Yelena Gadzhievna Isinbayeva

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Yelena Gadzhievna Isinbayeva. Cerca invece Elena Isinbaeva.

Vedi anche

Christina (given name)
In rilievo

Christina (given name)

Isinbayeva

La scheda: Isinbayeva

Elena Gadžievna Isinbaeva (in russo: Елена Гаджиевна Исинбаева?, traslitterazione anglosassone Yelena Gadzhievna Isinbayeva, Volgograd, 3 giugno 1982) è un'ex astista russa.
Campionessa olimpica, mondiale ed europea, il 22 luglio 2005 è diventata la prima donna a valicare la storica barriera di 5,00 m nel salto con l'asta.
Il suo record mondiale è attualmente di 5,06 m all'aperto, fatto a Zurigo il 28 agosto 2009. A livello indoor il suo 5,01 m, fissato in un meeting a Stoccolma il 23 febbraio 2012, è attualmente record europeo ed è stato fino al 2 marzo 2013 anche record mondiale.
In carriera ha migliorato 28 volte il record mondiale della specialità ed è stata due volte medaglia d'oro olimpica (2004 e 2008), tre volte medaglia d'oro mondiale (2005, 2007, 2013), è stata nominata tre volte atleta femminile dell'anno dalla IAAF (2004, 2005 e 2008), miglior atleta al mondo dell'anno 2007 e 2009 e, sempre nel 2009, ha vinto il Premio Principe delle Asturie per lo sport.


Yelena Isinbayeva soffre di depressione?

Secondo voi, Yelena Isinbayeva soffre di depressione? Come mai cosi' brava ma con cosi' tanti alti e bassi nelle prestazioni? Comunque, facciamo il tifo per Yelena... "Può capitare anche ai campioni mondiali di avere alti e bassi, certo noi li vorremmo sempre perfetti e sempre in grado di superare se stessi, ma non dimentichiamo che sono persone normali anche loro, non degli automi.La depressione la escluderei, se fosse veramente depressa non avrebbe nemmeno la [...]

Rispondi

Isinbayeva

Isinbayeva

Dopo il record di Montecarlo la Isinbayeva vincerà il salto femminile? "Sicuramente è una delle favorite.Anzi, la favoritissima. Una delle atlete più forti emerse negli ultimi anni. Non sarei stupito da un nuovo record alle olimpiadi. (poi è anche super carina)"

Rispondi

EVENTI: Isinbayeva

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2000 ai campionati del mondo juniores conquistò il titolo mondiale davanti alla tedesca Annika Becker grazie a un salto di 4,20 Lo stesso anno debuttò anche ai Giochi olimpici di Sydney, dove Stacy Dragila vinse l'oro.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2009 la sua leadership s'interrompe a sorpresa: dopo l'Aviva London Grand Prix di maggio, infatti, la polacca Anna Rogowska la batté anche ai Campionati del mondo di atletica leggera di Berlino.

Il 2 settembre 2009 le viene conferito il 23º Premio Principe delle Asturie per lo sport, l'astista russa succede così al tennista Rafael Nadal nell'elenco dei premiati della relativa categoria.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Nel 2001 vinse un'altra medaglia d'oro, questa volta ai campionati europei juniores con la misura di 4,40 Col passare dei mesi continuò a migliorare sempre più le sue prestazioni e nel 2002, ai Campionati europei di Monaco di Baviera, è riuscita a conquistare l'argento con la misura di 4,55.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 23 febbraio 2012 tornò a battere il record del mondo al meeting indoor di Stoccolma: 5,01, migliorando di un centimetro il precedente primato sempre suo.

Il 6 agosto 2012 vinse la medaglia di bronzo nel salto con l'asta alle Olimpiadi di Londra con la misura di 4,70.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Il 4 agosto 2005 le è stato attribuito il grado di tenente dell'esercito russo e Il 19 agosto 2008 è stata promossa al grado di capitano.

Atletica Leggera: la bella Isinbayeva a Firenze per preparare il 2011.

Atletica Leggera: la bella Isinbayeva a Firenze per preparare il 2011.

Yelena Isinbayeva sta preparando il ritorno alle gare indoor nel 2011  a Firenze dove trascorrerà due mesi di allenamenti insieme ad altri atleti dell'asta con in testa Vitaliy Petrov. Tra gli altri: Yevgeniy Lukanenko, argento olimpico a Pechino e campione mondiale indoor a Valencia 2008, Aleksandr Gripich (5.75 di primato personale) e Aleksey Kovalchiuk (5.55). Insieme a loro presso l’impianto indoor dello Stadio Luigi Ridolfi ci sono anche Claudio Stecchi, [...]

