Dino Buzzati

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Theresa May
In rilievo

Theresa May

Dino Buzzati

La scheda: Dino Buzzati

Dino Buzzati, all'anagrafe Dino Buzzati Traverso (San Pellegrino di Belluno, 16 ottobre 1906 – Milano, 28 gennaio 1972), è stato uno scrittore, giornalista, pittore, drammaturgo, librettista, scenografo, costumista e poeta italiano. Fin da studente collaborò al Corriere della Sera come cronista, redattore e inviato speciale.
Autore di un grande numero di romanzi e racconti surreali e realistico-magici, tanto da esser stato a più riprese definito il "Kafka italiano", viene considerato, insieme a Italo Calvino e Tommaso Landolfi, uno dei più grandi scrittori fantastici del Novecento italiano: il suo capolavoro, Il deserto dei Tartari (1940), è considerato dalla critica il vertice della narrativa esistenzialista italiana, insieme alle opere di Alberto Moravia (che tuttavia estrinsecano il genere in tutt'altra direzione).


Dino Buzzati

DINO BUZZATI

EVENTI: Dino Buzzati

Il 27 marzo 1933 pubblica sul Corriere il suo primo elzeviro, Vita e amori del cavalier rospo.

Nel 1933 esce il suo primo romanzo, Bàrnabo delle montagne, al quale segue dopo due anni Il segreto del Bosco Vecchio.

Il 27 marzo 1933 pubblica sul Corriere il suo primo elzeviro, Vita e amori del cavalier rospo.

Nel 1933 esce il suo primo romanzo, Bàrnabo delle montagne, al quale segue dopo due anni Il segreto del Bosco Vecchio.

Il 27 marzo 1933 pubblica sul Corriere il suo primo elzeviro, Vita e amori del cavalier rospo.

Nel 1933 esce il suo primo romanzo, Bàrnabo delle montagne, al quale segue dopo due anni Il segreto del Bosco Vecchio.

Nel 1966, dopo otto anni, esce una nuova raccolta di racconti, Il colombre e altri cinquanta racconti, seguita due anni dopo da La boutique del mistero, che raccoglie 31 storie estrapolate da tutte le precedenti raccolte: è chiara l'intenzione di Buzzati di raccogliere il meglio della sua produzione novellistica.

Nel 1966, dopo otto anni, esce una nuova raccolta di racconti, Il colombre e altri cinquanta racconti, seguita due anni dopo da La boutique del mistero, che raccoglie 31 storie estrapolate da tutte le precedenti raccolte: è chiara l'intenzione di Buzzati di raccogliere il meglio della sua produzione novellistica.

Nel 1966, dopo otto anni, esce una nuova raccolta di racconti, Il colombre e altri cinquanta racconti, seguita due anni dopo da La boutique del mistero, che raccoglie 31 storie estrapolate da tutte le precedenti raccolte: è chiara l'intenzione di Buzzati di raccogliere il meglio della sua produzione novellistica.

Nel 1965 Buzzati scrive una serie di articoli dal titolo In cerca dell'Italia misteriosa, nei quali si occupa di eventi all'apparenza paranormali, visioni, apparizioni e fatti di spiritismo dell'Italia del dopoguerra.

Nel 1965 il narratore pubblica le sue uniche opere poetiche: Il capitano Pic e altre poesie, Scusi, da che parte per Piazza del Duomo? e Tre colpi alla porta.

Nel 1965 Buzzati scrive una serie di articoli dal titolo In cerca dell'Italia misteriosa, nei quali si occupa di eventi all'apparenza paranormali, visioni, apparizioni e fatti di spiritismo dell'Italia del dopoguerra.

Nel 1965 il narratore pubblica le sue uniche opere poetiche: Il capitano Pic e altre poesie, Scusi, da che parte per Piazza del Duomo? e Tre colpi alla porta.

Nel 1965 Buzzati scrive una serie di articoli dal titolo In cerca dell'Italia misteriosa, nei quali si occupa di eventi all'apparenza paranormali, visioni, apparizioni e fatti di spiritismo dell'Italia del dopoguerra.

Nel 1965 il narratore pubblica le sue uniche opere poetiche: Il capitano Pic e altre poesie, Scusi, da che parte per Piazza del Duomo? e Tre colpi alla porta.

