Carpino

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Theresa May
In rilievo

Theresa May

Carpino (Italia)

La scheda: Carpino (Italia)

16 agosto - Festa di San Rocco
Carpino (Carpìne in dialetto foggiano) è un comune italiano di 4.130 abitanti della provincia di Foggia in Puglia. Fa parte del Parco nazionale del Gargano e della Comunità montana del Gargano.
È un noto centro per la produzione dell'olio e delle fave.
È sede principale del Carpino Folk Festival, manifestazione dedicata alla riscoperta, conservazione e promozione della musica popolare italiana.



Carpino comune:
Localizzazione:
Stato:  Italia
Regione: Puglia
Provincia: Foggia
Amministrazione:
Sindaco: Di Brina Rocco (lista civica "Si noi possiamo") dall'11-06-2017
Territorio:
Coordinate: 41°45′00″N 15°50′30″E / 41.75°N 15.841667°E41.75, 15.841667 (Carpino)Coordinate: 41°45′00″N 15°50′30″E / 41.75°N 15.841667°E41.75, 15.841667 (Carpino)
Altitudine: 147 m s.l.m.
Superficie: 80,05 km²
Abitanti: 4 130[1] (28-2-2017)
Densità: 51,59 ab./km²
Comuni confinanti: Cagnano Varano, Ischitella, Monte Sant'Angelo, Vico del Gargano
Altre informazioni:
Cod. postale: 71010
Prefisso: 0884
Fuso orario: UTC+1
Codice ISTAT: 071012
Cod. catastale: B829
Targa: FG
Cl. sismica: zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti: Carpinesi
Patrono: San Cirillo
Giorno festivo: 18 maggio - Festa di San Cirillo 16 agosto - Festa di San Rocco Ottobre - Festa della Madonna
Cartografia:
Carpino
Posizione del comune di Carpino nella provincia di Foggia
Modifica dati su Wikidata · Manuale

Carpino comune:
Localizzazione:
Stato:  Italia
Regione: Puglia
Provincia: Foggia
Amministrazione:
Sindaco: Di Brina Rocco (lista civica "Si noi possiamo") dall'11-06-2017
Territorio:
Coordinate: 41°45′00″N 15°50′30″E / 41.75°N 15.841667°E41.75, 15.841667 (Carpino)Coordinate: 41°45′00″N 15°50′30″E / 41.75°N 15.841667°E41.75, 15.841667 (Carpino)
Altitudine: 147 m s.l.m.
Superficie: 80,05 km²
Abitanti: 4 130[1] (28-2-2017)
Densità: 51,59 ab./km²
Comuni confinanti: Cagnano Varano, Ischitella, Monte Sant'Angelo, Vico del Gargano
Altre informazioni:
Cod. postale: 71010
Prefisso: 0884
Fuso orario: UTC+1
Codice ISTAT: 071012
Cod. catastale: B829
Targa: FG
Cl. sismica: zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti: Carpinesi
Patrono: San Cirillo
Giorno festivo: 18 maggio - Festa di San Cirillo 16 agosto - Festa di San Rocco Ottobre - Festa della Madonna
Cartografia:
Carpino
Posizione del comune di Carpino nella provincia di Foggia
Modifica dati su Wikidata · Manuale
1 Geografia fisica
1.1 Territorio
1.2 Clima
2 Origini del nome
3 Storia
3.1 Antichità
3.2 Medioevo
3.2.1 Alto Medioevo
3.2.2 Basso Medioevo
3.3 Età moderna
3.4 Dall'Unità d'Italia a oggi
4 Monumenti e luoghi d'interesse
4.1 Architetture religiose
4.1.1 Chiesa di San Cirillo
4.1.2 Chiesa madre di San Nicola di Mira
4.1.3 Chiesa di Santa Croce
4.1.4 Chiesa di Sant'Anna
4.1.5 Ex chiesa di Santa Maria de' Martiri (forse anche dei Martinelli)
4.1.6 Chiese antiche scomparse
4.2 Architetture civili
4.2.1 Palazzo Baronale
4.3 Architetture militari
4.3.1 Castello
4.4 Aree naturali
4.4.1 Riserva naturale di Ischitella e Carpino
4.4.1.1 Faggeta di Coppa delle rose
4.4.2 Grotte di Minutillo
4.5 Siti archeologici
4.5.1 Scavi archeologici nella piana di Carpino
4.6 Altro
4.6.1 Simbologia sacra
4.6.1.1 Nodo di Salomone e Svastica lappone
4.6.2 Piazze
5 Società
5.1 Evoluzione demografica
5.2 Etnie e minoranze straniere
5.3 Istituzioni, enti e associazioni
5.3.1 Centro culturale "Andrea Sacco"
6 Cultura
6.1 Biblioteche
6.2 Scuole
6.3 Cinema
6.4 Musica
6.5 Cucina
6.5.1 Prodotti tipici
6.5.1.1 Fava di Carpino
6.5.2 Piatti tipici
6.6 Persone legate a Carpino
6.7 Eventi
6.7.1 Carpino Folk Festival
7 Geografia Antropica
7.1 Urbanistica
8 Economia
9 Amministrazione
9.1 Gemellaggi
10 Note
11 Bibliografia
11.1 Articoli
11.2 Pubblicazioni
11.3 Web
12 Voci correlate
13 Altri progetti
14 Collegamenti esterni

