Berthold Brecht

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Berthold Brecht. Cerca invece Bertolt Brecht.

Vedi anche

Father
In rilievo

Father

Baal (teatro)

La scheda: Baal (teatro)

Bertolt Brecht (IPA: ), nato Eugen Berthold Friedrich Brecht (Augusta, 10 febbraio 1898 – Berlino Est, 14 agosto 1956) è stato un drammaturgo, poeta, regista teatrale e saggista tedesco naturalizzato austriaco.


senza titolo

Generale il tuo carro armato - Bertolt Brecht - 1898 / 1956 Generale, il tuo carro armato è una macchina potente Spiana un bosco e sfracella cento uomini. Ma ha un difetto: ha bisogno di un carrista. Generale, il tuo bombardiere è potente. Vola più rapido d’una tempesta e porta più di un elefante. Ma ha un difetto: ha bisogno di un meccanico. Generale, l’uomo fa di tutto. Può volare e può uccidere. Ma ha un difetto: può pensare. Ho dipinto la pace - Tali [...]

Rispondi

Bertold Brecht

Quando sarà venuta l'ora che all'uomo un aiuto sia l'uomo, pensate a noi con indulgenza. Bertold Brecht da POESIE E CANZONI A coloro che verranno

Bertold Brecht

Anche l'odio contro la bassezza stravolge il viso. Anche l'ira per l'ingiustizia fa roca la voce. Bertold Brecht da POESIE E CANZONI A coloro che verranno

EVENTI: Baal (teatro)

Nel 1929 sposa, in aprile, Helene Weigel.

Nel 1929 sposa, in aprile, Helene Weigel.

Nel 1929 sposa, in aprile, Helene Weigel.

Nel 1929 sposa, in aprile, Helene Weigel.

Nel 1929 sposa, in aprile, Helene Weigel.

Nel 1932 Brecht andò a Mosca per la rappresentazione di Kule Wampe.

Nel 1932 Brecht andò a Mosca per la rappresentazione di Kule Wampe.

Nel 1932 Brecht andò a Mosca per la rappresentazione di Kule Wampe.

Nel 1932 Brecht andò a Mosca per la rappresentazione di Kule Wampe.

Nel 1932 Brecht andò a Mosca per la rappresentazione di Kule Wampe.

Nel 1913 cominciò a scrivere le prime poesie, tra cui L'albero in fiamme.

Nel 1913 cominciò a scrivere le prime poesie, tra cui L'albero in fiamme.

Nel 1913 cominciò a scrivere le prime poesie, tra cui L'albero in fiamme.

Nel 1913 cominciò a scrivere le prime poesie, tra cui L'albero in fiamme.

Nel 1913 cominciò a scrivere le prime poesie, tra cui L'albero in fiamme.

Nel 1935 partecipò a Parigi al Congresso internazionale degli scrittori antifascisti, dove lesse un suo testo per la difesa della cultura e contro il nazismo e per questo motivo venne privato della cittadinanza tedesca.

Nel 1935 partecipò a Parigi al Congresso internazionale degli scrittori antifascisti, dove lesse un suo testo per la difesa della cultura e contro il nazismo e per questo motivo venne privato della cittadinanza tedesca.

Nel 1935 partecipò a Parigi al Congresso internazionale degli scrittori antifascisti, dove lesse un suo testo per la difesa della cultura e contro il nazismo e per questo motivo venne privato della cittadinanza tedesca.

Nel 1935 partecipò a Parigi al Congresso internazionale degli scrittori antifascisti, dove lesse un suo testo per la difesa della cultura e contro il nazismo e per questo motivo venne privato della cittadinanza tedesca.

Nel 1935 partecipò a Parigi al Congresso internazionale degli scrittori antifascisti, dove lesse un suo testo per la difesa della cultura e contro il nazismo e per questo motivo venne privato della cittadinanza tedesca.

Nel 1934 pubblicò il Romanzo da tre soldi, scrisse il dramma didattico Gli Orazi e i Curiazi e il breve saggio Cinque difficoltà per scrivere la verità.

Nel 1934 pubblicò il Romanzo da tre soldi, scrisse il dramma didattico Gli Orazi e i Curiazi e il breve saggio Cinque difficoltà per scrivere la verità.

Nel 1934 pubblicò il Romanzo da tre soldi, scrisse il dramma didattico Gli Orazi e i Curiazi e il breve saggio Cinque difficoltà per scrivere la verità.

Nel 1934 pubblicò il Romanzo da tre soldi, scrisse il dramma didattico Gli Orazi e i Curiazi e il breve saggio Cinque difficoltà per scrivere la verità.

Nel 1934 pubblicò il Romanzo da tre soldi, scrisse il dramma didattico Gli Orazi e i Curiazi e il breve saggio Cinque difficoltà per scrivere la verità.

Nel 1956 Brecht era da tempo in cattive condizioni di salute.

Nel 1956 Brecht era da tempo in cattive condizioni di salute.

Nel 1956 Brecht era da tempo in cattive condizioni di salute.

