Benigni

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Gerry Scotti
In rilievo

Gerry Scotti

Roberto Benigni

La scheda: Roberto Benigni

Roberto Remigio Benigni (Castiglion Fiorentino, 27 ottobre 1952) è un attore, comico, regista e sceneggiatore italiano.
Noto e popolare monologhista teatrale, dalla comicità ironica e dissacrante, è diventato personaggio pubblico tra i più conosciuti e apprezzati in Italia e nel mondo. Le sue interpretazioni cinematografiche e le sue apparizioni televisive mettono in scena un carattere gioioso e irruente, facendo leva, in quest'ultime, sulla sovversione del clima dei programmi di cui è ospite. Fra i numerosi riconoscimenti vale ricordare l'Oscar al miglior attore, conseguito nel 1999 per l'interpretazione nel film (da lui stesso diretto) La vita è bella, a cui segue un Oscar al miglior film straniero per la stessa pellicola. È stato l'unico interprete maschile italiano a ricevere l'Oscar come miglior attore protagonista recitando nel ruolo principale in un film in lingua straniera, dopo quello vinto da Anna Magnani nel 1956 e da Sophia Loren nel 1962.
Benigni si è impegnato come lettore, interprete a memoria e commentatore della Divina Commedia di Dante Alighieri, per la cui diffusione è stato candidato al Premio Nobel per la letteratura 2007. Nelle vesti di divulgatore ha, inoltre, recitato il Canto degli Italiani, i principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana e i dieci comandamenti biblici ricevendo consensi di pubblico e critica.


Ritrovata una scultura rubata  a Roberto Benigni

Ritrovata una scultura rubata a Roberto Benigni

I carabinieri per la tutela del patrimonio culturale (Tpc) hanno recuperato una scultura romana del II secolo che era stata rubata nel 2010 a Roma nella villa di Roberto Benigni. Individuata dagli investigatori in Spagna, l’opera verrà restituita all’attore e regista. Nell’ambito della stessa indagine, i carabinieri hanno ritrovato e riportato in Italia anche una scultura che era stata trafugata, sempre nella capitale, da Villa Borghese. Nel corso di [...]

Difesa, Benigni (Elettronica): fondamentali i programmi europei

Difesa, Benigni (Elettronica): fondamentali i programmi europei

Roma, 12 apr. (askanews) - "La Difesa come volano di crescita dell'economia nazionale". L'analisi dello stato e dei trend evolutivi del settore Aerospazio e Difesa, a livello internazionale e italiano è arrivata in occasione di un incontro promosso dalla società di consulenza EY, presenti il Ministro Elisabetta Trenta e i vertici della Difesa italiana insieme ai leader delle più rilevanti aziende del settore. In Italia l'A&D ha un forte impatto sull'economia [...]

EVENTI: Roberto Benigni

Nel 1977 è di nuovo sul piccolo schermo col programma Del resto, fu un'estate meravigliosa.

Nel 1977 è di nuovo sul piccolo schermo col programma Del resto, fu un'estate meravigliosa.

Nel 1976 viene invitato al Premio Tenco che contribuirà in modo notevole alla sua affermazione e a cui parteciperà anche nel 1977, 1979, 1981 e 1986.

Nel 1976 viene invitato al Premio Tenco che contribuirà in modo notevole alla sua affermazione e a cui parteciperà anche nel 1977, 1979, 1981 e 1986.

Nel 1990 ha invece l'occasione di recitare in un film diretto da Federico Fellini, La voce della luna, tratto dal libro Il poema dei lunatici di Ermanno Cavazzoni, accanto a Paolo Villaggio, nel quale l'attore rinuncia per la prima volta alla maschera e al vernacolo per tratteggiare un personaggio lunare e inquieto, tutto teso ad ascoltare voci misteriose provenienti da un pozzo.

Nel 1990 ha invece l'occasione di recitare in un film diretto da Federico Fellini, La voce della luna, tratto dal libro Il poema dei lunatici di Ermanno Cavazzoni, accanto a Paolo Villaggio, nel quale l'attore rinuncia per la prima volta alla maschera e al vernacolo per tratteggiare un personaggio lunare e inquieto, tutto teso ad ascoltare voci misteriose provenienti da un pozzo.

