Autostrada A Italia

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Autostrada A Italia . Cerca invece Autostrada A3 (Italia).

Vedi anche

Road
In rilievo

Road

Autostrada A3 (Italia)

La scheda: Autostrada A3 (Italia)

L'autostrada A3 Napoli-Reggio Calabria, parte della E45 e della E90, ha un'estensione totale di 494,9 km e rappresenta la continuazione della Autostrada del Sole, l'autostrada che collega il nord con il sud della penisola, da Milano a Napoli.
L'A3 si divide in due segmenti principali che corrispondono alle tratte in gestione delle società SAM SpA, concessionaria del Gruppo Autostrade per l'Italia, da Napoli a Salerno e ANAS SpA, da Salerno a Reggio Calabria.
In corrispondenza del punto dove avviene il cambio di gestione si ha l'azzeramento della progressiva chilometrica. La A3 attraversa la Campania per 171,0 km, la Basilicata per 30,0 km e la Calabria per 293,9 km.



Autostrada A3:
Localizzazione:
Stato:  Italia
Regioni:  Campania  Basilicata  Calabria
Dati:
Classificazione: Autostrada
Inizio:  Napoli
Fine:  Reggio Calabria
Lunghezza: 494,6[1] km
Data apertura: 1929[2]
Gestore: Autostrade Meridionali (tratto Napoli-Salerno) ANAS (tratto Salerno-Reggio Calabria)
Percorso:
Strade europee:  ·
Manuale

Autostrada A3:
Localizzazione:
Stato:  Italia
Regioni:  Campania  Basilicata  Calabria
Dati:
Classificazione: Autostrada
Inizio:  Napoli
Fine:  Reggio Calabria
Lunghezza: 494,6[1] km
Data apertura: 1929[2]
Gestore: Autostrade Meridionali (tratto Napoli-Salerno) ANAS (tratto Salerno-Reggio Calabria)
Percorso:
Strade europee:  ·
Manuale
1 Storia
1.1 Napoli-Salerno
1.2 Salerno-Reggio Calabria
2 Percorso
2.1 Napoli-Salerno
2.2 Salerno-Reggio Calabria
3 Lavori di ammodernamento
4 I viadotti
4.1 Viadotti campani
4.2 Viadotti lucano-calabri
5 Tabella percorso
6 Raccordo autostradale con la SS 106 Jonica
7 Note
8 Bibliografia
9 Altri progetti
10 Collegamenti esterni

L'autostrada A3 Napoli-Reggio Calabria, parte della E45 e della E90, ha un'estensione totale di 494,9 km e rappresenta la continuazione della Autostrada del Sole, l'autostrada che collega il nord con il sud della penisola, da Milano a Napoli.
L'A3 si divide in due segmenti principali che corrispondono alle tratte in gestione delle società SAM SpA, concessionaria del Gruppo Autostrade per l'Italia, da Napoli a Salerno e ANAS SpA, da Salerno a Reggio Calabria.
In corrispondenza del punto dove avviene il cambio di gestione si ha l'azzeramento della progressiva chilometrica. La A3 attraversa la Campania per 171,0 km, la Basilicata per 30,0 km e la Calabria per 293,9 km.


L'Autostrada A3 è divisa in due sottotronchi autostradali: Napoli - Salerno (km 52 gestione SAM di cui circa la metà a tre corsie) e Salerno - Reggio Calabria (km 442,9 gestione ANAS in gran parte soggetta a costanti lavori di ammodernamento) a due corsie e a tre corsie solo nel tratto che va dal km 2,5 (svincolo per il raccordo autostradale Salerno-Avellino) al km 54 (svincolo per il raccordo autostradale Sicignano-Potenza)

