Filippo Brunelleschi

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

Filippo Brunelleschi

La scheda: Filippo Brunelleschi

Filippo Brunelleschi, per esteso Filippo di ser Brunellesco Lapi (Firenze, 1377 – Firenze, 15 aprile 1446), è stato un architetto, ingegnere, scultore, matematico, orafo e scenografo italiano del Rinascimento.
Considerato il primo ingegnere e progettista dell'era moderna, Brunelleschi fu uno dei tre primi grandi iniziatori del Rinascimento fiorentino con Donatello e Masaccio. In particolare Brunelleschi, che era il più anziano, fu il punto di riferimento per gli altri due e a lui si deve l'invenzione della prospettiva a punto unico di fuga, o "prospettiva lineare centrica". Dopo un apprendistato come orafo e una carriera come scultore si dedicò principalmente all'architettura, costruendo, quasi esclusivamente a Firenze, edifici sia laici sia religiosi che fecero scuola. Tra questi spicca la cupola di Santa Maria del Fiore, un capolavoro ingegneristico costruito senza l'ausilio delle tecniche tradizionali, quali la centina.
Con Brunelleschi nacque la figura dell'architetto moderno che, oltre ad essere coinvolto nei processi tecnico-operativi, come i capomastri medievali, ha anche un ruolo sostanziale e consapevole nella fase progettuale: non esercita più un'arte meramente "meccanica", ma è ormai un intellettuale che pratica un'"arte liberale", fondata sulla matematica, la geometria e la conoscenza storica.
La sua architettura si caratterizzò per la realizzazione di opere monumentali di ritmata chiarezza, costruite partendo da una misura di base (modulo) corrispondenti a numeri interi, espressi in braccia fiorentine, da cui ricava multipli e sottomultipli per ricavare le proporzioni di un intero edificio. Riprese gli ordini architettonici classici e l'uso dell'arco a tutto sesto, indispensabili per la razionalizzazione geometrico-matematica delle piante e degli alzati. Un tratto distintivo della sua opera è anche la purezza di forme, ottenuta con un ricorso essenziale e rigoroso agli elementi decorativi. Tipico in questo senso fu l'uso della grigia pietra serena per le membrature architettoniche, che risaltava sull'intonaco chiaro delle pareti.



deleted

deleted

deleted

deleted

EVENTI: Filippo Brunelleschi

Tra il 1410 e il 1413 era intanto stato costruito il tamburo ottagonale, alto tredici metri dal soffitto della navata maggiore, largo non meno di 42 e con muri spessi quattro metri, che aveva ulteriormente complicato il progetto originario di Arnolfo di Cambio.

Nel 1412 Brunelleschi si trovò a Prato, invitato a dare una consulenza sulla facciata del duomo.

Nel 1415 ristrutturò il Ponte a mare a Pisa, ora distrutto, e lo stesso anno fu consultato con Donatello per progettare sculture da collocare sugli sproni del Duomo di Firenze, tra cui una statua gigantesca in piombo dorato, che pare non fu mai realizzata.

Nel 1419 iniziò a lavorare su commissione dell'Arte della Seta allo Spedale degli Innocenti, il primo edificio costruito secondo canoni classici.

Nel 1426 vennero confermati gli incarichi sia a Brunelleschi che a Ghiberti, il quale seguì il cantiere solo marginalmente fino al 1433.

Nel 1429 i francescani di Santa Croce affidarono a Brunelleschi la ricostruzione della sala capitolare sul chiostro, che divenne poi la Cappella de' Pazzi, finanziata da Andrea de' Pazzi.

Nel 1445, mentre Brunelleschi stava mettendo in opera la lanterna, iniziò anche un'importante aggiunta alla zona absidale del Duomo, cioè le "tribune morte" (ovvero "cieche", prive di aperture), progettate fin dal 1438.

Nel 1445 veniva inaugurato, sebbene non ancora concluso, lo Spedale degli Innocenti, la prima architettura avviata da Brunelleschi.

Nel 1446 giunse a Santo Spirito il primo fusto di colonna.

Il 27 marzo 1420 fu sollecitata una consultazione finale, che assegnò infine i lavori (il 26 aprile) a Brunelleschi e Ghiberti, nominati Provveditori della cupola, affiancandoli al capomastro della fabbrica Battista d'Antonio.