Nel 2001 incomincia la lavorazione di Pinocchio, annunciata nell'autunno 2000 e uscito nelle sale italiane l'11 ottobre 2002, di cui firma la regia, la sceneggiatura (con Vincenzo Cerami) e la produzione.

Nel 2001 incomincia la lavorazione di Pinocchio, annunciata nell'autunno 2000 e uscito nelle sale italiane l'11 ottobre 2002, di cui firma la regia, la sceneggiatura (con Vincenzo Cerami) e la produzione.

Nel 2004 produce, scrive e dirige il suo ottavo film, sempre al fianco della moglie Nicoletta Braschi, intitolato La tigre e la neve, uscito nelle sale il 14 ottobre 2005 distribuito da 01 Distribution.

Nel 2004 produce, scrive e dirige il suo ottavo film, sempre al fianco della moglie Nicoletta Braschi, intitolato La tigre e la neve, uscito nelle sale il 14 ottobre 2005 distribuito da 01 Distribution.

Nel 1994 con Il mostro Benigni batte se stesso: il film si piazza al 1º posto della stagione cinematografica, davanti a capolavori come Il re leone e Forrest Gump, con circa 35 miliardi di lire, e a oggi si trova al 62º posto nella lista dei film di maggiore incasso in Italia.

Nel 1994 con Il mostro Benigni batte se stesso: il film si piazza al 1º posto della stagione cinematografica, davanti a capolavori come Il re leone e Forrest Gump, con circa 35 miliardi di lire, e a oggi si trova al 62º posto nella lista dei film di maggiore incasso in Italia.

Nel 2005, Cinecittà Studios, la società di Luigi Abete, Aurelio De Laurentiis e Andrea Della Valle, ha rilevato gli studi, facendosi carico dei debiti accumulati dalla precedente gestione della Melampo (circa000.

Nel 2005, Cinecittà Studios, la società di Luigi Abete, Aurelio De Laurentiis e Andrea Della Valle, ha rilevato gli studi, facendosi carico dei debiti accumulati dalla precedente gestione della Melampo (circa000.

Nel 1975 fa un incontro fondamentale per la sua carriera, con Giuseppe Bertolucci, che scrive per lui il monologo Cioni Mario di Gaspare fu Giulia, che ottiene grandissimo successo dapprima al Teatro Alberico di Roma e portato poi su tutti i palcoscenici italiani.

Nel 1975 fa un incontro fondamentale per la sua carriera, con Giuseppe Bertolucci, che scrive per lui il monologo Cioni Mario di Gaspare fu Giulia, che ottiene grandissimo successo dapprima al Teatro Alberico di Roma e portato poi su tutti i palcoscenici italiani.

Nel 1997 raggiunge la notorietà internazionale con l'acclamato film La vita è bella, che racconta la tragedia dell'olocausto in una declinazione differente da quella sino ad allora comunemente utilizzata (per esempio nel lungometraggio di Spielberg Schindler's List - La lista di Schindler).

Nel 1997 raggiunge la notorietà internazionale con l'acclamato film La vita è bella, che racconta la tragedia dell'olocausto in una declinazione differente da quella sino ad allora comunemente utilizzata (per esempio nel lungometraggio di Spielberg Schindler's List - La lista di Schindler).

Il 29 novembre 2007 è andata in onda su Rai Uno la prima puntata della serie in cui Benigni ha letto 14 canti della Divina Commedia, preceduti da una sua personale spiegazione.

Il 29 novembre 2007 è andata in onda su Rai Uno la prima puntata della serie in cui Benigni ha letto 14 canti della Divina Commedia, preceduti da una sua personale spiegazione.

Nel 1988 incomincia una proficua collaborazione con lo scrittore e sceneggiatore Vincenzo Cerami in quattro pellicole da lui anche prodotte per la sua Melampo Cinematografica, fondata insieme a Nicoletta Braschi nel 1991, che ottengono uno straordinario successo di pubblico: nella prima, Il piccolo diavolo, recita al fianco di Walter Matthau nei panni di un diavoletto inviato sulla terra per scoprire il mondo, nella seconda, Johnny Stecchino, si sdoppia in due personaggi e nella terza, Il mostro, allude certamente al famigerato mostro di Firenze per i delitti del quale in quegli anni si celebrava il processo a Firenze.