Tra il 1935 e il 1936 si occupa del supplemento mensile La Lettura.

Tra il 1935 e il 1936 si occupa del supplemento mensile La Lettura.

Tra il 1935 e il 1936 si occupa del supplemento mensile La Lettura.

Dal 1945, dopo la caduta del Fascismo e la fine della guerra, fino alla morte, scrive articoli di cronaca nera, il settore giornalistico che predilige.

Dal 1945, dopo la caduta del Fascismo e la fine della guerra, fino alla morte, scrive articoli di cronaca nera, il settore giornalistico che predilige.

Dal 1945, dopo la caduta del Fascismo e la fine della guerra, fino alla morte, scrive articoli di cronaca nera, il settore giornalistico che predilige.

Nel 1949 è inviato dal Corriere al seguito del Giro d'Italia, all'epoca la manifestazione sportiva più seguita nella penisola.

Nel 1949 il romanzo esce in Francia e riscuote un lusinghiero successo.

Nel 1949 è inviato dal Corriere al seguito del Giro d'Italia, all'epoca la manifestazione sportiva più seguita nella penisola.

Nel 1949 il romanzo esce in Francia e riscuote un lusinghiero successo.

Nel 1949 è inviato dal Corriere al seguito del Giro d'Italia, all'epoca la manifestazione sportiva più seguita nella penisola.

Nel 1949 il romanzo esce in Francia e riscuote un lusinghiero successo.

Nel 1870 la famiglia acquistò la villa di San Pellegrino.

Nel 1870 la famiglia acquistò la villa di San Pellegrino.

Nel 1870 la famiglia acquistò la villa di San Pellegrino.

Nel 1960 Buzzati torna alla forma del romanzo e pubblica Il grande ritratto, che riscuote molto successo dal punto di vista tematico, meno da quello letterario: viene affrontato il tema della femminilità, novità rispetto alle tematiche affrontate fino ad allora dall'autore.

Nel 1960 Buzzati torna alla forma del romanzo e pubblica Il grande ritratto, che riscuote molto successo dal punto di vista tematico, meno da quello letterario: viene affrontato il tema della femminilità, novità rispetto alle tematiche affrontate fino ad allora dall'autore.

Nel 1960 Buzzati torna alla forma del romanzo e pubblica Il grande ritratto, che riscuote molto successo dal punto di vista tematico, meno da quello letterario: viene affrontato il tema della femminilità, novità rispetto alle tematiche affrontate fino ad allora dall'autore.

Nel 1940, anno di uscita de Il deserto dei Tartari, è inviato di guerra ad Addis Abeba per il Corriere.

Il 9 giugno 1940 Buzzati pubblica il suo più grande successo, Il deserto dei Tartari, scritto l'anno precedente (il titolo originale doveva essere La fortezza, poi cambiato su suggerimento di Leo Longanesi, che lo pubblica da Rizzoli), dal quale nel 1976 Valerio Zurlini trarrà il film omonimo.

Nel 1940, anno di uscita de Il deserto dei Tartari, è inviato di guerra ad Addis Abeba per il Corriere.

Il 9 giugno 1940 Buzzati pubblica il suo più grande successo, Il deserto dei Tartari, scritto l'anno precedente (il titolo originale doveva essere La fortezza, poi cambiato su suggerimento di Leo Longanesi, che lo pubblica da Rizzoli), dal quale nel 1976 Valerio Zurlini trarrà il film omonimo.

Nel 1940, anno di uscita de Il deserto dei Tartari, è inviato di guerra ad Addis Abeba per il Corriere.

Il 9 giugno 1940 Buzzati pubblica il suo più grande successo, Il deserto dei Tartari, scritto l'anno precedente (il titolo originale doveva essere La fortezza, poi cambiato su suggerimento di Leo Longanesi, che lo pubblica da Rizzoli), dal quale nel 1976 Valerio Zurlini trarrà il film omonimo.

Dal 1950 al 1963 è vicedirettore della Domenica del Corriere.

Dal 1950 al 1963 è vicedirettore della Domenica del Corriere.

Dal 1950 al 1963 è vicedirettore della Domenica del Corriere.

Nel 1942 Buzzati pubblica I sette messaggeri, volume che raccoglie i suoi migliori racconti, usciti negli anni precedenti su varie riviste e giornali.

