Crimine contro l umanit

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Crimine contro l umanit . Cerca invece Crimine contro l'umanità.

Vedi anche

Località
In rilievo

Località

Negazionismo del genocidio Armeno

La scheda: Negazionismo del genocidio Armeno

Con il termine genocidio armeno, talvolta olocausto degli armeni o massacro degli armeni, si indicano le deportazioni ed eliminazioni di armeni perpetrate dall'Impero ottomano tra il 1915 e il 1916, che causarono circa 1,5 milioni di morti.
Gli armeni usano l'espressione Medz Yeghern (in lingua armena Մեծ Եղեռն, "grande crimine") o Հայոց Ցեղասպանութիւն (Hayoc' C'eġaspanowt'yown), mentre in turco esso viene indicato come Ermeni Soykırımı "genocidio armeno", a cui talvolta viene anteposta la parola sözde ("cosiddetto"), oppure Ermeni Tehciri "deportazioni armene".
Tale genocidio viene commemorato dagli armeni il 24 aprile.
Nello stesso periodo storico l'Impero Ottomano aveva condotto (o almeno tollerato) attacchi simili contro altre etnie (come gli assiri e i greci), e per questo alcuni studiosi credono che ci fosse un progetto di sterminio. Altri storici, come Bernard Lewis, Stanford Shaw e Guenter Lewy negano invece che si possa associare il termine genocidio a quegli eventi. Sul piano internazionale, ventinove stati hanno ufficialmente riconosciuto come genocidio gli eventi descritti.


LO SPIAGGIAMENTO DI CAPODOGLI, LA SALUTE NOSTRA È UNA COSA SENZA NESSUN VALORE, E I POLITICI DA IGNORANTI NON CAPISCONO CHE LA SALUTE NOSTRA È PURE LA LORO,POSSONO GOVERNARE QUESTI QUÌ,NO PERCHÈ FANNO CRIMINI,CRIMINI CONTRO L'UMANITÀ

LO SPIAGGIAMENTO DI CAPODOGLI, LA SALUTE NOSTRA È UNA COSA SENZA NESSUN VALORE, E I POLITICI DA IGNORANTI NON CAPISCONO CHE LA SALUTE NOSTRA È PURE LA LORO,POSSONO GOVERNARE QUESTI QUÌ,NO PERCHÈ FANNO CRIMINI,CRIMINI CONTRO L'UMANITÀ

lo toccano e come il mediterraneo e non solo il mare,ma tutto,terra ed aria tutto,perchè inquinare non costa nulla,ma poi tanto pago io cittadino e con soldi e con la salute,questa cosa che fatta oramai da sempre è da criminali,è per la devastazione del futuro oltre che il presente,che vuol dire i nostri nipoti e pronipoti pagheranno per i crimini oggi commessi per cupidigia,ignoranza e criminalità. non solo mare ma anche terra, stanno inquinando con [...]

Crimini economici contro l'umanità

Crimini economici contro l'umanità

immagine dal web Perché non chiedere a l'Aia di istituire un Tribunale Internazionale in grado di perseguire coloro che si macchiano di "Crimini economici contro l'umanità"? Nella nostra nazione siamo a questo, purtroppo, ma siamo ancora troppo pochi a rendercene conto. Sono conscio del fatto che è un utopico sogno dato che fa più notizia...

EVENTI: Negazionismo del genocidio Armeno

Il 12 aprile 2015 papa Francesco riferendosi agli avvenimenti ha parlato esplicitamente di genocidio, citando una dichiarazione del 2001 di papa Giovanni Paolo II e del patriarca armeno, in occasione della messa di commemorazione del centenario in San Pietro, dichiarando che quello armeno «generalmente viene definito come il primo genocidio del XX secolo».

Il 22 aprile 2015 anche la cancelliera tedesca Merkel ha usato per la prima volta il termine genocidio.

Nel 2015, in occasione del centenario del genocidio armeno, Justine Rapaccioli e Marco Bellussi hanno proposto una pièce musico-teatrale dal titolo "Nelle plaghe d'oriente sia pace sulla terra", interpretata, tra gli altri, Ottavia Piccolo, Emiliano De Lello e dall'ottetto vocale Gaspard Edesse, riguardante il tema del genocidio e cercando di creare un punto di incontro tra il popolo armeno e quello turco.