Nel 1420 Brunelleschi realizzò la cappella Barbadori, poi Capponi, nella chiesa di Santa Felicita a Firenze.

Nel 1424 sarebbe datata la presunta collaborazione di Brunelleschi con Masaccio nella costruzione prospettica del famoso affresco della Trinità in Santa Maria Novella.

Nel 1425 fu nominato priore del quartiere di San Giovanni a Firenze.

Nel 1443 Cosimo il Vecchio comprò alcuni edifici e terreni in via Larga per farne il proprio palazzo, costruito di lì a pochi anni da Michelozzo.

Nel 1443 disegnò e approntò un modello ligneo per il pulpito di Santa Maria Novella, realizzato poi dal Buggiano.

Nel 1398 Filippo si iscrisse all'Arte della Seta, immatricolandosi poi come orafo nel 1404.

Nel 1401 i Consoli dell'Arte di Calimala indissero il concorso per la realizzazione della seconda porta bronzea del Battistero fiorentino.

Tra il 1400 e il 1401 si recò a Pistoia al seguito della bottega di Lunardo di Mazzeo e Piero di Giovanni da Pistoia per lavorare al completamento dell'altare di San Jacopo, un prezioso altare-reliquiario argenteo tuttora conservato nella cattedrale di San Zeno.

Nel 1439 Brunelleschi allestì la famosa rappresentazione vivente dell'Annunciazione, durante il Concilio di Firenze.

Nel 1431 fu incaricato di predisporre l'altare di San Zanobi e creare una cripta, mai realizzata, nel Duomo di Firenze.

Nel 1432 fece un viaggio a Ferrara ospite di Niccolò III d'Este e successivamente si spostò a Mantova da Giovan Francesco Gonzaga, dove venne consultato per questioni idrauliche legate al corso del Po.

Nel 1430 Brunelleschi, Donatello, Michelozzo e Ghiberti erano impegnati nelle opere difensive dell'accampamento fiorentino durante la guerra contro Lucca.

Nel 1430 venne consultato per il tiburio del duomo di Milano.

Nel 1435 l'Opera del Duomo lo inviò a Vicopisano, per sovrintendere alla costruzione della rocca.

Il 31 dicembre 1436 la commissione giudicante, nella quale partecipava anche Cosimo de' Medici, approvò il modello di Filippo, costruito in legno dallo stesso Manetti.

Nel 1433 Brunelleschi conobbe Mariano di Jacopo, detto il Taccola, un inventore di congegni e macchinari che restò affascinato dalle gru e dagli argani progettati per il cantiere della cupola, tanto da riportare nel suo trattato De ingeniis un'"intervista" a Brunelleschi stesso.

Nel 1434 venne incarcerato per il mancato pagamento della tassa di iscrizione all'arte dei Maestri di Pietra e Legname, ma viene rilasciato grazie all'intervento dell'Opera del Duomo.

deleted

deleted

casa vacanze Brunelleschi

casa vacanze Brunelleschi

 CASA VACANZE BRUNELLESCHI 105 DOVE SIAMO                   AMPIO BILOCALE SECONDO PIANO SITUATO A POCHI PASSI DAL PARCO RUFFINI E STADIO NEBIOLO                                

casa vacanze Brunelleschi

casa vacanze Brunelleschi

 CASA VACANZE PESCHIERA DOVE SIAMO index.htm                                                      

casa vacanze Brunelleschi

casa vacanze Brunelleschi

 CASA VACANZE VANCHIGLIA DOVE SIAMO       Z                                                    

casa vacanze Brunelleschi

casa vacanze Brunelleschi

 CASA VACANZE BOSTON DOVE SIAMO                                    

La Passione di Gesù Cristo nell'arte - Filippo Brunelleschi

  Raffigurazioni Artistiche sulla  Passione, Morte e Resurrezione  di Gesù Cristo     Filippo Brunelleschi   (Firenze 1377 - 1446), scultore, orafo e architetto italiano. Nel 1401 era già un ottimo scultore e si mise in luce con il concorso per la seconda porta bronzea del battistero di Firenze, che gli valse la vittoria ex-equo con Lorenzo Ghiberti realizzatore dell'opera. Nel 1404 entrò nella corporazione degli orafi; svolse il suo apprendistato di [...]

