Cucina slovena

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Review
In rilievo

Review

Polenta

La scheda: Polenta

La polenta (conosciuta anche come polenda o pulenda, in Veneto come poenta, pulenta nelle Marche e poulento in provenzale) è un antichissimo piatto di origine italiana a base di farina di cereali.
Pur essendo conosciuto nelle sue diverse varianti pressoché sull'intero suolo italiano, ha costituito, in passato, l'alimento base della dieta delle persone in alcune zone settentrionali alpine, prealpine, pianeggianti e appenniniche di Lombardia, Veneto, Piemonte, Valle d'Aosta, Trentino, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Marche e Friuli-Venezia Giulia, regioni nelle quali è tuttora piuttosto diffuso. Pur non essendone un alimento base, la polenta è tradizionalmente cucinata anche nelle zone di montagna dell'Abruzzo.
Il cereale di base più usato in assoluto è il mais, importato in Europa dalle Americhe nel XV secolo, che le dà il caratteristico colore giallo, mentre precedentemente era più scura perché la si faceva soprattutto con farro o segale, e più tardivamente anche con il grano saraceno, importato dall'Asia. La prima coltivazione di mais documentata nel nord Italia risale a Lovere, in Val Camonica, da parte del nobile Pietro Gajoncelli, che pare che nel 1658 avesse importato i primi 4 chicchi di mais dalle Americhe.



Polenta:
Origini:
IPA: /polenta/
Altri nomi: pulenta, polenda, pulenda, poenta, poulento
Luogo d'origine:  Italia
Diffusione: Italia settentrionale, Italia centrale, Svizzera italiana, Argentina, Brasile, Corsica
Dettagli:
Categoria: piatto unico
Riconoscimento: P.A.T.
Settore: alimenti storici popolari di base
Ingredienti principali: farina di mais, farina di castagne (in Corsica)
 