Nel 1956 Brecht era da tempo in cattive condizioni di salute.

Nel 1956 Brecht era da tempo in cattive condizioni di salute.

Nel 1937 scrisse il dramma I fucili di Madre Carrar e nel 1938 Terrore e miseria del Terzo Reich.

Nel 1937 scrisse il dramma I fucili di Madre Carrar e nel 1938 Terrore e miseria del Terzo Reich.

Nel 1937 scrisse il dramma I fucili di Madre Carrar e nel 1938 Terrore e miseria del Terzo Reich.

Nel 1937 scrisse il dramma I fucili di Madre Carrar e nel 1938 Terrore e miseria del Terzo Reich.

Nel 1937 scrisse il dramma I fucili di Madre Carrar e nel 1938 Terrore e miseria del Terzo Reich.

Tra il 1914 e il 1915 scrisse altri componimenti, imbevuti di patriottismo (si pensi a Der Freiwillige, in cui la popolazione getta rose a un volontario di guerra, o a Der belgische Acker, dove esalta il lavoro dei militari tedeschi in Belgio durante la Grande Guerra) e di entusiasmo per la guerra e per tutto ciò che è tedesco.

Tra il 1914 e il 1915 scrisse altri componimenti, imbevuti di patriottismo (si pensi a Der Freiwillige, in cui la popolazione getta rose a un volontario di guerra, o a Der belgische Acker, dove esalta il lavoro dei militari tedeschi in Belgio durante la Grande Guerra) e di entusiasmo per la guerra e per tutto ciò che è tedesco.

Tra il 1914 e il 1915 scrisse altri componimenti, imbevuti di patriottismo (si pensi a Der Freiwillige, in cui la popolazione getta rose a un volontario di guerra, o a Der belgische Acker, dove esalta il lavoro dei militari tedeschi in Belgio durante la Grande Guerra) e di entusiasmo per la guerra e per tutto ciò che è tedesco.

Tra il 1914 e il 1915 scrisse altri componimenti, imbevuti di patriottismo (si pensi a Der Freiwillige, in cui la popolazione getta rose a un volontario di guerra, o a Der belgische Acker, dove esalta il lavoro dei militari tedeschi in Belgio durante la Grande Guerra) e di entusiasmo per la guerra e per tutto ciò che è tedesco.

Tra il 1914 e il 1915 scrisse altri componimenti, imbevuti di patriottismo (si pensi a Der Freiwillige, in cui la popolazione getta rose a un volontario di guerra, o a Der belgische Acker, dove esalta il lavoro dei militari tedeschi in Belgio durante la Grande Guerra) e di entusiasmo per la guerra e per tutto ciò che è tedesco.

Nel 1936 diresse una rivista pubblicata a Mosca La parola.

Nel 1936 diresse una rivista pubblicata a Mosca La parola.

Nel 1936 diresse una rivista pubblicata a Mosca La parola.

Nel 1936 diresse una rivista pubblicata a Mosca La parola.

Nel 1936 diresse una rivista pubblicata a Mosca La parola.

Nel 1917 ottenne il cosiddetto Notabitur (diploma d'emergenza concesso anzitempo agli studenti che intendevano arruolarsi) a causa degli eventi bellici.

Nel 1917 ottenne il cosiddetto Notabitur (diploma d'emergenza concesso anzitempo agli studenti che intendevano arruolarsi) a causa degli eventi bellici.

Nel 1917 ottenne il cosiddetto Notabitur (diploma d'emergenza concesso anzitempo agli studenti che intendevano arruolarsi) a causa degli eventi bellici.

Nel 1917 ottenne il cosiddetto Notabitur (diploma d'emergenza concesso anzitempo agli studenti che intendevano arruolarsi) a causa degli eventi bellici.

Nel 1917 ottenne il cosiddetto Notabitur (diploma d'emergenza concesso anzitempo agli studenti che intendevano arruolarsi) a causa degli eventi bellici.

Nel 1939 lasciò la Danimarca e si recò a Stoccolma in una fattoria nell'isola di Lidingö.

Nel 1939 lasciò la Danimarca e si recò a Stoccolma in una fattoria nell'isola di Lidingö.

Nel 1939 lasciò la Danimarca e si recò a Stoccolma in una fattoria nell'isola di Lidingö.

Nel 1939 lasciò la Danimarca e si recò a Stoccolma in una fattoria nell'isola di Lidingö.

Nel 1939 lasciò la Danimarca e si recò a Stoccolma in una fattoria nell'isola di Lidingö.

Nel 1916, in un tema in classe sul verso oraziano Dulce et decorum est pro patria mori, Brecht espresse un giudizio negativo sulla morte eroica affermando tra l'altro:.

Nel 1916, in un tema in classe sul verso oraziano Dulce et decorum est pro patria mori, Brecht espresse un giudizio negativo sulla morte eroica affermando tra l'altro:.

Nel 1916, in un tema in classe sul verso oraziano Dulce et decorum est pro patria mori, Brecht espresse un giudizio negativo sulla morte eroica affermando tra l'altro:.

