Commissione per la Costituzione

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Cristina Parodi
In rilievo

Cristina Parodi

La scheda: Commissione per la Costituzione

La Commissione per la Costituzione, più spesso chiamata Commissione dei 75, fu una commissione speciale, composta di 75 membri scelti fra i componenti dell'Assemblea Costituente della Repubblica Italiana, che fu incaricata di elaborare e proporre il progetto di Costituzione repubblicana.



deleted

deleted

Lenin

Lenin

Lenin Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.      Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Lenin (disambigua). Lenin Presidente del Consiglio dei commissari del popolo dell'URSS Durata mandato 30 dicembre 1922 – 21 gennaio 1924 Predecessore Aleksandr Kerenskij(Presidente del Governo Provvisorio Russo) Successore Aleksej Rykov (Stalin come leader supremo) Presidente del Consiglio dei Commissari del popolo della RSFS Russa [...]

La Costituzione italiana

Cliccare ed ascoltare con passione Baglioni "La Costituzione" Art. 1 L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Art. 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica [...]

LA COSTITUZIONE

LA COSTITUZIONE   Principi fondamentali Parte prima Titolo I Titolo II Titolo III Titolo IV Parte seconda Titolo I Titolo II Titolo III Titolo IV Titolo V Titolo VI Disposizioni finali e transitorie Note Documenti da scaricare Il testo completo della Costituzionein formato .pdf - 148 Kb Version française English version Risorse Piattaforma didattica La Costituzione della Repubblica Italiana     Principi fondamentali Art. 1 L'Italia è una Repubblica [...]

costituzione

costituzione

L ;Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Art. 2 ... Il testo della Costituzione italiana con le successive modifiche costituzionali, qui ... dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale. [1] ... La Costituzione della Repubblica Italiana è la legge fondamentale e fondativa dello Stato italiano. Fu approvata dall ;Assemblea [...]

Togliatti, Basso e Nenni: anche loro erano degli inconfessabili sovranisti

Fonte: Il Fatto Quotidiano Società | 4 Giugno 2019  Diego Fusaro  La categoria di sovranismo viene liberamente impiegata dai pretoriani del pensiero unico politicamente corretto ed eticamente corrotto per dissociare democrazia e sovranità e, insieme, per associare sovranità e dittatura. Eppure la sovranità, nel dopoguerra, era intesa come base del socialismo e della democrazia. In modo opposto, la rimozione della sovranità era assunta come base della [...]

Vorrei fare un "proclama" agli Italiani che devono andare a votare, per favore aiutateci a far capire a "Gigino" che è meglio se torna a casa, per lui e per noi.

Vorrei fare un "proclama" agli Italiani che devono andare a votare, per favore aiutateci a far capire a "Gigino" che è meglio se torna a casa, per lui e per noi.

Di Maio isolato anche da Salvini In 72 ore il leader M5s volta le spalle agli Usa e provoca crisi con la Francia  Più che un proclama sarebbe un appello, ma non soltanto a chi si appresta a recarsi alle urne, bensì a TUTTI gli italiani di buon senso e che abbiano l'onestà intellettuale di ammettere che la INSOSTENIBILITà di molte promesse e rivendicazioni elettorali buttate lì senza alcuna reale proposta realizzabile. Ammettiamolo : ci hanno preso per i [...]

libUnitario

Carlo Luigi Lagomarsino liberalismo unitario   Livio Ghersi: LIBERALISMO UNITARIO. Bibliosofica, 2011 | "LIBRO APERTO" n. 65. Fondazione Libro Aperto, 2011 "Libro Aperto", la rivista fondata da Giovanni Malagodi, ha pubblicato sul secondo fascicolo del 2011 (aprile-giugno) uno "speciale" per il cinquantesimo anniversario della scomparsa di Luigi Einaudi coi contributi di Piero Ostellino, Salvatore Carrubba, Pier Franco Quaglieni, Luigi Compagna, Enrico Vizzardelli [...]

Einaudi

Nato a Carrù (Cuneo) il 24 marzo 1874, Luigi Einaudi si laureò in Giurisprudenza nel 1895. Nel 1898 ottenne la libera docenza in Economia Politica all'Università di Torino e, successivamente, fu chiamato alla facoltà di Giurisprudenza. Insegnò a Torino e a Milano Si affermò anche come giornalista. Fu redattore de "La Stampa" diretta da Luigi Roux, e approdò (1903) al "Corriere della Sera" diretto da Luigi Albertini. Simpatizzante socialista, nel 1896 iniziò [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Aldo Moro 40 anni dopo

 Cari amici, un settimanale mi ha ricordato che sono 40 anni da quando è stato rapito e ucciso Aldo Moro. Non so quanti di voi ricordano gli avvenimenti di quell'anno, era un periodo di grave crisi politica ed istituzionale, tanto che ridimensiona assai quella di oggi. Io avevo allora circa 27 anni, lavoravo in biblioteca. Non è che mi ricordo tutto, ricordo il giorno del rapimento: ero tornato a casa (abitavo dai miei genitori) dopo le 13 e vi avevo [...]