16 agosto - Festa di San Rocco
Carpino (Carpìne in dialetto foggiano) è un comune italiano di 4.130 abitanti della provincia di Foggia in Puglia. Fa parte del Parco nazionale del Gargano e della Comunità montana del Gargano.
È un noto centro per la produzione dell'olio e delle fave.
È sede principale del Carpino Folk Festival, manifestazione dedicata alla riscoperta, conservazione e promozione della musica popolare italiana.


Così come quelle dell'insediamento, sono incerte le origini del toponimo.
Sembrerebbe legato alla presenza di caprioli o alla presenza di luoghi di allevamento (in latino volgare Caprelis) nei dintorni di Carpino oppure alla presenza di una folta foresta di carpini che, un tempo, ricoprivano la collina di Pastromele su cui, in seguito, venne edificato il paese.
Il toponimo sarebbe stato dapprima Crapino, in seguito Caprino per poi diventare Carpino, così come scritto in un documento locale del 1628.

L'attività economica principale è l'agricoltura, in particolare la coltivazione di ortaggi e olive. Carpino è "Città dell'Olio" e produce circa 25.000 quintali di olio di alta qualità.
Rinomata anche la coltivazione delle fave la cui varietà autoctona (più piccola e leggermente più dolce) gode del presidio del Parco Nazionale del Gargano.Anche la falegnameria
L'allevamento, un tempo molto sviluppato, ora è essenzialmente costituito da ovini, si cerca di incrementare l'allevamento dei bovini. Particolare è l'allevamento delle vacche Podoliche, una razza di origine ucraina introdotta con l'invasione dei Barbari.
Di valore i manufatti lavorati all'antico telaio che vengono ancora usati dalle donne del paese riproducendo i disegni caratteristici e i colori usati sin dai tempi dei saraceni, certamente si tesseva già nella villa romana di Avicenna. Nel 1866 esistevano a Carpino più di 200 telai.

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Carpino si trova nella parte settentrionale e non costiera del promontorio del Gargano e il suo territorio si estende tra la Foresta Umbra, a sud e il lago di Varano a nord..
Confina con Cagnano Varano, Ischitella, Monte Sant'Angelo e Vico del Gargano e dista dal capoluogo circa 80 km.
Classificato come collina litoranea, il territorio presenta una escursione altimetrica di 843 m, mentre l'abitato si trova ad una altitudine di 143 m s.l.m. su una collina brulla detta di pastromele.
Il territorio è prevalentemente collinare e la vegetazione prevalente è quella tipica delle colture dell'area e dei pascoli. L'area a ridosso della laguna e le aree collinari che circondano il centro urbano, sono caratterizzate dalla prevalenza di uliveti.
Da un punto di vista sismico:
Classificazione sismica: zona 2 (sismicità medio-alta), Ordinanza PCM n. 3274 del 20/03/2003.