Nel 1916, in un tema in classe sul verso oraziano Dulce et decorum est pro patria mori, Brecht espresse un giudizio negativo sulla morte eroica affermando tra l'altro:.

Nel 1916, in un tema in classe sul verso oraziano Dulce et decorum est pro patria mori, Brecht espresse un giudizio negativo sulla morte eroica affermando tra l'altro:.

Nel 1931 terminò la sceneggiatura del film Kule Wampe e scrisse il dramma La madre, tratto dal romanzo omonimo di Maksim Gor'kij, presentato a Berlino nel 1932.

Nel 1931 terminò la sceneggiatura del film Kule Wampe e scrisse il dramma La madre, tratto dal romanzo omonimo di Maksim Gor'kij, presentato a Berlino nel 1932.

Nel 1931 terminò la sceneggiatura del film Kule Wampe e scrisse il dramma La madre, tratto dal romanzo omonimo di Maksim Gor'kij, presentato a Berlino nel 1932.

Nel 1931 terminò la sceneggiatura del film Kule Wampe e scrisse il dramma La madre, tratto dal romanzo omonimo di Maksim Gor'kij, presentato a Berlino nel 1932.

Nel 1931 terminò la sceneggiatura del film Kule Wampe e scrisse il dramma La madre, tratto dal romanzo omonimo di Maksim Gor'kij, presentato a Berlino nel 1932.

Nel 1953 compose le poesie Elegie di Buckow e assistette all'insurrezione degli operai di Berlino Est: da qui scrisse una lettera in cui difendeva l'ideale comunista, anche se in realtà ne furono pubblicati solo i passaggi relativi all'appoggio dato al partito egemone e la propria dichiarazione di lealtà mentre nella sostanza il documento era fortemente critico nei confronti della repressione del movimento operaio.

Nel 1953 compose le poesie Elegie di Buckow e assistette all'insurrezione degli operai di Berlino Est: da qui scrisse una lettera in cui difendeva l'ideale comunista, anche se in realtà ne furono pubblicati solo i passaggi relativi all'appoggio dato al partito egemone e la propria dichiarazione di lealtà mentre nella sostanza il documento era fortemente critico nei confronti della repressione del movimento operaio.

Nel 1953 compose le poesie Elegie di Buckow e assistette all'insurrezione degli operai di Berlino Est: da qui scrisse una lettera in cui difendeva l'ideale comunista, anche se in realtà ne furono pubblicati solo i passaggi relativi all'appoggio dato al partito egemone e la propria dichiarazione di lealtà mentre nella sostanza il documento era fortemente critico nei confronti della repressione del movimento operaio.

Nel 1953 compose le poesie Elegie di Buckow e assistette all'insurrezione degli operai di Berlino Est: da qui scrisse una lettera in cui difendeva l'ideale comunista, anche se in realtà ne furono pubblicati solo i passaggi relativi all'appoggio dato al partito egemone e la propria dichiarazione di lealtà mentre nella sostanza il documento era fortemente critico nei confronti della repressione del movimento operaio.

Nel 1953 compose le poesie Elegie di Buckow e assistette all'insurrezione degli operai di Berlino Est: da qui scrisse una lettera in cui difendeva l'ideale comunista, anche se in realtà ne furono pubblicati solo i passaggi relativi all'appoggio dato al partito egemone e la propria dichiarazione di lealtà mentre nella sostanza il documento era fortemente critico nei confronti della repressione del movimento operaio.

Nel 1930 andò in scena la commedia Ascesa e caduta della città di Mahagonny.

Nel 1930 andò in scena la commedia Ascesa e caduta della città di Mahagonny.

Nel 1930 andò in scena la commedia Ascesa e caduta della città di Mahagonny.

Nel 1930 andò in scena la commedia Ascesa e caduta della città di Mahagonny.

Nel 1930 andò in scena la commedia Ascesa e caduta della città di Mahagonny.

Nel 1918, dopo aver partecipato ai funerali di Frank Wedekind a Monaco, dedicò al drammaturgo - grande modello degli anni giovanili (il primo figlio di Brecht si chiamò Frank in suo onore) - la quartina Alla sepoltura di Wedekind.

Nel 1918 collaborò come critico teatrale al Tageszeitung della sua città natale, e l'anno successivo fece lo stesso per il giornale socialista Augsburger Volkswille, si avvicinò al movimento spartachista.

Nel 1918, dopo aver partecipato ai funerali di Frank Wedekind a Monaco, dedicò al drammaturgo - grande modello degli anni giovanili (il primo figlio di Brecht si chiamò Frank in suo onore) - la quartina Alla sepoltura di Wedekind.

Nel 1918 collaborò come critico teatrale al Tageszeitung della sua città natale, e l'anno successivo fece lo stesso per il giornale socialista Augsburger Volkswille, si avvicinò al movimento spartachista.

Nel 1918, dopo aver partecipato ai funerali di Frank Wedekind a Monaco, dedicò al drammaturgo - grande modello degli anni giovanili (il primo figlio di Brecht si chiamò Frank in suo onore) - la quartina Alla sepoltura di Wedekind.

