Communications in Eritrea

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Cristina Parodi
In rilievo

Cristina Parodi

La scheda: .er

.er è dominio di primo livello nazionale (ccTLD) assegnato all'Eritrea.
È amministrato dalla EriTel.

Er cinquantesimo de Vitaliano e Francesca

  Di: Daniela     Da Sore Rosa quer giorno se ballava, ‘na festa ‘n casa, all’epoca s’usava, ne le caraffe menta e limonata faceveno cornice a la crostata,   ‘n po’ de’ giovinotti ‘ncravattati co’ lì capelli tutti ‘mpomatati, poche regazze, tutte accompagnate, per’evita’ la “targa” de sfacciate.   Mentre ’na coppia vo’ attacca’ bottone, dar grammofono gracchia ‘na canzone e quattro regazzini scarmanati litigheno ancora ... [...]

L'Angolo della poesia - Sommelier

      L'Angolo della Poesia - Er sommelier -   Me pare quasi de vedette tutto ‘npettito,  nero su la faccia e ‘n core, cojonacce la sete cor prosciutto de parole ‘mbriache dar sentore.   T’aggiri co’ quella medaja ar collo posanno er naso sopra ‘sto bicchiere e quasi te fa schifo ‘sto vinello sincero d’uva vera de’ filare.   Ma che potemo facce noi,  sor coso, si quarcuno c’ha le vedute strette e pe’ la strada vive e no a [...]

L'Angolo della poesia - Er king de Pietralata

      L'Angolo della Poesia - Er king de Pietralata -   Nun lo nego e lo ridico: de tutti quanti so er più fico e co ‘sta faccia grecantica fa er modesto è ‘na fatica. In Vietnam me ne so ‘nnato e pure lì ho rimorchiato. Donne nere e pure gialle: ma te credo co ‘ste spalle! Io so er king de Pietralata co la chioma rimesciata e pe’ favve ariparlare do la corpa ar sole e ar mare. Co le donne nun so mai olmo perché “io mica dormo”. So n’attore, [...]

Er penziero libbero

Er penziero libberoEr dono più prezzioso, pe dì er vero,che ner mettece ar monno Iddio cià dato,fra tante meravije der creato,è, de sicuro, er libbero penziero.Pòi penzà bianco, si er governo è nero,senza paura d'esse buggiarato;àuguri a tizzio de morì ammazzato,mentre te dichi "amico suo sincero".A un principe, a un ministro, a un cardinale,je dichi artezza, signoria, eminenza,mentre pensi fra te ch'è 'no stivale.Io, quanno parlo co Donna Carlotta,la [...]

Er santo vecchio

Er santo vecchioMo che só diventato 'n santo vecchio,nun dico che me devi accènne er lume,ma manco che me devi buttà a fiume.Quanno che io me guardo ne lo specchio,nun credo d'esse così rovinato,magara nun só più tanto gajardo,però la mente è vispa, nun só tardo,só bravo ancora pe' 'gni risurtato.La gente, quanno nun sei più importante,pensa che sei 'n catòrcio, sei 'n rottame,te fa la strana e puro la scostante.Ma sai che me ne frega de 'sta gente,che, [...]

Er fiore

Er fioreQuer fiore che me dette Nina miaSenz'abbadà' l'ho preso e l'ho ripostoDentr'in saccoccia, propiamente accostoA 'sto cortello, e nun te fo bucìa...Quanno iersera giù nell'osteriaIo litigai co' Toto Grugnotosto,Lui che nun sa tenè le mano ar postoMe dette 'no schiaffone e scappò via.E io je corsi appresso pe' freddallo,Ma quanno annetti pe' caccià' er cortelloTrovai quer fiore... possin'ammazzallo!Nun fui più bono a gnente... embè, indovina?Er fiore [...]

