Filmografia di Federico Fellini

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Summer
In rilievo

Summer

Fellini

La scheda: Fellini

Federico Fellini (Rimini, 20 gennaio 1920 – Roma, 31 ottobre 1993) è stato un regista, sceneggiatore, fumettista e scrittore italiano.
Considerato uno dei maggiori registi della storia del cinema, nell'arco di quasi quarant'anni - da Lo sceicco bianco del 1952 a La voce della Luna del 1990 - ha "ritratto" in decine di lungometraggi una piccola folla di personaggi memorabili. Definiva se stesso "un artigiano che non ha niente da dire, ma sa come dirlo". Ha lasciato opere ricche di satira e velate di una sottile malinconia, caratterizzate da uno stile onirico e visionario. I titoli dei suoi più celebri film - La strada, Le notti di Cabiria, La dolce vita, 8½ e Amarcord - sono diventati dei topoi citati, in lingua originale, in tutto il mondo.
I suoi film La strada, Le notti di Cabiria, 8½ e Amarcord hanno vinto l'Oscar al miglior film straniero. Candidato 12 volte al Premio Oscar, per la sua attività da cineasta gli è stato conferito nel 1993 l'Oscar alla carriera. Ha vinto inoltre due volte il Festival di Mosca (1963 e 1987), la Palma d'oro al Festival di Cannes nel 1960 e il Leone d'oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1985.


Federico Fellini (Rimini, 20 gennaio 1920 – Roma, 31 ottobre 1993) è stato un regista, sceneggiatore, fumettista e scrittore italiano.
Considerato uno dei maggiori registi della storia del cinema, nell'arco di quasi quarant'anni - da Lo sceicco bianco del 1952 a La voce della Luna del 1990 - ha "ritratto" in decine di lungometraggi una piccola folla di personaggi memorabili. Definiva se stesso "un artigiano che non ha niente da dire, ma sa come dirlo". Ha lasciato opere ricche di satira e velate di una sottile malinconia, caratterizzate da uno stile onirico e visionario. I titoli dei suoi più celebri film - La strada, Le notti di Cabiria, La dolce vita, 8½ e Amarcord - sono diventati dei topoi citati, in lingua originale, in tutto il mondo.
I suoi film La strada, Le notti di Cabiria, 8½ e Amarcord hanno vinto l'Oscar al miglior film straniero. Candidato 12 volte al Premio Oscar, per la sua attività da cineasta gli è stato conferito nel 1993 l'Oscar alla carriera. Ha vinto inoltre due volte il Festival di Mosca (1963 e 1987), la Palma d'oro al Festival di Cannes nel 1960 e il Leone d'oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1985.

'8 1/2' di Fellini nelle foto di Ronald

'8 1/2' di Fellini nelle foto di Ronald

(ANSA) – RIMINI, 8 MAR – Uno dei principali fotografi di scena del cinema italiano, Paul Ronald (1924-2005), chiamato da Federico Fellini sul set di ‘8 1/2’ nel 1962, ha lasciato attraverso i suoi scatti una testimonianza eccezionale sul lavoro del regista. Una mostra, dal 9 marzo al 7 aprile alla Galleria dell’Immagine di Rimini, propone 52 scatti inediti che fanno parte della collezione privata di Antonio Maraldi. La rassegna rientra nel calendario di [...]

Federico Fellini * Riministoria

Riministoria© Antonio Montanari Federico Fellini La recente uscita di un volume sul film "La voce della luna" di Federico Fellini (Nuova Italia editrice), a cura di Lietta Tornabuoni, critico cinematografico del quotidiano "La Stampa", ci offre l'occasione di riparlare del regista concittadino. Il film "La voce della luna" è stato presentato a Roma il 31 gennaio 1990. Nel libro di Lietta Tornabuoni, Fellini confessa tra le altre cose alcuni ricordi riminesi: "Io [...]

EVENTI: Fellini

Nel 1966 iniziarono le riprese nella campagna attigua a Cinecittà, vennero girate alcune scene ma per tormentate vicende il film non giunse mai alla sua conclusione.

