Caduti del Lavoro

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Review
In rilievo

Review

Caduti del lavoro

La scheda: Caduti del lavoro

I caduti del lavoro sono le persone decedute a causa di incidenti occorsi durante e per causa del lavoro svolto. Tale locuzione è frequentemente in uso anche nelle strade e nelle piazze d'Italia ad essi dedicate.
Il fenomeno è anche indicato come morti bianche, dove «l'uso dell'aggettivo "bianco" allude all'assenza di una mano direttamente responsabile dell'incidente».
In senso critico, a partire dagli anni sessanta, è anche utilizzata la locuzione omicidi del lavoro, per rimarcare le responsabilità dei sistemi di produzione delle economie industrializzate e la scarsa attenzione alla sicurezza sul lavoro del sistema industriale, in particolare siderurgico e agricolo.



Il numero di morti sul lavoro in Italia costantemente diminuito dagli anni sessanta. Tra il 2008 e il 2011, gli infortuni mortali nell'Unione europea (27 paesi) sono diminuiti da 2,4 a 1,5 casi ogni 100.000 lavoratori, la stessa diminuzione è riscontrabile per l'Italia
L'Italia, nel decennio 1996-2005, è risultato il paese con il più alto numero di morti sul lavoro in Europa eccetto i primi due anni.
Il numero di morti in Italia al 2007 era di 1260 all'anno. Dal 2008 l'“Osservatorio indipendente di Bologna” riporta l'elenco dei morti sul lavoro, anche quelli "in nero". Inoltre presenta statistiche complete. Dal 2013 esiste anche una pagina specifica dove viene riportata la media giornaliera dei morti sul lavoro, i dati sono ricavati dall'“Osservatorio indipendente di Bologna”. Nel 2014 l'Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro ha registrato sui luoghi di lavoro 663 lavoratori e se si aggiungono i morti sulle strade e in itinere si arrivano a superare i 1350 morti complessi. L'aumento delle morti sui luoghi di lavoro secondo l'Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro rispetto al 2013 è del 12,5%, Sono 152 gli agricoltori morti schiacciati dal trattore nel 2014.

In Italia, nel dopoguerra si sono avuti circa 30.000 infortuni all'anno con danni permanenti. Gli infortuni con danni permanenti si sono progressivamente ridotti fino al minimo di circa 20.000 infortuni registrati negli anni 1980.
Successivamente il numero di infortuni ha ripreso a crescere fino a giungere nuovamente a oltre 30.000 infortuni all'anno.

In Italia si verificano circa 600.000 incidenti con danni temporanei ogni anno.

Indicativamente in Italia si registrano, dal 2000 al 2005, circa 25.000 malattie professionali di vario tipo registrate dall'INAIL.

Morti bianche opera di carlo Soricelli del 2003

Morti bianche opera di carlo Soricelli del 2003 Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro L’unico sito in Italia che monitora in tempo reale i morti sul lavoro, attivo dal 1° gennaio 2008 Curatore Carlo Soricelli https://www.facebook.com/carlo.soricelli 26 marzo Dall’inizio dell’anno sono morti sui luoghi di lavoro 145 lavoratori, 19 sono stati schiacciati dal trattore. 117 morti guidando questo mezzo da quando è nato il nuovo governo a giugno [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Caduti del lavoro

Occupazioni con alto tasso di mortalità, 2006, Stati Uniti.[4]

Occupazioni con alto tasso di mortalità, 2006, Stati Uniti.[4]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_Caduti+del+Lavoro_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Caduti{{}}del{{}}lavoro" alt="" style="display:none;"/> ?>