Carlo Emilio Gadda

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Father
In rilievo

Father

Carlo Emilio Gadda

La scheda: Carlo Emilio Gadda

Carlo Emilio Gadda (Milano, 14 novembre 1893 – Roma, 21 maggio 1973) è stato uno scrittore, poeta e ingegnere italiano, che ha segnato la narrativa del Novecento attraverso un impasto originalissimo di linguaggi diversi (dialetti, termini gergali e tecnici, neologismi) e un incessante stravolgimento delle strutture tradizionali del romanzo.


deleted

deleted

deleted

deleted

ATTACCO HACKER AL SITO DEL GADDA

Sulla home page del sito dell'Istituto Gadda di Paderno Dugnano compare la pagina di un "siriano" che inneggia a Bashar Al Assad, Putin, Iran. [AGGIORNAMENTO: 19 marzo ore 13,20] Il sito è stato ripristinato.

EVENTI: Carlo Emilio Gadda

Nel 1944 pubblicò L'Adalgisa, una raccolta di racconti di ambiente milanese, un quadro storico-satirico della borghesia milanese nel primo trentennio del Novecento, affiancato da note che danno un rimando saggistico all'opera: al suo interno, "raccontando i Perego, i Maldifassi, i Lattuada, i Corbetta, i Rusconi, i Ghiringhelli, e in primo luogo le loro donne", queste erano descritte come "le vere custodi e interpreti dei sentimenti e delle istituzioni della tribù".

Nel 1944 pubblicò L'Adalgisa, una raccolta di racconti di ambiente milanese, un quadro storico-satirico della borghesia milanese nel primo trentennio del Novecento, affiancato da note che danno un rimando saggistico all'opera: al suo interno, "raccontando i Perego, i Maldifassi, i Lattuada, i Corbetta, i Rusconi, i Ghiringhelli, e in primo luogo le loro donne", queste erano descritte come "le vere custodi e interpreti dei sentimenti e delle istituzioni della tribù".

Nel 1944 pubblicò L'Adalgisa, una raccolta di racconti di ambiente milanese, un quadro storico-satirico della borghesia milanese nel primo trentennio del Novecento, affiancato da note che danno un rimando saggistico all'opera: al suo interno, "raccontando i Perego, i Maldifassi, i Lattuada, i Corbetta, i Rusconi, i Ghiringhelli, e in primo luogo le loro donne", queste erano descritte come "le vere custodi e interpreti dei sentimenti e delle istituzioni della tribù".

Nel 1921 si iscrisse al Partito Nazionale Fascista.

Nel 1921 si iscrisse al Partito Nazionale Fascista.

Nel 1921 si iscrisse al Partito Nazionale Fascista.

Nel 1924 decise di iscriversi al corso di laurea in Filosofia e di dedicarsi alla passione a lungo rimandata: la letteratura e le arti umanistiche.

Nel 1924 decise di iscriversi al corso di laurea in Filosofia e di dedicarsi alla passione a lungo rimandata: la letteratura e le arti umanistiche.

Nel 1924 decise di iscriversi al corso di laurea in Filosofia e di dedicarsi alla passione a lungo rimandata: la letteratura e le arti umanistiche.

Nel 1957 venne pubblicato Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, uno sperimentale romanzo giallo ambientato nei primi anni del fascismo che era già apparso in una prima versione nel 1946-1947 sulla rivista Letteratura.

Nel 1957 venne pubblicato Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, uno sperimentale romanzo giallo ambientato nei primi anni del fascismo che era già apparso in una prima versione nel 1946-1947 sulla rivista Letteratura.

Nel 1957 venne pubblicato Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, uno sperimentale romanzo giallo ambientato nei primi anni del fascismo che era già apparso in una prima versione nel 1946-1947 sulla rivista Letteratura.

Nel 1926 iniziò la sua collaborazione alla rivista fiorentina Solaria, esordendo nel 1927 sulle pagine di critica con il saggio dal titolo Apologia manzoniana.

Nel 1926 iniziò la sua collaborazione alla rivista fiorentina Solaria, esordendo nel 1927 sulle pagine di critica con il saggio dal titolo Apologia manzoniana.