Nel 1918 collaborò come critico teatrale al Tageszeitung della sua città natale, e l'anno successivo fece lo stesso per il giornale socialista Augsburger Volkswille, si avvicinò al movimento spartachista.

Nel 1918, dopo aver partecipato ai funerali di Frank Wedekind a Monaco, dedicò al drammaturgo - grande modello degli anni giovanili (il primo figlio di Brecht si chiamò Frank in suo onore) - la quartina Alla sepoltura di Wedekind.

Nel 1918 collaborò come critico teatrale al Tageszeitung della sua città natale, e l'anno successivo fece lo stesso per il giornale socialista Augsburger Volkswille, si avvicinò al movimento spartachista.

Nel 1918, dopo aver partecipato ai funerali di Frank Wedekind a Monaco, dedicò al drammaturgo - grande modello degli anni giovanili (il primo figlio di Brecht si chiamò Frank in suo onore) - la quartina Alla sepoltura di Wedekind.

Nel 1918 collaborò come critico teatrale al Tageszeitung della sua città natale, e l'anno successivo fece lo stesso per il giornale socialista Augsburger Volkswille, si avvicinò al movimento spartachista.

Il 29 giugno 1900 nacque il fratello Walter, che più tardi diventerà professore di tecnologia cartaria al Politecnico di Darmstadt e il 12 settembre dello stesso anno la famiglia si trasferì in un appartamento più grande nella Bleichstraße 2, in una delle case della Fondazione Haindl, costruite qualche anno prima per i dipendenti nel sobborgo di Klancke.

Il 29 giugno 1900 nacque il fratello Walter, che più tardi diventerà professore di tecnologia cartaria al Politecnico di Darmstadt e il 12 settembre dello stesso anno la famiglia si trasferì in un appartamento più grande nella Bleichstraße 2, in una delle case della Fondazione Haindl, costruite qualche anno prima per i dipendenti nel sobborgo di Klancke.

Il 29 giugno 1900 nacque il fratello Walter, che più tardi diventerà professore di tecnologia cartaria al Politecnico di Darmstadt e il 12 settembre dello stesso anno la famiglia si trasferì in un appartamento più grande nella Bleichstraße 2, in una delle case della Fondazione Haindl, costruite qualche anno prima per i dipendenti nel sobborgo di Klancke.

Il 29 giugno 1900 nacque il fratello Walter, che più tardi diventerà professore di tecnologia cartaria al Politecnico di Darmstadt e il 12 settembre dello stesso anno la famiglia si trasferì in un appartamento più grande nella Bleichstraße 2, in una delle case della Fondazione Haindl, costruite qualche anno prima per i dipendenti nel sobborgo di Klancke.

Il 29 giugno 1900 nacque il fratello Walter, che più tardi diventerà professore di tecnologia cartaria al Politecnico di Darmstadt e il 12 settembre dello stesso anno la famiglia si trasferì in un appartamento più grande nella Bleichstraße 2, in una delle case della Fondazione Haindl, costruite qualche anno prima per i dipendenti nel sobborgo di Klancke.

Nel 1922, anno in cui vinse il Premio Kleist per Tamburi nella notte, andò a Berlino dove il 3 novembre sposò l'attrice e cantante d'opera Marianne Zoff, sorella di un suo amico scrittore.

Nel 1922, anno in cui vinse il Premio Kleist per Tamburi nella notte, andò a Berlino dove il 3 novembre sposò l'attrice e cantante d'opera Marianne Zoff, sorella di un suo amico scrittore.

Nel 1922, anno in cui vinse il Premio Kleist per Tamburi nella notte, andò a Berlino dove il 3 novembre sposò l'attrice e cantante d'opera Marianne Zoff, sorella di un suo amico scrittore.

Nel 1922, anno in cui vinse il Premio Kleist per Tamburi nella notte, andò a Berlino dove il 3 novembre sposò l'attrice e cantante d'opera Marianne Zoff, sorella di un suo amico scrittore.

Nel 1922, anno in cui vinse il Premio Kleist per Tamburi nella notte, andò a Berlino dove il 3 novembre sposò l'attrice e cantante d'opera Marianne Zoff, sorella di un suo amico scrittore.

Il 9 settembre 1943 a Zurigo esordì Vita di Galileo.

Il 9 settembre 1943 a Zurigo esordì Vita di Galileo.

Il 9 settembre 1943 a Zurigo esordì Vita di Galileo.

Il 9 settembre 1943 a Zurigo esordì Vita di Galileo.

Il 9 settembre 1943 a Zurigo esordì Vita di Galileo.

Nel 1924 si trasferì definitivamente a Berlino dove lavorò con Carl Zuckmayer come drammaturgo presso il Deutsches Theater, e (sempre nel medesimo anno) nacque suo figlio Stefan.

Nel 1924 si trasferì definitivamente a Berlino dove lavorò con Carl Zuckmayer come drammaturgo presso il Deutsches Theater, e (sempre nel medesimo anno) nacque suo figlio Stefan.