Al 26 luglio 2016, con l'apertura del lotto tra Laino Borgo e Campotenese in Calabria (in cui rientra anche il Viadotto Italia), sono stati completati 375,5 km, mentre 68,65 km devono ancora essere cantierizzati.
I tratti già completati sono quelli tra gli svincoli di:
Napoli Barra - Pompei est Scafati (28 km a tre corsie + corsia di emergenza)
Innesto raccordo Salerno-Avellino - Morano (171,6 km, fino a Sicignano 3 corsie + corsia d'emergenza)
Sibari - Cosenza Sud (52,3 km, dal km 207,4 svincolo Sibari incluso al km 259,7 svincolo Cosenza Sud incluso)
Altilia - Pizzo Calabro (51,8 km, dal km 286 svincolo Altilia escluso al km 337,8 svincolo Pizzo Calabro escluso)
Sant'Onofrio - Campo Calabro (85,15 km, dal km 348,6 svincolo Sant'Onofrio escluso al km 433,750 svincolo Campo Calabro incluso)
Svincoli e gallerie da ammodernare al 26 luglio 2016:
Galleria "Laria" tra Laino Borgo e Campotenese (600 metri) da completarsi entro il dicembre 2016
Svincoli di Morano, Castrovillari, Rogliano, Altilia, Pizzo, Sant'Onofrio
Svincoli di Reggio Calabria Gallico, Reggio Catona, Porto di Reggio, Tangenziale di Reggio Calabria, Strada statale 106 Jonica
I tratti da ammodernare sono relativi a 68,65 km, cioè tra gli svincoli di:
Morano - Sibari (22,4 km)
Cosenza - Altilia (26,3 km)
Pizzo Calabro - Sant'Onofrio (10,8 km)
Campo Calabro - Reggio Calabria (9,15 km - tratto stralciato dal macrolotto 6 e che sarà oggetto di lavori di «restyling», in gara a luglio 2015)
Essi saranno rinnovati nel Piano di Manutenzione, al costo di 1 miliardo di euro, interamente finanziato. Secondo ANAS, il PdM comporta notevoli vantaggi, quali il dimezzamento della durata dei lavori, nonché un minore impatto sull'ambiente e la viabilità, rispetto ad una ricostruzione adottata negli altri tratti. Si prevede in particolare:
L'adeguamento delle barriere di sicurezza (i cd. guardrails), tramite la loro sostituzione con barriere tipo H2, con profilo salva motociclisti,
L'installazione di barriere fonoassorbenti o fonorepellenti, ove necessario,
Il rinnovo della pavimentazione, tra cui la posa di nuovo asfalto e nuova segnaletica orizzontale,
L'installazione di centraline meteorologiche e apparecchiature per la connettività wireless, pannelli a messaggio variabile e telecamere di videosorveglianza,
L'installazione di impianti d'illuminazione in corrispondenza degli svincoli, nonché di nuova segnaletica turistica in prossimità di essi,
Il restauro di elementi ammalorati su ponti e viadotti, compreso il rinforzo e l'adeguamento alle norme antisismiche, nonché la posa di reti di protezione,
L'adeguamento delle gallerie, con l'installazione di luci a LED, ventilatori e altri elementi per la sicurezza.
Inoltre, tra Cosenza e Altilia, è prevista la costruzione di una carreggiata complanare (direzione RC), destinata all'arrampicamento dei mezzi pesanti.

Realizzata su terreni irregolari, l'autostrada richiese la costruzione di numerosi viadotti, alcuni dei quali demoliti e sostituiti nel corso dell'opera di ammodernamento.

Dall'uscita di Salerno il conteggio dei chilometri riparte da zero.
(solo carreggiata sud)
Scavi archeologici di Ercolano
dismessa in direzione Napoli
(solo carreggiata nord)
sostituirà lo svincolo di Angri non appena terminata la costruzione
in prossima dismissione
Tangenziale di Salerno
Certosa di Padula Costiera cilentana - Sapri - Marina di Camerota - Palinuro
Aeroporto Internazionale di Lamezia Terme - SUF Stazione di Lamezia Terme Centrale

Tra lo svincolo "Reggio Calabria Porto - Lungomare" e lo svincolo "Reggio Calabria Nord" si innesta il raccordo autostradale 4 che collega l'autostrada A3 con la strada statale 106 Jonica.

Il primo tratto completato è stato quello Napoli-Pompei, terminato il 22 giugno 1929. Il tratto Pompei-Salerno è stato completato il 16 luglio 1961. Nel 2004 è stato finanziato l'ammodernamento dell'Autostrada fino a Castellammare di Stabia, che è stato terminato nel 2015 rendendo la tratta interamente a 3 corsie, con asfalto drenante e segnaletica definitiva.

