Astensionismo in Italia

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Music
In rilievo

Music

La scheda: Astensionismo in Italia

L'astensionismo è, in ambito politico, la non partecipazione sia al voto, quando si venga sporadicamente chiamati ad esprimersi in particolari occasioni referendarie, sia ad elezioni che si ripetono con frequenze regolari. Nel primo caso l'astensionismo varia notevolmente a seconda dell'interesse dell'elettore e del suo coinvolgimento emotivo riguardo ai temi proposti a votazione mentre nell'occasione delle elezioni si sta registrando (almeno sino al 2008) un astensionismo costantemente crescente.



1 L'astensionismo in Italia
2 Le forme dell'astensionismo
3 Il confronto con l'astensionismo in Europa
4 L'astensionismo fra Nord e Sud d'Italia
5 Conclusioni
6 Astensionismo alle elezioni politiche
6.1 Regno d'Italia
7 Astensionismo alle elezioni politiche
7.1 Repubblica Italiana
8 Note
9 Bibliografia
10 Collegamenti esterni

L'astensionismo è, in ambito politico, la non partecipazione sia al voto, quando si venga sporadicamente chiamati ad esprimersi in particolari occasioni referendarie, sia ad elezioni che si ripetono con frequenze regolari. Nel primo caso l'astensionismo varia notevolmente a seconda dell'interesse dell'elettore e del suo coinvolgimento emotivo riguardo ai temi proposti a votazione mentre nell'occasione delle elezioni si sta registrando (almeno sino al 2008) un astensionismo costantemente crescente.


Le analisi statistiche dimostrano che il fenomeno dell'astensionismo è andato crescendo in Italia a partire dagli anni settanta quando con la "questione morale" messa in luce nel 1977 da Enrico Berlinguer, segretario del Partito Comunista Italiano, si cominciò a denunciare la corruzione dei partiti politici.
Dall'iniziale astensionismo del 6,6% degli elettori alle politiche del 1976, considerando anche i cosiddetti voti inespressi, cioè le schede bianche e nulle, si è in tempi recenti arrivati alla non partecipazione al voto di circa un elettore su cinque.
Le elezioni dal 1948 al 1976 vedono l'affluenza degli elettori alle urne con un'incidenza assai rilevante del 92% che diminuisce sempre più a partire dal 1979.
L'analisi politologica, messe da parte le valutazioni moraleggianti, ha identificato le cause del fenomeno innanzitutto nel progressivo sfaldamento dei partiti e delle loro organizzazioni politiche sul territorio che ha fatto mancare la mobilitazione degli elettori e quel senso di identificazione con il programma politico del partito di appartenenza che si traduceva in un'alta partecipazione al voto.
La quasi assenza dell'astensionismo nelle prime elezioni del dopoguerra si giustifica anche per il desiderio dei cittadini di recuperare la libertà politica repressa nel periodo fascista e per la volontà di mettere in atto quel diritto-dovere che la nuova costituzione repubblicana assicurava ai cittadini e che la legge ordinaria sanzionava in caso di non partecipazione al voto.
L'astensionismo aumenta alla fine degli anni '70 anche in coincidenza della nascita di un maggior numero di partiti che, per la necessità di vincere le elezioni, si adattano alla formazione di cartelli elettorali talora eterogenei col risultato di aumentare la sfiducia degli elettori.
Se però con la sfiducia aumenta, negli anni '80 e '90, la decisione di non andare a votare, questa secondo alcuni politologi, è anche significativa di una maggiore razionalizzazione dell'espressione del voto. Mentre prima ci si sentiva legati alle ideologie dei partiti ora alla mancanza della loyalty (fedeltà) nei loro confronti si associa un aumento della exit (uscita), del non voto, con una crescita della voice, della protesta nei confronti di chi ha deluso certe attese magari rivolgendosi a formazioni politiche che fanno professione di rifiuto del sistema partitico.
Discordanti presso gli studiosi le valutazioni dell'astensionismo: secondo alcuni la non partecipazione al voto contraddistingue le democrazie mature dove si assiste a una naturale diminuzione dei votanti collegata a una minore passionalità politica secondo altri l'astensionismo è un pericoloso segnale di sfiducia nella politica. Di fatto oggi l'astensionismo è stato, contrariamente al passato, riconosciuto nell'ambito di un comportamento legittimo del cittadino ridefinendo con le leggi 276 e 277, del 4 agosto 1993 l'espressione del voto come un diritto e non più anche come un dovere.

Vi sono quindi diverse forme dell'astensionismo:

Se confrontiamo l'astensionismo in Italia con quello degli altri paesi europei vediamo che la non partecipazione al voto pone gli italiani al primo posto, con un'astensione che si traduce non tanto nell'assenza ai seggi, come nel resto d'Europa, quanto piuttosto nell'inserire nell'urna schede bianche o nulle. Il che fa pensare che gli italiani risentano ancora del giudizio morale negativo che la società esprime nei confronti di chi non vota e mascherino la loro volontà di astenersi con la presenza al seggio ma con l'espressione di un voto non valido. Tuttavia ancora oggi l'affluenza in Italia è decisamente più alta rispetto ad altre nazioni europee, e l'astensionismo resta quindi relativamente basso.