Nel 1924 si trasferì definitivamente a Berlino dove lavorò con Carl Zuckmayer come drammaturgo presso il Deutsches Theater, e (sempre nel medesimo anno) nacque suo figlio Stefan.

Nel 1924 si trasferì definitivamente a Berlino dove lavorò con Carl Zuckmayer come drammaturgo presso il Deutsches Theater, e (sempre nel medesimo anno) nacque suo figlio Stefan.

Nel 1924 si trasferì definitivamente a Berlino dove lavorò con Carl Zuckmayer come drammaturgo presso il Deutsches Theater, e (sempre nel medesimo anno) nacque suo figlio Stefan.

Nel 1946 scrisse la seconda redazione della Vita di Galileo.

Nel 1946 scrisse la seconda redazione della Vita di Galileo.

Nel 1946 scrisse la seconda redazione della Vita di Galileo.

Nel 1946 scrisse la seconda redazione della Vita di Galileo.

Nel 1946 scrisse la seconda redazione della Vita di Galileo.

Nel 1923 scrisse il dramma Vita di Edoardo secondo di Inghilterra e conobbe la futura moglie Helene Weigel.

Nel 1923 scrisse il dramma Vita di Edoardo secondo di Inghilterra e conobbe la futura moglie Helene Weigel.

Nel 1923 scrisse il dramma Vita di Edoardo secondo di Inghilterra e conobbe la futura moglie Helene Weigel.

Nel 1923 scrisse il dramma Vita di Edoardo secondo di Inghilterra e conobbe la futura moglie Helene Weigel.

Nel 1923 scrisse il dramma Vita di Edoardo secondo di Inghilterra e conobbe la futura moglie Helene Weigel.

Dal 1926 intrattenne stretti contatti con artisti di tendenza socialista e ciò influenzò molto la sua Weltanschauung.

Dal 1926 intrattenne stretti contatti con artisti di tendenza socialista e ciò influenzò molto la sua Weltanschauung.

Dal 1926 intrattenne stretti contatti con artisti di tendenza socialista e ciò influenzò molto la sua Weltanschauung.

Dal 1926 intrattenne stretti contatti con artisti di tendenza socialista e ciò influenzò molto la sua Weltanschauung.

Dal 1926 intrattenne stretti contatti con artisti di tendenza socialista e ciò influenzò molto la sua Weltanschauung.

Nel 1948 ritornò insieme con la moglie, Helene Weigel, a Berlino Est, dove fondò il teatro Berliner Ensemble che diventò una delle più importanti compagnie teatrali europee e si dedicò soprattutto alla attività di regista.

Nel 1948 ritornò insieme con la moglie, Helene Weigel, a Berlino Est, dove fondò il teatro Berliner Ensemble che diventò una delle più importanti compagnie teatrali europee e si dedicò soprattutto alla attività di regista.

Nel 1948 ritornò insieme con la moglie, Helene Weigel, a Berlino Est, dove fondò il teatro Berliner Ensemble che diventò una delle più importanti compagnie teatrali europee e si dedicò soprattutto alla attività di regista.

Nel 1948 ritornò insieme con la moglie, Helene Weigel, a Berlino Est, dove fondò il teatro Berliner Ensemble che diventò una delle più importanti compagnie teatrali europee e si dedicò soprattutto alla attività di regista.

Nel 1948 ritornò insieme con la moglie, Helene Weigel, a Berlino Est, dove fondò il teatro Berliner Ensemble che diventò una delle più importanti compagnie teatrali europee e si dedicò soprattutto alla attività di regista.

Nel 1925 scrisse la commedia Un uomo è un uomo.

Nel 1925 scrisse la commedia Un uomo è un uomo.

Nel 1925 scrisse la commedia Un uomo è un uomo.

Nel 1925 scrisse la commedia Un uomo è un uomo.

Nel 1925 scrisse la commedia Un uomo è un uomo.

Nel 1928 scrisse la commedia L'opera da tre soldi su musica di Kurt Weill che andò in scena il 31 agosto e che divenne il maggior successo teatrale della Repubblica di Weimar.

Nel 1928 scrisse la commedia L'opera da tre soldi su musica di Kurt Weill che andò in scena il 31 agosto e che divenne il maggior successo teatrale della Repubblica di Weimar.

Nel 1928 scrisse la commedia L'opera da tre soldi su musica di Kurt Weill che andò in scena il 31 agosto e che divenne il maggior successo teatrale della Repubblica di Weimar.

Nel 1928 scrisse la commedia L'opera da tre soldi su musica di Kurt Weill che andò in scena il 31 agosto e che divenne il maggior successo teatrale della Repubblica di Weimar.

Nel 1928 scrisse la commedia L'opera da tre soldi su musica di Kurt Weill che andò in scena il 31 agosto e che divenne il maggior successo teatrale della Repubblica di Weimar.

Nel 1927 uscì il primo libro di poesie Il libro di devozioni domestiche (Hauspostille).