Nei primi anni sessanta il governo italiano decise di finanziare la costruzione di un'autostrada che collegasse il resto dell'Italia alla Calabria, regione fino a quel momento considerata "l'Isola nella Penisola" o "la Terza Isola" perché gli aspri rilievi non permettevano di raggiungerla facilmente. A differenza dell'Autostrada del sole però, la realizzazione della Salerno-Reggio Calabria non poté contare sulla partecipazione di capitali privati, e lo Stato dovette farsi interamente carico dell'opera. Il 24 luglio del 1961 venne approvata la legge n. 729 (c.d. legge Zaccagnini) che definiva il nuovo Piano di costruzioni stradali ed autostradali, ed assegnava all'ANAS la costruzione e la futura gestione della Salerno-Reggio Calabria, autorizzandola a contrarre mutui per 180 miliardi di lire, costo iniziale stimato dell'opera. I lavori iniziarono il 21 gennaio del 1962 alla presenza del presidente del consiglio Amintore Fanfani. Di seguito la cronologia dell'apertura dei tratti dell'autostrada:
1966: apertura tratto Salerno - Lagonegro
1968: apertura tratto Lagonegro - Cosenza tratto difficilissimo da costruire data la conformazione del territorio
1969: apertura tratto Cosenza - Gioia Tauro
1972: l'autostrada viene completata fino a Reggio Calabria.
A lavori finiti l'autostrada presentava due strette corsie per senso di marcia ed era priva di corsie d'emergenza, somigliando più a una grande strada statale a doppia carreggiata. Il costo finale ammontava a 368 miliardi di lire.
L'impetuosa motorizzazione del meridione degli anni sessanta e settanta rese presto evidente l'inadeguatezza delle infrastrutture. A causa delle curve pericolose e delle corsie strette (3,5 metri di larghezza), negli anni a venire si sono verificati decine di incidenti e ingorghi.
Il primo governo a mettere in agenda un consistente piano di interventi sulla Salerno-Reggio Calabria fu il secondo governo Craxi, con lo stanziamento a tal fine nel 1987 di 1000 miliardi di lire.
Negli anni seguenti si sono susseguiti progetti di ammodernamento e ampliamento che hanno portato alla progressiva cantierizzazione di tratte per l'ampliamento a due carreggiate (tra Salerno Fratte e Sicignano degli Alburni la tratta è stata ammodernata a 3 corsie più corsia d'emergenza). Considerata l'importanza dell'opera e le caratteristiche del territorio interessato l'attività di ammodernamento ha visto diverse indagini sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta nei relativi appalti, alcune operazioni di polizia finite sulle cronache nazionali e il presenziamento dei cantieri da parte delle forze dell'ordine.

Si estende per 52 km nel circondario di Napoli e nella provincia di Salerno. La tratta è gestita dalla SAM (Società Autostrade Meridionali).
L'autostrada ha inizio nel centro di Napoli, con quattro rami: uno da Via Reggia di Portici (il più antico), uno che proviene direttamente dal Porto commerciale, uno di più recente costruzione da Via Ferraris e uno da Via delle Repubbliche Marinare. I primi tre rami congiunti proseguono nei quartieri popolari di Barra e San Giovanni, fortemente industrializzati. Poco dopo riceve il traffico dell'A1 per confluire nella Barriera di Napoli Barra dove si paga un pedaggio fisso per qualsiasi destinazione.
Più avanti si incontra lo svincolo di San Giorgio nord e San Giorgio centro, per continuare verso sud toccando Portici, Ercolano, Torre del Greco e Torre Annunziata (con due svincoli). Arrivati a Pompei l'Autostrada ha una biforcazione, con un ramo diretto verso Castellammare di Stabia, e un altro che prosegue verso est in direzione di Nocera Inferiore e Salerno. Arrivati a Pompei est - Scafati la carreggiata autostradale si restringe da 3 a 2 corsie, e poco dopo incontra i due svincoli di Angri (Angri Sud è stato aperto nel 2014) e poi verso Nocera Inferiore dove è presente un'altra barriera prima dello svincolo di Cava de' Tirreni. Dopo un tratto panoramico si entra in galleria, alla fine della quale si trova l'uscita di Salerno Centro e il limite di competenza della tratta SAM.
Con i lavori effettuati durante il corso del 2014, che comportarono la ricostruzione di due cavalcavia nei pressi di Torre Annunziata, la tratta Napoli-Castellammare fu trasformata a 3 corsie.