Nel 1926 iniziò la sua collaborazione alla rivista fiorentina Solaria, esordendo nel 1927 sulle pagine di critica con il saggio dal titolo Apologia manzoniana.

Nel 1936 morì la madre, con la quale Gadda intratteneva un rapporto conflittuale.

Nel 1936 morì la madre, con la quale Gadda intratteneva un rapporto conflittuale.

Nel 1936 morì la madre, con la quale Gadda intratteneva un rapporto conflittuale.

Nel 1940 lo scrittore, abbandonata ormai definitivamente la professione di ingegnere, si trasferì a Firenze dove visse fino al 1950.

Nel 1940 lo scrittore, abbandonata ormai definitivamente la professione di ingegnere, si trasferì a Firenze dove visse fino al 1950.

Nel 1940 lo scrittore, abbandonata ormai definitivamente la professione di ingegnere, si trasferì a Firenze dove visse fino al 1950.

Nel 1950 Gadda si trasferì a Roma dove lavorò presso la RAI per i servizi di cultura del Terzo programma fino al 1955.

Nel 1950 Gadda si trasferì a Roma dove lavorò presso la RAI per i servizi di cultura del Terzo programma fino al 1955.

Nel 1950 Gadda si trasferì a Roma dove lavorò presso la RAI per i servizi di cultura del Terzo programma fino al 1955.

Nel 1931 iniziò la sua collaborazione al quotidiano milanese L'Ambrosiano, e pubblicò presso le Edizioni di Solaria una raccolta di racconti e prose varie intitolata La Madonna dei filosofi.

Nel 1931 iniziò la sua collaborazione al quotidiano milanese L'Ambrosiano, e pubblicò presso le Edizioni di Solaria una raccolta di racconti e prose varie intitolata La Madonna dei filosofi.

Nel 1931 iniziò la sua collaborazione al quotidiano milanese L'Ambrosiano, e pubblicò presso le Edizioni di Solaria una raccolta di racconti e prose varie intitolata La Madonna dei filosofi.

Nel 1952 pubblicò Il primo libro delle favole e nel 1953 Novelle del ducato in fiamme, un'ironica rappresentazione dell'ultimo periodo del fascismo, con il quale ottenne nel 1953 il premio Viareggio.

Nel 1952 pubblicò Il primo libro delle favole e nel 1953 Novelle del ducato in fiamme, un'ironica rappresentazione dell'ultimo periodo del fascismo, con il quale ottenne nel 1953 il premio Viareggio.

Nel 1952 pubblicò Il primo libro delle favole e nel 1953 Novelle del ducato in fiamme, un'ironica rappresentazione dell'ultimo periodo del fascismo, con il quale ottenne nel 1953 il premio Viareggio.

Nel 1963 venne dato alle stampe La cognizione del dolore.

Nel 1963 venne dato alle stampe La cognizione del dolore.

Nel 1963 venne dato alle stampe La cognizione del dolore.

FONDAZIONE AGNELLI: RISULTATI POSITIVI PER IL GADDA DI PADERNO

FONDAZIONE AGNELLI: RISULTATI POSITIVI PER IL GADDA DI PADERNO

L'ultima ricerca curata dalla Fondazione Agnelli sui risultati universitari ottenuti dagli studenti delle scuole superiori registra buone valutazioni per l'Istituto Carlo Emilio Gadda di Paderno Dugnano. Nel raggio di 20 km dalla nostra città il Liceo Scientifico Gadda si piazza al 39° posto (immediatamente dopo il Bottoni di Milano) su 89 licei dell'area presa in esame. Il Liceo Linguistico Gadda ottiene l'11° posto su 36 scuole omologhe. Terzo posto invece su [...]

IL GADDA SI PRESENTA IN VIDEO

  Questa presentazione dell'I.I.S. Carlo Emilio Gadda di Paderno Dugnano (MI) è stata realizzata dalle studentesse e dagli studenti della 4M dell'indirizzo “Grafica e Comunicazione” - a.s. 2013-14. Il video è stato pubblicato il 19 novembre scorso su YouTube.