Filippo Tortu si da un 8 per la stagione 2019

Filippo Tortu si da un 8 per la stagione 2019

Ansa: Che voto darei al mio 2019? Un otto. Per il 2020 invece vorrei riuscire a darmi un dieci, questo è il mio obiettivo. Significa riconfermarmi nelle prime posizioni a Tokyo 2020, scendere sotto i 10'' e andare forte anche nei 200 mt". Lo dice Filippo Tortu, facendo un bilancio della sua stagione 2019 ragionando a freddo sui recenti mondiali di Doha dove si è piazzato al 7° posto nella finale dei 100 m e si è confermato recordman italiano nella staffetta [...]

Catherine Bertone diventa  l'italiana più veloce di sempre all'Half Marathon di Trento

Catherine Bertone diventa l'italiana più veloce di sempre all'Half Marathon di Trento

Crolla il record femminile di un  italiano della Trento Half Marathon per merito di Catherine Bertone (Atletica Calvesi), la campionessa e pediatra 47enne di Aosta che non smette mai di stupire. Dopo il personale sui 10 chilometri ottenuto a Canelli 15 giorni fa, Bertone è tornata da Trento con il piazzamento di sesta assoluta e prima italiana in 1h13’27”, prestazione molto vicina al primato personale che le ha permesso di battere il primato della gara di [...]

Giusy Versace e la Disabili No Limits alla Venicemarathon

Giusy Versace e la Disabili No Limits alla Venicemarathon

RICEVIAMO E MOLTO VOLENTIERI PUBBLICHIAMO Milano, 10 ottobre 2019 - Quest'anno ai nastri di partenza della maratona solidale della 34^ Huawei Venicemarathon ci sarà anche la onlus fondata da Giusy Versace “Disabili No Limits”, nata per donare alle persone con disabilità, protesi di tecnologia avanzata e ausili sportivi non concessi dal Servizio Sanitario Nazionale. Questa volta l’occasione è il “Charity Program” legato alla Maratona di Venezia in programma [...]

INEOS 1:59:  Eliud Kipchoge conferma la data di Sabato 12 ottobre

INEOS 1:59: Eliud Kipchoge conferma la data di Sabato 12 ottobre

È stata finalmente  confermata la data per la sfida INEOS 1:59 di Eliud Kipchoge a Vienna, in Austria. La sfida si svolgerà questo sabato 12 ottobre. L'ora di inixio sarà confermata venerdì pomeriggio dai team di prestazioni e meteorologia INEOS 1:59. Robby Ketchell, che sta conducendo l'analisi del tempo per il Team Performance Performance INEOS 1:59, ha detto di aver esaminato le condizioni meteorologiche per Vienna che sta attraversando e le condizioni [...]

Squalifica Salazar: Laura Muir contro Sifan Hassan: "una nuvola nera incombe sulla sua straordinaria vittoria nei 1500 metri"

Squalifica Salazar: Laura Muir contro Sifan Hassan: "una nuvola nera incombe sulla sua straordinaria vittoria nei 1500 metri"

  Laura Muir ritiene che la straordinaria medaglia d'oro dei 1500 metri di Sifan Hassan sia contaminata a causa dell'associazione dell'atleta olandese con l'allenatore squalificato, Alberto Salazar. Hassan, che è stata guidata da Salazar dal 2016, ha prodotto un'esibizione stratosferica correndo in 3 minuti e 51,95 secondi - non solo record del campionato del mondo, ma il sesto più veloce della storia. Solo l'etiope Genzebe Dibaba, che ha conquistato il record [...]

Valeria Straneo terza nella  5^ Telesia Half Marathon

Valeria Straneo terza nella 5^ Telesia Half Marathon

Erano 3700 partecipanti della  5^ Telesia Half Marathon,  di cui 2700 nella Mezza Maratona e quasi un migliaio (un vero successo) per la 3^ edizione della Pink Race la corsa in rosa per la ricerca dei tumori al seno. Nella gara femminile l'attenzione era tutta per Valeria Straneo che conquista un ottimo terzo posto finale nella gara vinta da  Moseti davanti a  Sofiya Yaremchuk (Ukr). La classifica: 1^ Moseti (Ken) 1.10’52”, 2^ Yaremchuk (Ukr) [...]

Valeria Straneo correrà domani la TELESIA HALF MARATHON

Valeria Straneo correrà domani la TELESIA HALF MARATHON

Domani mattina di corre a  a Telese Terme (BN) la 5^ edizione della TELESIA HALF MARATHON e della 3^ PINK RACE. Superata quota 2660 iscritti.  La gara  prenderà il via alle ore 9,00 per la 21 km e 97 metri, mentre la Pink Race in rosa a favore della ricerca per il tumore al seno delle donne avrà il suo start alle 9,05 e su un percorso ovviamente più breve di 3 km. Per tutti partenza da Viale Europa e arrivo in Piazza Minieri. Al femminile, c'è grande [...]