La tratta è gestita dall'ANAS ed è senza pedaggio.
Si estende per 442,9 km nelle province di Salerno, Potenza, Cosenza, Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria, dove si innesta sulla strada statale 106 Jonica.
È un'autostrada che snoda il suo percorso in gran parte su territorio montano. Il 50% della tratta attraversa l'Appenino lucano e calabrese.
Comprende 190 gallerie e 480 tra ponti e viadotti. Dei suoi 442,9 km, 125 km si percorrono in galleria e 97 km tra viadotti e ponti. 35 gallerie hanno una lunghezza che oltrepassa i 1000 metri, e 70 ponti supero la lunghezza di 300 metri.
L'Autostrada inizia senza soluzione di continuità dall'A3 Napoli - Salerno, in corrispondenza dello svincolo di Salerno Centro, e, con un breve tracciato a due corsie, passa il quartiere salernitano di Fratte, (dove parte la Tangenziale di Salerno).
Superato il raccordo per Avellino si apre un tratto a tre corsie più quella di emergenza, con gallerie e viadotti che attraversano: Pontecagnano (fine Tangenziale di Salerno), Battipaglia, Eboli, Sicignano degli Alburni (collegamento con Potenza), Atena Lucana e Padula.
Superato lo svincolo di Sicignano l'Autostrada prosegue a due corsie ed entra in Basilicata.
Nel territorio lucano l'autostrada entra e percorre il Parco Nazionale dell'Appenino Lucano ed il Parco Nazionale del Pollino.
Tra gli svincoli di Lauria Nord e Lauria Sud è presente la galleria Serra Rotonda, che con i suoi 3.800 metri è la galleria più lunga dell'Italia meridionale.
Nel superare il fiume Lao entra in Calabria. A Laino Borgo è presente il Viadotto Italia che con i suoi 260 metri è il viadotto più alto d'Italia ed il secondo in Europa.
Superato lo svincolo di Mormanno è presente lo svincolo alla quota altimetrica autostradale più alta d'Europa, quello di Campotenese a 1050 s.l.m.
Superato lo svincolo di Cosenza, l'Autostrada attraversa le varie montagne in direzione Altilia. Qui troviamo un tracciato impervio risalente ai primi anni 70, con carreggiate ancora da ammodernare in quanto non conformi alle normative europee. Arrivati ad Altilia inizia il nuovo tratto ammodernato che prosegue fino a Pizzo Calabro e ritorna all'interno con lo svincolo di Vibo Valentia.
L'autostrada attraversa successivamente la parte costiera della piana di Rosarno e della piana di Gioia Tauro, per finire nei comuni costieri di Bagnara Calabra, Scilla, Villa San Giovanni (con imbarchi per la Sicilia) e infine a Reggio Calabria, innestandosi sulla tangenziale di Reggio Calabria.

Una cospicua presenza di viadotti si localizza soprattutto tra Pompei e Salerno. Il primo per rilevanza è il viadotto Castellammare, esso fu realizzato durante il primo tratto Napoli-Pompei. La struttura è bassa e si sviluppa su circa 200 metri, attualmente è affiancato da un nuovo viadotto sul quale è stata realizzata la carreggiata verso Salerno e Reggio Calabria, il vecchio viadotto ad archi (a quattro corsie, ovvero due di marcia per carreggiata) è stato utilizzato come carreggiata verso Napoli. Oltrepassata l'uscita di Cava de' Tirreni si arriva nel tratto montano della Campania: prima i Monti Lattari e poi l'Appennino campano. I viadotti sono costituiti da archi parabolici in calcestruzzo iperstatico tranne alcuni come il Viadotto Vietri costituito da una struttura sorretta da esili pilastri a distanza ravvicinata divisi in spezzoni. I viadotti realizzati dopo l'uscita di Salerno, appartenenti al macrolotto 1, sono stati demoliti e sostituiti con viadotti in sistema misto.
I viadotti originari erano in calcestruzzo e furono caratterizzati dalle diverse tecniche costruttive, ad esempio il viadotto Tanagro, lungo 100 metri ed alto 30 era costituito da un arco parabolico a via superiore iperstatico, fu fatto brillare nei lavori di adeguamento e sostituito. Molto frequente fu la tipologia a stampella, il vecchio viadotto Lontrano (progetto dell'ingegnere Riccardo Morandi) ne era un esempio.