Nel 1988 incomincia una proficua collaborazione con lo scrittore e sceneggiatore Vincenzo Cerami in quattro pellicole da lui anche prodotte per la sua Melampo Cinematografica, fondata insieme a Nicoletta Braschi nel 1991, che ottengono uno straordinario successo di pubblico: nella prima, Il piccolo diavolo, recita al fianco di Walter Matthau nei panni di un diavoletto inviato sulla terra per scoprire il mondo, nella seconda, Johnny Stecchino, si sdoppia in due personaggi e nella terza, Il mostro, allude certamente al famigerato mostro di Firenze per i delitti del quale in quegli anni si celebrava il processo a Firenze.

Il 27 marzo 2013 lo spettacolo ha inoltre vinto il Premio Regia Televisiva come Evento straordinario tv dell'anno, consegnato a Benigni dal giornalista Vincenzo Mollica.

Il 27 marzo 2013 lo spettacolo ha inoltre vinto il Premio Regia Televisiva come Evento straordinario tv dell'anno, consegnato a Benigni dal giornalista Vincenzo Mollica.

Il 15 giugno 2012 ha ricevuto la cittadinanza onoraria dal sindaco di Firenze Matteo Renzi ed è stato presente alla camera ardente del regista Giuseppe Bertolucci, suo grande amico e collega.

Il 15 giugno 2012 ha ricevuto la cittadinanza onoraria dal sindaco di Firenze Matteo Renzi ed è stato presente alla camera ardente del regista Giuseppe Bertolucci, suo grande amico e collega.

Il 25 maggio 2015 gli viene consegnato da Daniele Piombi nuovamente il Premio Regia televisiva per l'evento straordinario tv dell'anno con I dieci comandamenti.

Il 25 maggio 2015 gli viene consegnato da Daniele Piombi nuovamente il Premio Regia televisiva per l'evento straordinario tv dell'anno con I dieci comandamenti.

Il 13 ottobre 2014 in una conferenza stampa è stato annunciato il ritorno di Benigni su Rai 1 con uno spettacolo incentrato sui dieci comandamenti.

Il 13 ottobre 2014 in una conferenza stampa è stato annunciato il ritorno di Benigni su Rai 1 con uno spettacolo incentrato sui dieci comandamenti.

Nel 1983 durante le riprese di Tu mi turbi conosce l'attrice cesenate Nicoletta Braschi che diventerà sua moglie il 26 dicembre 1991 con una cerimonia privata nel convento di clausura delle suore cappuccine di via Pacchioni a Cesena, città natale della donna, da quel momento l'attrice sarà praticamente presente in tutti i film diretti dal marito.

Nel 1983 ha inizio la sua carriera di regista cinematografico con Tu mi turbi, film in quattro episodi dove ha ancora modo di mostrare la sua incontenibile verve nella famosa scena della guardia al Milite Ignoto.

Nel 1983 durante le riprese di Tu mi turbi conosce l'attrice cesenate Nicoletta Braschi che diventerà sua moglie il 26 dicembre 1991 con una cerimonia privata nel convento di clausura delle suore cappuccine di via Pacchioni a Cesena, città natale della donna, da quel momento l'attrice sarà praticamente presente in tutti i film diretti dal marito.

Nel 1983 ha inizio la sua carriera di regista cinematografico con Tu mi turbi, film in quattro episodi dove ha ancora modo di mostrare la sua incontenibile verve nella famosa scena della guardia al Milite Ignoto.

Nel 2016 prende parte al docufilm La voce di Fantozzi, diretto da Mario Sesti e presentato al Festival di Venezia nel settembre del 2017.

Nel 2016 alla Festa del Cinema di Roma Benigni, ospite della manifestazione, ha rivelato di voler fare un film «di un'allegria sfrenata», e di volere con sè Tom Hanks nel cast, il quale aveva espresso interesse a recitare in un film con lui.

Nel 2016 prende parte al docufilm La voce di Fantozzi, diretto da Mario Sesti e presentato al Festival di Venezia nel settembre del 2017.

Nel 2016 alla Festa del Cinema di Roma Benigni, ospite della manifestazione, ha rivelato di voler fare un film «di un'allegria sfrenata», e di volere con sè Tom Hanks nel cast, il quale aveva espresso interesse a recitare in un film con lui.