Il 12 aprile 2015 papa Francesco riferendosi agli avvenimenti ha parlato esplicitamente di genocidio, citando una dichiarazione del 2001 di papa Giovanni Paolo II e del patriarca armeno, in occasione della messa di commemorazione del centenario in San Pietro, dichiarando che quello armeno «generalmente viene definito come il primo genocidio del XX secolo».

Il 22 aprile 2015 anche la cancelliera tedesca Merkel ha usato per la prima volta il termine genocidio.

Nel 2015, in occasione del centenario del genocidio armeno, Justine Rapaccioli e Marco Bellussi hanno proposto una pièce musico-teatrale dal titolo "Nelle plaghe d'oriente sia pace sulla terra", interpretata, tra gli altri, Ottavia Piccolo, Emiliano De Lello e dall'ottetto vocale Gaspard Edesse, riguardante il tema del genocidio e cercando di creare un punto di incontro tra il popolo armeno e quello turco.

Il 12 aprile 2015 papa Francesco riferendosi agli avvenimenti ha parlato esplicitamente di genocidio, citando una dichiarazione del 2001 di papa Giovanni Paolo II e del patriarca armeno, in occasione della messa di commemorazione del centenario in San Pietro, dichiarando che quello armeno «generalmente viene definito come il primo genocidio del XX secolo».

Il 22 aprile 2015 anche la cancelliera tedesca Merkel ha usato per la prima volta il termine genocidio.

Nel 2015, in occasione del centenario del genocidio armeno, Justine Rapaccioli e Marco Bellussi hanno proposto una pièce musico-teatrale dal titolo "Nelle plaghe d'oriente sia pace sulla terra", interpretata, tra gli altri, Ottavia Piccolo, Emiliano De Lello e dall'ottetto vocale Gaspard Edesse, riguardante il tema del genocidio e cercando di creare un punto di incontro tra il popolo armeno e quello turco.

Il 12 aprile 2015 papa Francesco riferendosi agli avvenimenti ha parlato esplicitamente di genocidio, citando una dichiarazione del 2001 di papa Giovanni Paolo II e del patriarca armeno, in occasione della messa di commemorazione del centenario in San Pietro, dichiarando che quello armeno «generalmente viene definito come il primo genocidio del XX secolo».

Il 22 aprile 2015 anche la cancelliera tedesca Merkel ha usato per la prima volta il termine genocidio.

Nel 2015, in occasione del centenario del genocidio armeno, Justine Rapaccioli e Marco Bellussi hanno proposto una pièce musico-teatrale dal titolo "Nelle plaghe d'oriente sia pace sulla terra", interpretata, tra gli altri, Ottavia Piccolo, Emiliano De Lello e dall'ottetto vocale Gaspard Edesse, riguardante il tema del genocidio e cercando di creare un punto di incontro tra il popolo armeno e quello turco.

Il 12 aprile 2015 papa Francesco riferendosi agli avvenimenti ha parlato esplicitamente di genocidio, citando una dichiarazione del 2001 di papa Giovanni Paolo II e del patriarca armeno, in occasione della messa di commemorazione del centenario in San Pietro, dichiarando che quello armeno «generalmente viene definito come il primo genocidio del XX secolo».

Il 22 aprile 2015 anche la cancelliera tedesca Merkel ha usato per la prima volta il termine genocidio.

Nel 2015, in occasione del centenario del genocidio armeno, Justine Rapaccioli e Marco Bellussi hanno proposto una pièce musico-teatrale dal titolo "Nelle plaghe d'oriente sia pace sulla terra", interpretata, tra gli altri, Ottavia Piccolo, Emiliano De Lello e dall'ottetto vocale Gaspard Edesse, riguardante il tema del genocidio e cercando di creare un punto di incontro tra il popolo armeno e quello turco.

Il 12 aprile 2015 papa Francesco riferendosi agli avvenimenti ha parlato esplicitamente di genocidio, citando una dichiarazione del 2001 di papa Giovanni Paolo II e del patriarca armeno, in occasione della messa di commemorazione del centenario in San Pietro, dichiarando che quello armeno «generalmente viene definito come il primo genocidio del XX secolo».