Gadda

"I radiosi destini non avevano avuto campo a manifestarsi, come di poi accadde, in tutto il loro splendore. La Margherita, di ninfa Egeria scaduta a Didone abbandonata, varava ancora il Novecento, el noeuf-cént, l’incùbo dei milanesi di allora. Vacava alle mostre, ai lanci, agli oli, agli acquerelli, agli schizzi, quanto può vacarci una gentile Margherita. Lui s’era provato in capo la feluca, cinque feluche. Gli andavano a pennello. Gli occhi spiritati [...]

su ‘Gadda e Pasolini: Antibiografia di una nazione’ di Fabrizio Gifuni

su ‘Gadda e Pasolini: Antibiografia di una nazione’ di Fabrizio Gifuni

su ‘Gadda e Pasolini: Antibiografia di una nazione’ di Fabrizio GifuniIl cofanetto Gadda e Pasolini: antibiografia di una nazione racchiude i due spettacoli che sono la summa del percorso teatrale di Fabrizio Gifuni: ’Na specie de cadavere lunghissimo (Premio Istryo 2006) e L’ingegner Gadda va alla guerra (Vincitore di due Premi Ubu nel 2010). Entrambi i lavori si avvalgono della collaborazione e della preziosa regia di un grande autore di cinema e teatro: [...]

emilio gadda e la guerra

Ragazzi cari, ecco la pagina di Gadda che volevo tanto farvi conoscere. Sentita recitata a teatro dava i brividi. Notate l'amarezza di chi si rende conto che i suoi governanti stanno mandando al fronte ragazzi impreparati e non vestiti in modo adeguato... Vi farà comodo per l'esame, come collegamento tra storia e letteratura. Vedremo in aggiunta alcune poesie di Ungaretti, meravigliose, ma tra un po'. Vi abbraccio tutti e 51 La prof. emilio gadda e la prima guerra [...]

Ancora Lui....(Gadda)

""I radiosi destini non avevano avuto campo a manifestarsi, come di poi accadde, in tutto il loro splendore. La Margherita, di ninfa Egeria scaduta a Didone abbandonata, varava ancora il Novecento, el noeuf-cént, l’incùbo dei milanesi di allora. Vacava alle mostre, ai lanci, agli oli, agli acquerelli, agli schizzi, quanto può vacarci una gentile Margherita. Lui s’era provato in capo la feluca, cinque feluche. Gli andavano a pennello. Gli occhi spiritati [...]

Gadda

Avete mai provato il desiderio di leggere un “giallo” che non sia una accozzaglia di ovvietà?   “”La  signora Liliana pur con qualche sospiro mal rattenuto (a giorni) sotto le trasvolanti nubi di tristezza, era, era una desiderabile donna: tutti ne coglievano l’immagine, per via. All’imbrunire, in quel primo abbandono  della notte romana ch’è così gremito di sogni, rincasando,…ecco dai cantoni de’ palazzi e dai mariapiedi le fiorivano [...]

Carlo Emilio Gadda

Carlo Emilio Gadda nasce a Milano il 14 novembre 1893. Vive e studia a Milano; la sua è una famiglia della media borghesia, il padre imprenditore e la madre insegnante di lettere. Fin da giovane è chiaramente orientato verso la letteratura e le materie umanistiche; successivamente alla morte del padre (1909) e a causa di suoi cattivi investimenti, le condizioni economiche della famiglia diventano piuttosto precarie: in questa situazione il giovane Gadda segue i [...]

Renzi: “Conte ineccepibile, ma era meglio se parlava prima”

Renzi: “Conte ineccepibile, ma era meglio se parlava prima”

 Il premier Giuseppe Conte “e’ stato ineccepibile. Oggi abbiamo apprezzato le sue parole sullo stile istituzionale. Ma avremmo preferito che le avesse pronunciate prima”, dice Matteo Renzi in aula al Senato.  Il senatore del Pd cita poi la recente lettera di Conte sui migranti: “Trova la mia stessa convinzione. La firma su quel post la condividiamo, quella sul dl sicurezza no”. RENZI A M5S: NON FARÒ PARTE DEL GOVERNO, RIFLETTETE SU ODIO IN [...]