Er monumento a Trilussa

Er monumento a Trilussa

Er monumento a TrilussaPover'amico mio, chi t'ha stroppiato?Tu che vivo parevi un monumento,ner monumento pari un disgrazziato;tu ch'eri tanto bello, fai spavento.Io me ce sento rabbia, me ce sento,de nun poté conosce st'ammazzatoche prima t'ha scorpito a tradimento,poi mette in mostra er corpo der reato.Tutto pe sbieco, mezz'a pecoronelui po' ringrazzià Dio che nun te vediarinnicchiato accanto ar fontanone.Se te vedessi, Tri, nun ciabbozzavie benché t'abbia [...]

Er ceco

Er cecoISu l'archetto (1) ar cantone de la piazza,ar posto der lampione che c'è adesso,ce stava un Cristo e un Angelo de gessoche reggeva un lumino in una tazza.Più c'era un quadro, indove una regazzaveniva libberata da un ossesso:ricordo d'un miracolo successo,sbiadito da la pioggia e da la guazza.Ma una bella matina er propietariolevò l'archetto e tutto quer che c'erape' dallo a Spizzichino l'antiquario.Er Cristo agnede (2) in Francia, e l'Angelettolo prese [...]

Er presepio

Ve ringrazio de core, brava gente, pe' sti presepe, che me preparate, ma che li fate a fa'? Se poi v'odiate, si de st'amore non capite gnente.Pe' sto  amore so' nato e ce so' morto,Ma la Parola pare 'na voce, sperduta nel deserto, senza ascolto.La gente  fa er presepe e num me sente,Cerca sempre de fallo piu' sfarzoso,Pero' cia' er core freddo e indifferenteE non capisce che senza l amore e' cianfrusaglia che non cia' valore.* Trilussa *

Er somaro filosofo

Er somaro filosofo-Ah! biù! (1) Cammina! Ah! biù... -Er vecchio Ciuccio che stracina er caricopropio nu' ne pô più.- Come fatichi, povero Somaro!-j'abbaia un Cane - E indove vai de bello?- Devo portà 'sta carta ar salumaro (2)- risponne er Somarello -Sarà quarche quintale, capirai!Se tratta de la resa d'un giornale...- De quale? - Nu' lo so, ma pesa assai! -Subbito er Cane, inteliggente e pratico,guarda er caretto e dice: - Ho già capito:dev'esse l'Avvenire [...]

Er vino de li frati

Er vino de li fratiEr vino de Ii frati a via Baccelli,straportato ner fusto de copellada Ii vigneti attorno a li Castelli,te ristora la gola e le budella,Si te ne scoli un litro a garganella,a sede' sotto l'arberi gemelliche l'estate funzioneno da ombrelli,te pare che la vita sia più bella.Vino de le campagne nostre, care,spisciolato dall'uve bianche e nere,bono pe' di' la Messa su l'artare,sei te lo sciurio, identico e precisosversato da li frati ner [...]

Er viaggiatore

Er viaggiatoreÈ un gran gusto er viaggià! St'anno sò statosin a Castèr Gandorfo co Rrimonno.Ah! cchi nun vede sta parte de Monnonun za nnemmanco pe cche ccosa è nnato.Cianno fatto un ber lago, contornatotutto de peperino, e ttonno tonno,congeggnato in maggnera che in ner fonnosce s'arivede er Monno arivortato.Se pescheno llì ggiú ccerte aliscette,co le capòcce, nun te fo bbuscìa,come vemmariette de Rosario.E ppoi sc'è un buscio indove sce se metteun [...]

Er cane moralista

Er cane moralistaPiù che de prescia (1) er Gattoagguantò la bistecca de filettoche fumava in un piatto,e scappò, come un furmine, sur tetto.Lì se fermò, posò la refurtivae la guardò contento e soddisfatto.Però s'accorse che nun era soloperché er Cagnolo der padrone stesso,vista la scena, j'era corso appressoe lo stava a guarda da un muricciolo.A un certo punto, infatti, arzò la testae disse ar Micio: - Quanto me dispiace!Chi se pensava mai ch'eri (2) [...]

