Catalogo di Messier

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Francesca Cipriani
In rilievo

Francesca Cipriani

La scheda: Catalogo di Messier

Il Catalogo di Messier è stato il primo catalogo astronomico di oggetti celesti diversi dalle stelle. Fu compilato dall'astronomo francese Charles Messier, con il nome originale Catalogue des Nébuleuses et des Amas d'Étoiles, e pubblicato nel 1774.
Messier era un cacciatore di comete, come molti degli astronomi dei suoi tempi. Egli si occupò della compilazione del catalogo per riuscire a distinguere facilmente una nuova cometa, che si presenta al telescopio come un debole oggetto di natur...

BlackHoleCam Immortalato Il Buco nero di M87 galassia Messier 87

BlackHoleCam Immortalato Il Buco nero di M87 galassia Messier 87

Cosa accade  in questi luoghi oscuri dove finisce lo spazio e il tempo. Di tanto parlarne la foto finalmente di un buco nero rotante. Un'immagine presentata il 10 aprile  al mondo in una serie di conferenze stampa da più continenti.  Un consorzio di ricercatori di tutto il mondo incluso Inaf Italia ha ottenuto la prima “immagine” ad alta risoluzione mai realizzata di un buco nero - dove  per risoluzione s'intende la capacità di leggere un foglio di [...]

Buco nero fotografato, è la prima volta: «Ecco Messier 87». Si trova a 55 milioni di anni luce da noi DIRETTA

Buco nero fotografato, è la prima volta: «Ecco Messier 87». Si trova a 55 milioni di anni luce da noi DIRETTA

Oggi è un giorno storico, uno spartiacque per la ricerca e che potrebbe portare all'inizio di una nuova epoca: per la prima volta un buco nero, il Messier 87, al centro della galassia Virgo A (o M87) è stato fotografato, e l'immagine è stata resa pubblica. Il buco nero è distante circa 55 milioni di anni luce. La prima prova diretta, e la foto che lo testimonia, arrivano a tre anni da quando, nel 2016, le onde gravitazionali hanno dimostrato l'esistenza di [...]

Buco nero fotografato, è la prima volta: «Ecco Messier 87». Si trova a 55 milioni di anni luce da noi DIRETTA

Buco nero fotografato, è la prima volta: «Ecco Messier 87». Si trova a 55 milioni di anni luce da noi DIRETTA

Oggi è un giorno storico, uno spartiacque per la ricerca e che potrebbe portare all'inizio di una nuova epoca: per la prima volta un buco nero, il Messier 87, al centro della galassia Virgo A (o M87) è stato fotografato, e l'immagine è stata resa pubblica. Il buco nero è distante circa 55 milioni di anni luce. La prima prova diretta, e la foto che lo testimonia, arrivano a tre anni da quando, nel 2016, le onde gravitazionali hanno dimostrato l'esistenza di [...]

deleted

deleted

Cinema Andromeda. Mostre e Spot per Cultura e Turismo a Brindisi

Lucisano Media Group rende nota la convenzione tra Italian International Movieplex, rappresentata da Fulvio Lucisano, e il Comune di Brindisi (a firma del sindaco Angela Carluccio) per avviare nuove attività culturali e sociali nel Cinema Andromeda (Nella Foto). L'obiettivo è trasformare il cinema multisala di via Bozzano in un polo di aggregazione culturale e sociale per tutta la Città. L’accordo dura sette anni e mira a organizzare mostre, incontri e [...]

Oggetti di Messier - M72

M72 è uno dei più remoti ammassi globulari di Messier: si trova infatti a circa 53.000 anni luce, considerevolmente oltre il centro galattico. La sua magnitudine apparente è la 9 o la 10, ma essendo così lontano è uno dei globulari intrinsecamente più luminosi. M72 peraltro non è molto concentrato (Shapley lo classificò di IX classe). Si sta avvicinando abbastanza rapidamente, a 255 km/sec, ed ha il considerevole numero di 42 variabili conosciute. Il suo [...]