L'astensionismo è stato fino al 1953 storicamente maggiore di circa due punti percentuale nel meridione italiano rispetto al resto d'Italia: si pensi per esempio alla intensa partecipazione al voto delle cosiddette regioni "rosse", anche se bisogna tener conto del fenomeno migratorio che ha caratterizzato essenzialmente le regioni meridionali con la spesso frequente difficoltà per gli emigrati di raggiungere i seggi nei paesi d'origine o di ricevere i certificati elettorali. Dai dati statistici risulta ora che nelle tre consultazioni politiche, del 1994, 1996, 2001, sebbene vi sia stato un aumento dei non votanti anche nel Nord, l'astensionismo del meridione, specie quello delle isole, è in costante aumento: segnale questo indubbio di un'aumentata sfiducia generale di un elettorato sempre più deluso da dove emerge inoltre che, a livello nazionale, dal '94 al '96 non vi è più molta differenza tra la non partecipazione maschile e quella femminile: e questo anche perché mentre diminuisce l'astensionismo femminile al Sud rispetto a quello maschile, che rimane sostanzialmente immutato, al Nord cresce quello maschile rispetto a quello femminile.

Rispetto ai primi anni della storia della Repubblica oggi il significato del voto è cambiato: ha perso quell'aura di "sacralità" legata alla conquista della libertà dopo la dittatura
La difficoltà a capire le trasformazioni politiche come scissioni, ricomposizioni ed alleanze, ed altri bizantinismi lontani dagli interessi concreti dei cittadini rendono l'astensionismo "fisiologico", come sfiducia e rifiuto ma anche con un significato "sanzionatorio" nei confronti di quei partiti dai quali i votanti con una condotta più razionale, si considerano ormai in gran parte non più legati ideologicamente e ai quali inviano un messaggio di non voto equivalente a un rimprovero e a un invito a modificare i loro comportamenti politici.

N.B. Per le elezioni viene considerato l'astensionismo degli elettori alla Camera dei deputati, per le elezioni del 1994, 1996 e 2001 il dato è relativo alla quota proporzionale.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Astensionismo? Si....forse....perchè.....

Astensionismo? Si....forse....perchè.....

di Piero Murineddu Ogni tanto bisogna pur superare la spilorceria, sempre più in via di cronicizzazione, e spenderlo questo benedetto euro e trenta centesimi per comprare 'sta benedetta "Nuova", anche per vedere se tra i morti c'è qualche conoscente. È così che oggi, tra le solite vignettine tenerine di Gef Sanna e i due bevazzoni che mettono a soqquadro il Pronto Soccorso ( l'ho sempre detto che l'alcol bene non fa...), leggo che i vescovi sardi si son [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

M5S, Di Battista: "Battere l'astensionismo!", non serve a niente non andare a votare!

M5S, Di Battista: "Battere l'astensionismo!", non serve a niente non andare a votare!

«Se dopo venti anni di un bugiardo seriale di Berlusconi e dopo anni del nuovo bugiardo Rienzi gli italiani li votano ancora il problema sono gli italiani». Alessandro Di Battista a Ercolano per l'assemblea nazionale dei 5Stelle sull'ambiente viene accolto come una star. E ripete la sua parola d'ordine: «Il mio nemico è l'astensionismo». L'idea è portare proposte concrete «perché - dice il deputato grillino - anche Gentiloni ormai è in campagna [...]

astensionismo

Non pensavo che sarebbe mai successo. Per la prima volta nella mia vita non sono andato coscientemente a votare. Non aveva senso farlo,  in quanto non c'era nessuno che mi rappresentava. Ho notato che molti hanno avuto il mio istinto,  la cosa non mi meraviglia,  ma ora mi chiedo è questa una democrazia??? P

deleted

deleted

La rinuncia

La rinuncia

La prima  rinuncia è quella spirituale. Chiunque sa di “essere”, mette al primo posto la sua relazione con Dio. Non si è in grado di rinunciare all’avere, se prima non si prende coscienza di “essere”. Da questa intima relazione con Dio, nasce la vera rinuncia all’io accentratore, che lascia lo spazio alla santa obbedienza nella libertà di scelta. Ma è sempre l’amore che dirige l’obbedienza e non il contrario. Solo in questa pienezza di Dio, si [...]

deleted

deleted

Elezioni comunali: il vero boom sarà l'astensionismo?

Elezioni comunali: il vero boom sarà l'astensionismo?

  C'è il silenzio pre-voto. Non si possono pubblicare i sondaggi. Ma i sondaggisti lanciano l'allarme astensionismo. Nicola Piepoli al Corriere della Sera spiega come, con il passare del tempo, dal lontano 1946 l'affluenza alle urne sia sempre più diminuita. Alle politiche del 2013 votò il 75,2 per cento. Ma per Piepoli il calo delle presenze alle urne non è un dramma e cita il caso della Gran Bretagna che, non registra punte altissime di partecipazione al [...]

SE L'ASTENSIONISMO DIVENTA MAGGIORANZA

  Ricevo da Alberto Manzoni questo interessante commento ai risultati elettorali: Ciao Giovanni, mentre mi rallegro con te e la tua famiglia per la bella esperienza a Roma con il Papa e gli scout di cui hai riferito, spero di farti cosa gradita - così risparmi tempo - fornendoti alcuni dati, che tutti peraltro possono recuperare dai mezzi di informazione, in riferimento alla conclusione del turno elettorale amministrativo primaverile, dopo i ballottaggi di ieri. [...]

&id=HPN_Astensionismo+in+Italia_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Abstention" alt="" style="display:none;"/> ?>