Il clima, temperato per latitudine e longitudine, risente in minima parte dell'influenza del mare che mitiga i rigori invernali e le calure estive, nonché dell'influenza del vicino lago di Varano.
La temperatura media annua è di 16 °C. Il mese più freddo è gennaio (8 °C di media) ed i più caldi sono luglio e agosto (27º).
Dal punto di vista legislativo il comune di Carpino ricade nella Fascia Climatica C in quanto i gradi giorno della città sono 1368, dunque limite massimo consentito per l'accensione dei riscaldamenti è di 10 ore giornaliere dal 15 novembre al 31 marzo.

Sebbene nel suo territorio siano stati rinvenuti numerosi oggetti in pietra scheggiata risalenti all'epoca preistorica e si possano ritrovare tracce di insediamenti di epoca romana, è difficile collocare in maniera precisa la nascita di Carpino.
La presenza di un insediamento in epoca romana è dimostrata dalle fonti, cui spesso vi fanno riferimento in merito ad una strada che collegava l'antica Teanum Apulum (San Paolo di Civitate) agli abitati di Civitella (San Nicandro Garganico), Avicenna (Carpino), Monte Civita (Ischitella) e Fara, nell'area di San Nicola Imbuti (Cagnano). Gli storici ipotizzano che tale via avesse una importante funzione politico-commerciale per l'area del Gargano Settentrionale, oltre a quella di collegamento tra i vari municipia della zona

Agli Svevi, seguirono nel possesso del feudo di Carpino i Della Marra che dopo 50 anni furono spodestati dai D'Aragone per la loro disobbedienza all'erede Giovanpaolo. Venne così assegnato ai Di Sangro di Torremaggiore per un decennio, per poi essere assegnato a Troiano Mormille.
Nel 1526 il Sacro Consiglio ordinò la vendita di Cagnano e Carpino per soddisfare i creditori del feudatario Fabrizio Mormille. Il feudo venne acquistato dai Loffredo, a cui succedettero i Nava, i Loffredo, i Vargas, I Vargas-Cussavagallo, fino ad arrivare ai Brancaccio o Brancaccio-Vargas à dopo 1880.

Dal 1860, sotto i Savoia, divenne comune del Regno d'Italia e fece parte del mandamento di Cagnano Varano.
Tale periodo fu molto delicato per l'area. Se in comuni come Cagnano Varano e San Giovanni Rotondo c'erano state vere e proprie rivolte, in altri come Ischitella, Vieste, Vico del Gargano e Carpino, il problema era costituito dai briganti.
Risale, infatti, al 4 luglio 1861 la nota urgentissima del capitano della guardia nazionale di Carpino, Ignazio d'Addetta, in cui si segnala la pericolosa presenza di briganti nei dintorni di Carpino.
In tale documento viene fotografata la situazione instabile che seguì l'unificazione d'Italia.
Anzitutto D'Addetta sottolinea la natura spesso non politica del brigantaggio, dato che spesso si trattava di delinquenti strumentalizzati da signorotti del posto contrari ai Savoia, e l'inaffidabilità della guardia nazionale, definita troppo indisciplinata”, “scoraggiata”, impegnata nei “lavori della campagna”, isolata.
Sempre nella nota di D'Addetta si propone una mobilitazione delle forze di tutti i comuni del Gargano per scongiurare il fenomeno del brigantaggio.
Negli anni trenta del Novecento s'avvantaggiò della bonifica dell'area lacustre a valle, che fornì un rinnovato impulso allo sviluppo agricolo accanto alla pastorizia e alla lavorazione della lana.

Abitanti censiti


Carpino, come la maggior parte dei paesi dell'area, assistette al fenomeno dell'emigrazione nel Novecento, verso l'Europa settentrionale, in particolare verso il Belgio e la Germania), e l'Italia nord-occidentale, oggi invece vi risiedono 176 cittadini stranieri diversa nazionalità. Le comunità più numerose sono:
Albania 96
Romania 45
Marocco 14

Carpino Folk Festival, sede dell'associazione culturale che organizza l'omonimo festival
Confragricoltura, sede distaccata di Confagricoltura Foggia

A Carpino è presente una biblioteca, gestita dal comune, che ha sede presso il Palazzo Baronale. Tale biblioteca fa parte sistema della biblioteca provinciale La Magna Capitana

Ha sede a Carpino, inoltre, la sede che associa il liceo classico Publio Virgilio Marone.