casa vacanze Brunelleschi

casa vacanze Brunelleschi

 CASA VACANZE AMEDEO DOVE SIAMO                 AMPIO LUSSUOSO MONOLOCALE SITUATO NEL CENTRO STORICO DELLA CITTA VICINO ALLA FERMATA DEL METRO DELLA STAZIONE FS PORTA SUSA                        

casa vacanze Brunelleschi

casa vacanze Brunelleschi

 CASA VACANZE BRUNELLESCHI DOVE SIAMO                 AMPIO MONOLOCALE SITUATO A POCHI PASSI DAL PARCO RUFFINI E STADIO NEBIOLO     SCHEDA TECNICA INDIRIZZO Corso Brunelleschi 173 NUMERO VANI Monolocale NUMERO BAGNI 1 PIANO quarto ASCENSORE si APPARTAMENTO RISTRUTTURATO SI ARIA CONDIZIONATA si ZONA PARCO RUFFINI STANZE DA LETTO 1 NUMERO LETTI 1 MATRIMONIALE MAX NUMERO CLIENTI 2 POSSIBILTA TERZO/QUARTO LETTO NO AFFITTO MENSILE EURO 1200 * (il [...]

FOTO: Filippo Brunelleschi

Ritratto di Brunelleschi, anonimo della seconda metà del XV secolo, Louvre

Ritratto di Brunelleschi, anonimo della seconda metà del XV secolo, Louvre

Scultura di Brunelleschi che leva lo sguardo per osservare la Cupola del Duomo di Firenze

Scultura di Brunelleschi che leva lo sguardo per osservare la Cupola del Duomo di Firenze

Lo stemma dei Lapi, famiglia di origine di Brunelleschi (San Marco, Firenze)

Lo stemma dei Lapi, famiglia di origine di Brunelleschi (San Marco, Firenze)

Il Sacrificio di Isacco di Brunelleschi (1401)

Il Sacrificio di Isacco di Brunelleschi (1401)

Ninfeo degli Horti Liciniani a Roma, sicuramente studiato da Brunelleschi in uno dei suoi viaggi

Ninfeo degli Horti Liciniani a Roma, sicuramente studiato da Brunelleschi in uno dei suoi viaggi

Il Crocifisso di Donatello (1406-1408)

Il Crocifisso di Donatello (1406-1408)

Il Crocifisso di Brunelleschi (1410-1415)

Il Crocifisso di Brunelleschi (1410-1415)

casa vacanze Brunelleschi

casa vacanze Brunelleschi

 CASA VACANZE SANTA RITA DOVE SIAMO                   AMPIO BILOCALE SITUATO A POCHI PASSI DALLO STADIO OLIMPICO E PALALPITOUR Bilocale con cucina con divano letto, grande camera matrimoniale, bagno con doccia e lavatrice, due balconi, terzo piano con ascensore, TV e corredo casa  

casa vacanze Brunelleschi

casa vacanze Brunelleschi

 CASA VACANZE TIRRENO DOVE SIAMO                        Casa vacanze Tirreno   INDIRIZZO VIA TIRRENO 143/7 NUMERO VANI 2,5 NUMERO BAGNI 1 PIANO SECONDO ASCENSORE SI APPARTAMENTO RISTRUTTURATO SI ARIA CONDIZIONATA NO PREZZO A COPPIA EURO 55 * (il prezzo potrebbe variare in base al periodo o  per la spessa di pulizia finale) SOVRAPPREZZO ULTERIORE OSPITE EURO 15* (il prezzo potrebbe variare in base al periodo o  per la spessa di pulizia [...]

Filippo Brunelleschi

Madonna se ne vien dalla fontana Madonna se ne vien dalla fontana, contro l' usanza, con vuoto l' orcetto; e restoro non porta a questo petto né con l' acqua, né con la vista umana. O ch' ella ha visto la biscia ruana strisciar per l' erba in su quel vialetto; o che 'l can la persegue; o ch' ha sospetto che stiavi dentro in guato la Befana. Vien qua, Renzuola, vienne, che vedrai una fontana, e due, e quante vuoi; né dal padre severo avrai rampogna. Ecco che [...]

