Convoglio navale

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Alessandra Amoroso
In rilievo

Alessandra Amoroso

Seconda battaglia dell'Atlantico

La scheda: Seconda battaglia dell'Atlantico

700 piccoli sommergibili tedeschi Alcuni sommergibili della Regia Marina italiana
Africa e Medio Oriente Africa Orientale Italiana – Nordafrica – Africa occidentale – Iraq – Siria – Iran
Asia e Pacifico Cina – Oceano Pacifico – Sud-est asiatico – Pacifico sud-occidentale – Oceano Indiano – Manciuria
La battaglia dell'Atlantico, termine coniato nel 1941 dal primo ministro del Regno Unito Winston Churchill, fu la campagna militare navale e aerea che si protrasse più a lungo e con maggiore continuità di tutta la seconda guerra mondiale. Cominciata contemporaneamente all'avvio delle ostilità, durò fino alla capitolazione della Germania, raggiungendo il suo apice, come tonnellaggio di naviglio affondato, nel periodo tra il 1940 e il 1943.
All'inizio della guerra la Kriegsmarine impiegò unità di superficie e sottomarine al fine di limitare il flusso di approvvigionamenti, provenienti dagli Stati Uniti, alla Gran Bretagna e successivamente all'Unione Sovietica attraverso i convogli che attraversavano l'Atlantico, scortati da navi britanniche, canadesi e dopo il 7 dicembre 1941 anche statunitensi, dopo l'entrata in guerra dell'Italia e fino all'8 settembre 1943 alle unità sottomarine tedesche si unirono anche alcuni sommergibili della Regia Marina.
Le parti in conflitto erano consapevoli dell'importanza della battaglia dell'Atlantico per le sorti della guerra in Europa, il Regno Unito, memore del ruolo giocato dalla guerra sottomarina indiscriminata condotta dalla marina tedesca nel corso della prima guerra mondiale, si impegnò al massimo per mantenere le sue vitali comunicazioni marittime e inoltre cercò un maggior coinvolgimento militare statunitense nel sistema dei convogli mentre, sul fronte opposto, Adolf Hitler, pur cosciente dell'importanza della lotta contro il naviglio mercantile del nemico, emanò disposizioni al fine di evitare qualsiasi ostilità verso il naviglio statunitense per non fornire pretesti alla potenza americana per entrare direttamente in guerra, disposizioni che in alcune occasioni furono tuttavia disattese.
La battaglia conobbe sensibili variazioni di intensità, ma, a partire dal 1943, la situazione volse a netto favore degli Alleati, che furono in grado di conquistare il predominio nella guerra di superficie grazie alla loro schiacciante superiorità di mezzi, e anche di contrastare efficacemente, grazie anche all'impiego di strumenti, come il radar e il sonar, e di tattiche nuove, come i pattugliatori navali, le portaerei di scorta e gli aerei a lungo raggio, i raggruppamenti di sommergibili della Kriegsmarine, che, dopo un inizio a loro favorevole e notevoli successi parziali, cominciarono progressivamente a subire grosse perdite fino alla definitiva sconfitta.


Incidente metro Roma, donna muore incastrata sotto un convoglio alla fermata Lepanto

Incidente metro Roma, donna muore incastrata sotto un convoglio alla fermata Lepanto

Fermata chiusa, disagi e rallentamenti su tutta la linea. Circolazione interrotta tra San Giovanni e Battistini. Attivati i bus sostitutivi. La vittima una senegalese di 41 anni Incidente mortale intorno alle 11, alla stazione Lepanto della linea A della metropolitana di Roma, nel quartiere Prati. Una donna ha perso la vita giovedì mattina dopo essere finita fra il treno e la banchina. Dalle prime ricostruzioni, la vittima sarebbe scivolata. È quanto emerso [...]

Roma, 50enne tenta di farsi investire da un treno alla stazione Tiburtina. La polizia riesce a fermare il convoglio

Roma, 50enne tenta di farsi investire da un treno alla stazione Tiburtina. La polizia riesce a fermare il convoglio

Cronaca 30 giugno 2018 Roma, 50enne tenta di farsi investire da un treno alla stazione Tiburtina. La polizia riesce a fermare il convoglio Probabilmente ci sono problemi familiari all’origine dell’insano gesto compiuto ieri sera da un cinquantenne, di origini romene, che ha cercato di farsi investire da un treno proveniente dall'aeroporto di Fiumicino e in arrivo al binario 1 della stazione ferroviaria di Roma Tiburtina. L’uomo, sceso dalla banchina sul [...]

EVENTI: Seconda battaglia dell'Atlantico

Il 17 luglio 1944 il più grande convoglio navale della guerra si imbarcò ad Halifax (Nuova Scozia), sotto la protezione della Royal Canadian Navy.

Nel 1943, il nuovo comandante del Coastal Command, l'Air Marshal John Slessor, pose sotto continua sorveglianza il Golfo di Biscaglia, il principale punto di raccolta per gli U-Boot che salpavano dalla Francia.

Nel 1943, il nuovo comandante del Coastal Command, l'Air Marshal John Slessor, pose sotto continua sorveglianza il Golfo di Biscaglia, il principale punto di raccolta per gli U-Boot che salpavano dalla Francia.

