Catacombe

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Music
In rilievo

Music

Catacombe

La scheda: Catacombe

Le catacombe erano delle aree cimiteriali sotterranee utilizzate nell'antichità.
L'etimologia della parola latina "catacumba", da cui l'italiano "catacomba", è incerta, si pensa che derivi dalla locuzione greca "???? ?????? (katá kymb?s)" o "???? ?????? (katá kýmbas)" (direttamente o attraverso la voce latina "cumba") che si può tradurre come "presso/sotto la cavità/le grotte".
Sono solitamente scavate nel tufo, tipica roccia facilmente lavorabile, e possono avere anche più livelli, con profondità che arrivano fino a trenta metri.
Le più celebri sono quelle cristiane, anche se ne esistono esempi legati ad altre religioni: ne esistono anche di fenicie e pagane, già gli etruschi e gli ebrei usavano seppellire i loro morti in camere sotterranee. I cristiani ricrearono tale pratica inumativa abbandonando, per la fede nella resurrezione dei corpi, l'uso della cremazione pagana.
All'inizio si mantennero principalmente le usanze funerarie pagane, come è provato dal cimitero precristiano dell'antica Anzio. Il sepolcro si trova quasi sempre all'esterno della città, poiché le Leggi delle XII tavole prescrivevano che hominem mortuum in urbe neve sepelito neve urito ("Non si seppellisca né si cremi nessun cadavere in città"). Ma i cimiteri (il cui termine deriva dal greco ??????????? , quindi dal verbo ?????? , ossia "dormire", "riposare", oppure dal latino accubitorium, dal verbo accumbere per "giacere") per i cristiani sono luoghi dell'attesa della resurrezione.
Il nome "locus ad catacumbas" era una località situata in un avvallamento presso la via Appia, gli studiosi non sono però concordi sul luogo che questo termine latino indicava. Secondo alcuni usava indicare una depressione posta di fronte al Circo di Massenzio, fra le due colline dove oggi si trovano il cimitero di San Callisto e la tomba di Cecilia Metella, e passò poi a indicare il cimitero stesso, secondo altri l'avvallamento era quello dove oggi si trova il cimitero di San Sebastiano.



Nell'Italia Settentrionale sono presenti diversi cimiteri sotterranei, anche se in gran parte devastati dalle invasioni successive. Fra le maggiori si ricordano quelle di Iulia Concordia (oggi Concordia Sagittaria), scoperta nel 1876 e composta da più di duecento lapidi relative perlopiù a militari defunti. In Toscana a Chiusi, nella Valdichiana senese, sono state rinvenute due catacombe, una scoperta nel corso del XVII secolo (1634) dedicata a Santa Mustiola, l'altra scoperta casualmente nel corso del 1848 durante dei lavori nei campi, dedicata a Santa Caterina d'Alessandria. La catacomba di Santa Mustiola, che si fa risalire al III secolo, è articolata in una serie di gallerie che si affacciano su due arterie principali, con le pareti segnate da iscrizioni, simboli e segni. La catacomba di Santa Caterina d'Alessandria risale, invece, al II o al III secolo ed è composta da due ipogei pagani di più antica datazione, poi sfruttati dalle comunità paleocristiane, fino al IV secolo. Nella zona di Classe, nei pressi di Ravenna, sono quattro gruppi cimiteriali: San Severo, Eleucadio, Probo e Sant'Apollinare, tutte risalenti agli inizi del III secolo. Altri esempi sono stati riscontrati ad Aosta, identificata nel 1939 e risalente probabilmente al V secolo, a Finale Ligure, con una basilica a tre absidi ed alcune tombe all'interno, ed un'altra sotto la Chiesa di Santa Felicita a Firenze, sempre del V secolo.
Nel resto d'Italia sono presenti altre catacombe molto celebri: numerose sono quelle napoletane, le più famose delle quali sono le quattro dedicate a San Gennaro, San Gaudioso, Sant'Eufebio e San Severo. Se le ultime due non mostrano grande rilevanza, la più importante e la più estesa è quella di San Gennaro, realizzata sulla collina di Capodimonte, con due piani sovrapposti ed un ipogeo del II secolo. In Campania si conoscono anche a Teano (Catacomba di San Casto), anche se di epoca tarda, a Capua, a Calvi e a Prata di Principato Ultra (AV). In Basilicata sono da menzionare le catacombe ebraiche di Venosa, in provincia di Potenza, scoperte nel 1853 e considerate dall'ebraista Giancarlo Lacerenza come il "miglior spaccato della società ebraica meridionale tra tarda Antichità e alto Medioevo". Inoltre in Calabria è ormai accertata la presenza di una necropoli sottoterra nella cattedrale di Tropea, con numerose iscrizioni. Le catacombe siciliane sono abbastanza rilevanti, soprattutto a Siracusa, seconde per estensione solamente a quelle romane: le parti più antiche sono riconducibili al III secolo, con una vastissima serie di ipogei. Altri complessi si trovano a Trapani, a Messina, a Palermo (Catacomba di Porta d'Ossuna, Catacomba di Villagrazia di Carini) e ad Agrigento (Catacomba Fragapane). Le catacombe di Sant'Antioco in Sardegna furono ricavate scavando gallerie che misero in comunicazione ambienti di preesistenti tombe ipogeiche a camera di epoca punica: queste erano infatti isolate tra loro e destinate essenzialmente ad uso familiare, o comunque relative ad una ristretta cerchia, al contrario delle catacombe, che erano destinate all'intera comunità dei fedeli.