Nel 1966 iniziarono le riprese nella campagna attigua a Cinecittà, vennero girate alcune scene ma per tormentate vicende il film non giunse mai alla sua conclusione.

Nel 1966 iniziarono le riprese nella campagna attigua a Cinecittà, vennero girate alcune scene ma per tormentate vicende il film non giunse mai alla sua conclusione.

Nel 1946 Fellini conosce Tullio Pinelli, torinese, scrittore per il teatro.

Nel 1946 Fellini conosce Tullio Pinelli, torinese, scrittore per il teatro.

Nel 1946 Fellini conosce Tullio Pinelli, torinese, scrittore per il teatro.

Nel 1948 un soggetto realizzato con Pinelli viene messo in scena: Il miracolo, uno dei due episodi de L'amore, film diretto da Roberto Rossellini.

Nel 1948 un soggetto realizzato con Pinelli viene messo in scena: Il miracolo, uno dei due episodi de L'amore, film diretto da Roberto Rossellini.

Nel 1948 un soggetto realizzato con Pinelli viene messo in scena: Il miracolo, uno dei due episodi de L'amore, film diretto da Roberto Rossellini.

Nel 1960 esce La dolce vita: definita dallo stesso Fellini un film «picassiano» ("comporre una statua per romperla a martellate", aveva dichiarato), la pellicola - che abbandonava gli schemi narrativi tradizionali - destò scalpore e polemiche perché, oltre a illustrare situazioni fortemente erotiche, descriveva con piglio graffiante una certa decadenza morale che strideva con il benessere economico ormai acquisito dalla società italiana.

Nel 1960 esce La dolce vita: definita dallo stesso Fellini un film «picassiano» ("comporre una statua per romperla a martellate", aveva dichiarato), la pellicola - che abbandonava gli schemi narrativi tradizionali - destò scalpore e polemiche perché, oltre a illustrare situazioni fortemente erotiche, descriveva con piglio graffiante una certa decadenza morale che strideva con il benessere economico ormai acquisito dalla società italiana.

Nel 1960 esce La dolce vita: definita dallo stesso Fellini un film «picassiano» ("comporre una statua per romperla a martellate", aveva dichiarato), la pellicola - che abbandonava gli schemi narrativi tradizionali - destò scalpore e polemiche perché, oltre a illustrare situazioni fortemente erotiche, descriveva con piglio graffiante una certa decadenza morale che strideva con il benessere economico ormai acquisito dalla società italiana.

Il 29 marzo 1993 Fellini riceve dall'Academy of Motion Picture Arts and Sciences l'Oscar onorario "in riconoscimento dei suoi meriti cinematografici che hanno entusiasmato e allietato il pubblico mondiale".

Il 29 marzo 1993 Fellini riceve dall'Academy of Motion Picture Arts and Sciences l'Oscar onorario "in riconoscimento dei suoi meriti cinematografici che hanno entusiasmato e allietato il pubblico mondiale".

Il 29 marzo 1993 Fellini riceve dall'Academy of Motion Picture Arts and Sciences l'Oscar onorario "in riconoscimento dei suoi meriti cinematografici che hanno entusiasmato e allietato il pubblico mondiale".

Nel 1992, dopo un periodo di inattività, ritorna dietro la cinepresa per dirigere tre brevi cortometraggi in forma di spot pubblicitari, intitolati Il sogno, per conto della Banca di Roma.

Nel 1992, dopo un periodo di inattività, ritorna dietro la cinepresa per dirigere tre brevi cortometraggi in forma di spot pubblicitari, intitolati Il sogno, per conto della Banca di Roma.

Nel 1992, dopo un periodo di inattività, ritorna dietro la cinepresa per dirigere tre brevi cortometraggi in forma di spot pubblicitari, intitolati Il sogno, per conto della Banca di Roma.

Nel 2014 al maestro riminese è stata intitolata la pineta di Fregene.

Nel 2014 al maestro riminese è stata intitolata la pineta di Fregene.

Nel 2014 al maestro riminese è stata intitolata la pineta di Fregene.

Nel 1950 Fellini esordisce alla regia con Luci del varietà, che dirige con Alberto Lattuada.

Nel 1950 Fellini esordisce alla regia con Luci del varietà, che dirige con Alberto Lattuada.