Polenta alla carbonara: Piatto tradizionale dei taglialegna e carbonai dei comuni facenti parte della attuale Comunità montana del Catria e Nerone, nelle Marche, realizzato con farina di mais, carne di maiale, pancetta e formaggio grattugiato. Ne esiste una versione ripassata in forno che si definisce "polentone alla Carbonara".
La polenta taragna, in molte zone conosciuta semplicemente come taragna, è una ricetta tipica della cucina valtellinese e di Lecco ma è molto conosciuta anche in Val Camonica, nel Bresciano, nel Bergamasco, nel Canavese e in Valle d'Aosta. Il suo nome deriva dal tarai ("tarell"), un lungo bastone usato per mescolarla all'interno del paiolo di rame in cui viene preparata. Come altre polente della montagna lombarda (ad esempio la pulénta vüncia, polenta uncia cioè unta), è preparata con una miscela di farine contenente farina di grano saraceno, che le conferisce il tipico colore scuro, diversamente dalle preparazioni nella maggior parte delle altre regioni, che utilizzano un solo tipo di farina, ottenendo quindi una polenta gialla. A differenza dell'oncia, nella polenta taragna il formaggio viene incorporato durante la cottura.
La polenta cròpa è una variante della taragna, originaria di Val d'Arigna, situata al centro delle Alpi Orobie valtellinesi. La sua particolarità è quella di essere cotta nella panna, di esser completamente fatta con farina scura e in aggiunta al formaggio.
La pulenta uncia viene cucinata nelle zone del lago di Como. Dopo aver preparato la polenta con un misto di farina di mais e grano saraceno nel paiolo, la si mischia ad un soffritto di abbondante burro, aglio e salvia con del formaggio tipico semüda o un semigrasso d'alpeggio fino ad ottenere un composto omogeneo.
La polenta e bruscitti è un piatto tipico del Varesotto e dell'Alto Milanese a base di polenta e carne sminuzzata.
La pult è una polentina molto molle preparata sempre sul lago di Como mischiando farina di mais e di frumento. Viene cucinata soprattutto d'estate e la si mangia intinta nel latte freddo.
La polenta concia è uno dei più noti piatti tipici valdostani e biellesi. Molto indicata per riempire e scaldare nelle giornate fredde, è conosciuta anche come "polenta grassa". Alla farina di mais viene aggiunto formaggio fuso d'Alpeggio. Solitamente la concia ha poca consistenza, cioè è più liquida, non ha una ricetta rigida, ma viene tendenzialmente preparata fondendo, a fine cottura, dei cubetti di Fontina e/o toma e/o latte e/o burro. nella variante valdostana, quasi a fine cottura vengono versati nel paiolo: Fontina, Toma valdostana e burro. nella variante biellese, il burro viene aggiunto nel paiolo, insieme alla toma o al Maccagno. Dal paiolo la polenta concia si versa nel piatto a mestolate, aggiungendovi poi sopra abbondante burro fuso. Nel Piacentino la pulëinta consa consiste di strati sottili di polenta ricoperti di sugo e alternati con un'abbondante spolverata di Grana Padano.
nella variante valdostana, quasi a fine cottura vengono versati nel paiolo: Fontina, Toma valdostana e burro.
nella variante biellese, il burro viene aggiunto nel paiolo, insieme alla toma o al Maccagno. Dal paiolo la polenta concia si versa nel piatto a mestolate, aggiungendovi poi sopra abbondante burro fuso.
Nel Piacentino la pulëinta consa consiste di strati sottili di polenta ricoperti di sugo e alternati con un'abbondante spolverata di Grana Padano.
La polenta con le sepe, o seppie, è un piatto della tradizione triestina e veneziana (spesso nella versione nera). A Trieste alternative prevedono salsicce, uova strapazzate, goulash o, nelle generazioni precedenti, prugne cotte.
La polenta saracena è un piatto tipico dell'alta Val Tanaro, prende il nome dal grano saraceno.
La polenta con i ciccioli è una ricetta diffusa nella maggior parte dell'Italia settentrionale, assumendo diverse denominazioni. I modi di cucinare la polenta con i ciccioli sono sostanzialmente due. Nel primo, i ciccioli vengono cotti con la polenta, aggiungendoli all'impasto in differenti fasi della cottura, in ossequio alla specifica tradizione locale, come nel caso della pulëinta e graséi consumata nel Piacentino. Nel secondo modo, il più diffuso, i ciccioli vengono inseriti successivamente in una fetta di polenta abbrustolita, come nel caso della pulenta e grepule, tipica del Mantovano.
Nelle zone del Trentino meridionale si usa anche fare la polenta di patate ed altri ingredienti che ne arricchiscono il sapore. Per fare quella di patate è sufficiente cuocere nell'acqua salata alcune patate a tocchetti che a cottura adeguata si pestano o si frullano aggiungendo farina di grano saraceno o misto di farine a piacere. Verso fine cottura si possono aggiungere tocchetti di salame locale, formaggi, cipolle soffritte o varianti personali.