Il 22 aprile 2015 anche la cancelliera tedesca Merkel ha usato per la prima volta il termine genocidio.

Nel 2015, in occasione del centenario del genocidio armeno, Justine Rapaccioli e Marco Bellussi hanno proposto una pièce musico-teatrale dal titolo "Nelle plaghe d'oriente sia pace sulla terra", interpretata, tra gli altri, Ottavia Piccolo, Emiliano De Lello e dall'ottetto vocale Gaspard Edesse, riguardante il tema del genocidio e cercando di creare un punto di incontro tra il popolo armeno e quello turco.

Il 12 aprile 2015 papa Francesco riferendosi agli avvenimenti ha parlato esplicitamente di genocidio, citando una dichiarazione del 2001 di papa Giovanni Paolo II e del patriarca armeno, in occasione della messa di commemorazione del centenario in San Pietro, dichiarando che quello armeno «generalmente viene definito come il primo genocidio del XX secolo».

Il 22 aprile 2015 anche la cancelliera tedesca Merkel ha usato per la prima volta il termine genocidio.

Nel 2015, in occasione del centenario del genocidio armeno, Justine Rapaccioli e Marco Bellussi hanno proposto una pièce musico-teatrale dal titolo "Nelle plaghe d'oriente sia pace sulla terra", interpretata, tra gli altri, Ottavia Piccolo, Emiliano De Lello e dall'ottetto vocale Gaspard Edesse, riguardante il tema del genocidio e cercando di creare un punto di incontro tra il popolo armeno e quello turco.

Nel 1981 il giudice olandese Bert Röling, unico dei giudici all'epoca ancora in vita, scrisse: "essendo stato uno dei giudici del Tribunale Militare Internazionale, è stata un'amara esperienza per me essere informato solo ora che i principali crimini giapponesi, quelli del tipo più disgustoso, sono stati tenuti nascosti alla corte dal governo degli Stati Uniti".

Nel 1981 il giudice olandese Bert Röling, unico dei giudici all'epoca ancora in vita, scrisse: "essendo stato uno dei giudici del Tribunale Militare Internazionale, è stata un'amara esperienza per me essere informato solo ora che i principali crimini giapponesi, quelli del tipo più disgustoso, sono stati tenuti nascosti alla corte dal governo degli Stati Uniti".

Nel 1981 il giudice olandese Bert Röling, unico dei giudici all'epoca ancora in vita, scrisse: "essendo stato uno dei giudici del Tribunale Militare Internazionale, è stata un'amara esperienza per me essere informato solo ora che i principali crimini giapponesi, quelli del tipo più disgustoso, sono stati tenuti nascosti alla corte dal governo degli Stati Uniti".

Nel 1981 il giudice olandese Bert Röling, unico dei giudici all'epoca ancora in vita, scrisse: "essendo stato uno dei giudici del Tribunale Militare Internazionale, è stata un'amara esperienza per me essere informato solo ora che i principali crimini giapponesi, quelli del tipo più disgustoso, sono stati tenuti nascosti alla corte dal governo degli Stati Uniti".

Nel 2006, in occasione del 60º anniversario del processo, un sondaggio condotto dal notiziario Asahi News su un campione di000 giapponesi ha rivelato che, il 70% degli interpellati non era a conoscenza dei dettagli del processo, il 90% di questi apparteneva alla fascia di età tra i 20 e i 29 anni.

Nel 2006, in occasione del 60º anniversario del processo, un sondaggio condotto dal notiziario Asahi News su un campione di000 giapponesi ha rivelato che, il 70% degli interpellati non era a conoscenza dei dettagli del processo, il 90% di questi apparteneva alla fascia di età tra i 20 e i 29 anni.

Nel 2006, in occasione del 60º anniversario del processo, un sondaggio condotto dal notiziario Asahi News su un campione di000 giapponesi ha rivelato che, il 70% degli interpellati non era a conoscenza dei dettagli del processo, il 90% di questi apparteneva alla fascia di età tra i 20 e i 29 anni.

Nel 2006, in occasione del 60º anniversario del processo, un sondaggio condotto dal notiziario Asahi News su un campione di000 giapponesi ha rivelato che, il 70% degli interpellati non era a conoscenza dei dettagli del processo, il 90% di questi apparteneva alla fascia di età tra i 20 e i 29 anni.