Nel 1927 uscì il primo libro di poesie Il libro di devozioni domestiche (Hauspostille).

Nel 1927 uscì il primo libro di poesie Il libro di devozioni domestiche (Hauspostille).

Nel 1927 uscì il primo libro di poesie Il libro di devozioni domestiche (Hauspostille).

Nel 1927 uscì il primo libro di poesie Il libro di devozioni domestiche (Hauspostille).

Nel 1940 passò dalla Svezia alla Finlandia.

Nel 1940 passò dalla Svezia alla Finlandia.

Nel 1940 passò dalla Svezia alla Finlandia.

Nel 1940 passò dalla Svezia alla Finlandia.

Nel 1940 passò dalla Svezia alla Finlandia.

Tra il 1942 e il 1945 scrisse il dramma Le visioni di Simona Machard e il dramma Schweyk nella seconda guerra mondiale.

Tra il 1942 e il 1945 scrisse il dramma Le visioni di Simona Machard e il dramma Schweyk nella seconda guerra mondiale.

Tra il 1942 e il 1945 scrisse il dramma Le visioni di Simona Machard e il dramma Schweyk nella seconda guerra mondiale.

Tra il 1942 e il 1945 scrisse il dramma Le visioni di Simona Machard e il dramma Schweyk nella seconda guerra mondiale.

Tra il 1942 e il 1945 scrisse il dramma Le visioni di Simona Machard e il dramma Schweyk nella seconda guerra mondiale.

Nel 1941 abbandonò anche la Finlandia per recarsi a Mosca dove il 30 maggio morì Margarete Steffin.

Nel 1941 abbandonò anche la Finlandia per recarsi a Mosca dove il 30 maggio morì Margarete Steffin.

Nel 1941 abbandonò anche la Finlandia per recarsi a Mosca dove il 30 maggio morì Margarete Steffin.

Nel 1941 abbandonò anche la Finlandia per recarsi a Mosca dove il 30 maggio morì Margarete Steffin.

Nel 1941 abbandonò anche la Finlandia per recarsi a Mosca dove il 30 maggio morì Margarete Steffin.

Bertold Brecht

Voi che sarete emersi dai gorghi dove fummo travolti pensate quando parlate delle nostre debolezze anche ai tempi bui cui voi siete scampati. Bertol Brecht da POESIE E CANZONI A coloro che verranno

Bertold Brecht

Il mondo è povero e l'uomo malvagio... e che il pianeta terra è solo una valle che risuona di lamenti Bertold Brecht tratto da Un'opera da tre soldi

deleted

deleted

senza titolo

Generale il tuo carro armato - Bertolt Brecht - 1898 / 1956 Generale, il tuo carro armato è una macchina potente Spiana un bosco e sfracella cento uomini. Ma ha un difetto: ha bisogno di un carrista. Generale, il tuo bombardiere è potente. Vola più rapido d’una tempesta e porta più di un elefante. Ma ha un difetto: ha bisogno di un meccanico. Generale, l’uomo fa di tutto. Può volare e può uccidere. Ma ha un difetto: può pensare. Ho dipinto la pace - Tali [...]

Rispondi

ventisette gennaio

Generale il tuo carro armato - Bertolt Brecht - Generale, il tuo carro armato è una macchina potente Spiana un bosco e sfracella cento uomini. Ma ha un difetto: ha bisogno di un carrista. Generale, il tuo bombardiere è potente. Vola più rapido d’una tempesta e porta più di un elefante. Ma ha un difetto: ha bisogno di un meccanico. Generale, l’uomo fa di tutto. Può volare e può uccidere. Ma ha un difetto: può pensare. Ho dipinto la pace - Tali Sorek - [...]

Rispondi

Alabama Song: da Bertolt Brecht al Duca Bianco.

Alabama Song: da Bertolt Brecht al Duca Bianco… Chi era Bertolt Brecht? Era uno che scriveva roba per teatro. Sì. Era pure un poeta. Era anche uno che scriveva libretti per operetta spesso in collaborazione con Kurt Weill. I due erano una specie di Lennon/McCartney degli anni ’20 tedeschi. Chissà se quando Brecht e Weill scrissero [....

Brecht

Ho rotto definitivamente il ghiaccio con Brecht. L'ho conosciuto leggendo un libriccino di Moni Ovadia "Ballata di fine millennio", dove tra una storiella e l'altra ci sono dei brani di altri autori, tra cui appunto Brecht. Prima di allora ero spaventato solo dal nome. Anche solo leggere "Bertolt Brecht" mi irrigidiva. Non parliamone poi se associato a "drammaturgo"! Tempo fa sono andato alla rappresentazione di una sua opera teatrale, "Schweyk va alla seconda [...]

Bertold Brecht

Un uomo ha sempre paura di una donna che l'ama troppo.