Nel 1942 Buzzati pubblica I sette messaggeri, volume che raccoglie i suoi migliori racconti, usciti negli anni precedenti su varie riviste e giornali.

Nel 1942 Buzzati pubblica I sette messaggeri, volume che raccoglie i suoi migliori racconti, usciti negli anni precedenti su varie riviste e giornali.

DINO BUZZATI

DINO BUZZATI

Buzzati, fumetti e altre visioni

Programma del Convegno organizzato a Belluno, Feltre e Limana dalla Associazione Internazionale Dino Buzzati per il trentennale della morte dello scrittore. Giovedì 12 settembre, ore 15.00, Belluno, Palazzo Crepadona: Apertura del convegno con il saluto di Ermano De Col, Sindaco di Belluno, Ermanno Serrajotto, Assessore Regionale alle Politiche per la Cultura e l’Identità Veneta, Oscar De Bona, Presidente della Provincia di Belluno, Nella Giannetto, [...]

deleted

deleted

♪♥pausa@caffè ♥♪ con Dino Buzzati

  «I giorni perduti»: un racconto di Dino Buzzati I giorni perduti è un breve racconto tratto dalla raccolta «Centottanta racconti» di uno dei più grandi autori italiani del Novecento, Dino Buzzati. @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ Qualche giorno dopo aver preso possesso della sontuosa villa, Ernest Kazirra, rincasando, avvistò da lontano un uomo che con una cassa sulle spalle … Leggi tutto "♪♥pausa@caffè ♥♪ [...]

Dino Buzzati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Dino Buzzati, all'anagrafe Dino Buzzati Traverso (San Pellegrino di Belluno, 16 ottobre 1906 - Milano, 28 gennaio 1972), è stato uno scrittore, giornalista, pittore,drammaturgo, librettista, scenografo, costumista e poeta italiano. Fin da quando era uno studente collaborò al Corriere della Sera come cronista, redattore e inviato speciale.Dino Buzzati Traverso nacque presso la villa di famiglia di San [...]

Dino Buzzati

A cavallo tra gli anni quaranta e cinquanta inoltre Buzzati inizia a scrivere per il teatro, ideando drammi, commedie, farse emonologhi: del 1953 è il suo unico vero successo in questo campo, Un caso clinico, commedia tratta dal racconto Sette piani e riproposta qualche anno dopo anche al pubblico parigino nella traduzione di Albert Camus. Le opere successive non riscuoteranno un effettivo successo di pubblico ma risultano degli ottimi testi, in [...]

Dino Buzzati

Un'altra passione di Buzzati è stata quella dell'alpinismo e in particolare delle scalate su roccia. Molte sono le vie di roccia, anche difficili, da lui percorse sulle Dolomiti, spesso accompagnato da famose guide alpine divenute nel tempo suoi intimi amici (come Gabriele Franceschini). Le zone da lui più frequentate erano le Pale di San Martino e la Croda da Lago, a cui era particolarmente affezionato. Per quasi tutta la sua vita ha dedicato a questa [...]

FOTO: Dino Buzzati

Dino Buzzati Strega 1958

Dino Buzzati Strega 1958

Dino Buzzati Strega 1958

Dino Buzzati Strega 1958

"Il deserto dei tartari " di Dino Buzzati

 Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il deserto dei Tartari è un romanzo di Dino Buzzati. Pubblicato nel 1940, segnò la consacrazione di Buzzati tra i grandi scrittori del Novecento italiano.Lo scrittore bellunese in un'intervista affermò che lo spunto per il romanzo, era nato:« dalla monotona routine redazionale notturna che facevo a quei tempi. Molto spesso avevo l'idea che quel tran tran dovesse andare avanti senza termine e che mi avrebbe [...]

Il meglio di Dino Buzzati

  Il deserto dei Tartari (romanzo) Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il deserto dei Tartari è un romanzo di Dino Buzzati. Pubblicato nel 1940, segnò la consacrazione di Buzzati tra i grandi scrittori del Novecento italiano. Lo scrittore bellunese in un'intervista affermò che lo spunto per il romanzo, era nato: « dalla monotona routine redazionale notturna che facevo a quei tempi. Molto spesso avevo l'idea che quel tran tran dovesse andare avanti [...]