Nel 2005, il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan invitò gli storici turchi, armeni ed internazionali a rivalutare i "fatti del 1915" (la sua locuzione preferita in proposito) usando gli archivi reperibili in Turchia, Armenia ed altri paesi.

Nel 2005, il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan invitò gli storici turchi, armeni ed internazionali a rivalutare i "fatti del 1915" (la sua locuzione preferita in proposito) usando gli archivi reperibili in Turchia, Armenia ed altri paesi.

Nel 2005, il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan invitò gli storici turchi, armeni ed internazionali a rivalutare i "fatti del 1915" (la sua locuzione preferita in proposito) usando gli archivi reperibili in Turchia, Armenia ed altri paesi.

Nel 2005, il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan invitò gli storici turchi, armeni ed internazionali a rivalutare i "fatti del 1915" (la sua locuzione preferita in proposito) usando gli archivi reperibili in Turchia, Armenia ed altri paesi.

Nel 2005, il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan invitò gli storici turchi, armeni ed internazionali a rivalutare i "fatti del 1915" (la sua locuzione preferita in proposito) usando gli archivi reperibili in Turchia, Armenia ed altri paesi.

Nel 2005, il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan invitò gli storici turchi, armeni ed internazionali a rivalutare i "fatti del 1915" (la sua locuzione preferita in proposito) usando gli archivi reperibili in Turchia, Armenia ed altri paesi.

Nel 2005, il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan invitò gli storici turchi, armeni ed internazionali a rivalutare i "fatti del 1915" (la sua locuzione preferita in proposito) usando gli archivi reperibili in Turchia, Armenia ed altri paesi.

Accusa di crimini contro l' umanità?

Ho letto che si pensa di incriminare il mostro di Oslo per crimini contro l’umanità. Premetto che sono d’accordo perché si è trattato di un crimine d’odio puro, ma a livello giuridico erché fare questa scelta ? "Per ora, è solo un’ipotesi quella di incriminare Breivik per crimini contro l’umanità. Se coì fosse, l’omicida potrebbe dover scontare una pena a 30 anni di carcere e non solo i 20 previsti per chi compie atti di terrorismo."

Rispondi

IL PAPA DENUNCIATO PER CRIMINI CONTRO L'UMANITA'

Due avvocati tedeschi hanno presentato una denuncia contro papa Benedetto XVI presso la Corte internazionale per crimini contro l'umanità. Cristian Sailer e Gert Joachin Hetzel, due legali residenti a Marktheidenfeld in Baviera, cioè proprio nella regione natale del Papa, la settimana scorsa hanno presentato un documento di 51 pagine al Procuratore della Corte penale internazionale dell'Aia, il dottor Luis Moreno Ocampo. TRE CRIMINI MONDIALI: La denuncia parla di [...]

I crimini dell'America contro l'umanità

L'America continua la sua aspra lotta per portare la libertà e la democrazia nel mondo dei barbari e degli infedeli. Nessuno Stato è capace di fronteggiare la potenza americana e nessuno Stato la sfida. Per evitare che nel mondo cessino le guerre, e quindi i loro interessi, gli USA hanno inventato un nuovo tipo di conflitto, assolutamente inevitabile: la guerra preventiva. L'idea di una guerra preventiva fu lanciata per la prima volta nel 2002, pensata per un [...]

Lesotho, il regno africano che piace a Harry e Meghan

Lesotho, il regno africano che piace a Harry e Meghan

Non c'è pace per Harry e Meghan: sin dal loro matrimonio, il gossip si è scatenato tra presunti dissapori con Kate, William e la regina, licenziamenti lampo e traslochi. Ed è proprio un trasloco, quello di cui si parla ora: pare che i due siano pronti a lasciare l'Inghilterra, per trasferirsi... in Africa! Secondo quando riporta la stampa inglese, i due - una volta che il bimbo sarà svezzato - si trasferiranno nel continente africano per ricoprire un ruolo [...]