Il tracciato dell'autostrada si sviluppa in un territorio geologicamente complesso e con un profilo altimetrico piuttosto movimentato: le catene montuose di Pollino e Sila (l'Aspromonte viene solamente costeggiato dal tracciato autostradale) vengono superate attraverso i due valichi di Campotenese e Piano Lago. All'epoca della costruzione si preferì, per motivi tecnici, la costruzione in viadotto piuttosto che in galleria e da questo è derivato un tracciato a tratti tortuoso e con raggi di curvatura molto stretti. Questi ultimi rappresentano uno dei maggiori sforzi dell'ingegneria civile impegnata nella progettazione e realizzazione di viadotti a grandi luci in sistema misto (acciaio e calcestruzzo armato) e altezze notevoli. Furono impegnati anche alcuni degli ingegneri più noti del panorama italiano, ci furono anche i progettisti degli arditi viadotti dell'A1 realizzati circa un decennio prima, tra questi ci sono anche Silvano Zorzi e Fabrizio de Miranda. I più noti sono:
il viadotto Italia sul Lao (1967-1973) fu progettato da Fabrizio de Miranda che utilizzò la soluzione calcestruzzo-acciaio che in quegli anni volle diffondere, per massimizzare con la loro interazione, le migliori caratteristiche di questi due elementi. Vinse il concorso nazionale di progettazione. L'opera è lunga 1.161 metri e la parte centrale è costituita da una lunga trave metallica di 425 metri tripartita in due luci di 125 metri e una, quella centrale, da 175 metri di luce. L'altezza dal fondovalle al piano stradale è di 261 metri. Tale quota altimetrica ha reso questo viadotto il più alto d'Europa fino al 2004, quando il Viaduc de Millau in Francia strappò il primato svettando a 271 metri sul fondo valle (dal piano stradale, 343 dai piloni). La pila est raggiunge l'altezza di 171 metri (record europeo) ed affonda sulla roccia che fa da insenatura al Fiume Lao. Resta il quarto ponte al mondo come viabilità ordinaria.
il viadotto Sfalassà a Bagnara Calabra, fu progettato da Zorzi nel 1967 nello studio IN-CO di Milano assieme a Sabatino Procaccia e Luciano Lonardo. L'opera è lunga 893 metri (742 m Sfalassà-151 m Vardaru I), la campata centrale in acciaio ha luce 376 m ed è alta dal fondovalle alla sede stradale 253 metri. Lo Sfalassà ha vinto il premio Europeo Cecm nel '70-'71-'72. Rimane il ponte ad arco portale spingente più alto del mondo, mentre è il terzo d'Europa e il sesto a livello mondiale come viabilità ordinaria. Per la sua valenza tecnica e storica, lo Sfalassà è l'unico ponte che non è stato demolito durante i lavori del macrolotto V tra Scilla e Gioia Tauro.
il viadotto Stupino a Carpanzano, si sviluppa per 635 metri ed è alto dal fondovalle 150 metri, l'altezza della pila centrale 135 metri ed è caratterizzato dalle due campate centrali in calcestruzzo armato lunghe 120 metri. Esse sono realizzate attraverso il metodo cantilever.
il viadotto Rago a Morano Calabro, si sviluppa per 400 metri ed è alto dal fondovalle 147 metri, l'altezza delle pile raggiunge i 150 metri ed è caratterizzato da una trave metallica di 122 metri di luce.
il viadotto Coscile a Castrovillari, si sviluppa per 634 metri ed è alto dal fondovalle 140 metri, l'altezza delle pile raggiunge 140 metri ed è caratterizzato da una struttura in travi in C.A.P.
Il viadotto Serra a Lagonegro, si sviluppa per 235 metri ed è alto dal fondovalle alla sede stradale 125 metri, l'altezza delle pile è 90 metri, l'impalcato è costituito da due piastre ortotrope di altezza variabile (sul pilastro è 8,5 metri e alla spalla 5 metri).
Inoltre vi sono altri viadotti di notevole altezza realizzati sull'Appennino lucano e calabro, caratterizzati dalle diverse tecniche costruttive adottate dai progettisti. La maggior parte di essi sono stati demoliti a favore di nuovi viadotti a 11 metri di larghezza, con tre corsie (due di marcia e una di emergenza) realizzati durante l'adeguamento generale dell'autostrada.

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA  di Teresa Ramaioli

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA di Teresa Ramaioli

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA  di Teresa Ramaioli   iltuonoilgrillo il 07/04/16 alle 17:47 via WEB LA PRIMA AUTOSTRADA D’ITALIA----Il progetto dell'autostrada nacque nella mente dell'ingegnere Pietro Puricelli .Nel 1922 aveva partecipato alla realizzazione del circuito di Monza, commissionato dall'Automobil club di Milano.e in seguito a questa esperienza, propose un progetto ideato l'anno prima: un collegamento tra Milano e i laghi di Como e Maggiore. Puricelli [...]

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA di Teresa Ramaioli

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA di Teresa Ramaioli

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA di Teresa Ramaioli   iltuonoilgrillo il 29/07/15 alle 19:08 via WEB LA PRIMA AUTOSTRADA D’ITALIA----Il progetto dell'autostrada nacque nella mente dell'ingegnere Pietro Puricelli .Nel 1922 aveva partecipato alla realizzazione del circuito di Monza, commissionato dall'Automobil club di Milano.e in seguito a questa esperienza, propose un progetto ideato l'anno prima: un collegamento tra Milano e i laghi di Como e Maggiore. Puricelli [...]

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA di Teresa Ramaioli

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA di Teresa Ramaioli

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA  di Teresa Ramaioli   iltuonoilgrillo il 22/06/15 alle 16:58 via WEB LA PRIMA AUTOSTRADA D’ITALIA----Il progetto dell'autostrada nacque nella mente dell'ingegnere Pietro Puricelli .Nel 1922 aveva partecipato alla realizzazione del circuito di Monza, commissionato dall'Automobil club di Milano.e in seguito a questa esperienza, propose un progetto ideato l'anno prima: un collegamento tra Milano e i laghi di Como e Maggiore. Puricelli [...]

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA  di Teresa Ramaioli

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA di Teresa Ramaioli

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA di Teresa Ramaioli iltuonoilgrillo il 17/11/14 alle 13:28 via WEB LA PRIMA AUTOSTRADA D’ITALIA----Il progetto dell'autostrada nacque nella mente dell'ingegnere Pietro Puricelli .Nel 1922 aveva partecipato alla realizzazione del circuito di Monza, commissionato dall'Automobil club di Milano.e in seguito a questa esperienza, propose un progetto ideato l'anno prima: un collegamento tra Milano e i laghi di Como e Maggiore. Puricelli aveva [...]