Mondiali Doha: la saltatrice in lungo russa Darya Klishina rinuncia alla gara

Mondiali Doha: la saltatrice in lungo russa Darya Klishina rinuncia alla gara

MOSCA, 4 ottobre. / TASS /: la saltatrice in  lungo russa Darya Klishina ha annunciato oggi venerdì che non parteciperà ai Campionati Mondiali IAAF 2019 a Doha in Qatar, citando problemi di salute. "Abbiamo preso una decisione insieme alla mia squadra rinunciando alla partecipazione ai Mondiali di Doha", ha scritto Klishina nel suo account Instagram. "Il motivo del ritiro è un infortunio alla coscia, che non mi consente di esprimermi ai miei livelli". "La [...]

FOTO: Isinbayeva

Isinbaeva

Isinbaeva

Jelena_Isinbajewa

Jelena_Isinbajewa

Yelena_Isinbayeva

Yelena_Isinbayeva

Elena_Issinbaïeva

Elena_Issinbaïeva

Jelena_Isinbajeva

Jelena_Isinbajeva

Issinbajewa

Issinbajewa

Yelena_Gadzhievna_Isinbayeva

Yelena_Gadzhievna_Isinbayeva

Mondiali Doha: oggi la staffetta 4x100 con Tortu e Jacobs

Mondiali Doha: oggi la staffetta 4x100 con Tortu e Jacobs

Stasera,Venerdì 4 ottobre, ore 20.05 italiane tocca alla staffetta 4x100 maschile. Il quartetto azzurro cerca la qualificazione in finale ai Mondiali di Doha. La composizione - come ha spiegato il responsabile della velocità Filippo Di Mulo - è la stessa delle World Relays di Yokohama in maggio, quando Eseosa Desalu, Marcell Jacobs, Davide Manenti e Filippo Tortu hanno corso il secondo tempo italiano di sempre, 38.29 in batteria. Resta però un punto [...]

Mondiali Doha: 8^ giornata: oggi attesi Tamberi, Stano e la 4x100 con Tortu e Jacobs

Mondiali Doha: 8^ giornata: oggi attesi Tamberi, Stano e la 4x100 con Tortu e Jacobs

  La finale di Gianmarco Tamberi, la 20 km di marcia di Massimo Stano e Matteo Giupponi, le batterie delle staffette 4x100. L’ottava giornata mondiale, venerdì 4 ottobre, in chiave azzurra comincerà alle 19.15 italiane con il turno decisivo del primatista nazionale del salto in alto. Dopo la qualificazione afferrata a quota 2,29, primato stagionale outdoor, “Halfshave” torna in pedana in una finale che si prospetta apertissima, senza un vero dominatore [...]

Mondiali Doha: un "normale"  Noah Lyles vince il titolo nei 200 metri

Mondiali Doha: un "normale" Noah Lyles vince il titolo nei 200 metri

La tanto attesa finale dei 200 metri dei Mondiali di Doha di questa sera, porta il nome di Noah Lyles degli Stati Uniti che vince l'oro davanti al canadese Andre De Grasse che vince l'argento, l'Ecuador Alex Quinonez che vince il bronzo. Gemelli fugge dai blocchi e in realtà conduce fino a circa 120 metri. Per una volta, Lyles non sembra a suo agio come nelle gare precedenti, ma è rimasto calmo e si è porta in testa. Con una medaglia in vista,  Gemili inizia a [...]

Mondiali Doha: un grande Tamberi conquista la finale dell'alto, fuori uno sfortunato Sottile

Mondiali Doha: un grande Tamberi conquista la finale dell'alto, fuori uno sfortunato Sottile

Oggi nove azzurri in gara al Khalifa Stadium di Doha, nella quinta giornata dei Campionati del Mondo. Era molto atteso nelle qualifiche del salto in alto  Gianmarco Tamberi che con grinta da vendere ha conquistato la finale. Con 2,29 Gianmarco Tamberi stacca il pass per la finale. Più sfortunato  Sottile che finisce sedicesimo con 2,26. Akimenko  chiude la prova a 2.29 metri, seguito a ruota da Barshim e Ivaniyuk. I primi dieci (Tamberi decimo) chiudono in [...]

Mondiali Doha: Filippo Tortu storico 7° posto nei 100 metri vinti da Coleman

Mondiali Doha: Filippo Tortu storico 7° posto nei 100 metri vinti da Coleman

(ANSA) - ROMA, 28 SET - Filippo Tortu, correndo in 10''07, si è piazzato al settimo posto nella finale dei 100 metri dei Mondiali di Doha 2019, vinta dall'americano Christian Coleman in 9''76. Argento all'altro americano Justin Gatlin e bronzo al canadese Andre De Grasse.  