Scuola, revocato sciopero, accordo governo-sindacati

Scuola, revocato sciopero, accordo governo-sindacati

E’ stato siglato nella notte a Palazzo Chigi l’accordo tra i sindacati del mondo della scuola e il Governo, presenti il ministro dell’Istruzione Bussetti e il premier Giuseppe Conte. L’accordo prevede tra l’altro più risorse per il rinnovo contrattuale e soluzioni per il precariato. I sindacati, in seguito all’intesa, hanno sospeso lo sciopero che era stato proclamato per il prossimo 17 maggio. “Consapevole di dover investire di più” nella [...]

Omicidio di Gabriel, le rivelazioni della compagna del padre

Omicidio di Gabriel, le rivelazioni della compagna del padre

Parla Anna, la compagna di Nicola Feroleto, il padre del piccolo Gabriel, indagato, a sua volta, per l’omicidio del bambino di due anni. Il piccolo sarebbe stato strangolato, in un momento di tensione, forse derivante dalla depressione, dalla madre, Donatella, a Piedimonte, dalle parti di Cassino, nel Frusinate. La donna è stata intervista da Pomeriggio Cinque e ha rivelato: «Nicola mi ha chiesto di confermare il suo alibi, ma io non l’ho fatto. Ho detto la [...]

Musica di Etabeta

It's been seven hours and fifteen days Since u took your love away I go out every night and sleep all day Since u took your love away Since u been gone I can do whatever I want I can see whomever I choose I can eat my dinner in a fancy restaurant But nothing I said nothing can take away these blues `Cause nothing compares Nothing compares 2 u It's been so lonely without u here Like a bird without a song Nothing can stop these lonely tears from falling Tell me baby [...]

Onu approva mozione contro stupro come arma di guerra

Onu approva mozione contro stupro come arma di guerra

Gli Stati Uniti incassano una vittoria in Consiglio di Sicurezza Onu dopo un duro braccio di ferro sulla violenza sessuale nei conflitti armati. L’organo delle Nazioni Unite ha approvato con 13 voti a favore e due astenuti (Russia e Cina) una risoluzione volta a combattere l’uso dello stupro come arma in guerra, su cui gli Usa avevano minacciato di porre il veto perché nel testo era usato un linguaggio sull’assistenza alla “salute riproduttiva”, che per [...]

Sri Lanka, l'Isis rivendica gli attentati

Sri Lanka, l'Isis rivendica gli attentati

Almeno 321 le vittime, fra cui 45 bambini

Migranti: accogliere gay non protetti nel loro Paese

Migranti: accogliere gay non protetti nel loro Paese

Prima di negare lo status di rifugiati ai migranti che dichiarano di essere omosessuali e di rischiare la vita se rimpatriati a causa del loro orientamento sessuale, si deve accertare se nei Paesi d’origine non solo non ci siano leggi discriminatorie ma anche verificare che le autorità del luogo apprestino “adeguata tutela” per i gay, ad esempio se colpiti da “persecuzioni” di tipo familiare. Lo sottolinea la Cassazione che ha accolto il ricorso di un [...]

FOTO: Negazionismo del genocidio Armeno

Il Tribunale militare internazionale per l'Estremo Oriente si riunì nell'ex quartier generale dell'Esercito imperiale giapponese a Ichigaya, Tokyo.

Il Tribunale militare internazionale per l'Estremo Oriente si riunì nell'ex quartier generale dell'Esercito imperiale giapponese a Ichigaya, Tokyo.

Il Tribunale militare internazionale per l'Estremo Oriente si riunì nell'ex quartier generale dell'Esercito imperiale giapponese a Ichigaya, Tokyo.

Il Tribunale militare internazionale per l'Estremo Oriente si riunì nell'ex quartier generale dell'Esercito imperiale giapponese a Ichigaya, Tokyo.

Il Tribunale militare internazionale per l'Estremo Oriente si riunì nell'ex quartier generale dell'Esercito imperiale giapponese a Ichigaya, Tokyo.

Il Tribunale militare internazionale per l'Estremo Oriente si riunì nell'ex quartier generale dell'Esercito imperiale giapponese a Ichigaya, Tokyo.

Civili armeni in marcia forzata verso il campo di prigionia di Mezireh, sorvegliati da soldati turchi armati. Kharpert, Impero Ottomano, aprile 1915.

Civili armeni in marcia forzata verso il campo di prigionia di Mezireh, sorvegliati da soldati turchi armati. Kharpert, Impero Ottomano, aprile 1915.

