Dinastia Ming

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Shakira
In rilievo

Shakira

Dinastia Ming

La scheda: Dinastia Ming

Arte cinese
Dinastie della storia cinese
Linea del tempo della storia cinese
Lingua cinese
Storia militare cinese
Storia navale cinese
Storiografia cinese
La dinastia Ming (明朝S, Míng cháoP, chiamata anche 大明帝国 il grande impero dei Ming) fu la dinastia che assunse il controllo della Cina dal 1368 al 1644, dopo aver determinato il crollo della precedente dinastia Yuan di origine mongola. Dopo la conquista da parte dell'emergente dinastia Shun della capitale Pechino nel 1644, gli aristocratici fedeli alla causa dei Ming si organizzarono nelle loro roccaforti nelle province meridionali del paese. Nel 1645, la dinastia Qing di etnia manciù sconfisse l'esercito Shun e si impadronì del potere. La resistenza dei cosiddetti Ming meridionali, sarebbe stata progressivamente distrutta dai Qing e dopo il 1662 sarebbero rimasti soltanto dei gruppi isolati di Ming che avrebbero continuato le loro attività antigovernative fino all'istituzione della Repubblica di Cina nel 1912.
Gli imperatori della dinastia Ming erano membri della famiglia Zhu ed erano di etnia han. La dinastia sarebbe stata l'ultima di tale etnia a dominare la Cina.
Durante il regno degli Yuan, vi erano stati tra la popolazione forti sentimenti di opposizione al dominio dei mongoli. Il malessere degli han sfociò in una rivolta popolare che costrinse gli Yuan a ritirarsi nuovamente nelle steppe della Mongolia. La rivolta condotta da Zhu Yuanzhang consentì nel 1368 la presa del potere da parte della dinastia Ming, che promosse un periodo di rinascita culturale nel paese. I mercanti cinesi tornarono ad avere un ruolo di primo piano spingendosi fino all'oceano Indiano e le arti, in special modo quella della produzione di porcellana, raggiunsero traguardi straordinari mai ottenuti prima.
Sotto il regno dei Ming, venne costruita una grande flotta composta da enormi navi dotate di quattro alberi con la stazza fino a 1.500 tonnellate, e venne organizzato un esercito di terra composto da un milione di uomini.
Nella Cina del Nord, vennero prodotte ogni anno più di 100.000 tonnellate di ferro, e molti libri furono stampati con caratteri mobili. Rinomatissime sono le ceramiche Ming, tra cui si annovera quella wu cai. Secondo alcuni storici, la Cina all'inizio della dinastia Ming era la nazione più evoluta della terra.



EVENTI: Dinastia Ming

Tra il 1405 e il 1433, gli imperatori Ming inviarono sette spedizioni marittime per esplorare i mari del Sud e l'oceano Indiano.

Nel 1375 un funzionario fu letteralmente battuto fino alla morte.

Nel 1645, la dinastia Qing di etnia manciù sconfisse l'esercito Shun e si impadronì del potere.

wu ming

wu ming

Wu Ming è un marchio, due ideogrammi che significano “nessun nome”. Dietro ci sono cinque scrittori: i fondatori Roberto Bui, Giovanni Cattabriga, Luca Di Meo, Federico Guglielmi (membri del Luther Blissett Project dal ’94 al ’99) e Riccardo Pedrini. Sono un “collettivo di agitatori della scrittura”, una “impresa indipendente di servizi narrativi” e il loro wu ming è un “laboratorio di design letterario”, dove in primo piano c’è la [...]

deleted

deleted

FOTO: Dinastia Ming

L'impero alla sua massima estensione

L'impero alla sua massima estensione

Questo potrebbe essere l'unico esemplare rimasto di un grande oggetto di arredo laccato dalla

Questo potrebbe essere l'unico esemplare rimasto di un grande oggetto di arredo laccato dalla "fabbrica Orchard" (la bottega imperiale della lacca) stabilitasi a Pechino all'inizio della dinastia Ming. Decorata con draghi e fenici, era stata fabbricata per un palazzo imperiale durante il regno di Xuande (1426-1435). Attualmente è in mostra al Victoria and Albert Museum di Londra.

wu ming

wu ming

Wu Ming è un marchio, due ideogrammi che significano “nessun nome”. Dietro ci sono cinque scrittori: i fondatori Roberto Bui, Giovanni Cattabriga, Luca Di Meo, Federico Guglielmi (membri del Luther Blissett Project dal ’94 al ’99) e Riccardo Pedrini. Sono un “collettivo di agitatori della scrittura”, una “impresa indipendente di servizi narrativi” e il loro wu ming è un “laboratorio di design letterario”, dove in primo piano c’è la [...]

wu ming Tomahawk

  Tomahawk di Wu Ming 1, Wu Ming 2 e Wu Ming 4 -1- - A m'arcmand, pôc pugnàtt! - disse Mr. Fantastic mentre varcavamo il portone di via Milza 9, sede del gruppo editoriale Il Sarchiapone (trimurti composta dal Sarchiapone medesimo, da Mario Maratea Editore e da Fràciche Editrice). Era un giorno di fine estate. Noi Cinque, scrittori ormai affermati dopo il successo di "Uh?", ci recavamo all'incontro con Maratea. In testa, tanti dubbi e una proposta. Ma com'era [...]

&id=HPN_Dinastia+Ming_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Dinastia{{}}Ming" alt="" style="display:none;"/> ?>