khmer rossi per genocidio

Cambogia, ergastolo a due ex dirigenti Khmer rossi per genocidio

Milano (askanews) - I due più alti dirigenti dei Khmer rossi ancora in vita sono stati condannati in Cambogia all'ergastolo per "genocidio". Quello del tribunale sostenuto dalle Nazioni Unite è un verdetto storico contro un regime che ha portato alla morte di circa due milioni di persone, tra il 1975 e 1979. La sentenza per la prima volta, ha stabilito che il sistema di potere messo in piedi da Pol Pot ha commesso un genocidio. L'ideologo del regime Nuon Chea [...]

Cambogia, condannati ultimi leader Khmer Rossi

Cambogia, condannati ultimi leader Khmer Rossi

Per genocidio. I due stanno gia' scontando un ergastolo

Condannati gli ultimi Khmer Rossi

Condannati gli ultimi Khmer Rossi

(ANSA) – PHNOM PENH, 16 NOV – Un tribunale cambogiano ha condannato gli ultimi due ex Khmer Rossi all’ergastolo per genocidio. I due, Nuon Chea, 92 anni, e and Khieu Samphan, 87, sono gli ultimi leader dei Khmer Rossi sopravvissuti e stanno già scontando una condanna al carcere a vita per le scomparse e le deportazioni forzate avvenute durante il loro sanguinario regime, alla fine degli anni ’70.

Animazione racconta khmer rossi e abuso

Animazione racconta khmer rossi e abuso

(ANSA) – ROMA, 20 OTT – L’animazione come strumento per raccontare anche drammi e temi forti è protagonista alla Festa del Cinema di Roma, con due opere presentate nella stessa giornata. In selezione ufficiale c’è il franco/belga Funan di Denis Do, già trionfatore ad Annecy. Ispirandosi alla storia della madre, il regista rievoca le deportazioni in Cambogia di milioni di persone ad opera dei khmer rossi e il loro regime di terrore, morte, violenza e [...]

Ascoltarono musica, afghane frustate da talebani in un video

Ascoltarono musica, afghane frustate da talebani in un video

Invitate a un matrimonio, in quell’occasione ascoltarono a musica e guardarono i balli: con questa ‘accusa’ due donne afghane, con indosso il burqa e mostrate di spalle, vengono fatte inginocchiare e ricevono decine di frustate in un video girato da talebani nella provincia afghana del Nuristan. Il video, la cui veridicità non è però confermata, sta circolando su Twitter, postato come propaganda dagli stessi talebani ed è stata ripresa da vari media. [...]

No ai talebani della famiglia. A Verona cercano riparo in un mondo che non c'è più.Raduno mondiale del rancore e colpe della sinistra

No ai talebani della famiglia. A Verona cercano riparo in un mondo che non c'è più.Raduno mondiale del rancore e colpe della sinistra

Secondo QUESTI DEFICENTI la famiglia tradizionale si difende ostacolando gli omosessuali? Se togliamo dei diritti a qualcun'altro, i miei non aumentano. Anzi magari sono il prossimo. Senza parlare che quando qualcuno induca il nemico ho l'impressione che mi voglia prendere per il c..o. La famiglia tradizionale non è sotto attacco: nessuno proibisce ad un uomo ed una donna di sposarsi, stare insieme e fare quanti figli vogliono, se non le politiche contro il [...]

A3 Size Flatbed Printer Print on Pen

Quick DetailsModel NO.: YH-A3GTrademark: YINGHESpecification: CEOrigin: Guangdong ChinaProduct Description Quick DetailsType: Inkjet PrinterCondition: NewPlate Type: OtherPlace of Origin: Guangdong, China (Mainland)Brand Name: YingheModel Number: YH-A3GUsage: OtherAutomatic Grade: Semi-AutomaticColor & Page: MulticolorGross Power: 110-220V [...]

Malaysia: trovati 34 Rohingya

Malaysia: trovati 34 Rohingya

(ANSA) – BANGKOK, 2 MAR – Oltre trenta donne e bambini Rohingya sono stati ritrovati ieri lungo una spiaggia nel nord della Malaysia, dove si sospetta siano stati abbandonati in mare dai trafficanti. Lo hanno riferito le autorità di Kuala Lumpur. Il gruppo di 34 persone, tra cui nove bambini, era affamato e ricoperto di fango vicino al villaggio di Kuala Sungai Baru, nello stato di Perlis. La polizia li ha trovati su segnalazione di alcuni residenti, che [...]

23 soldati afghani uccisi da Talebani

23 soldati afghani uccisi da Talebani

(ANSA) – ROMA, 2 MAR – Ventitré soldati afghani sono stati uccisi in un attacco rivendicato dai Talebani che hanno cercato di impadronirsi di una base militare nel sud del Paese. Lo ha reso noto il ministero della Difesa di Kabul citato dal sito della Bbc in persiano. Altri 16 soldati sono rimasti feriti nell’attacco, cominciato nella notte tra giovedì e venerdì e continuato fino al tramonto di ieri.