I film che hanno per sfondo e ambientazione la località di Carpino:
1958, La legge, Jules Dassin
1996, Foggia, non dirle mai addio, Luciano Emmer
2000, Chi ruba donne, Maurizio Sciarra
2005, Craj, Davide Marengo
2007, Les Chanteurs de Carpino, Thierry Gentet
2010, Buon giorno Zi Antò, Aldo di Russo

La produzione etnomusicale di carpino è stata oggetto, sin dagli anni cinquanta di numerose ricerche ad opera di studiosi, tra cui Alan Lomax, Diego Carpitella, Roberto Leydi, Roberto De Simone.
Carpino è un paese molto noto nell'ambito dell'etnomusicologia perché la musica tradizionale popolare, di origini antichissime, si è conservata fino ad oggi, grazie soprattutto all'opera dei suonatori di chitarra battente che l'hanno tramandata di generazione in generazione.
Oggi, dei suonatori provenienti dalla tradizione, ne è rimasto in attività solo uno, Rocco Cozzola, figlio di un costruttore di chitarre battenti e costruttore egli stesso, essendo scomparso, nel corso del 2006, Andrea Sacco, il più noto suonatore carpinese, e in anni precedenti Rocco Di Mauro, Gaetano Basanisi, Giuseppe Conforte, Angela Gentile, Antonio Di Cosmo, Rocco Valente ed altri depositari della musica tradizionale carpinese. Nel frattempo i giovani stessi di Carpino iniziarono ad interessarsi della loro tradizione rivolgendosi agli anziani straordinari maestri. Intorno a Sacco Andrea, scomparso a marzo del 2006 all'età di 95 anni, il più grande interprete di tarantella, al Maestro Antonio Maccarone scomparso a luglio 2009, al Maestro Antonio Piccininno, 94 anni, attivo e partecipe si raduna dal 1997 un gruppo di giovani musicisti e cantori diretti da Nicola Gentile (chitarra battente e tammorra). Un'"ensemble generazionale" che dà vita ad uno straordinario concerto di musica etnica di valore internazionale e che testimonia il portentoso salto di generazioni che questa musica riesce a compiere. Una musica ancestrale che si offre al nuovo millennio come forma purissima e dinamica.
Gli stili musicali prevalenti tra i suonatori di Carpino vengono individuati con i nomi delle località limitrofe: Montanara, Rodianella, Viestesana.
Tuttavia Carpino ha dato i natali anche ad un maestro e compositore di musica colta, Francesco Gioffreda (1909 - 2009). È sua la suite originale per banda, cinque quadretti per una mostra in un paese del Gargano, dove ricorda proprio il suo paese natio, nel quarto movimento di tarantella, con la sera del sabato a Carpino.

Padre Giulio Castelli (Torino, 1846 - Cava de' Tirreni, 1926), vissuto a Carpino. Da ottobre 2012 è ripresa la sua causa di beatificazione
Antonio Piccininno (Carpino, 18 febbraio 1916), cantante e musicista
Andrea Sacco (Carpino, 10 ottobre 1911 – Carpino, 17 marzo 2006), cantante e musicista
Francesco Gioffreda (Carpino, 1909 - Roma, 2009), docente e compositore di musica per banda

Maggio - Festa delle Ginestre
La Sagra dell'Olio e delle Fave (agosto)
Frasca, Fanoia e Olio novello (dicembre)

Posto su una collinetta a 147 m s.l.m., il centro storico rappresenta un tipico esempio di architettura garganica e, più in generale, mediterranea.
È costituito da case distribuite su un reticolato intricato di piccoli vicoli intervallati da scalinate, caratteristici poggioli detti Mugnale, balconi a ballatoio su cui si usava trascorrere del tempo all'aperto.

Pizzoli, dal 2005

A Carpino NON si può leggere più!      Stampa Email   A Carpino NON si può leggere più!

A Carpino NON si può leggere più! Stampa Email A Carpino NON si può leggere più!