Conte: “L’azione di questo governo finisce qui”

Conte: “L’azione di questo governo finisce qui”

Le comunicazioni del premier Giuseppe Conte in Senato dopo l’apertura della crisi da parte di Matteo Salvini. Conte ha definito le mosse di Salvini come “irresponsabili”. La replica del leader leghista: “Rifarei tutto. Per gli insulti bastava Saviano”. E Zingaretti allontana ipotesi Conte bis. Giornata chiave per la crisi di governo. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è arrivato in Senato per le comunicazioni sulla crisi di governo. Conte, [...]

La felicità è fatta di cose ridicole - Camilleri

La felicità è fatta di cose ridicole - Camilleri

La felicità è fatta di cose ridicole Salve oggi prendiamo un caffè con Camilleri ,grande scrittore del nostro tempo.  Andrea Camilleri ci ha lasciato il 17 luglio del 2019. In sua memoria riporto un testo pubblicato da Repubblica nel Marzo del 2018. Camilleri parla della felicità e di ciò che rappresentava per lui. La felicità è fatta di cose ridicole Andrea Camilleri ci ha lasciato il 17 luglio del 2019. In sua memoria riporto un testo pubblicato da [...]

Andrea Camilleri - Km 123

Andrea Camilleri - Km 123

Libricino sperimentale davvero intrigante!Già, forse troppo breve, va via in un pomeriggio, e forse un po' duro, ma probabilmente realistico, questo piccolo romanzo sperimenta una narrazione senza narratore, tutto in "presa diretta".Seguiamo e apprendiamo i fatti direttamente dai protagonisti, leggendo gli sms, le lettere che si scambiano, ascoltando i colloqui diretti o telefonici, e unica fonte alternativa una pagina di giornale che due o tre volte ci da una [...]

FOTO: Carlo Emilio Gadda

Gadda in un'immagine giovanile degli anni venti

Gadda in un'immagine giovanile degli anni venti

Gadda in un'immagine giovanile degli anni venti

Gadda in un'immagine giovanile degli anni venti

Girelle maionese e tonno

Girelle maionese e tonno

Girelle maionese e tonno Ingredienti 8 #uovakmzero #maionese 1 scatoletta di #Tonno @riomareofficial Preparazione Sbattete le uova con un pizzico di sale,  a piacere con un po' di pecorino o parmigiano e anche del prezzemolo Prendete una teglia da forno  mettete la carta forno Versate le uova e cuocete in forno caldo a 180 ° gr  la vostra frittata fino a che non sarà cotta Sgocciolate il tonno e schiacciatelo con la forchetta a piacere condite con [...]

RITRATTO ASTROLOGICO DI ANDREA CAMILLERI

La sua carriera inizia nel 1942 come regista teatrale e sceneggiatore, d’altronde dov’è collocata (astrologicamente parlando) la fortuna di ognuno di noi? Nella casa in cui si trova Giove e, difatti, il pianeta qui si trova tra il secondo (la televisione, l’immagine, il teatro) e il terzo campo (gli scritti, l’editoria). La carriera di scrittore comincia invece nel 1978 e il suo primo premio letterario lo ottenne nel 1980 a Gela con “Un filo di fumo”, [...]

Quella insopportabile antipatia di Giampiero Mughini

Quella insopportabile antipatia di Giampiero Mughini

Continua a far discutere la lite in diretta televisiva tra Vittorio Sgarbi e Giampiero Mughini. Una lite prevedibile perché i due non si sono mai piaciuti. Inoltre entrambi hanno stili diversi. Sgarbi ha la verve dell'intellettuale che non sopporta i soprusi e le ingiustizie, quindi parte all'attacco con una rabbia calcolata unita alla ripetizione ossessiva dell'insulto, che in molti caso fa anche divertire il pubblico. Mughini, invece, è di un'antipatia unica, [...]