Togliatti e la democrazia italiana da fuoripagina.it

Togliatti e la democrazia italiana da fuoripagina.it

Togliatti e la democrazia italianaPOSTED BY: VINDICE LECIS 17 GENNAIO 2018di Vindice LecisPalmiro Togliatti è stato uno dei fondatori e, successivamente, il capo del più importante partito comunista dell’Occidente e tra i principali padri costituenti dell’Italia repubblicana. A lui dobbiamo l’intuizione della costruzione di una democrazia di tipo nuovo, ancorando i destini del suo partito all’orizzonte della funzione nazionale della classe operaia [...]

Togliatti di Pietro Ingrao

Togliatti di Pietro Ingrao

Quando Togliatti minacciò: “Volete farmi fuori? Bene, provateci…” 22 novembre 2017 |In Storie |Di Pietro Ingrao   La vicenda del 1956 scatenò nel Pci lotte, crisi, burrasche che si prolungarono fino a tutti gli anni Sessanta, sino alla radiazione del gruppo de «il manifesto». L’avversario politico e la stampa borghese non se ne avvidero o colsero solo alcuni momenti più clamorosi, avvezzi a misurare le vicende del Pci con un metro molto [...]

Golpe bianco: è più facile costruire dopo aver distrutto

Perché lo Ius culturae è giusto, MA NON ADESSONoi ci affanniamo a pubblicare notizie che dicono cosa loro (i 5S)  "non fanno" e dei loro comportamenti apparentemente contraddittori, non ultimo il voto contrario al parlamento europeo per la modifica dei trattati di dublino;tutto invanoil fenomeno sarebbe sociologicamente interessante se non fosse realmente tragico, e ci minacciasse seriamente di avere il prossimo anno un governo a guida di maio.ormai è [...]

deleted

deleted

IL GOVERNO USA: “ECCO PERCHE’ ABBIAMO UCCISO ALDO MORO”

IL GOVERNO USA: “ECCO PERCHE’ ABBIAMO UCCISO ALDO MORO”

  . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . . IL GOVERNO USA: “ECCO PERCHE’ ABBIAMO UCCISO ALDO MORO” «La decisione di far uccidere Moro non venne presa alla leggera. Ne discutemmo a lungo, perché a nessuno piace sacrificare delle vite. Ma Cossiga mantenne ferma la rotta e così arrivammo a una soluzione molto difficile, soprattutto per lui. Con la sua morte impedimmo a Berlinguer di arrivare al potere e di evitare così la destabilizzazione [...]

Caso Moro tra buone intenzioni e polpette avvelenate

Caso Moro tra buone intenzioni e polpette avvelenate

Precisazione della redazione di iskrae.eu. Questo articolo uscito su Globalist.it il 3 marzo 2015 attribuiva erroneamente il nome Attilio Vizzini all’allora ministro della Difesa, Attilio Ruffini; la svista è stata corretta dalla redazione di iskrae.eu su segnalazione dell’autore. Attilio Ruffini, nipote del cardinale Ruffini e uomo di Andreotti, è il ministro che aveva come segretario particolare il notaio, Nicasio Ciaccio, che acquista dalla brigatista [...]

Le Ragioni del NO – Intervista a Umberto Terracini, presidente della Costituente (seconda parte)

Antonio reagì isolandosi, rinunciando alle lezioni. Si capiscono, comunque, le ragioni che indussero Togliatti, Longo e gli altri dirigenti a prendere per buona la versione fornita da Gennaro. Nonostante l’enorme suggestione che l’Internazionale e il nome di Stalin esercitavano sulle coscienze di tutti i militanti, qualche momento di dubbio, di incertezza sarebbe forse penetrato in molti compagni se avessero saputo della posizione di Gramsci. Non è ancora [...]

Le Ragioni del NO � Intervista a Umberto Terracini, presidente della Costituente (seconda parte)

Antonio reagì isolandosi, rinunciando alle lezioni. Si capiscono, comunque, le ragioni che indussero Togliatti, Longo e gli altri dirigenti a prendere per buona la versione fornita da Gennaro. Nonostante l’enorme suggestione che l’Internazionale e il nome di Stalin esercitavano sulle coscienze di tutti i militanti, qualche momento di dubbio, di incertezza sarebbe forse penetrato in molti compagni se avessero saputo della posizione di Gramsci. Non è ancora [...]

&id=HPN_Commissione+per+la+Costituzione_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Commissione{{}}per{{}}la{{}}Costituzione" alt="" style="display:none;"/> ?>