Il 13 maggio 2018 Benigni è tornato al Festival di Cannes dopo vent'anni dall'ultima partecipazione: il comico nell'occasione ha aperto il red carpet di Lazzaro felice diretto da Alba Rohrwacher, per poi consegnare il Prix d'interprétation masculine a Marcello Fonte per il film Dogman.

Nel 2018 Matteo Garrone ha rivelato di aver proposto a Benigni il ruolo di protagonista nel film Dogman, ruolo andato a Marcello Fonte dopo il rifiuto del comico.

Il 13 maggio 2018 Benigni è tornato al Festival di Cannes dopo vent'anni dall'ultima partecipazione: il comico nell'occasione ha aperto il red carpet di Lazzaro felice diretto da Alba Rohrwacher, per poi consegnare il Prix d'interprétation masculine a Marcello Fonte per il film Dogman.

Nel 2018 Matteo Garrone ha rivelato di aver proposto a Benigni il ruolo di protagonista nel film Dogman, ruolo andato a Marcello Fonte dopo il rifiuto del comico.

Benigni sul set, Geppetto per Garrone

Benigni sul set, Geppetto per Garrone

(ANSA) – ROMA, 29 MAR – Barba lunga e bianca, capelli arruffati, uno sguardo triste e interrogativo, forse preoccupato, la maglia lisa: ecco Roberto Benigni trasformato in Geppetto nel nuovo Pinocchio che Matteo Garrone (dominatore ai David con Dogman) ha cominciato a girare il 18 marzo dal romanzo immortale di Carlo Collodi. Così appare nella prima foto ufficiale del film prodotto dalla società di Garrone, Archimede, con Rai Cinema e Le Pacte. Le riprese [...]

La Puglia di "Pinocchio", nuovo film di Matteo Garrone e Roberto Benigni

La Puglia di "Pinocchio", nuovo film di Matteo Garrone e Roberto Benigni

La riprese del nuovo film di Matteo Garrone, Pinocchio, hanno avuto inizio il 18 marzo, partendo dalla Toscana fino ad arrivare in Puglia. Il cast, ricco di attori importanti, come Roberto Benigni nel ruolo di Mastro Geppetto, fa pensare ad un altro grande successo di Matteo Garrone, tra i registi di punta del panorama italiano. Questi spera di aggiungere nuovi premi alla sua collezione personale con quest'ultima pellicola, dopo film come Gomorra e Dogman. I luoghi [...]

Pinocchio. Il film di Garrone con Benigni e Proietti si gira a Noicattaro, Ostuni e Polignano a Mare

Pinocchio di Garrone, Benigni sul set

Pinocchio di Garrone, Benigni sul set

(ANSA) – SINALUNGA (SIENA), 18 MAR – Primo ciak a Sinalunga (Siena) per il film ‘Pinocchio’ girato da Matteo Garrone e interpretato, tra gli altri, da Roberto Benigni nel ruolo di Mastro Geppetto. Sfidando la pioggia che da questa mattina sta interessando la provincia di Siena, sono state girate le prime scene alla tenuta La Fratta dove è stato ricostruito il paese di Geppetto. Su un set blindato e protetto da un rigido cordone di sicurezza ha fatto la [...]

Un cult - Troisi e Benigni al passaggio della dogana... Una delle scene più divertenti nella storia del nostro cinema.

Un cult - Troisi e Benigni al passaggio della dogana... Una delle scene più divertenti nella storia del nostro cinema.

    . . seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity  . .   Un cult - Troisi e Benigni al passaggio della dogana... Una delle scene più divertenti nella storia del nostro cinema. Da Non ci resta che piangere, il passaggio della dogana... Una delle scene più divertenti nella storia del nostro cinema. Mario e Saverio si avvicinano alla dogana a borgo di un carro G: Eh G: Chi siete? M: siamo due che... G: cosa fate? G: cosa portate? M: niente roba [...]