La polenta di Tossignano: in questo paesino della Romagna, fin dal 1622, è tradizione preparare ogni anno (ad eccezione delle annate 1943 e 1944 dell'occupazione tedesca) una polenta speciale da distribuire alla popolazione. È una polenta gialla, realizzata con una miscela di farine di mais (tipicamente 50% a grana fine e 50% a grana grossa). Viene servita "dura", cioè in parallelepipedi che sono tradizionalmente tagliati con il filo di cotone, condita con un ragù di carne di maiale e "odore" di manzo e abbondantemente spalmata con formaggio Grana.
Nel centro Italia la polenta assume un aspetto differente. Viene preparata più fluida e servita su una tavola rettangolare di legno (chiamata spiendola nelle Marche o spianatòra nell'Umbria centrale e meridionale) di ciliegio o pero intorno alla quale tutta la famiglia si siede per consumare il pasto. La cottura si effettua nel caratteristico paiolo di rame troncoconico, per circa 45 minuti, durante i quali la polenta viene continuamente mescolata con una speciale cannella di legno di orniello o di nocciolo, chiamata "sguasciapallotti", che scioglie i grumi di farina di mais
In Toscana dove la polenta viene consumata, oltre che nel modo tradizionale, anche fritta o cotta in forno (specie per quanto riguarda la polenta avanzata) ed esistono i crostini di polenta, sono tipiche la pattona e la polenta dolce, entrambe a base di farina di castagne, oggi perlopiù consumata come dolce, ma un tempo, specie in montagna, erano utilizzate come contorno alla carne e anche al pesce o a piatti di verdura. Nelle campagne era comune la "polenda allargata", che consiste in una polenta relativamente poco densa, allargata su una tovaglia massiccia appena inumidita a formare uno strato di meno di un centimetro sul quale si spande il sugo, in genere di carne (cacciagione o ragù) o di funghi, ognuno preleva la propria parte a cucchiaiate (o più spesso a forchettate) facendo a gara a chi "pulisce" prima il proprio pezzetto.
Nel Lazio, nelle Marche e nel Molise la polenta viene consumata tradizionalmente con due tipi di condimento: il primo un sugo di pomodoro con spuntature di maiale e salsicce, il secondo in bianco, ovvero a base di un soffritto di aglio, olio, peperoncino, salsicce e guanciale oppure pancetta. Entrambi i condimenti possono essere arricchiti da una abbondante manciata di pecorino grattugiato. Ci sono varianti nelle diverse province della regione: per esempio in Ciociaria il sugo di salsicce e spuntature prevede che metà delle salsicce siano di fegato, inoltre una parte della polenta non viene coperta col sugo, ma con broccoletti stufati.
La polenta fritta è un primo piatto a base di polenta nella Ciociaria e nel Lazio, diffuso anche in Toscana, Umbria, Marche e in Campania. A Napoli i triangolini o rettangoli di polenta fritta sono detti scagliozzi o scagliuozzi e sono venduti nelle friggitorie insieme a crocchè o paste cresciute. Si tratta di un piatto tipico della "cucina povera" partenopea.
La polenta e salsiccia è una piatto diffuso con numerose varianti in numerose regioni italiane ed è già attestato dall’Artusi che lo proponeva in una particolare versione con polenta tenera di farina di grano turco e salsiccia in tegame con sugo, conserva di pomodoro e parmigiano.
La frascatula: ricetta tipica lucana (ma anche siciliana e calabrese), si prepara con farina di granturco, una patata e strutto. Solitamente si accompagna con del sugo, oppure cotechino o salsiccia. È possibile servirla anche con del vino cotto.
La polenta di Sardegna: nota anche come purenta, pulenta o farru (polenta di orzo), sarebbe nota sin dalla civiltà nuragica, come dimostrerebbero i vari mortai ed altri strumenti d'epoca usati per la lavorazione di questo alimento e i residui fossili delle colture di piante graminacee utilizzate per ottenere tale farina e sin dal 3000 a.C. Gli stessi romani, che in epoca arcaica si cibavano di polenta di farro e orzo, tra il 238 a.C. e il 456 faranno della Sardegna, specialmente della pianura del Campidano, terra di coltivazione delle graminacee, preferendo tra i vari prodotti il grano, ingrediente base per creare la polenta ed anche il pane. La produzione fu tale che, durante l'epoca repubblicana, la Sardegna assunse il titolo di "granaio di Roma". In tempi più vicini, il grano duro resta ancora oggi l'elemento maggiormente sfruttato per creare questo piatto tradizionale isolano, nonostante sia stata usata anche la castagna e la ghianda, per confezionare la preziosa farina, o altri prodotti quali l'avena e la segale, questi ultimi in uso durante il Medioevo e, in seguito, il riso. La farina gialla per preparare la polenta alla sarda è accompagnata da altri alimenti quali la salsiccia, il pecorino sardo, la pancetta magra, nonché verdure ed ortaggi quali aglio, cipolla, carota, sedano, prezzemolo, necessari per aromatizzare ed arricchire il piatto in questione.
La polenta bianca: tipica del Polesine e delle zone di Padova, entroterra veneziano e Treviso, si fa con la farina del mais biancoperla, di colore appunto bianco.
La polenta all'erba amara: tipica della cucina mantovana, viene preparata con farina di mais, burro, erba di San Pietro e grana grattugiato.