Bertolt Brecht

"Generale,il tuo carro è un veicolo potente,abbatte foreste,schiacciacento uomini.Ma ha un sol difetto:ha bisogno dell'autista.Generale,l'uomo è moltoutile,sa volare e sa uccidere.Ma ha un sol difetto:sa pensare"

Federico García Lorca

Federico García Lorca

  L'ombra si è addormentata nel prato. Le molle cantano. Di fronte all'ampio crepuscolo invernale, il mio cuore sognava. Chi potrebbe capire le sorgenti, il segreto dell'acqua neonata, quella canzone nascosta a tutti gli sguardi dello spirito, dolce melodia oltre le anime ...? Federico García Lorca      

RUDOLF STEINER: NELLA VIVISEZIONE GRAVISSIME SOFFERENZE INFLITTE AGLI ANIMALI

RUDOLF STEINER: NELLA VIVISEZIONE GRAVISSIME SOFFERENZE INFLITTE AGLI ANIMALI

RUDOLF STEINER: NELLA VIVISEZIONE GRAVISSIME SOFFERENZE INFLITTE AGLI ANIMALI LA FOTO E' ANCORA MODERATA, CI SONO IMMAGINI MOLTO PIU' CRUENTE.... Nel Medioevo nessuno avrebbe mai sognato di distruggere la vita per capirla, e nei tempi antichi qualsiasi medico avrebbe considerato questo come il massimo della follia. Nel Medioevo un certo numero di persone erano ancora chiaroveggenti; i medici potevano vedere in un uomo e discernere qualsiasi lesione o difetto nel [...]

Luigi Pirandello

La vanità umana non ricusa talvolta di farsi piedistallo anche di certa stima che offende e l'incenso acre e pestifero di certi indegni e meschini turiboli. Luigi Pirandello da Il fu Mattia Pascal

Il Traditore

Il Traditore

"Il Traditore" è il ventiquattresimo film di Marco Bellocchio, e ci racconta, o meglio interpreta come detto dallo stesso regista; gli eventi che scaturirono dalle parole di Tommaso Buscetta, il boss dei due mondi; su Cosa Nostra, e di come queste furono decisive nella sconfitta dei Corleonesi. Lo fa creando un personaggio onirico, quasi di stampo shaksperiano per raccontarci i tragici eventi di quegli anni. La storia parte dalla festa di Santa Rosalia nel 1980 [...]

FOTO: Baal (teatro)

Bertolt Brecht Premio Lenin per la pace 1954

Bertolt Brecht Premio Lenin per la pace 1954

Bertolt Brecht Premio Lenin per la pace 1954

Bertolt Brecht Premio Lenin per la pace 1954

Bertolt Brecht Premio Lenin per la pace 1954

Bertolt Brecht Premio Lenin per la pace 1954

Bertolt Brecht Premio Lenin per la pace 1954

Bertolt Brecht Premio Lenin per la pace 1954

Nato di giugno -Federico Garcia Lorca

Nato di giugno -Federico Garcia Lorca

                        Il 5 giugno 1898 nasceva Garcia Lorca.Nessuno come lui è riuscito attraverso le sue visioni a rendere vive le immagini tanto da poterle vedere, sentire, toccare. Vita breve e intensa la sua, poesia inarrivabile, stroncata da un colpo di fucile in una Spagna franchista che vedeva in lui, socialista e omosessuale, un nemico da eliminare. Restano i suoi versi immortali e la sua voce, sempre a difesa degli emarginati e [...]

senza titolo

Generale il tuo carro armato - Bertolt Brecht - 1898 / 1956 Generale, il tuo carro armato è una macchina potente Spiana un bosco e sfracella cento uomini. Ma ha un difetto: ha bisogno di un carrista. Generale, il tuo bombardiere è potente. Vola più rapido d’una tempesta e porta più di un elefante. Ma ha un difetto: ha bisogno di un meccanico. Generale, l’uomo fa di tutto. Può volare e può uccidere. Ma ha un difetto: può pensare. Ho dipinto la pace - Tali [...]

Rispondi

Il Traditore

"Il Traditore" è il ventiquattresimo film di Marco Bellocchio, e ci racconta, o meglio interpreta come detto dallo stesso regista; gli eventi che scaturirono dalle parole di Tommaso Buscetta, il boss dei due mondi; su Cosa Nostra, e di come queste furono decisive nella sconfitta dei Corleonesi. Lo fa creando un personaggio onirico, quasi di stampo shaksperiano per raccontarci i tragici eventi di quegli anni. La storia parte dalla festa di Santa Rosalia nel 1980 [...]

Luigi Pirandello

Imparerai a tue spese che nella vita incontrerai tante maschere e pochi volti. Luigi Pirandello dal libro Uno, nessuno e centomila

Il Traditore

Il Traditore

Il Traditore è un film di genere drammatico del 2019, diretto da Marco Bellocchio, con Pierfrancesco Favino e Maria Fernanda Cândido. Uscita al cinema il 23 maggio 2019. Durata 148 minuti. Distribuito da 01 Distribution.DATA USCITA: 23 maggio 2019GENERE: DrammaticoANNO: 2019REGIA: Marco BellocchioATTORI: Pierfrancesco Favino, Maria Fernanda Cândido, Fabrizio Ferracane, Luigi Lo Cascio, Fausto Russo Alesi, Giovanni Calcagno, Bruno Cariello, Nicola [...]