Politica: Partito Rivoluzionario del Popolo Khmer

Partito: Ieng Sary.

Partito: Khieu.

Partito: Mâm Nay.

Partito: Nuon.

Partito: Son Sen.

Partito: Nhuon Kang.

Partito: Tou.

Partito: Saloth.

Mezzo milione bimbi Rohingya rifugiati

Mezzo milione bimbi Rohingya rifugiati

(ANSA) – ROMA, 27 FEB – Mezzo milione di bambini Rohingya sono rifugiati apolidi nell’area di Cox’s Bazar nel Bangladesh sudorientale, sempre più preoccupati per il loro futuro, e vulnerabili a frustrazioni e disperazione. La denuncia arriva dall’Unicef che sottolinea “l’ampio sforzo umanitario del Governo del Bangladesh con il supporto internazionale”, tuttavia non sufficiente a trovare soluzioni per i piccoli Rohingya che vivono [...]

Fawzia Koofi, la politica afgana che combatte i talebani

Fawzia Koofi, la politica afgana che combatte i talebani

Kabul, 26 feb. (askanews) - I talebani l'hanno minacciata, hanno incarcerato suo marito e hanno provato ad ucciderla ma Fawzia Koofi, politica afgana, non ha voluto perdere l'occasione di incontrare i suoi persecutori per dire loro in faccia che misoginia e pregiudizi non vinceranno in Afghanistan. L'occasione è stata un incontro informale in un hotel di Mosca fra una delegazione di talebani e alcuni membri dell'opposizione. "È stata la prima volta che ho visto [...]

FOTO: Partito Rivoluzionario del Popolo Khmer

Uniformi indossate dai membri del partito comunista di kampuchea

Uniformi indossate dai membri del partito comunista di kampuchea

Uniformi indossate dai membri del partito comunista di kampuchea

Uniformi indossate dai membri del partito comunista di kampuchea

Uniformi indossate dai membri del partito comunista di kampuchea

Uniformi indossate dai membri del partito comunista di kampuchea

Uniformi indossate dai membri del partito comunista di kampuchea

Uniformi indossate dai membri del partito comunista di kampuchea

Uniformi indossate dai membri del partito comunista di kampuchea

Uniformi indossate dai membri del partito comunista di kampuchea

'Piccolo Messi' minacciato da talebani

'Piccolo Messi' minacciato da talebani

(ANSA) – ROMA, 6 DIC – Non c’è tregua per il ‘piccolo Messi’, il bambino afghano diventato una star di internet due anni fa per una foto che lo ritraeva con la maglietta del suo idolo ricavata da una maglietta di plastica. La sua famiglia ha raccontato alla Bbc di aver ricevuto nuove minacce dai talebani e di aver dovuto lasciare il loro villaggio nella provincia sudorientale di Ghazni per fuggire a Kabul. “Uomini armati sono venuti e ci hanno detto: [...]

Khmer rossi, gli ultimi leader condannati per genocidio

Khmer rossi, gli ultimi leader condannati per genocidio

Sentenza storica in Cambogia sui crimini del regime di Pol Pot

Cambogia, ergastolo a due ex dirigenti Khmer rossi per genocidio

Cambogia, ergastolo a due ex dirigenti Khmer rossi per genocidio

Milano (askanews) - I due più alti dirigenti dei Khmer rossi ancora in vita sono stati condannati in Cambogia all'ergastolo per "genocidio". Quello del tribunale sostenuto dalle Nazioni Unite è un verdetto storico contro un regime che ha portato alla morte di circa due milioni di persone, tra il 1975 e 1979. La sentenza per la prima volta, ha stabilito che il sistema di potere messo in piedi da Pol Pot ha commesso un genocidio. L'ideologo del regime Nuon Chea [...]

Cambogia, condannati ultimi leader Khmer Rossi

Cambogia, condannati ultimi leader Khmer Rossi

Per genocidio. I due stanno gia' scontando un ergastolo

Condannati gli ultimi Khmer Rossi

Condannati gli ultimi Khmer Rossi

(ANSA) – PHNOM PENH, 16 NOV – Un tribunale cambogiano ha condannato gli ultimi due ex Khmer Rossi all’ergastolo per genocidio. I due, Nuon Chea, 92 anni, e and Khieu Samphan, 87, sono gli ultimi leader dei Khmer Rossi sopravvissuti e stanno già scontando una condanna al carcere a vita per le scomparse e le deportazioni forzate avvenute durante il loro sanguinario regime, alla fine degli anni ’70.