Nel 1950 Fellini esordisce alla regia con Luci del varietà, che dirige con Alberto Lattuada.

Tra il 1942 e il 1943 Fellini collabora alla sceneggiatura del film Quarta pagina (regia di Nicola Manzari) e di Avanti c'è posto e Campo de' fiori di Mario Bonnard.

Tra il 1942 e il 1943 Fellini collabora alla sceneggiatura del film Quarta pagina (regia di Nicola Manzari) e di Avanti c'è posto e Campo de' fiori di Mario Bonnard.

Tra il 1942 e il 1943 Fellini collabora alla sceneggiatura del film Quarta pagina (regia di Nicola Manzari) e di Avanti c'è posto e Campo de' fiori di Mario Bonnard.

Nel 1941 viene chiamato a collaborare con l'Ente Italiano Audizioni Radiofoniche (EIAR), avviando una breve stagione come autore radiofonico.

Nel 1941 viene chiamato a collaborare con l'Ente Italiano Audizioni Radiofoniche (EIAR), avviando una breve stagione come autore radiofonico.

Nel 1941 viene chiamato a collaborare con l'Ente Italiano Audizioni Radiofoniche (EIAR), avviando una breve stagione come autore radiofonico.

Rimini celebra 99/o compleanno Fellini

Rimini celebra 99/o compleanno Fellini

(ANSA) – RIMINI, 18 GEN – Mostre, proiezioni, incontri, acquisizioni di documenti per prepararsi al 2020 e all’appuntamento con il centenario della nascita di Federico Fellini. Domenica 20 gennaio ricorre il 99/o compleanno e il genio riminese sarà ricordato nel ‘suo’ cinema Fulgor con la proiezione di ‘Prova d’orchestra’, il primo di un calendario di eventi che proseguiranno nei prossimi mesi come una ‘marcia di avvicinamento’ verso le [...]

Aperta gara 'Libro dei Sogni' di Fellini

Aperta gara 'Libro dei Sogni' di Fellini

(ANSA) – BOLOGNA, 20 DIC – Aperta la gara, da parte del Comune di Rimini, per la nuova edizione del ‘Libro dei sogni’ di Federico Fellini in vista del centenario della nascita del Maestro del cinema romagnolo. Il testo è un diario in cui il regista su consiglio di Ernst Bernhard, fondatore del movimento junghiano in Italia, ha trascritto e illustrato quasi quotidianamente, dal 1960 al 1990, i suoi sogni, anticipando figure e motivi di molti suoi film. Nei [...]

Nominato a Rimini comitato Museo Fellini

Nominato a Rimini comitato Museo Fellini

(ANSA) – BOLOGNA, 27 NOV – Costituito a Rimini il comitato tecnico-scientifico che aiuterà l’Amministrazione comunale nel valutare lo sviluppo della progettazione del Museo Fellini, dalla fase preliminare fino all’elaborazione e alla stesura, entro la primavera prossima, del progetto esecutivo. A comporre il consesso, il semiologo Paolo Fabbri, già direttore della Fondazione Fellini; i critici e storici dell’arte contemporanea Luca Beatrice e Vincenzo [...]

Cinema: Fico, Fellini raccontò Italia

Cinema: Fico, Fellini raccontò Italia

(ANSA) – ROMA, 31 OTT – Venticinque anni fa ci lasciava Federico Fellini. Voglio ricordare oggi il suo genio e i suoi capolavori. È tra i registi che hanno fatto grande il nostro cinema, contribuendo a farne conoscere la creatività e l’unicità in tutto il mondo”. Lo scrive su Facebook il presidente della Camera Roberto Fico che pubblica un video commemorativo del regista. “La sua scomparsa – sottolinea – ha lasciato un vuoto difficilmente [...]

Rimini da museo per 25/o morte Fellini

Rimini da museo per 25/o morte Fellini

(ANSA) – RIMINI, 30 OTT – Per i 25 anni della scomparsa di Federico Fellini, il 31 ottobre, il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, parla dell’assegnazione provvisoria al bando per il Museo Internazionale Federico Fellini: “L’anno prossimo verranno avviati i cantieri per questo inconsueto polo museale ‘a tre gambe’ (castello, Fulgor, spazio outdoor) per completarne la realizzazione entro l’estate 2020”, per “il centenario della nascita del geniale [...]

