Fiorello H La Guardia

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Fiorello H La Guardia. Cerca invece Fiorello.

Vedi anche

Salemi
In rilievo

Salemi

Fiorello LaGuardia

La scheda: Fiorello LaGuardia

Fiorello Henry La Guardia, nato Fiorello Enrico La Guardia (New York, 11 dicembre 1882 – New York, 20 settembre 1947), è stato un politico statunitense di origini italiane.
Era amichevolmente soprannominato "the Little Flower", sia come traduzione inglese del suo nome sia in riferimento alla sua bassa statura (1,57m).



Fiorello La Guardia:
99º Sindaco di New York:
Durata mandato: 1º gennaio 1934 - 31 dicembre 1945
Predecessore: John P. O'Brien
Successore: William O'Dwyer
Membro della Camera dei Rappresentanti - New York, distretto n.20:
Durata mandato: 4 marzo 1923 - 3 marzo 1933
Predecessore: Isaac Siegel
Successore: James J. Lanzetta
Membro della Camera dei Rappresentanti - New York, distretto n.14:
Durata mandato: 4 marzo 1917 - 31 dicembre 1919
Predecessore: Michael F. Farley
Successore: Nathan D. Perlman
Dati generali:
Partito politico: Repubblicano
Tendenza politica: Liberal, progressista
Professione: Avvocato, procuratore
Firma:

Pence a Monaco:'America ora guida mondo'

Pence a Monaco:'America ora guida mondo'

(ANSA) – BERLINO, 16 FEB – “L’America è più forte che mai prima, e guida il mondo una volta di più”. Lo ha detto il vicepesidente americano Mike Pence, a Monaco. Pence ha rivendicato ancora una volta un maggiore impegno nelle spese per la Nato da parte degli alleati. I Paesi che oggi nell’Alleanza versano il 2% del Pil sono raddoppiati, ha anche aggiunto, e questo è il risultato delle richieste di Donald Trump, che ha aumentato le proprie spese [...]

Siria: Pence, preso ultimo bastione Isis

Siria: Pence, preso ultimo bastione Isis

(ANSA) – NEW YORK, 16 FEB – “Mentre sono qui davanti a voi, sul fiume Eufrate l’ultimo tratto di territorio dove una volta la bandiera nera dell’Isis sventolava è stato catturato”. Lo afferma il vice presidente americano Mike Pence, intervenendo alla conferenza di Monaco.

EVENTI: Fiorello LaGuardia

Nel 1944 sua sorella maggiore, Gemma La Guardia Gluck, che viveva in Ungheria, identificata come sorella di Fiorello fu arrestata dai nazisti assieme al marito (anch'egli ebreo), alla figlia e al genero e al nipotino.

Nel 1910 inizia a esercitare la professione legale e, nel 1915, diventa Assistente Procuratore Generale di New York.

Nel febbraio del 1943 La Guardia ritiene sia suo dovere chiedere a Roosevelt di poter tornare in servizio attivo nelle Forze Armate col grado di generale di brigata, ma il Presidente respinge la richiesta, considerando fondamentale l'appoggio che riceve da La Guardia come sindaco, soprattutto per tutta la rete di relazioni certe e affidabili, al di sopra dei partiti che La Guardia gli mette a disposizione.

Nel 1946, il presidente Harry Truman lo nomina Direttore dell'UNRRA (United Nations Relief and Rehabilitation Administration).

Nel maggio del 1945 La Guardia annuncia che non si candiderà per un quarto mandato, prima di ritirarsi legge alla radio i fumetti ai ragazzi di New York durante uno sciopero dei giornali.

Nel 1916 diventa il primo italo-americano a essere eletto al Congresso degli Stati Uniti d'America come rappresentante del Lower East Side di Manhattan per il partito repubblicano.

Nel 1938 promuove uno studio approfondito sugli effetti del fumo di marijuana, dal momento che in quegli anni il Federal Bureau of Narcotics diretto da Harry Anslinger con un'aspra campagna giornalistica contro la canapa indiana aveva portato alla proibizione della stessa con il Marijuana Tax Act, e nel 1944 pubblica il Rapporto La Guardia.

Leader dem, Trump straccia Costituzione

Leader dem, Trump straccia Costituzione

(ANSA) – WASHINGTON, 15 FEB – “Questa è chiaramente una presa di potere da parte di un presidente deluso e che ha fallito, e che cerca di ottenere quello che vuole al di fuori della legge. E il Congresso non può lasciare che un presidente stracci la Costituzione”: questa la reazione dei leader democratici in Congresso, Nancy Pelosi e Chuck Schumer, dopo la dichiarazione dell’emergenza nazionale al confine col Messico da parte di Donald Trump.