Centinaia di rohingya protestano: non al ritorno in Myanmar

Centinaia di rohingya protestano: non al ritorno in Myanmar

Milano (askanews) -Centinaia di Rohingya hanno organizzato una protesta al confine fra Bangladesh e Myanmar contro il programma di rimpatrio deciso dal governo, nel giorno in cui il primo gruppo sarebbe dovuto partire e tornare in Rakhine. Da quella regione un anno fa 720mila persone sono fuggite per salvarsi da quello che le Nazioni Unite hanno definito un "genocidio" contro la minoranza musulmana, che non è riuscita a trovare un sostegno neanche nella ormai ex [...]

"Uccideteci qui": la paura dei Rohingya di tornare in Birmania

"Uccideteci qui": la paura dei Rohingya di tornare in Birmania

Hakimpara camp (askanews) - "Piuttosto che tornare indietro, ci uccidessero direttamente qui". Così Ali Hossain dà voce alle paure di molti rifugiati Rohingya come lui, scappati in Bangladesh per sfuggire alle persecuzioni dell'esercito in Myanmar e ora spaventati all'idea di doverci ritornare, nell'ambito di un piano di rimpatrio che coinvolge diversi Stati. "Uccideteci prima di rimandarci con la forza in Myanmar. Almeno avremo un funerale. Quelli uccisi lì [...]

Rohingya, il 15/11 inizio rimpatrio da Bangladesh

Rohingya, il 15/11 inizio rimpatrio da Bangladesh

Lo ha annunciato ministro birmano Win Myat Aye

Rimpatrio Rohingya in Birmania il 15/11

Rimpatrio Rohingya in Birmania il 15/11

(ANSA) – YANGON, 11 NOV – Il rimpatrio dei circa 700.000 profughi di etnia Rohingya dal Bangladesh in Birmania inizierà giovedì prossimo, 15 novembre: lo ha annunciato il ministro birmano degli Affari sociali Win Myat Aye. Parlando in conferenza stampa, il ministro ha detto che il governo del Bangladesh ha informato le autorità birmane che il rimpatrio, concordato il linea di principio mesi fa, inizIerà in quella data. Il governo della Birmania ha [...]

Nuova intesa per rimpatrio dei Rohingya

Nuova intesa per rimpatrio dei Rohingya

(ANSA) – ROMA, 30 OTT – Birmania e Bangladesh hanno concordato di iniziare il rimpatrio dei rifugiati Rohingya il mese prossimo, nonostante gli avvertimenti dell’Onu che la repressione contro la minoranza musulmana stia continuando. Il Guardian riferisce che l’accordo è stato raggiunto oggi in un incontro tra i ministri degli Esteri dei due paesi, che hanno elaborato un “piano molto concreto”. “Abbiamo dimostrato la nostra volontà politica, [...]

India avvia i rimpatri dei Rohingya

India avvia i rimpatri dei Rohingya

(ANSA) – NEW DELHI, 4 OTT – Sono stati deportati questa mattina da Manipur, in Assam, al confine con la Birmania, sette cittadini birmani di etnia Rohingya che, sei anni fa, erano entrati in India per fuggire dalle persecuzioni nel loro Paese. Il rimpatrio è stato confermato ai media indiani dal Capo della polizia di frontiera Bhaskar Mahanta. I sette, tutti uomini, erano stati arrestati nel 2012 e, da allora, trattenuti in carcere con l’accusa di [...]

Myanmar, Cpi avvia indagine su Rohingya

Myanmar, Cpi avvia indagine su Rohingya

(ANSA) – L’AJA, 18 SET – Il procuratore capo della Corte penale internazionale de L’Aja ha annunciato l’avvio di un’indagine preliminare sulle deportazioni di centinaia di migliaia di musulmani Rohingya dal Myanmar in Bangladesh. Il procuratore Fatou Bensouda dovrà stabilire se vi sono prove sufficienti per un’indagine completa. L’annuncio è arrivato meno di due settimane dopo che i giudici hanno dato la loro autorizzazione a indagare nonostante [...]

Rohingya: Ue, serve discussione tra 28

Rohingya: Ue, serve discussione tra 28

(ANSA) – BRUXELLES, 27 AGO – “Qualsiasi ulteriore passo” verso un rafforzamento delle sanzioni contro la Birmania “è qualcosa che deve essere discusso con gli stati membri”, e per questo il rapporto odierno dell’Onu che evidenzia un genocidio compiuto da parte dei militari nei confronti dei Rohingya arriva “puntuale e cruciale” prima della prossima riunione della Commissione dei diritti umani all’Onu. Così una portavoce della Commissione Ue, [...]

&id=HPN_Armata+Nazionale+della+Kampuchea+Democratica_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Partito{{}}della{{}}Kampuchea{{}}Democratica" alt="" style="display:none;"/> ?>