Oggetti di Messier - M9

M9, con una distanza calcolata di 5500 anni luce dal centro galattico (Burnham ne indica 7500, un valore leggermente troppo elevato), è uno degli ammassi globulari più vicini al nucleo della nostra galassia. Il suo diametro angolare di 9,3 primi d'arco corrisponde, alla distanza di circa 26 000 anni luce dal nostro Sistema Solare, a un diametro lineare di 70 anni luce. Nella parte nord-occidentale, la luce di M9 risulta notevolmente affievolita dalla presenza di [...]

Oggetti di Messier - M45

Le Pleiadi Le Pleiadi appartengono a quella categoria di oggetti noti sin dall'antichità. Sono chiamate anche "Le Sette Sorelle", il nome giapponese invece è "Subaru", utilizzato per l'omonimo marchio automobilistico. Le antiche denominazioni europee (per esempio quelle inglesi e tedesca) ci dicono che un tempo erano paragonate ad una "Chioccia con i pulcini". Burnham fa riferimento sia alla possibile origine del nome "Pleiadi" dalla parola greca "plein" che [...]

Oggetti di Messier - M52

M52 è un bell'ammasso aperto situato in una ricca regione della Via Lattea. E' uno degli ammassi più ricchi per il quale l'astrofilo Jeff Bondono ha proposto il nome di ammasso "sale e pepe". Ake Wallenquist (1959) ha contato 193 probabili membri in una regione di 9' di raggio e la densità in prossimità del centro è ddi circa 3 stelle per parsec cubico. La stella più luminosa della sequenza principale è di magnitudine 11 e di tipo spettrale B7. Due giganti [...]

Oggetti di Messier - M80

M80 è un bell'ammasso globulare. Alla distanza di 36.000 anni luce, il diametro angolare di 9´ corrisponde ad una dimensione lineare di 95 anni luce. Il 21 maggio 1960 vi esplose una supernova che ne cambiò completamente l'aspetto per alcuni giorni. Questa nova, denominata T Scorpii, scoperta a Berlino da Auwers ed osservata indipendentemente da Pogson, raggiunse la magnitudine 7° il 21 e 22 maggio, diminuendo fino alla 10,5 il 16 giugno. E' stato riferito che [...]

Oggetti di Messier - M76

Nebulosa Piccola campana muta M76 è uno degli oggetti di Messier più deboli. E' noto con i nomi di Piccola campana muta (quello più diffuso), Nebulosa tappo di sughero, Nebulosa farfalla e Nebulosa manubrio, ed è distinta da due numeri NGC poiché sospettata di essere una doppia nebulosa con le due componenti a contatto, ipotesi formulata da William Herschel che numerò la "seconda componente" H I.193. NGC 651 è la parte della nebulosa che segue a nord [...]

Oggetti di Messier - M74

Notevole spirale prototipo delle galassie di tipo Sc dall'aspetto sontuoso. Probabilmente M74 il principale membro di un gruppo di galassie molto piccolo che comprende la peculiare spirale barrata di tipo SBa NGC 660, la peculiare galassia Sm UGC 891 (di un tipo misto tra spirali ed irregolari), e le irregolari UGC 1176, UGC 1195 ed UGCA 20. Per gli astrofili sono necessarie ottime condizioni di seeing per poterne osservare il nucleo. Se così fosse, il fascino [...]

Oggetti di Messier - M51

Galassia Vortice La famosa galassia Vortice (Whirlpool) M51 fu una delle scoperte originali di Messier. M51 è il membro dominante di un piccolo gruppo di galassie. Poiché si trova a 37 milioni di anni luce di distanza ed è di cospicue dimensioni, si tratta di un oggetto esteso e luminoso. Questa galassia fu la prima di cui fu scoperta la struttura a spirale (da Lord Rosse, nel 1845, che ne fece un disegno preciso ed accurato). Secondo le attuali conoscenze, la [...]