Bertold Brecht

Quando sarà venuta l'ora che all'uomo un aiuto sia l'uomo, pensate a noi con indulgenza. Bertold Brecht da POESIE E CANZONI A coloro che verranno

Bertold Brecht

Anche l'odio contro la bassezza stravolge il viso. Anche l'ira per l'ingiustizia fa roca la voce. Bertold Brecht da POESIE E CANZONI A coloro che verranno

Bertold Brecht

Voi che sarete emersi dai gorghi dove fummo travolti pensate quando parlate delle nostre debolezze anche ai tempi bui cui voi siete scampati. Bertol Brecht da POESIE E CANZONI A coloro che verranno

Stefano De Martino confessa: «Ho fatto già abbastanza errori. Il mio sogno? Portare in tv i varietà di un tempo»

Stefano De Martino confessa: «Ho fatto già abbastanza errori. Il mio sogno? Portare in tv i varietà di un tempo»

Stefano Di Martino è stato promosso a pieni voti dopo l'esperienza televisiva di "Made in Sud" e dopo l'ultima puntata della trasmissione, in onda lunedì in prima serata su Rai2, si concede qualche bilancio e racconta il suo sogno professionale sulle pagine del ‘Corriere della sera’. «Sono convinto che più vai avanti e più hai la consapevolezza per goderti la vita. Oggi penso di aver fatto già abbastanza errori per proseguire con una buona marcia», la [...]

Aristotele -  terzo libro della poetica

Aristotele - terzo libro della poetica

Aristotele nel terzo libro della poetica,dice che nell'isola di Ios, in occasione della colonizzazione, una ragazza indigena fu ingravidata da uno di quei demoni che danzavano con le Muse e vergognandosi dell'accaduto per la grandezza del ventre, ando' ad Egina. Dei pirati la presero e la condussero da Meone, loro amico, il quale si innammoro' della bellezza della ragazza e la sposo'. Presa dalle doglie ella partori 'Omero sulla riva del fiume. Poiche' Crizeide [...]

La filosofia antica dalle origini ad Aristotele

MARCO MARTINI LA FILOSOFIA ANTICA DALLE ORIGINI AD ARISTOTELE Non posso non ricordare la statura intellettuale del mio Maestro, il fu Professor Francesco Adorno, mio docente di storia della filosofia antica, al quale moltissimo devo per l’amore che mi ha profuso; desidero inoltre ricordare e ringraziare il Prof. Walter Cavini, giovane ricercatore ai tempi in cui ero studente, oggi affermato docente dell’Ateneo senese, per le sue lezioni sulla [...]

Dalì e Gala

Dalì e Gala

Talvolta la genialità mi lascia indifferente e non perché sia incapace di darle il giusto tributo ma perché prediligo la storia dell'uomo che si nasconde dietro l'artista; di Dalì ho letto e visto molto ma nulla sapevo della sua grande storia d'amore, quella che comunemente definiamo la storia di una vita. Nell'estate del 1924 Dalì risiedeva in Catalogna quando fu raggiunto da Magritte in compagnia di Paul Èluard e della moglie Elena Dmitrievna D'jakanova, [...]

È necessario comprendere che la natura umana è traditrice

Dio disse: “Il motivo per cui Satana è stato da Me scagliato in aria è il suo tradimento, e allora come potrebbero gli esseri umani liberarsi dalle ripercussioni di questo evento? Questo è il motivo per cui natura umana equivale a tradimento”. Le parole di Dio colpiscono nel segno. Mettono direttamente in evidenza la ragione per cui la natura umana è traditrice. Questo è davvero un fatto incontestabile. Il motivo sottostante alla decisione di gettare [...]

Parole forti, parole vere per una traditrice seriale.

Ricordo di avergli chiesto  Perché.... Perché mi lasci.  E' stato uno sbaglio, in fondo amo solo te. E' stato un errore.... Ma allontava i suoi occhi dai miei Dai, vieni da me  Tutto può ricominciare, tutto può tornare come prima non ci pensare.  Prese la sua giacca da moto. Ti prego non andare... Dai risolviamola parlando non può finire così  Ti prego dimmi almeno perché Solo allora si è fermato davanti alla porta solo per dire... " Non [...]

deleted

deleted

Jarry

Si legge, per il solito, che Alfred Jarry avrebbe anticipato le avanguardie letterarie del Novecento. Stessa cosa si dice ormai della "revue blanche", in altri tempi confinata fra le anticaglie di un insopportabile gusto liberty, insieme alle seggiole viennesi, ad Alphonse Mucha e a molte altre cose ancora, diventate poi preziosissime. Forse troppa responsabilità viene concessa alla signora Natanson, nata Godebska, la quale, dopo aver ricevuto una solida [...]

&id=HPN_Bertolt+Brecht_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Bertolt{{}}Brecht" alt="" style="display:none;"/> ?>