Fiscaglia

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Music
In rilievo

Music

Fiscaglia

La scheda: Fiscaglia

Fiscaglia (Fiscàja in dialetto ferrarese) è un comune sparso di 9 031 abitanti della provincia di Ferrara in Emilia-Romagna.
È stato istituito il 1º gennaio 2014 dalla fusione dei comuni di Massa Fiscaglia, Migliarino e Migliaro, che ne costituisce il capoluogo. Fa parte dell'Unione Delta del Po.



Fiscaglia comune:
Localizzazione:
Stato:  Italia
Regione: Emilia-Romagna
Provincia: Ferrara
Amministrazione:
Sindaco: Sabina Mucchi (lista civica Fiscaglia futura) dal 25-5-2014
Data di istituzione: 1º gennaio 2014
Territorio:
Coordinate: 44°46′15″N 11°56′05″E / 44.770833°N 11.934722°E44.770833, 11.934722 (Fiscaglia)Coordinate: 44°46′15″N 11°56′05″E / 44.770833°N 11.934722°E44.770833, 11.934722 (Fiscaglia)
Altitudine: 3 m s.l.m.
Superficie: 116,18[6] km²
Abitanti: 9 031[7] (31-12-2016)
Densità: 77,73 ab./km²
Frazioni: Bassa Cornacervina, Massa Fiscaglia, Migliarino, Migliaro (sede comunale), Tieni Località: Canove, Cascina, Gallumara, Valcesura[2][3][4]
Comuni confinanti: Codigoro, Jolanda di Savoia, Lagosanto, Ostellato, Tresigallo
Altre informazioni:
Cod. postale: 44027
Prefisso: 0533
Fuso orario: UTC+1
Codice ISTAT: 038027
Cod. catastale: M323
Targa: FE
Cl. sismica: zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti: fiscagliesi
Patrono: Madonna della Corba[5]
Giorno festivo: 13 maggio
Cartografia:
Fiscaglia
Posizione del comune di Fiscaglia nella provincia di Ferrara
Modifica dati su Wikidata · Manuale
Nel 1598, con la fine del dominio Estense, i territori dei Comuni di Massa di Fiscaglia e Migliaro (quest'ultimo istituito nel 1577) entrarono a far parte dello Stato Pontificio, fino all'ottobre del 1796 con la costituzione della Repubblica Cispadana.
Nonostante gli sforzi per gli arginamenti e la cura dei canali, un peggioramento delle condizioni climatiche nel XVI-XVII secolo, assieme ai fenomeni di subsidenza, riportarono diversi territori circostanti, mai completamente bonificati, in uno stato semi paludoso, sebbene in condizioni relativamente migliori rispetto al VI-VII secolo, periodo di grandi sconvolgimenti idrici nella pianura padana, come la rotta della Cucca.
In questo lungo periodo di progressivi cambiamenti climatici, due furono gli avvenimenti che incisero drasticamente sulla rete idrografica ferrarese. Il primo fu il sisma 17 novembre del 1570: se durante tutto il dominio della signoria Estense il braccio principale del Po scorreva per Ferrara per poi dividersi nei rami di Volano e Primaro, successivamente l'acqua prese a incanalarsi con forza nel ramo di Venezia (allora Po di Corbola o Po del Mazzorno), fino ad allora marginale nell'immensità del delta. Il secondo degli avvenimenti fu il Taglio di Porto Viro iniziato nel 1600, col quale il ramo di Venezia diventò definitivamente il braccio principale del Po e si determinò il quasi completo interramento del ramo di Primaro e una forte riduzione della portata del ramo di Volano, rendendolo poco utilizzabile per la navigazione di grandi imbarcazioni.
Come si può cogliere una mappa del 1570, riportata qui a lato, la valle Padusa isolava a sud il territorio ferrarese, mentre Pomposa e Comacchio non erano quasi collegate con la terraferma. Se si esclude l'isola della Corba e i dossi fluviali, la quasi totalità dei terreni sud e a est di Migliaro erano in stato paludoso o semipaludoso.
La costituzione nel 1605 del "Consortium di San Giorgio" e gli interventi del cardinale Sigismondo Chigi del 1673 (unita ad una sua riforma mirata ad alleggerire il carico della tassazione sulla comunità), migliorarono un poco la situazione. Nel frattempo l'economia della zona, da una tipologia mista agricola e valligiana, con i contributi derivati dal commercio fluviale e dall'avamposto militare/doganale di Tieni, si era portata ad una tipologia principalmente valligiana, la quale non poteva assicurare un sostentamento pari al precedente. Proseguì il declino della popolazione, già iniziato nel periodo rinascimentale. Se negli statuti comunali nel 1219 si può leggere che erano presenti 700 famiglie che, con approssimativamente 3-4 persone per focolare, fanno ipotizzare più di 2 500 persone, nel 1786 erano scese a 1 583. Scompaiono anche la pieve di S. Vitale, la chiesa di San Margherita, l'abbazia di S. Marco di Valcesura nel 1600, il seminario della collegiata di Massa Fiscaglia nel 1766 ed alcuni oratori.
Dal 9 febbraio al 4 luglio 1849 ci fu il breve governo della Repubblica romana prima della restaurazione dello Stato Pontificio, mentre il 21 giugno 1859 l'Emilia Romagna entrerà a far parte del Regno di Sardegna fino ad arrivare all'unità d'Italia.