Strudel di mele velocissimo - Stile " Cotto e mangiato "

Strudel di mele velocissimo - Stile " Cotto e mangiato "

 Nel giro di un’ora avrete  un ottimo strudel  da  poter offrire caldo caldo ... Strudel di mele velocissimo Ingredienti: un rotolo di pasta sfoglia già pronta, tre mele, 100 g di uvette ammollate nel rum (o nel marsala diluito con dell’acqua), 50 g di pinoli, 4 cucchiai di marmellata (sarebbe meglio quella di albicocche, ma va bene anche  frutti di bosco, 6 cucchiai di zucchero, un uovo, un cucchiaino di cannella, zucchero a velo a [...]

Calamari al sugo

Calamari al sugo

I calamari al sugo, un delizioso secondo piatto di pesce da prepararsi piuttosto velocemente e con sicuro successo da servire con polenta o crostini di pane. Ecco i passaggi per la ricetta dei calamari al sugo.

Dieta della polenta, come mangiarla per perdere peso

Dieta della polenta, come mangiarla per perdere peso

Si può dimagrire mangiando la polenta? La risposta è sì, tanto che esiste persino una dieta che permette di perdere peso gustando questo tipico piatto invernale. Gustosa e sana, la polenta è un'ottima alleata per la dieta. Da sempre considerata un cibo calorico, in realtà è povera di grassi e ricca di proprietà nutritive. Una porzione da 100 grammi contiene in media 80/130 calorie, molto meno di quelle che assumiamo mangiando un piatto di pasta. Viene [...]

Come cucinare la polenta nella pentola a pressione

Come cucinare la polenta nella pentola a pressione

Calda, gialla, invitante. Per molte persone, il simbolo della propria infanzia, della propria casa, una sorta di cibo del cuore a cui restare attaccati per tutta la vita. Ci sono vari modi di cucinare la polenta, pari quasi alle tantissime varianti del “pane dei poveri”. Ne esistono innumerevoli ricette diverse, quasi una per ogni località di montagna delle Alpi, anche se la modalità più classica della sua preparazione racchiude la formula del versarla a [...]

Polenta Bimby

Polenta Bimby

Gialla, calda, gustosa: la polenta è l’alimento invernale per antonomasia, il cibo dei poveri, il pane della gente comune. Buona e saporita, si può accompagnare a qualsiasi tipo di alimento e non devi necessariamente mettere a soqquadro la cucina per portarla in tavola. Puoi preparare la polenta con il Bimby in modo pratico e veloce, con risultati eccellenti. Bastano 40 minuti e il gioco è fatto, senza fatica e senza stress. Scopri come preparare una [...]

Polenta concia

Polenta concia

Esistono mille e più modi di preparare la polenta, ognuno riflette costumi e tradizioni culinarie di una determinata area geografica. La polenta concia, ad esempio, è un tipico piatto della cucina valdostana, il cui nome significa letteralmente “acconciata”, vale a dire “condita” con del formaggio. Il sapore particolare di questa ricetta tipica e dalle radici molto antiche, infatti, è merito dell’utilizzo della fontina, il tipico formaggio della [...]

Polenta con sugo di coratella Lory

Polenta con sugo di coratella  Lory Ingredienti 1 cipolla mezza carota mezzo gambo di sedano 1 coratella di abbacchio 1 litro di passata di pomodoro Peperoncino 500 gr di farina di mais fioretto 3 litri di acqua più un pentolino con dell'acqua a bollire con del sale (la farina potrebbe richiedere più acqua Preparazione Preparate il sugo con un soffritto di erbe aromatiche e poi aggiungete la coratella ben lavata e fatta a tocchetti.(è comodo usare una [...]