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA  di Teresa Ramaioli

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA di Teresa Ramaioli

LA PRIMA AUTOSTRADA D'ITALIA  di Teresa Ramaioli iltuonoilgrillo il 02/05/14 alle 09:27 via WEB LA PRIMA AUTOSTRADA D’ITALIA----Il progetto dell'autostrada nacque nella mente dell'ingegnere Pietro Puricelli .Nel 1922 aveva partecipato alla realizzazione del circuito di Monza, commissionato dall'Automobil club di Milano.e in seguito a questa esperienza, propose un progetto ideato l'anno prima: un collegamento tra Milano e i laghi di Como e Maggiore. Puricelli [...]

Autostrade per l'Italia – Concorso online a premi con 50 tablet in palio

  Autostrade per l'Italia – Concorso online a premi con 50 tablet in palio   Autostrade per l'Italia Spa ha in corso sul proprio sito web www.autostrade.it il concorso a premi denominato 'Sei un campione della sicurezza?'. Il concorso, che termina il 16 settembre 2013, mette in palio 50 tablet Nexus 7” wi-fi 8 GB. Per partecipare al concorso, occorre sul sito autostrade.it rispondere a 10 domande inerenti la sicurezza quando si sia alla guida di un [...]

AUTOSTRADE PER L'ITALIA: LA NUOVA INIZIATIVA “I 12 MESI DELLA SICUREZZA STRADALE” - AD APRILE SI PARLERÀ DEI RISCHI LEGATI ALL’ALCOL E ALLA DROGA

AUTOSTRADE PER L'ITALIA: LA NUOVA INIZIATIVA “I 12 MESI DELLA SICUREZZA STRADALE” - AD APRILE SI PARLERÀ DEI RISCHI LEGATI ALL’ALCOL E ALLA DROGA

da Adoc Dopo il ballo lo sballo, e dopo lo sballo lo schianto” è lo slogan scelto questa volta da Autostrade per l’Italia al fine sensibilizzare con azioni mirate, soprattutto i giovani automobilisti, sui gravi pericoli derivanti dall’uso dell’alcol e della droga. L’iniziativa si inquadra nella campagna informativa “I 12 mesi della Sicurezza Stradale” a cui partecipano, insieme ad Autostrade per l’Italia, i partner della Consulta per la Sicurezza - [...]

CASELLO DALMINE: MISIANI (PD), VERGOGNOSA LA RISPOSTA DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA

"Dal casello di Dalmine passano ogni giorno oltre 22 mila veicoli, un quarto dei quali sono mezzi pesanti. La realizzazione di un nuovo casello, sollecitata dal Comune di Dalmine e condivisa da tutte le amministrazioni circostanti, è indispensabile per collegare meglio la nuova Tangenziale Sud all'A4.Di fronte a queste esigenze, il diniego opposto dalla Società Autostrade merita una dura presa di posizione da parte delle istituzioni bergamasche. E' francamente [...]

Acquistare perfect line 25 buste per quaderni trasparenti formato A4, copertina per libro flessibile & pulibile, proteggi quaderno con copertine, custodia di protezione, pellicola protettiva, Coprilibri plastica Prezzo

Acquistare perfect line 25 buste per quaderni trasparenti formato A4, copertina per libro flessibile & pulibile, proteggi quaderno con copertine, custodia di protezione, pellicola protettiva, Coprilibri plastica Prezzo

I nostri proteggi quaderni del marchio perfect line sono realizzati in plastica stabile, ecocompatibile (90 my = 0,09 mm). Con una misura laterale di 215 x 305 mm e una misura da aperta di 430 x 305 mm la busta è perfettamente adatta a quaderni e libri DIN A4 (soft-cover). La leggera trasparenza del materiale permette una visione ideale sul campo delle scritte o sul motivo del quaderno. Con il nostro economico pacchetto da 25 pezzi ricevete anche la quantità [...]

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega si lascia andare alle confidenze e racconta la sua prima volta. L’influencer, che ultimamente ha preso parte all’Isola dei Famosi e poi al Grande Fratello Vip come guest star, ha risposto alle domande di alcuni follower su Instagram. La domanda infatti è partita proprio dalla rete, dove un fan ha chiesto delucidazioni rispetto alla sua prima volta. Stando a quanto riferito da Taylor Mega la cosa non è stata propriamente romantica e, col suo [...]