Oggetti di Messier - M26

Questo ammasso non è così impressionante come l'apparentemente vicino M11, e Messier aveva già notato che non era "risolvibile con uno telescopio di 105 cm (LF) necessita di uno strumento migliore". Ciononostante, è un bell'ammasso compatto, le cui stelle più brillanti raggiungono la magnitudine 11,9, e sono di tipo spettrale B8. Burnham afferma che sono circa 25 le stelle visibili in un telescopio di 15-20 cm e circa 70 le componenti più deboli, secondo [...]

Oggetti di Messier - M60

M60 è una delle galassie ellittiche giganti dell'Ammasso della Vergine. Essendo, nel catalogo di Messier, la più orientale di questo ammasso, è l'ultima di un gruppetto di tre (M58, 59 e 60) a fare l'ingresso nel campo inquadrato da un telescopio puntato un questa porzione di cielo. Ad ingrandimenti modesti compare nello stesso campo di M59 (a 25 minuti d'arco di distanza). Alla distanza di circa 60 milioni di anni luce, questa galassia ha un diametro apparente [...]

Oggetti di Messier - M29

M29 è un ammasso abbastanza scarso e poco emozionante, posto in una regione particolarmente affollata della Via Lattea in prossimità di gamma Cygni, ad una distanza di 7.200 (secondo la maggior parte delle fonti compreso Mallas/Kreimer e Burnham) o 4.000 anni luce (secondo Kenneth Glyn Jones e lo Sky Catalog 2000). W.A. Hiltner dello Yerkes Observatory ha scoperto nel 1954 che la luce delle sue stelle è piuttosto polarizzata dalla presenza di materia [...]

Oggetti di Messier - M24

Nube Stellare del Sagittario, detta anche "Delle Caustiche" Messier 24 non è un "vero" oggetto del cielo profondo, ma un'enorme nube stellare della Via Lattea, uno pseudo-ammasso di stelle che si estende per migliaia di anni luce lungo la visuale, e che noi vediamo attraverso una "galleria" che in quel punto casualmente perfora la polvere interstellare. Questa nube è la brillante zona della Via Lattea che si trova appena al di sopra del centro della nostra [...]

Oggetti di Messier - M7

La coda dello Scorpione, ammasso di Tolomeo "M7 è un vasto e luminoso gruppo, facilmente rilevabile ad occhio nudo. M7 è formato da 80 stelle più luminose della magnitudine 10, in un campo di circa 1,3 gradi di diametro apparente che, alla distanza di 800 anni luce corrisponde ad una estensione lineare di 18 anni luce. E' stato classificato come tipo I,3,m o I,3,r nella classifiazione di Trumpler. Questo gruppo si avvicina a noi alla velocità di 14 km /sec. La [...]

Oggetti di Messier - M81

Galassia di Bode E' una delle galassie dell'emisfero settentrionale più facili ed appaganti da osservare per gli astrofili. Questa galassia, dal maestoso disegno ben pronunciato di spirale è la più luminosa di una notevole coppia fisica, con la vicina M82, ed è, probabilmente, il membro dominante di un gruppo a noi prossimo denominato gruppo di M81. Poche decine di milioni di anni fa, tempi quasi recenti su scala cosmica, è avvenuto un incontro ravvicinato tra [...]

Oggetti di Messier - M71

Da lungo tempo, la classificazione di M71 come ammasso globulare è incerta, molti astronomi ritenevano fosse un ammasso aperto piuttosto denso, simile ad M11, come per esempio Shapley e Trumpler che lo classificarono di tipo "g", la classe degli ammassi aperti più densi. James Cuffey dell'Ossrvatorio Kirkwood dell'Università dell'Indiana studiò entrambi questi ammassi. Nel 1943 scoprì che M71 assomigliava molto di più a globulari dispersi come M68 (classe X) [...]

&id=HPN_Catalogo+di+Messier_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Category:Messier{{}}objects" alt="" style="display:none;"/> ?>