Ora è possibile visitare le catacombe romane di Alessandria d'Egitto

Ora è possibile visitare le catacombe romane di Alessandria d'Egitto

Una sovvenzione governativa americana ha permesso finalmente di proteggere dalle inondazioni le uniche catacombe di Alessandria, dove l'antico Egitto incontra lo stile greco-romano. Il sito è stato completamente restaurato e ha aiutato a rivelare la loro vera bellezza tanto che, oggi, il Ministero delle Antichità egiziano ha ufficialmente annunciato il completo restauro delle catacombe di Kom el-Shuqafa nella parte occidentale di Alessandria, scoperte nel primo [...]

GOLIA: Catacombe di San Gennaro, il Vaticano chiede i soldi

GOLIA: Catacombe di San Gennaro, il Vaticano chiede i soldi

La Pontificia commissione dell'archeologia sacra ha richiesto metà degli incassi delle Catacombe di San Gennaro, gestite da una cooperativa di volontari. Che ora, come ci racconta Giulio Golia, temono di non farcela

Catacombe: S.Sede, mai chiesti arretrati

Catacombe: S.Sede, mai chiesti arretrati

(ANSA) – NAPOLI, 17 NOV – Mai formalizzata alcuna richiesta di versare gli arretrati, accumulati in 10 anni di gestione delle catacombe di San Gennaro, da parte dei ragazzi della Cooperativa La Paranza. In un documento, diffuso oggi da Tv2000 e relativo al marzo scorso, si legge che la Commissione di Archeologia Sacra della Santa Sede “accetta di azzerare il debito pregresso”, sottolineando che nessuna somma arretrata è stata mai chiesta. Una situazione [...]

Catacombe Napoli, Fico: sono con voi

Catacombe Napoli, Fico: sono con voi

(ANSA) – NAPOLI, 12 NOV – “Non ci voglio neanche credere alla richiesta da parte della Commissione Pontificia di arretrati per 700 mila euro. Secondo me una simile richiesta non arrivera’ mai. Semmai dovesse arrivare significherebbe non aver compreso il valore di questa cooperativa per la Sanita’, per Napoli e per le istituzioni. Ripeto, non credo che arrivera’ nessuna richiesta a questi ragazzi eccezionali. Ma se dovesse succedere io saro’ qui, come [...]

Catacombe San Gennaro:cartelli in strada

Catacombe San Gennaro:cartelli in strada

(ANSA) – NAPOLI, 9 NOV – Si mobilita anche il quartiere e lo fa come può e sa fare. Nel Borgo Vergini, nel rione Sanità a Napoli, sono spuntati cartelli con ‘messaggi’ indirizzati alla Commissione Pontificia. La stessa venuta a battere cassa per gli incassi provenienti dai biglietti per visitare le Catacombe di San Gennaro, gestite dalla cooperativa La Paranza. Un ammontare che, secondo alcune stime, si aggira attorno ai 700mila euro (relativi a 10 anni [...]

Il miracolo di San Gennaro

Il miracolo di San Gennaro

Il Cardinale Crescenzio Sepe ha un mancamento durante la cerimonia per l'eccessiva afa.