Carpino/ Dieci anni fa moriva Don Francesco Gramazio

Carpino/ Dieci anni fa moriva Don Francesco Gramazio

A Carpino, nello splendido scenario dell’Agriturismo BIORUSSI, torna I SAPORI DELL’ARTE, tra cibo e arte

A Carpino, nello splendido scenario dell’Agriturismo BIORUSSI, torna I SAPORI DELL’ARTE, tra cibo e arte

A Carpino siamo APERTI PER FERIE…

A Carpino siamo APERTI PER FERIE…

Carpino/ Inaugurato impianto del Consorzio di Bonifica

Carpino/ Inaugurato impianto del Consorzio di Bonifica

A Carpino il 3-4 agosto il 4° RADUNO AUTO E MOTO D’EPOCA

A Carpino il 3-4 agosto il 4° RADUNO AUTO E MOTO D’EPOCA

Carpino, il Consorzio di Bonifica Montana del Gargano partner della festa dell'albero

Carpino, il Consorzio di Bonifica Montana del Gargano partner della festa dell'albero

Carpino, tutto pronto per il veglione dei liceali

Carpino, tutto pronto per il veglione dei liceali

Carpino ospita l’Assemblea Nazionale Città dell’Olio. La città del Gargano capitale dell’olio extravergine di oliva.

Carpino ospita l’Assemblea Nazionale Città dell’Olio. La città del Gargano capitale dell’olio extravergine di oliva.

Carpino/ L’olio BioRussi: sicuro di qualità, conveniente. Certificato "Suolo e salute".

Carpino/ L’olio BioRussi: sicuro di qualità, conveniente. Certificato "Suolo e salute".

FOTO: Carpino (Italia)

Antica mappa del Gargano

Antica mappa del Gargano

Chiesa di San Cirillo

Chiesa di San Cirillo

Chiesa di San Nicola di Mira

Chiesa di San Nicola di Mira

Chiesa di Sant'Anna

Chiesa di Sant'Anna

Il castello normanno di Carpino

Il castello normanno di Carpino

Apertura di una grotta

Apertura di una grotta

Piazza di Carpino

Piazza di Carpino

A Carpino il 7/8/9 dicembre l’Assemblea del coordinamento regionale “Città dell’olio”

A Carpino il 7/8/9 dicembre l’Assemblea del coordinamento regionale “Città dell’olio”

Carpino Folk Festival, ecco i vincitori dell’11^ edizione del concorso fotografico

Carpino Folk Festival, ecco i vincitori dell’11^ edizione del concorso fotografico

Carpino/ I Sapori del Gargano arrivano in Lituania

Carpino/ I Sapori del Gargano arrivano in Lituania

Tornano le "Camminate tra gli olivi". Sul Gargano appuntamento il 28 ottobre a Vieste e Carpino

Tornano le "Camminate tra gli olivi". Sul Gargano appuntamento il 28 ottobre a Vieste e Carpino

Carpino/ Il buon anno scolastico dell’ass. alla P. I Caterina Foresta

Carpino/ Il buon anno scolastico dell’ass. alla P. I Caterina Foresta

Carpino/ Il 15 settembre l’Assemblea del coordinamento regionale “Città dell’Olio”

Carpino/ Il 15 settembre l’Assemblea del coordinamento regionale “Città dell’Olio”

Carpino/ Nasce la Gargano Academy. Le selezioni dal 3 settembre.

Carpino/ Nasce la Gargano Academy. Le selezioni dal 3 settembre.

Da Cagnano a Carpino, per la 32° volta la magia della Maratonina dei 2 colli ha invaso il Gargano

Da Cagnano a Carpino, per la 32° volta la magia della Maratonina dei 2 colli ha invaso il Gargano

A Carpino in occasione dei festeggiamenti patronali, in onore di Maria SS. Assunta e di San Rocco, arrivano i SUD SOUND SYSTEM

A Carpino in occasione dei festeggiamenti patronali, in onore di Maria SS. Assunta e di San Rocco, arrivano i SUD SOUND SYSTEM

Carpino Folk Festival, il 10 agosto è il giorno di Tricky. Unico spettacolo in Italia del tour 2018

Carpino Folk Festival, il 10 agosto è il giorno di Tricky. Unico spettacolo in Italia del tour 2018

&id=HPN_Carpino_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Carpino" alt="" style="display:none;"/> ?>