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega si lascia andare alle confidenze e racconta la sua prima volta. L’influencer, che ultimamente ha preso parte all’Isola dei Famosi e poi al Grande Fratello Vip come guest star, ha risposto alle domande di alcuni follower su Instagram. La domanda infatti è partita proprio dalla rete, dove un fan ha chiesto delucidazioni rispetto alla sua prima volta. Stando a quanto riferito da Taylor Mega la cosa non è stata propriamente romantica e, col suo modo [...]

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega si lascia andare alle confidenze e racconta la sua prima volta. L’influencer, che ultimamente ha preso parte all’Isola dei Famosi e poi al Grande Fratello Vip come guest star, ha risposto alle domande di alcuni follower su Instagram. La domanda infatti è partita proprio dalla rete, dove un fan ha chiesto delucidazioni rispetto alla sua prima volta. Stando a quanto riferito da Taylor Mega la cosa non è stata propriamente romantica e, col suo [...]

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega si lascia andare alle confidenze e racconta la sua prima volta. L’influencer, che ultimamente ha preso parte all’Isola dei Famosi e poi al Grande Fratello Vip come guest star, ha risposto alle domande di alcuni follower su Instagram. La domanda infatti è partita proprio dalla rete, dove un fan ha chiesto delucidazioni rispetto alla sua prima volta. Stando a quanto riferito da Taylor Mega la cosa non è stata propriamente romantica e, col suo [...]

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega si lascia andare alle confidenze e racconta la sua prima volta. L’influencer, che ultimamente ha preso parte all’Isola dei Famosi e poi al Grande Fratello Vip come guest star, ha risposto alle domande di alcuni follower su Instagram. La domanda infatti è partita proprio dalla rete, dove un fan ha chiesto delucidazioni rispetto alla sua prima volta. Stando a quanto riferito da Taylor Mega la cosa non è stata propriamente romantica e, col suo modo [...]

FOTO: Autostrada A3 (Italia)

Mappa autostrada A3

Mappa autostrada A3

A3 all'altezza di Torre Annunziata (NA).

A3 all'altezza di Torre Annunziata (NA).

L'autostrada A3 nei pressi di Nocera Terinese

L'autostrada A3 nei pressi di Nocera Terinese

Reggio Calabria: termine dell'autostrada A3 e innesto del RA 4

Reggio Calabria: termine dell'autostrada A3 e innesto del RA 4

Il viadotto Sfalassà visto da Solano

Il viadotto Sfalassà visto da Solano

Il viadotto Favazzina

Il viadotto Favazzina

Il viadotto Rago

Il viadotto Rago

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega si lascia andare alle confidenze e racconta la sua prima volta. L’influencer, che ultimamente ha preso parte all’Isola dei Famosi e poi al Grande Fratello Vip come guest star, ha risposto alle domande di alcuni follower su Instagram. La domanda infatti è partita proprio dalla rete, dove un fan ha chiesto delucidazioni rispetto alla sua prima volta. Stando a quanto riferito da Taylor Mega la cosa non è stata propriamente romantica e, col suo [...]

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega e la sua prima volta: «A 14 anni in un macchina di merd*. È stato orribile»

Taylor Mega si lascia andare alle confidenze e racconta la sua prima volta. L’influencer, che ultimamente ha preso parte all’Isola dei Famosi e poi al Grande Fratello Vip come guest star, ha risposto alle domande di alcuni follower su Instagram. La domanda infatti è partita proprio dalla rete, dove un fan ha chiesto delucidazioni rispetto alla sua prima volta. Stando a quanto riferito da Taylor Mega la cosa non è stata propriamente romantica e, col suo [...]

Perché Renzi ha attaccato Gentiloni e Minniti su migrazioni e ius soli

Perché Renzi ha attaccato Gentiloni e Minniti su migrazioni e ius soli

Attaccando sulla stampa Gentiloni e Minniti sul tema immigrazione (definendo il loro operato una “geometrica dimostrazione d’impotenza”), Renzi sta giocando a fare il battitore libero. L’intervento è la prima pedina che ha deciso di muovere. Ma i tempi per la rottura totale non sono ancora maturi. Una lettera che apre un'altra, l'ennesima, faglia all'interno del Partito Democratico. Anche questa volta la firma è quella di Matteo Renzi che ieri, in un [...]

Le differenze tra il piano Minniti e Salvini La linea dell'ex ministro prevedeva l’arrivo dell’Onu per svuotare i campi, il governo gialloverde s’è tenuto solo gli accordi sui barconi. Ma nel caos non capiamo più nulla

Le differenze tra il piano Minniti e Salvini La linea dell'ex ministro prevedeva l’arrivo dell’Onu per svuotare i campi, il governo gialloverde s’è tenuto solo gli accordi sui barconi. Ma nel caos non capiamo più nulla

Quando si parla degli accordi tra l’Italia e la Libia ci sono alcuni equivoci che vanno chiariti. L’equivoco più grande è che il cosiddetto piano Minniti fosse a favore dei campi di prigionia in cui i migranti sono rinchiusi in condizioni spaventose. Il piano Minniti in realtà era articolato in fasi successive che prevedevano l’intervento delle Nazioni Unite in Libia per svuotare i campi e per spostare tutti i migranti sotto la protezione internazionale. [...]