San Gennaro: si è ripetuto il miracolo. Malore per Sepe

San Gennaro: si è ripetuto il miracolo. Malore per Sepe

Si è ripetuto a Napoli il prodigio del miracolo di San Gennaro. L’annuncio della liquefazione del sangue è stato accolto alle 10.05 in una cattedrale affollata, da un lungo applauso dei fedeli presenti. Il ripetersi del miracolo è letto come un buon auspicio per la città di Napoli e per la Campania. Il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, ha avuto un malore durante la cerimonia. Probabilmente a causa del gran caldo, il presule è apparso [...]

San Gennaro: si è ripetuto miracolo

San Gennaro: si è ripetuto miracolo

San Gennaro: si è ripetuto a Napoli miracolo del sangue Annuncio accolto da un lungo applauso nella cattedrale affollata (ANSA) – NAPOLI, 19 SET – Si è ripetuto a Napoli il prodigio del miracolo di San Gennaro. L’annuncio della liquefazione del sangue è stato accolto alle 10.05 in una cattedrale affollata, da un lungo applauso dei fedeli presenti. Il ripetersi del miracolo è letto come un buon auspicio per la città di Napoli e per la Campania. Il [...]

San Gennaro

San Gennaro

  San Gennaro autore Andrea Vaccaro anno 1635 titolo L’ascensione di San Gennaro Invia Nome: San Gennaro Titolo: Vescovo e martire Ricorrenza: 19 settembre Protettore di: donatori di sangue, orafi S. Gennaro nacque nella seconda metà del secolo III molto probabilmente a Benevento anche se alcune fonti dicono che sia venuto alla luce a Napoli. Di famiglia nobile e molto cristiano, predilesse fin dalla sua giovinezza la vita ecclesiastica. A [...]

La festa di San Gennaro

La festa di San Gennaro

I film attorno al miracolo di San Gennaro.

FOTO: Catacombe

Affresco del Buon Pastore, Catacombe di San Callisto a Roma

Affresco del Buon Pastore, Catacombe di San Callisto a Roma

Ritratto di Giovan Battista De Rossi

Ritratto di Giovan Battista De Rossi

Immagine del Buon Pastore presso le Catacombe di Priscilla a Roma (seconda metà del III secolo)

Immagine del Buon Pastore presso le Catacombe di Priscilla a Roma (seconda metà del III secolo)

Una processione nelle catacombe di San Callisto, Illustrazione di Alberto Pisa, 1905

Una processione nelle catacombe di San Callisto, Illustrazione di Alberto Pisa, 1905

Charlotte Mary Yonge, Young Folks' History of Rome

Charlotte Mary Yonge, Young Folks' History of Rome

Martirologio proveniente da Digione, in Francia

Martirologio proveniente da Digione, in Francia

Martirio di Wiborada, Stiftsbibliothek, San Gallo, in Svizzera

Martirio di Wiborada, Stiftsbibliothek, San Gallo, in Svizzera

Operazione San Gennaro, recensione di Biagio Giordano

Operazione San Gennaro, recensione di Biagio Giordano

Operazione San Gennaro è un film commedia, colossal, del 1966 diretto da Dino Risi, con Totò, Nino Manfredi, Senta Berger, Harry Guardino, Mario Adorf e Dante Maggio. Napoli. Jack, Maggie e Frank sono tre esperti ladri statunitensi che hanno in mente di rubare il tesoro di San Gennaro, composto in prevalenza da donazioni di fedeli fatte di ori e gioielli di grande valore: all'epoca si poteva stimare che il tesoro avesse un valore di circa 30 miliardi di vecchie [...]

Campionato 2006-2007: San Gennaro (2^ giornata)

Anche questa settimana continua l'iniziativa di riportare celeberrimi versetti della Bibbia per ingraziarsi i residenti dei piani alti e abbassare quindi il fattore C e aumentare il fattore P...(P???) Matteo 25, 1 "il regno dei cieli è simile a dieci vergini che, prese le loro lampade, uscirono incontro allo sposo" aggiugerei una piccola modifica mettendo undici al posto di dieci così da formare una squadra di calcio:)                 P sta x [...]

Campionato 2006-2007: San Gennaro (3^ giornata)

Un incendio scoppiato in chiesa a opera di un chierichetto che, senza aver spezzato il pane, ma dopo aver bevuto il vino(quindi a stomaco vuoto non avendo mangiato il pane prima), ubriacatosi ha per sbaglio dato fuoco a gran parte della parrocchia. "Indipercui" la bibbia non è oggi utilizzabile per la citazione settimanale! Voci di "navata" sostengono che l'episodio non sia in realtà mai avvenuto e la non citazione della bibbia avvenga solo per motivi [...]