Nel 1943, il nuovo comandante del Coastal Command, l'Air Marshal John Slessor, pose sotto continua sorveglianza il Golfo di Biscaglia, il principale punto di raccolta per gli U-Boot che salpavano dalla Francia.

Dal 1942 le unità stazionate a Bordeaux furono ridotte a 11 e, nel 1943, al momento dell'armistizio, le unità che si trovavano nella base francese erano solamente 6 e furono reimpiegate dai tedeschi.

Il 9 gennaio 1942 i comandanti degli U-Boot ricevettero il messaggio Paukenschlag 13, ossia l'ordine di attacco, che avrebbe dovuto avere inizio il giorno 13 alle ore 00.

Dal 1942 le unità stazionate a Bordeaux furono ridotte a 11 e, nel 1943, al momento dell'armistizio, le unità che si trovavano nella base francese erano solamente 6 e furono reimpiegate dai tedeschi.

Il 9 gennaio 1942 i comandanti degli U-Boot ricevettero il messaggio Paukenschlag 13, ossia l'ordine di attacco, che avrebbe dovuto avere inizio il giorno 13 alle ore 00.

Dal 1942 le unità stazionate a Bordeaux furono ridotte a 11 e, nel 1943, al momento dell'armistizio, le unità che si trovavano nella base francese erano solamente 6 e furono reimpiegate dai tedeschi.

Il 9 gennaio 1942 i comandanti degli U-Boot ricevettero il messaggio Paukenschlag 13, ossia l'ordine di attacco, che avrebbe dovuto avere inizio il giorno 13 alle ore 00.

Nel giugno del 1941 quest'ultima decise di fornire supporto ai convogli lungo tutta la rotta di attraversamento nel Nord Atlantico, e allo scopo l'ammiragliato chiese alla Royal Canadian Navy di assumersi la responsabilità nella protezione dei convogli in navigazione verso est fino a un punto di incontro nel sud dell'Islanda e di stabilire la base per la propria flotta di supporto a Saint John's nella provincia di Terranova e Labrador.

Nel giugno del 1941 quest'ultima decise di fornire supporto ai convogli lungo tutta la rotta di attraversamento nel Nord Atlantico, e allo scopo l'ammiragliato chiese alla Royal Canadian Navy di assumersi la responsabilità nella protezione dei convogli in navigazione verso est fino a un punto di incontro nel sud dell'Islanda e di stabilire la base per la propria flotta di supporto a Saint John's nella provincia di Terranova e Labrador.

Nel giugno del 1941 quest'ultima decise di fornire supporto ai convogli lungo tutta la rotta di attraversamento nel Nord Atlantico, e allo scopo l'ammiragliato chiese alla Royal Canadian Navy di assumersi la responsabilità nella protezione dei convogli in navigazione verso est fino a un punto di incontro nel sud dell'Islanda e di stabilire la base per la propria flotta di supporto a Saint John's nella provincia di Terranova e Labrador.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Seconda battaglia dell'Atlantico

Battaglia_dell'Atlantico_(1939-1945)

Battaglia_dell'Atlantico_(1939-1945)

Seconda_battaglia_dell'Atlantico

Seconda_battaglia_dell'Atlantico

27 novembre 1941:un Vought SB2U Vindicator della US Navy, partito dalla portaerei USS Ranger, perlustra il tratto di mare antecedente il convoglio navale in rotta verso Città del Capo, Sudafrica.

27 novembre 1941:un Vought SB2U Vindicator della US Navy, partito dalla portaerei USS Ranger, perlustra il tratto di mare antecedente il convoglio navale in rotta verso Città del Capo, Sudafrica.

Uno Short Sunderland del famoso 10º Squadron della RAAF in forza al Coastal Command comincia il suo pattugliamento antisommergibili a Pembroke Dock, Galles

Uno Short Sunderland del famoso 10º Squadron della RAAF in forza al Coastal Command comincia il suo pattugliamento antisommergibili a Pembroke Dock, Galles

Uno Short Sunderland del famoso 10º Squadron della RAAF in forza al Coastal Command comincia il suo pattugliamento antisommergibili a Pembroke Dock, Galles

Uno Short Sunderland del famoso 10º Squadron della RAAF in forza al Coastal Command comincia il suo pattugliamento antisommergibili a Pembroke Dock, Galles

Uno Short Sunderland del famoso 10º Squadron della RAAF in forza al Coastal Command comincia il suo pattugliamento antisommergibili a Pembroke Dock, Galles

Uno Short Sunderland del famoso 10º Squadron della RAAF in forza al Coastal Command comincia il suo pattugliamento antisommergibili a Pembroke Dock, Galles

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Trenord: arrivano le guardie giurate sui convogli

Trenord: arrivano le guardie giurate sui convogli

Attualità Martedì, 21 Febbraio 2017 18:44 Trenord: arrivano le guardie giurate sui convogli Dopo le polemiche che hanno fatto seguito agli episodi di violenza sui convogli di Trenord, da marzo sarà l’Associazione temporanea di imprese composta da Italpol, Sicuritalia, Ivri, Allsystem e altre aziende ad operare un servizio di vigilanza privata armata, sicurezza e pronto intervento nelle stazioni e sui convogli. Il valore dell’appalto è di 8,5 milioni [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_Convoglio+navale_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Convoy" alt="" style="display:none;"/> ?>