Mondiali Doha: eliminato Giovanni Faloci nel disco

Mondiali Doha: eliminato Giovanni Faloci nel disco

È iniziata la seconda giornata dei Campionati del Mondo di Doha. Quattro gli atleti impegnati nelle prove individuali. Nulla da fare nel lancio del disco per  Giovanni Faloci. Il perugino (di Città di Castello) è eliminato con un miglior lancio di 59,77 (serie: 58,83; N; 59,77), troppo poco per palcoscenici di questo tipo, dove anche superare i 60 metri non garantisce la soglia della sufficienza. Tanto meno, chances di passare il turno. Per andare in finale, [...]

Mondiali Doha: eliminazione con beffa per Alessia Trost nell'alto

Mondiali Doha: eliminazione con beffa per Alessia Trost nell'alto

Illusione per  Alessia Trost nelle qualifiche del salto in alto.  Quattordicesima con un 1,92 che vale meno di quello di altre quattro avversarie (dalla nona alla dodicesima, qualificate alla finale), perché ottenuto al terzo tentativo. Particolare spesso decisivo. Il problema emerge quando l'asticella sale due centimetri oltre l'1,92, ovvero a quota 1,94, quanto richiesto per la qualificazione diretta: prima di quella misura, Trost è undicesima pari merito, [...]

Mondiali Doha: nei 100 metri Filippo Tortu e Marcell Jacobs subito in azione

Mondiali Doha: nei 100 metri Filippo Tortu e Marcell Jacobs subito in azione

  Iniziano domani venerdi 27 settembre i Campionati Mondiali di Doha che termineranno domenica 6 ottobre. Dodici azzurri in gara nella prima giornata. Una delle gare più attese è quella dei 100 metri.  Zlle 17.05 italiane partono le batterie  (senza riprese tv RaiSport) che vedranno ai blocchi di partenza Marcell Jacobs e il recordman nazionale Filippo Tortu. La composizione sarà resa nota dopo il turno preliminare delle ore 15.30, che non riguarda gli [...]

Valeria Straneo terza con il record stagionale nella Maratonina Internazionale Città di Udine

Valeria Straneo terza con il record stagionale nella Maratonina Internazionale Città di Udine

  Valeria Straneo chiude al terzo posto nella Maratonina Internazionale Città di Udine con 1h12:21 e ritocca il primato stagionale, migliorando il crono di 1h12:33 che aveva ottenuto sulle strade di Verona a metà febbraio. Due settimane fa era tornata in gara, dopo sei mesi di stop, nella rassegna nazionale dei 10 km a Canelli dove è salita sul terzo gradino del podio. Stavolta invece il suo rientro nella mezza maratona, la distanza della quale è [...]

Libania Grenot dopo 9 anni riceve il bronzo europeo dei 400 metri di Barcellona 2010!

Libania Grenot dopo 9 anni riceve il bronzo europeo dei 400 metri di Barcellona 2010!

Meglio tardi che mai! Questo dovrebbe essere il titolo di questo articolo. Nella pazza ridistribuzione delle medaglie  dei vari campionati europei  mondiali e Olimpiadi di uno sport che, evidentemente palesa dei grossi problemi di identità, a l'azzurra  Libania Grenot, che in aprile ha annunciato l’addio alla pista, anche lei vittima di questo meccanismo insensato questo,  è stata assegnata la medaglia di bronzo dei 400 metri degli Europei di Barcellona del [...]

Cds U23 Rieti: Marta Zenoni vince facile i 1500 metri

Cds U23 Rieti: Marta Zenoni vince facile i 1500 metri

Oggi nella prima giornata  della finale nazionale dei Cds under 23 di Rieti, da segnalare la bella vittoria in solitaria  nei 1500 metri di Marta Zenoni (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) sulla pista in cui quest’anno ha fatto doppietta ai Tricolori U23. Oggi l'azzurra ha fermato il cronometro in 4:25.31, Al maschile la sfida tra Ossama Meslek (Atl. Vicentina, 3:55.04) e Ayyoub El Bir (Pro Sesto Atl.) 3:56.67. (In aggiornamento)    

Europa-Usa: Filippo Tortu chiude al quarto posto nei 100 metri

Europa-Usa: Filippo Tortu chiude al quarto posto nei 100 metri

  Filippo Tortu nei 100 metri del match Europa-Usa di Minsk, in Bielorussia chiude al 4° posto. Il primatista italiano si esprime in 10.29, con vento contrario (-1.1) nella gara dominata dal terzetto di statunitensi composto da Mike Rodgers (10.20), Christopher Belcher (10.25) e Derek Kemp (10.28). La falsa partenza sanzionata all’altro americano Isiah Young, e successive richieste di spiegazioni, costringe gli sprinter a rimanere sui blocchi per quasi cinque [...]

&id=HPN_Elena+Isinbaeva_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Yelena{{}}Isinbaeva" alt="" style="display:none;"/> ?>