Campionato 2006-2007: San Gennaro (1^ giornata)

Il S.Gennaro promuove una nuova iniziativa prima di ogni partita una citazione celebre dalla bibbia(ordini dall'altissimo) per la prima giornata: Luca 14, 34-35 "il sale è buono ma se anche il sale perdesse il sapore..con che cosa lo si salerà? non serve nè per la terra, nè per il concime e così lo buttano via. chi ha orecchi per intendere,intenda" .....io non ho inteso In campo con un 4-4-2: Frey - Adriano Lucarelli Pisano M. Terlizzi - Mancini Muntari [...]

Dichiarazione San Gennaro

Il presidente del S.Gennaro(non quello onorario, non si scomoda mai per certe dichiarazioni)oggi in conferenza stampa ha dichiarato: "accetto volentieri i ringraziamenti della Niu tim, ma è ancora lontano il giorno in cui le due società, le due città(ricordiamo che il nostro oratorio è all'interno di Pigicom Valley), e le due tifoserie si "gemelliscano"...si "gemellagginano"... Spero sinceramente che la Niu Tim vinca anche la 15 e 16 giornata, per poi crollare [...]

NEW TEAM: In risposta a San Gennaro

La Società NEW TEAM S.p.A. si sente profondamente offesa e oltraggiata dal rifiuto del presidente della San Gennaro di accettare la proposta di gemellaggio avanzata dal capo della tifoseria della squadra verde-oro. Per tale ragione, difendendo l'operato e le buone intenzioni del capo ultrà, la Società erige un'invalicabile barriera con la Cenerentola del campionato (San Gennaro, che tra i Santi, tra l'altro, è quello che sta più sul cavolo al Presidente, ndr) [...]

Ricorso San Gennaro

Silvano risponde: Anto': Porca puttana!!!!!!!!!!!!!!! Ma dai che hai dato i primi 3 punti a Guido! Il file che vi fornisco l'ho elaborato con la stessa procedura adottata Lunedì. Non so se la causa risieda nel file originariamente scaricato dal sito o nella macro da me sviluppata per automatizzare l'elaborazione. Una cosa è certa: BIANCHI stavolta c'è. Allora...CLAMOROSO A LATINA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ora comprendo meglio il "porca puttana" di Antonio [...]

Si è ripetuto il miracolo di San Gennaro

Si è ripetuto il miracolo di San Gennaro

(ANSA) – NAPOLI, 16 DIC – Si è ripetuto alle 12.07, nella cappella del Tesoro di San Gennaro, il miracolo della liquefazione del sangue del patrono di Napoli e della Campania. Il 16 dicembre è la terza data dell’anno – dopo il sabato precedente la prima domenica di maggio e il 19 settembre – in cui le ampolle vengono esposte; nella festività odierna si ricorda l’eruzione del Vesuvio del 1631, che il 16 dicembre risparmiò Napoli dopo ore di [...]

Parmacotto restaura Catacombe S.Gennaro

Parmacotto restaura Catacombe S.Gennaro

(ANSA) NAPOLI, 29 NOV – L’affresco del Vestibolo Superiore delle Catacombe di San Gennaro sarà restaurato grazie a una donazione di Parmacotto. L’accordo per il finanziamento è stato presentato oggi a Napoli dall’amministratore delegato dell’azienda emiliana, Andrea Schivazappa, e dai rappresentanti della Paranza delle Catacombe di San Gennaro che gestiscono il sito paleocristiano. “Ci siamo rilanciati negli ultimi tre anni – ha spiegato [...]

San Callisto

San Callisto

Il nome di questo grande Papa è celebre per il cimitero che da lui prende il nome. Sulla porta d'ingresso sta scritto: « Chi entra in questo cimitero contrito e confessato, otterrà la remissione dei peccati per i meriti di centosettantamila martiri qui sepolti con 46 Papi morti per Gesù Cristo ». Il suo nome, che deriva dal greco, significa « bellissimo » e ben gli conveniva per le sue rare doti e per le belle opere che seppe compiere. Romano, di famiglia [...]

&id=HPN_Catacombe_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Catacombs" alt="" style="display:none;"/> ?>