Il meglio di Dino Buzzati

 Il deserto dei Tartari (romanzo)Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.Il deserto dei Tartari è un romanzo di Dino Buzzati. Pubblicato nel 1940, segnò la consacrazione di Buzzati tra i grandi scrittori del Novecento italiano.Lo scrittore bellunese in un'intervista affermò che lo spunto per il romanzo, era nato:« dalla monotona routine redazionale notturna che facevo a quei tempi. Molto spesso avevo l'idea che quel tran tran dovesse andare avanti senza [...]

Zia Mari gioca con Dino Buzzati

E se invece venisse per davvero quell'omino grassottello vestito di rosso fino al cappello! Se a preghiera, la letterina, il desiderio e spresso cos, pi che altro per gioco non durasse solo per poco ma che vada avanti e n'dr per tanti giorni almeno quaranta tre! che venisse preso tutto sul serio,niente per finzione oh...sarebbe una bella soddisfazione; Se il regno della fiaba e del mistero si avverassee che le mucche indian da magre diventassero grasse, [...]

Zia Mari gioca con Dino Buzzati

E se invece venisse per davveroquell'omino grassottello vestito di rosso fino al cappello!Se a preghiera, la letterina, il desiderioe spresso cos, pi che altro per gioconon durasse solo per pocoma che vada avanti e n'drper tanti giorni almeno quaranta tre!che venisse preso tutto sul serio,niente per finzione oh...sarebbe una bella soddisfazione;Se il regno della fiaba e del misterosi avverassee che le mucche indian da magre diventassero grasse,sarebbe [...]

Zia Mari gioca con Dino Buzzati

E se invece venisse per davveroquell'omino grassottello vestito di rosso fino al cappello!Se a preghiera, la letterina, il desiderioe spresso cos, pi che altro per gioconon durasse solo per pocoma che vada avanti e n'drper tanti giorni almeno quaranta tre!che venisse preso tutto sul serio,niente per finzione oh...sarebbe una bella soddisfazione;Se il regno della fiaba e del misterosi avverassee che le mucche indian da magre diventassero grasse,sarebbe [...]

Zia Mariù gioca con Dino Buzzati

E se invece venisse per davveroquell'omino grassottello vestito di rosso fino al cappello!Se a preghiera, la letterina, il desiderioe spresso così, più che altro per gioconon durasse solo per pocoma che vada avanti e n'dréper tanti giorni almeno quaranta tre!che venisse preso tutto sul serio,niente per finzione oh...sarebbe una bella soddisfazione;Se il regno della fiaba e del misterosi avverasse e che le mucche indian da magre diventassero grasse,sarebbe [...]

Zia Mari� gioca con Dino Buzzati

E se invece venisse per davvero quell'omino grassottello vestito di rosso fino al cappello! Se a preghiera, la letterina, il desiderio e spresso cos�, pi� che altro per gioco non durasse solo per poco ma che vada avanti e n'dr� per tanti giorni almeno quaranta tre! che venisse preso tutto sul serio,niente per finzione oh...sarebbe una bella soddisfazione; Se il regno della fiaba e del mistero si avverasse�e che le mucche indian da magre diventassero grasse, [...]

Zia Mari� gioca con Dino Buzzati

E se invece venisse per davveroquell'omino grassottello vestito di rosso fino al cappello!Se a preghiera, la letterina, il desiderioe spresso cos�, pi� che altro per gioconon durasse solo per pocoma che vada avanti e n'dr�per tanti giorni almeno quaranta tre!che venisse preso tutto sul serio,niente per finzione oh...sarebbe una bella soddisfazione;Se il regno della fiaba e del misterosi avverasse�e che le mucche indian da magre diventassero [...]

Parigi riscopre Dino Buzzati pittore

Dino Buzzati Parigi riscopre Dino Buzzati. Con una mostra che ha aperto i battenti con un vernissage mercoledì 25 novembre 2015 alle 18,30 e che continua fino al 15 gennaio 2016. Così oggi Parigi, la città che lo aveva così bellamente ignorato in vita (come pittore), riscopre oggi questo artista italiano poliedrico e visionario. Dino Buzzati, classe 1906, bellunese di nascita e milanese [...]

&id=HPN_Dino+Buzzati_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Dino{{}}Buzzati" alt="" style="display:none;"/> ?>