Premio Scolari a Luisa Pecce Bamberga

Premio Scolari a Luisa Pecce Bamberga

Il Premio Paolo Scolari è un riconoscimento che UNI assegna alle personalità - esperti tecnici, amministratori, personaggi pubblici o privati - che si sono distinte nello sviluppo e nel consolidamento dell'attività di normazione tecnica volontaria di competenza del "Sistema UNI"; del ruolo dell'Ente di normazione come partner della crescita economica e sociale del Paese; nonché della visibilità, della conoscenza e del riconoscimento dell'Ente da parte della [...]

Le Terrazze e la Cupola di Santa Maria del Fiore

Le Terrazze e la Cupola di Santa Maria del Fiore

Si ricorda che per  sabato 13 aprile 2013 è stata organizzata la visita guidata  "Le Terrazze e la Cupola di Santa Maria del Fiore" Un percorso che abbraccerà idealmente l’intera cattedrale. 463 gradini vi condurranno dall’interno della chiesa prima alle terrazze che ne percorrono il perimetro superiore esterno e quindi, dopo aver osservato a pochi metri di distanza gli affreschi che decorano l’interno della cupola, al punto panoramico più alto, sulla [...]

Scarperia (FI): Orologi e coltelli

Giornata importantissima quella di sabato per Scarperia. Si terrà infatti la presentazione del restauro dell’Oriuolo mechanico di Ser Filippo Brunelleschi a cura del Centro Studi per la valorizzazione e il restauro di orologi dell’Istituto Leonardo da Vinci di Firenze. L’orologio, collocato per ben 5 secoli nella torre del Palazzo dei Vicari, appartiene certamente al progettista della Cupola del Duomo fiorentino, noto orologiaio, Filippo Brunelleschi, come [...]

Arezzo: Arrivano due opere robbiane dall'Hermitage di San Pietroburgo

Arezzo: Arrivano due opere robbiane dall'Hermitage di San Pietroburgo

Accompagnate da Sergey Androssov, capo dipartimento delle collezioni d’arte europea del Museo Statale Hermitage, ed accolte dal Presidente della Provincia Vincenzo Ceccarelli e dall’assessore provinciale alla cultura Emanuela Caroti, sono giunte finalmente ad Arezzo, alla mostra dedicata a "I Della Robbia. Il dialogo tra le Arti nel Rinascimento" - aperta il 21 febbraio scorso e in programma fino al 7 giugno – le importanti opere prestate dall’Hermitage, il [...]

CITTA' FIRENZE

CITTA' FIRENZE

Firenze /fiˈrɛnʦe/ (già Florentia in latino, Fiorenza nell'italiano poetico) è una città di 365.802 abitanti [1] dell'Italia centrale[2], capoluogo dell'omonima provincia e della regione Toscana, della quale è la città più grande e popolosa, nonché principale fulcro storico, artistico, fieristico ed economico-amministrativo. Intorno ad essa si stende l'agglomerato urbano che comprende una popolazione di oltre 700.000 abitanti[3], mentre l'Area [...]

lo strappo nel cielo di carta: dall’arte alla vita il passo è breve(tto): brevettate Van Gogh…

Ci sono periodi delle storia dell’arte che fanno accapponare la pelle, solo a pensarci. Giammai perché furono realizzati capolavori schiantanti: suvvia! Pensate davvero che nei musei le opere d’arte siano solo quelle appese alle pareti? Ho sempre asserito: la vera arte è lo spazio tra un quadro e l’altro. Lo spazio riempito dalla vita. E allora trovo commovente lo “spazio-tempo” artistico tra un’opera e l’altra nella Firenze dei primi del [...]

Brunelleschi, Donatello e Masaccio

Filippo Brunelleschi (1377 – 1446) Il suo nome è ancora irrimediabilmente legato a quella della cupola (1420 – 1438) di Santa Maria del Fiore a Firenze, nonostante la sua opera sia stata vasta e sempre degna di nota. Fu probabilmente dai suoi studi e disegni che Leon Battista Alberti arrivò poi a teorizzare per primo e in maniera più esaustiva le regole razionali della prospettiva rinascimentale, da noi analizzate la volta scorsa. Perché il nome di [...]

&id=HPN_Filippo+Brunelleschi_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Filippo{{}}Brunelleschi" alt="" style="display:none;"/> ?>