Andrea Camilleri "politico", da Mussolini a Salvini la sua idea di fascismo

Andrea Camilleri "politico", da Mussolini a Salvini la sua idea di fascismo

      . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Andrea Camilleri "politico", da Mussolini a Salvini la sua idea di fascismo Lo scrittore Andrea Camilleri, morto oggi dopo un mese di ricovero, ha tentato più volte di spiegare cos’è il fascismo, fenomeno complesso che ha sperimentato in prima persona durante gli anni della guerra. Raccontava spesso un aneddoto divertente in cui era presente il Duce in persona. Mentre negli ultimi tempi lo [...]

Vittorio Sgarbi e la lite: «Mughini voleva picchiarmi, ho preso la sedia per difendermi»

Vittorio Sgarbi e la lite: «Mughini voleva picchiarmi, ho preso la sedia per difendermi»

Vittorio Sgarbi ha commentato sul suo profilo Facebook la lite con Gianpiero Mughini in diretta a Stasera Italia. In un video, il critico d'arte, mentre si fa la barba, spiega ai follower le ragioni che lo hanno spinto all'accesa discussione, terminata con insulti e una sedia in mano. Sgarbi dice che già prima della diretta ci sarebbe stato uno screzio: «Mughini ha usato per un suo programma un mio intervento video su Balotelli, destinato a Tiki Taka, senza che [...]

Questo è bellissimo - Un arancino veglia sulla tomba di Camilleri: l'omaggio della Sicilia al suo Maestro

Questo è bellissimo - Un arancino veglia sulla tomba di Camilleri: l'omaggio della Sicilia al suo Maestro

      .   seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping   .       Questo è bellissimo - Un arancino veglia sulla tomba di Camilleri: l'omaggio della Sicilia al suo Maestro   Nel Cimitero Acattolico di Roma, dove riposa il papà di Montalbano, i fan lo omaggiano con richiami alla sua terra L’arancino è a punta, come quello che avrebbe cucinato Adelina per il commissario nato dalla penna dello scrittore. Un rimando probabilmente voluto a “Gli [...]

Predappio, riapre la tomba di Mussolini: il 28 luglio corteo di nostalgici fascisti

Predappio, riapre la tomba di Mussolini: il 28 luglio corteo di nostalgici fascisti

Caio Giulio Cesare Mussolini, pronipote del duce, ha annunciato con un messaggio su fb visibile solo a un numero selezionato di follower che in occasione del 136° anniversario della nascita del capo del fascismo, avvenuta a Predappio il 28 luglio 1883, «la cripta Mussolini, dove si trova la tomba di Benito Mussolini e dei suoi familiari nel cimitero di San Cassiano di Predappio, sarà riaperta domenica prossima (28 luglio, ndr) dalle 8.30 alle 18». La notizia [...]

Predappio, riapre la tomba di Mussolini: il 28 luglio corteo di nostalgici fascisti

Predappio, riapre la tomba di Mussolini: il 28 luglio corteo di nostalgici fascisti

Caio Giulio Cesare Mussolini, pronipote del duce, ha annunciato con un messaggio su fb visibile solo a un numero selezionato di follower che in occasione del 136° anniversario della nascita del capo del fascismo, avvenuta a Predappio il 28 luglio 1883, «la cripta Mussolini, dove si trova la tomba di Benito Mussolini e dei suoi familiari nel cimitero di San Cassiano di Predappio, sarà riaperta domenica prossima (28 luglio, ndr) dalle 8.30 alle 18». La notizia [...]

Giuseppe Ungaretti

L'uomo, monotono universo, crede allargarsi i beni e dalle sue mani febbrili non escono senza fine che limiti. Giuseppe Ungaretti La pietà da La vita di uomo

Luigi Pirandello

La vanità umana non ricusa talvolta di farsi piedistallo anche di certa stima che offende e l'incenso acre e pestifero di certi indegni e meschini turiboli. Luigi Pirandello da Il fu Mattia Pascal

Libro La versione di Fenoglio (I casi del maresciallo Fenoglio Vol. 3) PDF gratis Scaricare

Libro La versione di Fenoglio (I casi del maresciallo Fenoglio Vol. 3) PDF gratis Scaricare

Scarica il libro La versione di Fenoglio (I casi del maresciallo Fenoglio Vol. 3) in formato PDF o Epub gratuitamente online su questo sito. Scaricare libro La versione di Fenoglio (I casi del maresciallo Fenoglio Vol. 3) in PDF e Epub online e sempre gratuito. Se vuoi ottenere questo libro, scarica subito o leggi La versione di Fenoglio (I casi del maresciallo Fenoglio Vol. 3) e scegli il formato disponibile che desideri. A beneficio di ogni lettore, devo [...]