Ricetta della graffa dell’Edenlandia: golosa e leggendaria

Ricetta della graffa dell’Edenlandia: golosa e leggendaria

Ricetta della graffa dell’Edenlandia: golosa e leggendaria La ricetta della graffa dell'Edenlandia è un'attrazione alla pari di tutte le giostre del parco giochi a tema. La sua soffice bontà è diventata leggenda e ora con la riapertura della struttura tutti i partenopei non vedono l'ora di consumarla. La graffa dell’Edenalndia è leggendaria e finalmente dopo tanto tempo quei bambini oggi adulti, e magari anche con i propri figli, potranno assaggiarla. Il [...]

Bari, assalto armato a furgone portavalori sull'A14: rapinatori in fuga con 100mila euro

Bari, assalto armato a furgone portavalori sull'A14: rapinatori in fuga con 100mila euro

Cronaca 17 giugno 2019 Bari, assalto armato a furgone portavalori sull'A14: rapinatori in fuga con 100mila euro In azione sei rapinatori con due suv nel Barese Redazione online BARI - Un furgone portavalori dell’Ivri è stato assaltato stamattina sulla corsia sud della A14, tra i caselli di Bari Sud ed Acquaviva delle Fonti, all’altezza di Sannicandro di Bari. Sei rapinatori a bordo di due suv hanno bloccato il blindato con due guardie giurate a [...]

Bianca Guaccero e gli attacchi di panico: «Cominciati a 14 anni, ne sono uscita grazie a Nicola Ventola». Lei replica: «Prendere le parole e montarle a piacimento»

Bianca Guaccero e gli attacchi di panico: «Cominciati a 14 anni, ne sono uscita grazie a Nicola Ventola». Lei replica: «Prendere le parole e montarle a piacimento»

“A 14 anni ho cominciato a soffrire di attacchi di panico”, Bianca Guaccero, attrice, conduttrice della trasmissione di Rai 2 “Detto Fatto” e mamma della piccola Alice, nata dal suo relazione con l’ex marito, il regista Dario Acocella, racconta del problema che ha avuto sin da giovane e come è riuscita a superarlo. Bianca infatti ha scritto un libro, “Il tuo cuore è come il mare”, in cui racconta il suo passato: “E' difficile da spiegare – si [...]

WINTEX taccuino DIN A4, 80 pagine, a quadretti, con copertina pregiata in finta pelle

WINTEX taccuino DIN A4, 80 pagine, a quadretti, con copertina pregiata in finta pelle  testato epr voi da tester club Utile come taccuino , diario, blocco appunti... Molto carino Mi piace Lo consiglio Regalo indicato sia per uomo che per donna 2 pecche manca il portabiro il packagin arrivato in un sacchetto trasparente .Dovessi dare un voto darei 8 peccato per il packagin se fosse arrivato in una scatola invece che in un sacchetto anonimo gli avrei dato 9 sarebbe [...]

Perché sì a Minniti.

Perché sì a Minniti.

Nonostante tutte le giuste critiche che si possono fare, soprattutto sulla lentezza del processo (la sconfitta avrebbe infatti richiesto un Congresso immediato dopo le elezioni) il Pd apre la propria fase congressuale che si concluderà comunque prima della scadenza decisiva delle europee. Postilla: se si riducessero al minimo i tempi statutari sarebbe ancora meglio. Ci sono tutte le premesse per un congresso estroverso, che parte dal Paese e dall’Europa e da [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

Presentato al Gra “Semplicemente, la mia storia” di Barbara Colapietro, Jean Luc Bertoni Editore, prefazione di Bruno Mohorovich

Presentato al Gra “Semplicemente, la mia storia” di Barbara Colapietro, Jean Luc Bertoni Editore, prefazione di Bruno Mohorovich

  L’ultima opera di Barbara Colapietro dal titolo “Semplicemente, la mia storia” è stata presentata Venerdì 26 Ottobre al GRA di Pesaro, riscontrando nell’immediato sia successo di pubblico che di vendite. La novità editoriale della Jean Luc Bertoni Editore /Quaderni Edizioni si pregia della prefazione del poeta e critico letterario Bruno Mohorovich, curatore editoriale della casa editrice stessa, che ha recentemente presentato a Pesaro l’antologia [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_Autostrada+A3+(Italia)_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Autostrada{{}}A3{{}}(Italy)" alt="" style="display:none;"/> ?>