Trump dichiara l'emergenza nazionale a confine col Messico

Trump dichiara l'emergenza nazionale a confine col Messico

Il presidente americano Donald Trump, parlando alla Casa Bianca, ha annunciato la dichiarazione dell’emergenza nazionale al confine con il Messico: “Non e’ solo una questione di promesse elettorali, c’e’ una vera e propria crisi della sicurezza. E dire che il muro non funziona è solo una bugia, una grande bugia”. “Siamo di fronte a un’invasione di droga, di gang, di criminali, di persone, e questo è inaccettabile”, ha detto Trump motivando la [...]

Trump, pena di morte per chi vende droga

Trump, pena di morte per chi vende droga

(ANSA) – WASHINGTON, 15 FEB – Il presidente americano Donald Trump parlando alla Casa Bianca sul traffico di stupefacenti attraverso il confine col Messico si è detto favorevole alla pena di morte per chi vende droga come accade in Cina.

Trump, con Cina accordo molto vicino

Trump, con Cina accordo molto vicino

(ANSA) – WASHINGTON, 15 FEB – “Siamo più vicini che mai ad un accordo con la Cina sulle questioni commerciali”: lo ha detto il presidente americano Donald Trump parlando alla Casa Bianca dopo l’ultima tornata di negoziati a Pechino. “Le relazioni con la Cina sono molto buone e io ho grande rispetto per il presidente Xi Jining”.

Weld primo sfidante rep di Trump in 2020

Weld primo sfidante rep di Trump in 2020

(ANSA) – NEW YORK, 15 FEB – L’ex governatore repubblicano del Massachusetts, Bill Weld, sta valutando di sfidare Donald Trump alle elezioni del 2020. Una decisione legata al fatto – spiega Weld secondo quanto riportano i media americani – che gli Stati Uniti sono in ”grave pericolo”. Se scendesse ufficialmente in campo, Weld sarebbe il primo repubblicano a farsi avanti per sfidare Trump nel 2020.

Trump dichiara emergenza nazionale

Trump dichiara emergenza nazionale

(ANSA) – WASHINGTON, 15 FEB – Il presidente americano Donald Trump parlando alla Casa Bianca ha annunciato la dichiarazione dell’emergenza nazionale al confine con il Messico: “Non e’ solo una questione di promesse elettorali, c’e’ una vera e propria crisi della sicurezza. E dire che il muro non funziona e’ solo una bugia, una grande bugia”.

Mike Pence in visita ad Auschwitz

Mike Pence in visita ad Auschwitz

(ANSA) – VARSAVIA, 15 FEB – Il vicepresidente americano Mike Pence reduce dalla conferenza sul Medio Oriente a Varsavia è oggi in visita al monumento del più grande campo di sterminio nazista Auschwitz-Birkenau, per rendere omaggio alle vittime dell’Olocausto. La visita è iniziata sotto l’ingresso principale al campo con la scritta “Arbeit macht frei” (Il lavoro ti renderà libero) dove Pence, accompagnato dalla moglie e dal presidente polacco [...]

Trump, legge antishutdown ed emergenza

Trump, legge antishutdown ed emergenza

(ANSA) – WASHINGTON, 14 FEB – Donald Trump non cede sul muro col Messico, una delle sue principali promesse elettorali che vuole mantenere in vista della sua rielezione nel 2020. Per questo, dopo aver firmato l’accordo bipartisan anti shutdown che non finanzia quel muro, dichiarerà una emergenza nazionale che gli consentirà di reperire fondi bypassando il Congresso. Ad anticipare le mosse del presidente è stato Mitch McConnell, leader dei repubblicani [...]

FOTO: Fiorello LaGuardia

Fiorello La Guardia tra due ufficiali italiani di fronte a un Ca.44, 1918 circa

Fiorello La Guardia tra due ufficiali italiani di fronte a un Ca.44, 1918 circa

Bezos e Bloomberg i re della filantropia

Bezos e Bloomberg i re della filantropia

(ANSA) – NEW YORK, 14 FEB – Jeff Bezos e Michael Bloomberg sono i maggiori filantropi americani, avendo staccato assegni rispettivamente per 2 miliardi di dollari e per 767 milioni di dollari nel 2018. E’ quanto emerge da Philanthropy 50, la classifica annuale dei 50 maggiori donatori americani stilata da The Chronicle of Philantrophy. Al terzo posto si piazza il fondatore di eBay Pierre Omidyar che, con sua moglie, ha donato 392 milioni. Il co-fondatore di [...]

Mo: Pence,Teheran pericolo maggiore pace

Mo: Pence,Teheran pericolo maggiore pace

(ANSA) – VARSAVIA, 14 FEB – Il pericolo maggiore per la pace nel Medio Oriente è la Repubblica islamica dell’Iran ed è questa la convinzione, che hanno espresso tutti i leader di questa regione presenti nella conferenza di Varsavia. Lo ha detto Mike Pence, vicepresidente americano, intervenendo al summit. Secondo Pence, il regime di Teheran è il principale sponsor del terrorismo nel mondo, è contro la libertà di parola, opprime le minoranze, tratta [...]