Civili armeni in marcia forzata verso il campo di prigionia di Mezireh, sorvegliati da soldati turchi armati. Kharpert, Impero Ottomano, aprile 1915.

Civili armeni in marcia forzata verso il campo di prigionia di Mezireh, sorvegliati da soldati turchi armati. Kharpert, Impero Ottomano, aprile 1915.

Civili armeni in marcia forzata verso il campo di prigionia di Mezireh, sorvegliati da soldati turchi armati. Kharpert, Impero Ottomano, aprile 1915.

Civili armeni in marcia forzata verso il campo di prigionia di Mezireh, sorvegliati da soldati turchi armati. Kharpert, Impero Ottomano, aprile 1915.

Civili armeni in marcia forzata verso il campo di prigionia di Mezireh, sorvegliati da soldati turchi armati. Kharpert, Impero Ottomano, aprile 1915.

Civili armeni in marcia forzata verso il campo di prigionia di Mezireh, sorvegliati da soldati turchi armati. Kharpert, Impero Ottomano, aprile 1915.

'Sri Lanka vendetta per Christchurch', l'Isis rivendica

'Sri Lanka vendetta per Christchurch', l'Isis rivendica

L’Isis ha rivendicato gli attacchi nello Sri Lanka che hanno causato almeno 321 morti, senza tuttavia fornire alcuna prova del suo coinvolgimento diretto. Lo riferisce il Site. La rivendicazione è giunta attraverso Amaq, l’agenzia di propaganda del gruppo terroristico. Gli attacchi sono stati compiuti in “rappresaglia” per la strage nelle moschee di Christchurch (Nova Zelanda) del 15 marzo scorso in cui morirono 50 persone: è quanto emerge da una prima [...]

Omicidio Gabriel, le parole dei vicini: "La mamma era depressa"

Omicidio Gabriel, le parole dei vicini: "La mamma era depressa"

I vicini di casa di Donatella Di Bona, la donna arrestata con l’accusa di aver ucciso, strangolandolo, il figlio Gabriel di due anni, hanno raccontato nella puntata odierna di Mattino Cinque lo stato di disagio nel quale versavano la donna e la famiglia. «Era una situazione difficile a livello economico – dice un conoscente – Il fratello veniva qui da noi… Cercavamo di aiutarlo… Se gli offrivi dieci giorni di lavoro per il Comune per fare 100 euro, li [...]

New Ira ammette l'omicidio  della giornalista

New Ira ammette l'omicidio della giornalista

Una donna di 57 anni è stata arrestata dalla polizia dell’Irlanda del Nord nell’ambito delle indagini sull’uccisione della giornalista Lyra McKee durate gli scontri di giovedì notte a Derry: lo rende noto la polizia sul suo account Twitter. La donna è sospettata di attività terroristiche. Intanto il gruppo terrorista New Ira ha ammesso la responsabilità dell’uccisione della giornalista Lyra McKee giovedì notte a Derry, in Irlanda del Nord, [...]

Rifare il letto appena alzati nuoce alla salute. Ecco perché

Rifare il letto appena alzati nuoce alla salute. Ecco perché

Rifare il letto la mattina è una vera tortura? Ormai temete il momento in cui vostra mamma o il vostro partner vi faranno notare che ancora non avete sistemato il letto? Non dovete più preoccuparvi! Ora anche gli studiosi della Kingston University a Londra sono dalla vostra parte visto che secondo una recente ricerca infatti sembra che rifare subito il letto possa provocare seri problemi alla salute. Questa ricerca guidata da Stephen Pretlove ha dimostrato come [...]

Shock doping: Atleta keniana gareggia nonostante la squalifica di 2 anni

Shock doping: Atleta keniana gareggia nonostante la squalifica di 2 anni

L'Agenzia anti-doping del Kenya (Adak) e la federazione (AK) indagheranno sulle circostanze che hanno portato alla truffa di Irene Jeptoo Kipchumba in una gara in Malesia lo scorso fine settimana mentre era squalificata per doping. KIpchumba, il cui divieto scade a settembre di quest'anno, è arrivata terza nella Turkish Airlines KL Tower International Towerthon Challenge a Kuala Lumpur domenica scorsa. È un manager di atletica, Aman Yusof, che ha tuonato sulla [...]