'I Vitelloni' per 25/o morte Fellini

'I Vitelloni' per 25/o morte Fellini

(ANSA) – RIMINI, 29 OTT – Mercoledì sera, proprio nel giorno in cui ricorreranno i 25 anni dalla morte di Federico Fellini, scomparso il 31 ottobre del 1993, Rimini, la sua città, lo ricorderà con la proiezione al Cinema Fulgor di uno dei suoi capolavori, ‘I Vitelloni’. Un’opera – che verrà proiettata nella sala in cui, seduto sulle ginocchia del nonno a guardare ‘Maciste all’inferno’ il ‘Maestro’ scopriva la magia del cinema – [...]

L'eredità di Fellini 25 anni dopo

L'eredità di Fellini 25 anni dopo

(ANSA) – ROMA, 28 OTT – 25 anni senza Federico Fellini: se ne va il 31 ottobre del 1993 e il mondo si accorge di un vuoto che non riguarda solo la storia del cinema, ma un’idea dell’arte che rimanda ai geni multiformi della creazione come Picasso, Warhol, fino a Bergman. Il fatto è che lo stile, il “fantarealismo” felliniano non è tanto un modo di rappresentazione del cinema quanto una visione del mondo. La sua è un’eredità diffusa: la sua [...]

Fam. Cristiana, lettere inedite Fellini

Fam. Cristiana, lettere inedite Fellini

(ANSA) – ROMA, 24 OTT – “Tu sai di essere veramente la mia vita”, “Tu soltanto mi fai tornare sereno e sai farmi veramente compagnia, sempre insieme dolce Giulietta. Auguri di mille stagioni con me”. A 75 anni dalle nozze e 25 dalla scomparsa del grande regista, emergono quattro lettere inedite che Federico Fellini inviò alla moglie Giulietta Masina. Documenti toccanti ed eccezionali, come racconta in esclusiva Famiglia Cristiana nel numero in edicola [...]

FOTO: Fellini

Federico Fellini nel 1959. Oscar onorario 1993

Federico Fellini nel 1959. Oscar onorario 1993

Federico Fellini nel 1959. Oscar onorario 1993

Federico Fellini nel 1959. Oscar onorario 1993

Fellini parla di "Sandrina"

Fellini parla di "Sandrina"

Un prezioso video in cui il regista parla della sua "musa"

"Io, Federico Fellini e..."

"Io, Federico Fellini e..."

Sandra Milo è certa di avere poteri paranormali, gli stessi che la tengono in contatto con il grande regista.

Cinema: al via bando per Museo Fellini

Cinema: al via bando per Museo Fellini

(ANSA) – RIMINI, 16 APR – Al via con la pubblicazione di un bando europeo il progetto – diviso in più stralci – per il Museo Fellini di Rimini: oggi, in particolare, si dà avvio alla parte relativa all’ideazione e alla produzione di contenuti multimediali e alla progettazione di allestimenti scenografici e tecnologie interattive. Il museo felliniano è stato inserito dal ministero dei Beni e delle attività culturali tra i 25 progetti strategici [...]

Fantastiche visioni di Fellini in mostra

Fantastiche visioni di Fellini in mostra

(ANSA) – ROMA, 14 APR – L’arte di Federico Fellini nei disegni inediti custoditi dal suo truccatore storico, Rino Carboni, saranno in mostra nella capitale, nella Galleria Ars Perpetua, dal 21 aprile. Sono 41 i disegni compresi in “Fantastiche Visioni”, la mostra delle opere disegnate da Fellini, che le affidava a Rino Carboni, la cui memoria è custodita ora dal figlio Adriano, che ha ereditato l’arte del padre. A chi chiedeva al maestro perché [...]