Da Camilleri a Benigni appello migranti

Da Camilleri a Benigni appello migranti

(ANSA) – ROMA, 25 GEN – Da Andrea Camilleri a Roberto Benigni, da Matteo Garrone a Niccolò Ammaniti: sono oltre seicento le adesioni del mondo della cultura, dello spettacolo, della musica e dello sport che in queste ore stanno firmano l’appello, promosso da Luigi Manconi e Sandro Veronesi con il collettivo #corpi, NON SIAMO PESCI. Nell’appello si chiede di istituire subito una commissione parlamentare di inchiesta sulle stragi nel Mediterraneo e di [...]

Da Camilleri a Benigni appello migranti

Da Camilleri a Benigni appello migranti

(ANSA) – ROMA, 25 GEN – Da Andrea Camilleri a Roberto Benigni, da Matteo Garrone a Niccolò Ammaniti: sono oltre seicento le adesioni del mondo della cultura, dello spettacolo, della musica e dello sport che in queste ore stanno firmano l’appello, promosso da Luigi Manconi e Sandro Veronesi con il collettivo #corpi, NON SIAMO PESCI. Nell’appello si chiede di istituire subito una commissione parlamentare di inchiesta sulle stragi nel Mediterraneo e di [...]

Un Cult: Benigni e Troisi in "Non ci resta che piangere" – La lettera a Savonarola.

Un Cult: Benigni e Troisi in "Non ci resta che piangere" – La lettera a Savonarola.

    . seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity  . .   Un Cult: Benigni e Troisi in "Non ci resta che piangere" – La lettera a Savonarola.   Un cult - La lettera che Saverio (Roberto Benigni) e Mario (Massimo Troisi) scrivono a Savonarola... Divertentissomo. SAVERIO: Dammi un foglio! Troisi prende un foglio di carta con sul retro i conti della macelleria. SAVERIO: Ma che mi dai un foglio con dietro i conti della macelleria? MARIO: Ma dietro è [...]

FOTO: Roberto Benigni

Roberto_Benigni

Roberto_Benigni

Roberto Benigni viene premiato a Terni durante le Manifestazioni valentiniane nel 2006 Oscar al miglior attore 1999

Roberto Benigni viene premiato a Terni durante le Manifestazioni valentiniane nel 2006 Oscar al miglior attore 1999

Roberto Benigni viene premiato a Terni durante le Manifestazioni valentiniane nel 2006 Oscar al miglior attore 1999

Roberto Benigni viene premiato a Terni durante le Manifestazioni valentiniane nel 2006 Oscar al miglior attore 1999

Freccero e i big, da Grillo a Benigni

Freccero e i big, da Grillo a Benigni

(ANSA) – ROMA, 18 GEN – C’è Celentano, ma ci sono anche Grillo, Benigni, Funari e Tortora. Al via il nuovo format targato Freccero che vede i grandi personaggi della tv italiana, in alcune delle pagine più belle “scritte” da loro sul piccolo schermo. L’obiettivo del format ideato da Carlo Freccero è anche quello di colmare i vuoti di palinsesto di gennaio e febbraio, con una programmazione di qualità. Prossimo appuntamento con “C’è [...]

Iva Zanicchi Roberto Benigni in passato ha criticato una mia canzone

Iva Zanicchi Roberto Benigni in passato ha criticato una mia canzone

Iva Zanicchi riprende un episodio a lei spiacevole accaduto nel 2009. Lo fa durante l'undicesima puntata di “La repubblica delle donne”. La vicenda cui la cantante fa riferimento è il caso “Ti voglio senza amore” nel Sanremo di 10 anni fa in cui l'allora super ospite Roberto Benigni prese in giro il testo del brano, a suo dire troppo esplicito poiché si parlava di un argomento per adulti come il ses...o. Nei giorni seguenti, la Zanicchi che venne esclusa [...]

Iva Zanicchi a Sanremo Roberto Benigni mi disse una cosa mostruosa

Iva Zanicchi a Sanremo Roberto Benigni mi disse una cosa mostruosa

Anche se è passato tanto tempo Iva Zanicchi riprende un episodio a lei spiacevole accaduto nel 2009. Lo fa durante l'undicesima puntata di “La repubblica delle donne”. La vicenda cui la cantante fa riferimento è il caso “Ti voglio senza amore” nel Sanremo di 10 anni fa in cui l'allora super ospite Roberto Benigni prese in giro il testo del brano, a suo dire troppo esplicito poiché si parlava di un argomento per adulti come il ses...o. Nei giorni [...]