Dazi Cina, Trump valuta rinvio 60 giorni

Dazi Cina, Trump valuta rinvio 60 giorni

(ANSA) – WASHINGTON, 14 FEB – Donald Trump sta valutando l’ipotesi di estendere di 60 giorni la scadenza per imporre nuovi dazi su 200 miliardi di dollari di beni made in China, per permettere ai negoziati con Pechino di dare i risultati auspicati. Lo riporta l’agenzia Bloomberg citando fonti vicine alle trattative. L’attuale scadenza, stabilita a suo tempo nell’incontro tra il presidente americano e quello cinese Xi Jnping, è fissata per il primo [...]

Bloomberg mette 500 mln contro Trump

Bloomberg mette 500 mln contro Trump

(ANSA) – NEW YORK, 13 FEB – L’ex sindaco di New York Michael Bloomberg e’ pronto a sborsare 500 milioni di dollari della sua fortuna per bloccare un potenziale secondo mandato alla Casa Bianca del presidente Donald Trump. Lo rivela il sito Politico. Se si candidera’ alle presidenziali del 2020 il miliardario filantropo usera’ quei soldi (circa 175 milioni in più di quanto la campagna di Trump ha speso in tutte le presidenziali del 2016) per finanziare [...]

Trump pensa a firma intesa anti-shutdown

Trump pensa a firma intesa anti-shutdown

(ANSA) – NEW YORK, 13 FEB – Il presidente Donald Trump intende firmare l’accordo per la sicurezza la confine con il Messico per evitare un nuovo shutdown. Lo riporta la Cnn citando fonti vicine al presidente. Il Congresso deve approvare il provvedimento e Trump firmarlo entro venerdì per evitare che scatti una nuova paralisi.

Trump, non ci sarà un altro shutdown

Trump, non ci sarà un altro shutdown

(ANSA) – WASHINGTON, 12 FEB – “Non penso che ci sarà uno shutdown. Se ci sarà, sarà colpa dei democratici”: lo ha detto il presidente americano Donald Trump, dicendosi non soddisfatto sul testo dell’accordo bipartisan raggiunto in Congresso.

Trump a El Paso: oggi iniziamo a costruire un bellissimo muro

Trump a El Paso: oggi iniziamo a costruire un bellissimo muro

El Paso, 12 feb. (askanews) - In campagna elettorale a El Paso, città di confine con il Messico, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha insistito sulla necessità del muro alla frontiera tra i due Paesi per "salvare vite umane", pur rimanendo evasivo sulle delicate trattative in corso al Congresso sul dossier immigrazione. "Avete sentito bene? Oggi abbiamo iniziato un grande bellissimo muro a ridosso del Rio Grande... Proprio sul Rio Grande. Amo questo [...]

Usa 2020: Trump punge Klobuchar

Usa 2020: Trump punge Klobuchar

(ANSA) – WASHINGTON, 11 FEB – Donald Trump ha un tweet per ogni candidato dem alla Casa Bianca nel 2020: “Bene, è successo ancora. Amy Klobuchar ha annunciato che sta correndo per diventare presidente, parlando orgogliosamente di combattere il riscaldamento globale mentre stava in una tempesta di neve, ghiaccio e temperature glaciali. Brutta scelta di tempi. Alla fine del suo discorso sembrava un pupazzo di neve (pupazza)!”, ha ironizzato sulla senatrice [...]

Trump, i dem vogliono un nuovo shutdown

Trump, i dem vogliono un nuovo shutdown

(ANSA) – WASHINGTON, 10 FEB – Donald Trump accusa l’opposizione di volere un altro shutdown dopo una “bruttissima settimana per i dem, con i grandi numeri dell’economia, il disastro della Virginia (per le accuse di razzismo e molestie a tre alti dirigenti del partito, ndr) e il discorso sullo stato dell’Unione”. “Ora, con la terribile offerta che stanno facendo alla commissione sui confini, credo davvero che vogliano uno shutdown. Vogliono un nuovo [...]

Bloomberg,Trump presidente piu' xenofobo

Bloomberg,Trump presidente piu' xenofobo

(ANSA) – WASHINGTON, 10 FEB – “La storia americana e il sogno americano sono sotto attacco da parte del nostro presidente americano. Difficile da credere, ma il piu’ xenofobo presidente della nostra vita arriva dalla capitale dell’immigrazione degli Stati Uniti, New York city”: il miliardario Michael Bloomberg, ex sindaco della Grande Mela, ha attaccato cosi’ Donald Trump in un suo intervento a Miami (Florida) che e’ sembrato un test della sua [...]

&id=HPN_Fiorello_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Fiorello{{}}H*{{}}La{{}}Guardia" alt="" style="display:none;"/> ?>