Sandra Milo in tv racconta il suo primo bacio con Fellini

Sandra Milo in tv racconta il suo primo bacio con Fellini

Ospite a "Che Fuori Tempo che fa" di Fabio Fazio, Sandra Milo ricorda con affetto il primo bacio con il suo grande amore Federico Fellini Mi ha baciato, era una cosa che sognavo e alla fine sono svenuta. Meno male che ero in camerino e sono caduta sul lettino. Federico poi mi disse: ma come? una come te che sviene per un bacio? Che bamboccia. ”Ma il celebre regista non è stato l'unico uomo della sua vita: "Ho avuto molti uomini, anche Bettino Craxi, ma l'amore [...]

Sandra Milo dopo il primo bacio a Fellini sono svenuta

Sandra Milo dopo il primo bacio a Fellini sono svenuta

L'attrice Sandra Milo ricorda con affetto il primo bacio con il suo grande amore Federico Fellini a "Che Fuori Tempo che fa" di Fabio Fazio: “Mi ha baciato, era una cosa che sognavo e alla fine sono svenuta. Meno male che ero in camerino e sono caduta sul lettino. Federico poi mi disse: ma come? una come te che sviene per un bacio? Che bamboccia. ”Ma il celebre regista non è stato l'unico uomo della sua vita: "Ho avuto molti uomini, anche Bettino Craxi, ma [...]

Sandra Milo dopo che ho baciato Fellini sono svenuta

Sandra Milo dopo che ho baciato Fellini sono svenuta

Sandra Milo che ricorda con affetto il primo bacio con il suo grande amore Federico Fellini a "Che Fuori Tempo che fa" di Fabio Fazio: “Mi ha baciato, era una cosa che sognavo e alla fine sono svenuta. Meno male che ero in camerino e sono caduta sul lettino. Federico poi mi disse: ma come? una come te che sviene per un bacio? Che bamboccia. ”Ma il celebre regista non è stato l'unico uomo della sua vita: "Ho avuto molti uomini, anche Bettino Craxi, ma l'amore [...]

Sandra Milo da Fazio: "Dopo il primo bacio con Fellini sono svenuta"

Sandra Milo da Fazio: "Dopo il primo bacio con Fellini sono svenuta"

Sandra Milo ricorda con affetto il primo bacio con il suo grande amore Federico Fellini a "Che Fuori Tempo che fa" di Fabio Fazio: “Mi ha baciato, era una cosa che sognavo e alla fine sono svenuta. Meno male che ero in camerino e sono caduta sul lettino. Federico poi mi disse: ma come? una come te che sviene per un bacio? Che bamboccia…” Ma il celebre regista non è stato l'unico uomo della sua vita: "Ho avuto molti uomini, anche Betitno Craxi, ma l'amore [...]

Sandra Milo da Fazio: "Dopo il primo bacio con Fellini sono svenuta"

Sandra Milo da Fazio: "Dopo il primo bacio con Fellini sono svenuta"

Sandra Milo ricorda con affetto il primo bacio con il suo grande amore Federico Fellini a "Che Fuori Tempo che fa" di Fabio Fazio: “Mi ha baciato, era una cosa che sognavo e alla fine sono svenuta. Meno male che ero in camerino e sono caduta sul lettino. Federico poi mi disse: ma come? una come te che sviene per un bacio? Che bamboccia…” Ma il celebre regista non è stato l'unico uomo della sua vita: "Ho avuto molti uomini, anche Betitno Craxi, ma l'amore [...]

Sandra Milo da Fazio: "Dopo il primo bacio con Fellini sono svenuta"

Sandra Milo da Fazio: "Dopo il primo bacio con Fellini sono svenuta"

Sandra Milo ricorda con affetto il primo bacio con il suo grande amore Federico Fellini a "Che Fuori Tempo che fa" di Fabio Fazio: “Mi ha baciato, era una cosa che sognavo e alla fine sono svenuta. Meno male che ero in camerino e sono caduta sul lettino. Federico poi mi disse: ma come? una come te che sviene per un bacio? Che bamboccia…” Ma il celebre regista non è stato l'unico uomo della sua vita: "Ho avuto molti uomini, anche Betitno Craxi, ma l'amore [...]

&id=HPN_Filmografia+di+Federico+Fellini_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Filmografia{{}}di{{}}Federico{{}}Fellini" alt="" style="display:none;"/> ?>