Er più der panorama

Er più der panoramaISforbicia qua, farcia là, nun je restamanco più un zeppo addosso a st'arberonea daje un'illusione de riparo:gnudo se sente e rapata la testa.E ce mastica amaro.Lui lo sa ch'è de regolapotà ogni tanto l'arberi giganti.Ma trovasse davantia un popolo de nani che a l'ariacciariggida de febbraros'àggita tutto, e chiacchiera, e spettegolasu li fattacci sui, je tufa forte.Certo che, propio ar centro de lo spiazzoche s'apre ne la macchia, co le [...]

Er vecchio penzionato

Er vecchio penzionato'Sta frebbe magnerella che ciò addossoè 'n guaio, si de cibbo c'è penuria.Me magnerebbe tutto co' gran furia,magara lo farebbe!, ma nun posso.Co' 'sti bei chiar de luna che ce stanno,bigna davero che me metto a dieta,basta che nu' mme fate magnà bieta,ché solo si ce penzo, ciò l'affanno!A cquesto c'è d'aggiugne 'na saluteche pe' raggion d'eta nu' mme permettanun solo er cibbo, ... manco le bevute!È brutto, si sei povero e sei [...]

Er Presepio

Er PresepioTu scegni da le stelle ...È la solita, dorce cantilenader vecchio zampognaro;le parole, lo so, so' sempre quellema 'ndo' le senti più? Oggi è 'na penae qui caro Gesù ce vô un riparo.Ormai er presepio nun è più de moda;gnente Madonna, gnente San Giuseppe,abbolita la stella co' la coda,gnente Re Magi in piedi o inginocchiati,via er bove, l'asinello, li pastori,pupazzetti de gesso pitturati,spassatempo d'un' epoca che fu ...ma quer ch'è peggio, [...]

Er parla' romano

Er parla' romanoSenti: er dialetto nostro è un gran dialettoche piace puro a chi nun è romano.Hai voja a ddì' che stroppia l'itajano,è sempre forte, energico e d'effetto ...Gnente ce vô trovà' quarche difettoer milanese oppuro er venezziano?!Quello dice Milàaan pe' ddi' Milano,'st' antro dice Venèssia ... Be' rispetto!Ner chiamà' casa loro fanno pena:a Torino Turin, poi c'è quer frescoder genovese a ttirà' in ballo Zena.Qui invece s'arispetta er «dorce [...]

Er popolo sovrano

Er popolo sovranoÈ propio buffo er popolo itajano!Dar doppoguera in poi s'è persuasod'esse davero un popolo sovranoe cià puro la puzza sott'ar naso.Er lavoro? Va be', ma nun è mejotrovà' er sistema de sbarcà' er lunariofacenno appena appena er necessario?Farà vedé ch'è inteligente, svejo.Er governo lo spreme co' le tasse?Magara lì s'addorme, paga e zitto;se scorda d'esse er popolo più drittoe se contenta solo de sfogasse.Je danno da magnà' la [...]

Er sorcio de città e er sorcio de campagna(Dedicata)

Un Sorcio ricco de la capitaleinvitò a pranzo un Sorcio de campagna.- Vedrai che bel locale,vedrai come se magna...- je disse er Sorcio ricco - Sentirai!Antro che le caciotte de montagna!Pasticci dorci, gnocchi,timballi fatti apposta,un pranzo co' li fiocchi! una cuccagna! -L'intessa sera, er Sorcio de campagna,ner traversà le saleintravidde 'na trappola anniscosta;- Collega, - disse - cominciamo male:nun ce sarà pericolo che poi...?- Macché, nun c'è paura:- [...]

Er torentello amico

Er torentello amicoSto torentello che m'ariconsolasin da regazzo m'ha parlato ar core;se scapicolla da na montagnolae me soride fra sti prati in fiore.Ma ner tramonto quanno er giorno more,sotto d'un cielo tinto de viola,vedo che st'acqua cambia de coloree sento un canto triste de mandola.Fra ste montagne ce ritorneròpuro da vecchio e, stanco, sfiduciato,la vera pace qui ritroverò.Ritornerà la penna sur cappello!E de la gioventù tempo beato,me parlerà st'amico [...]

&id=HPN_Communications+in+Eritrea_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Category:Communications{{}}in{{}}Eritrea" alt="" style="display:none;"/> ?>