Ver Vengadores: La guerra del infinito 2018 Peliculas Online Completas Gratis HD En Español Latino✪ aquipelis

Ver Vengadores: La guerra del infinito 2018 Peliculas Online Completas Gratis HD En Español Latino✪ aquipelis

watch full movie here : https://tinyurl.com/y9qbmkv4 Ver Vengadores: La guerra del infinito 2018 Peliculas Online Completas Gratis HD En Español Latino✪ aquipelis Streaming Film Online all [...]

Amici 18, Ricky Martin furioso con Loredana Bertè: «Sono omosessuale, so cosa è bullismo. Connetti il pensiero con la parola»

Amici 18, Ricky Martin furioso con Loredana Bertè: «Sono omosessuale, so cosa è bullismo. Connetti il pensiero con la parola»

Ricky Martin giudice della squadra bianca, nella quarta puntata di Amici 18 ha abbandonato per un attimo il suo naturale aplombe e il sorriso smagliante per difendere uno dei suoi ballerini, Vincenzo. Dopo l'ennesima critica sul fisico del ballerino Ricky Martin furioso con Loredana Bertè: «Basta bullismo. Sono omosessuale, quindi so cosa è bullismo, connetti il pensiero con la parola». Durante il serale di Amici 18, Loredana Bertè non ha risparimiato [...]

Brexit: una storia infinita.

Brexit: una storia infinita.

L’impossibilità dopo il referendum di trovare una soluzione duratura (e tanto meno consensuale) affonda le proprie radici nella storia stessa della vita politica britannica. Se per i primi paesi coinvolti nel progetto europeo o per quelli dell’Est integrati negli anni Duemila, l’Europa ha rappresentato, almeno per un certo periodo, una promessa di pace e democrazia combinata con la crescita economica, i britannici non hanno mai vissuto questa positiva [...]

IL GRANDE ERRORE DELLA UE SULLA PROROGA DELLA BREXIT

IL GRANDE ERRORE DELLA UE SULLA PROROGA DELLA BREXIT

Detto fuori dai denti, la UE ha fatto un grosso errore a concedere al Regno Unito una proroga dell’art. 50 che arrivi e, realisticamente, superi la data delle elezioni europee. L’obiettivo, neanche troppo nascosto, era di spingere per il passaggio del Withdrawal Agreement (WA) alla prima data utile, maggio, o, in alternativa fare pressione per un chiarimento quantomeno elettorale della questione. Per quanto il ragionamento di fondo possa essere comprensibile, [...]

Filippine, scossa sismica di magnitudo 6.3

Filippine, scossa sismica di magnitudo 6.3

Filippine, scossa sismica di magnitudo 6.3

Filippine, scossa sismica di magnitudo 6.3

In una regione centrale. Bilancio provvisorio di 5 morti

Chi è l'uomo che ha aggredito due poliziotti con una spranga

Chi è l'uomo che ha aggredito due poliziotti con una spranga

Ndiaye Migui, il senegalese di 25 anni che domenica pomeriggio a Torino ha aggredito con una sbarra di ferro due agenti delle volanti, era già stato fermato alcune settimane fa, sempre per resistenza alle forze dell’ordine. Secondo quanto riferisce Repubblica, l’uomo aveva reagito con violenza a un controllo effettuato dalla polizia, aggredendo gli agenti per tentare di fuggire. Il giudice lo aveva poi scarcerato. Senza fissa dimora, nei suoi confronti erano [...]

Come viaggiare in Cina senza visto

Come viaggiare in Cina senza visto

La Cina è una destinazione turistica sempre più popolare. Ora, per incrementare ulteriormente le visite, il paese ha inaugurato una serie di politiche “visa – free” che coinvolgono per ora le città principali. Oggi è dunque possibile raggiungere alcuni dei luoghi e le attrazioni turistiche principali della Cina senza visto, con la possibilità anche di visitare le zone limitrofe, approfittando dei transiti e degli scali aeroportuali. Per permanenze [...]

&id=HPN_Crimine+contro+l'umanità_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Crimine{{}}contro{{}}l'umanità" alt="" style="display:none;"/> ?>