20 luglio 1893 - La vera storia di Pietro Rigosi, il ferroviere ribelle protagonista de “La Locomotiva”, l'eroe "giovane e bello" della guerra santa dei pezzenti di Francesco Guccini

20 luglio 1893 - La vera storia di Pietro Rigosi, il ferroviere ribelle protagonista de “La Locomotiva”, l'eroe "giovane e bello" della guerra santa dei pezzenti di Francesco Guccini

    . . seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity  . .   20 luglio 1893 - La vera storia di Pietro Rigosi, il ferroviere ribelle protagonista de “La Locomotiva”, l'eroe "giovane e bello" della guerra santa dei pezzenti di Francesco Guccini LA VERA STORIA DI PIETRO RIGOSI, IL FERROVIERE RIBELLE PROTAGONISTA DE “LA LOCOMOTIVA” DI GUCCINI "Non so quanti anni avesse visto allora, di che colore i suoi capelli, ma nella fantasia ho l’immagine [...]

Andrea Camilleri: ”Quando vedo la volgarità di Salvini, sento di aver fallito come cittadino italiano”.

Andrea Camilleri: ”Quando vedo la volgarità di Salvini, sento di aver fallito come cittadino italiano”.

    . . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . . Andrea Camilleri: ”Quando vedo la volgarità di Salvini, sento di aver fallito come cittadino italiano”. "Non credo in Dio, ma vedere Salvini impugnare il rosario mi dà un senso di vomito. Tutto questo è strumentale, il Papa non ha bisogno di fare questi gesti. Sa che offenderebbe i Santi. Questo gesto di Salvini fa parte della sua volgarità. Una delle mie più grosse pene è proprio [...]

CAMILLERI

De mortuis nil nisi bonum, dei morti non si dovrebbe dire nulla, a parte i loro meriti. Ma grazie al cielo il latino non è più di moda e dunque di Andrea Camilleri posso parlare in tutta franchezza. Anche perché i suoi meriti sono numerosi (e oggettivamente preponderanti) mentre le mie critiche sono forse soltanto personali, frutto di idiosincrasie che gli altri possono benissimo non condividere. Il primo merito di Camilleri è il successo. L’Italia ha un [...]

Luciano De Crescenzo

Ho appreso ieri la notizia della scomparsa di questo grande personaggio. Ricordo di aver letto in passato alcuni suoi libri con piacere. Poi letture di altri scrittori, altri interessi e gli anni sono passati. Non mi ero resa conto di quanti anni fossero passati, ma lui era rimasto li nei miei ricordi come se il tempo si fosse fermato. Le parole che ci ha lasciato resteranno nel tempo e nei ricordi.  

Addio Camilleri, papà di Montalbano: ma le sue opere restano immortali

Addio Camilleri, papà di Montalbano: ma le sue opere restano immortali

È morto Andrea Camilleri, l'Omero gentile che ha raccontato la sua Sicilia in una lingua straordinaria. Lo scrittore 93enne si è spento ieri mattina a Roma all'ospedale Santo Spirito, dov'era ricoverato dallo scorso giugno a causa di una crisi respiratoria. «Le condizioni sempre critiche di questi giorni - si legge nel bollettino - si sono aggravate nelle ultime ore compromettendo le funzioni vitali». L'ultimo saluto a Camilleri sarà oggi a Roma, dalle 15, [...]

&id=HPN_Carlo+Emilio+Gadda_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Carlo{{}}Emilio{{}}Gadda" alt="" style="display:none;"/> ?>