Polenta taragna

Polenta taragna

La polenta taragna è un piatto tipico della Lombardia, più precisamente della Valtellina. La denominazione deriva dal termine dialettale tarél, che indica il bastone in legno che serve per rimescolare la polenta. Una squisitezza con formaggio e burro, ma soprattutto con farina di grano saraceno che le dà il classico e inconfondibile colore scuro e che differenzia la polenta taragna da tutti gli altri tipi di polenta. Scopri come preparare la polenta taragna [...]

La polenta concia

La polenta concia

La polenta concia biellese si distingue dalla valdostana per l'uso di formaggi diversi tipici appunto di Biella, come il maccagno e toma grassa.

Andrea: la polenta della domenica

Andrea: la polenta della domenica

Andrea Mainardi prepara il pranzo della domenica per i nostri Vip utilizzando pentole Steel Pan

FOTO: Polenta

Pietro Longhi, La polenta

Pietro Longhi, La polenta

Paiolo dove veniva cotta la polenta agganciata ad una catena nel caminetto

Paiolo dove veniva cotta la polenta agganciata ad una catena nel caminetto

Paiolo e cannella per polenta

Paiolo e cannella per polenta

Preparazione tradizionale della polenta

Preparazione tradizionale della polenta

La cannella sta su quando la polenta è cotta

La cannella sta su quando la polenta è cotta

Polenta taragna sulla tavola di legno e coltella di legno

Polenta taragna sulla tavola di legno e coltella di legno

Polenta al forno con bagna càuda.

Polenta al forno con bagna càuda.

Polenta e gorgonzola Lory

Polenta e gorgonzola Lory Ingredienti gorgonzola latte 1 manciata di parmigiano Polenta. Preparazione Preparate la polenta Sciogliete il gorgonzola con un po' di latte ed una manciata di parmigiano e questa cremina la  versate sulla polenta appena fatta è una goduria.

Polenta

Polenta

La polenta è uno dei piatti italiani più conosciuti, il “pane della montagna”, accompagnamento ideale per una moltitudine di ricette e preparati. Non occorre molto per portarla in tavola: farina di mais, acqua, sale e un po’ d’olio. Esistono tantissime varietà di polenta, di fatto moltissime località del nord Italia hanno un modo diverso, speciale e unico di prepararla; questa però è la ricetta base, quella da cui partire per poi effettuare, se [...]

Strudel di verdure

Strudel di verdure

Tra tutte le varietà di strudel – ce ne sono davvero tantissime – lo strudel di verdure è probabilmente la più indicata anche per un pranzo completo, soprattutto quando l’impasto è ben croccante e tostato. Leggero e dal sapore invitante, lo strudel di verdure rappresenta una soluzione semplice per la sua preparazione, una soluzione più che gustosa. Un piatto dolce e naturale al tempo stesso, ricco di sapore e povero di grassi. Scopri come preparare [...]

Strudel con pesche noci

Strudel con pesche noci

Ecco la ricetta di un'ottima variante del solito strudel usando al posto delle mele le pesche noci.

Polenta funghi porcini

Polenta funghi porcini

Oggi prepareremo una polenta raffinata e gustosa con funghi porcini trifolati e rosolati.

Polenta croccante

Polenta croccante

Una ricetta invitante da rifare tra i fornelli di casa.

Polenta con polpi, bieta e patate

Polenta con polpi, bieta e patate

Una gustosa ricetta direttamente dal mare

Stufato con polenta

Stufato con polenta

Un gustoso piatto unico, da pranzo della domenica. Ottimo per una serata tra amici.

Dischetti di polenta e funghi

Dischetti di polenta e funghi

una ricetta davvero golosa ottima come primo piatto ma anche come antipasto o piatto unico.

Gusto verde: tortine di polenta senza glutine

Gusto verde: tortine di polenta senza glutine

Un piatto che può essere presentato come un antipasto completo per tutti i gusti

&id=HPN_Cucina+slovena_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Category:Slovenian{{}}cuisine" alt="" style="display:none;"/> ?>