“Ci dobbiamo affrettare, affrettiamoci ad amare” – Il fantastico monologo di Roberto Benigni su amore e felicità

“Ci dobbiamo affrettare, affrettiamoci ad amare” – Il fantastico monologo di Roberto Benigni su amore e felicità

    . seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity  . . “Ci dobbiamo affrettare, affrettiamoci ad amare” – Il fantastico monologo di Roberto Benigni su amore e felicità   “Si ricapitola, si riassume in questa parola: amarsi; peró c’è una cosa da dire: che il tempo passa, e il problema fondamentale dell’umanità da 2000 anni è rimasto lo stesso.. amarsi. Solo che ora e diventato piú urgente, molto piú urgente, e quando oggi sentiamo ancora [...]

Il fantastico, geniale, divertentissimo monologo sulla poesia di Roberto Benigni...

Il fantastico, geniale, divertentissimo monologo sulla poesia di Roberto Benigni...

  . seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity  . . Il fantastico, geniale, divertentissimo monologo sulla poesia di Roberto Benigni... Monologo dal film "La tigre e la neve" di Roberto Benigni Su su… Svelti, veloci, piano, con calma…non v’affrettate. Poi non scrivete subito poesie d’amore, che sono le più difficili, aspettate almeno almeno un’ottantina d’anni. Scrivetele su un altro argomento… che ne so… sul mare, il vento, un termosifone, [...]

La Valdichiana, location del "Pinocchio" di Garrone e Benigni

La Valdichiana, location del "Pinocchio" di Garrone e Benigni

Nel 2019 Matteo Garrone darà inizio alle riprese del suo Pinocchio, con Roberto Benigni nei panni di Geppetto. Il regista partirà dalla Toscana, per poi approdare in Lazio e in Puglia. Il 2019 sarà l’anno di Pinocchio. Guillermo del Toro ha infatti annunciato di star lavorando a una versione animata e dark, che andrà in onda su Netflix. A questi si aggiunge un progetto tutto italiano, che comprende due grandi nomi del nostro cinema. Si tratta del [...]

Benigni, "Bertolucci era il più grande"

Benigni, "Bertolucci era il più grande"

(ANSA) – ROMA, 26 NOV – “E’ un dolore immenso la morte di Bernardo Bertolucci. Se ne è andato il più grande di tutti, l’ultimo imperatore del cinema italiano. Un pezzo della nostra famiglia, un amico fraterno, amoroso, intelligente, pieno di genio, imprevedibile, rigorosissimo ed implacabile nel dirci sempre la verità. Il suo cinema rimarrà tra le meraviglie del ventesimo secolo”, dicono Nicoletta Braschi e Roberto Benigni.

Benigni (Elettronica Group): Italia punti su aerospazio e difesa

Benigni (Elettronica Group): Italia punti su aerospazio e difesa

Roma, (askanews) - "Da sempre le industrie di aerospazio e difesa sono le principali innovatrici perché investono moltissimo nei trend futuri. L'utilizzo di queste tecnologie che possono nascere nell'ambito dell'aerospazio e difesa ma poi possono essere mutuate in un'ottica di dual use anche nel mondo civile è sicuramente una delle chiavi di cui un Paese come l'Italia dovrebbe usufruire: aiutare le industrie di aerospazio e difesa, essere il traino per questa [...]

Benigni sara' Geppetto nel Pinocchio di Garrone

Benigni sara' Geppetto nel Pinocchio di Garrone

Il regista: "Fare Pinocchio e dirigere Benigni, 2 sogni in un solo film"

Benigni sarà Geppetto per Garrone

Benigni sarà Geppetto per Garrone

(ANSA) – ROMA, 26 OTT – Roberto Benigni torna al cinema per interpretare Geppetto in Pinocchio, il nuovo film scritto e diretto da Matteo Garrone. “Girare finalmente Pinocchio e dirigere Roberto Benigni sono due sogni che si avverano in un solo film” dichiara Garrone. Benigni aggiunge: “Un grande personaggio, una grande favola, un grande regista: fare Geppetto diretto da Matteo Garrone è una delle forme della felicità”. Il film, una coproduzione [...]

&id=HPN_Benigni_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Benigni" alt="" style="display:none;"/> ?>