L'aspetto e l'economia della zona mutò in modo radicale con le grandi opere di bonifica rese possibili dall'introduzione e l'utilizzo su larga scala, negli anni seguenti all'unificazione dell'Italia, delle idrovore a vapore per il sollevamento meccanico delle acque.
Due dei primi grandi impianti del ferrarese, che da subito incisero in modo radicale sulla morfologia del territorio fiscagliese, furono lo stabilimento idrovoro di Marozzo a Lagosanto, collaudato nel 1874, per la bonifica di Valle Gallare (successivamente collegato alle valli Trebba e Ponti) e lo stabilimento idrovoro di Codigoro, costruito tra il 1873 e il 1875, entrambi basati sulla tecnica di sollevamento per pompaggio e lo scarico nel Po di Volano (acque alte) dei deflussi raccolti da un'ampia rete a giacitura più bassa (acque basse).
Agli impianti di sollevamento si affiancarono gli sforzi normativi. Alla "Legge Lanza" del 1865, che disciplinava l'organizzazione degli enti territoriali, permettendo la delega da parte dello Stato dei compiti e attività di interesse nazionale (sicché l'Assunteria di Massafiscaglia, attraverso il Consorzio di Bonifica, poté avviare i lavori per gli impianti idrovori), seguì la Legge n. 2605 del 1875 (con quale iniziò la Grande Bonifica Ferrarese più a nord, nella valle di Ambrogio), la "Legge Baccarini" del 1882 (che mirava a vincere la malaria operando un vasto piano di bonifiche) e la Legge n.752 del 1908 ("legge Melli").
La prima grande bonifica fu quella della valle Volta (1756 ettari), iniziata nel 1874, seguita da valle Gallare (3700 ettari), alle quali si aggiunsero le adiacenti valli Provane, Raino e Dossi. I terreni liberati dalla prima valle però finirono col diventare proprietà dei Pavanelli, agiata famiglia borghese che tanto influenzò l'economia locale, che la rivendette subito all'ing. Girolamo Chizzolini di Milano, il quale ottenne la proprietà, congiuntamente con i banchieri viennesi Schanzer e Klein, anche dei terreni di valle Gallare. Negli anni successivi passarono ad altri grandi proprietari terrieri o grosse società, senza mai interessare la gran massa degli abitanti della zona, la stessa impegnata dalle opere di bonifica, la quale si vide privata anche dalle forme di sostentamento valligiane e costretta ad impegnarsi nel lavoro agricolo sotto i nuovi grandi proprietari. Ne conseguirono violente agitazioni sociali che squarciarono la vita comunitaria.
Le proteste continuarono negli anni e si espansero nelle zone circostanti, esasperate anche dalla contestuale depressione del 1873-1895 che determinò un costante calo degli occupati nel settore agricolo. Tuttora l'impegno sociale e politico del ferrarese orientale, rivolto spiccatamente verso i partiti di sinistra, è uno dei più alti d'Italia.
Nonostante le profonde trasformazioni economico-culturali e le tensioni sociali, la popolazione complessiva crebbe notevolmente in seguito alle bonifiche, passando da 6 023 nel 1861, a 8 713 nel 1881, a 14 670 nel 1921 e a 19 103 nel 1951, a dispetto delle epidemie di colera del 1886 e di influenza spagnola nel 1919 e delle due guerre mondiali.
L'ultima grande bonifica ferrarese interessò la valle del Mezzano tra il 1956 e il 1964. La popolazione raggiunse il suo massimo negli anni cinquanta del novecento, per poi crollare in seguito ai cambiamenti economici e sociali di quegli anni, che ridimensionarono le economie di tipo agricolo e valligiano, incoraggiando una forte emigrazione verso altre aree maggiormente sviluppate. Infatti la parte orientale del ferrarese non fu interessata da insediamenti industriali di rilievo, forse causa la scarsità delle vie di comunicazione. Priva di autostrade (la A13 passa a Ferrara), tuttora le uniche direttrici nord-sud sono la strada provinciale 68 R di Codigoro e l'antica via consolare Romea, ora strada statale.

deleted

deleted

deleted

deleted

Migliarino Pisano (PI): David Parra

Dal 13/08/2014 al 13/09/2014   Dal 13 agosto al 13 settembre 2014, presso i Magazzini Lisabetta Salviati per l'arte, via dei Pini, Migliarino Pisano, è visitabile la mostra A secret chamber di Gioni David Parra. Una stanza segreta. Una chiave che va cercata. Una caccia al tesoro che diviene unico modo per esperire le nuove opere dell’artista Gioni David Parra, utopiche, in transito, già in viaggio verso altri luoghi d’oltremare. Mistero e ricerca sono gli [...]

Utensili E Attrezzature di Migliarino

Utensili E Attrezzature si trova a Migliarino in provincia di Pisa.Citta': MigliarinoIndirizzo: Via Canapiglia, 13Cap: 56019Provincia: PisaNum. di telefono: ************ var address = "Migliarino,Pisa"; var map; var directionsDisplay = new google.maps.DirectionsRenderer(); var displayMap = false; function initialize() { var myLatlng = new google.maps.LatLng(41.1121, 12.131); var myOptions = { zoom: 5, center: myLatlng, mapTypeId: google.maps.MapTypeId.HYBRID }; map [...]

Agriturismo Fattoria di Migliarino Migliarino

Agriturismo Fattoria di Migliarino si trova a Migliarino in provincia di Pisa, all'indirizzo Via dei Pini 255.Agriturismo Fattoria di MigliarinoCittà: MigliarinoIndirizzo: Via dei Pini 255Provincia: PisaCap: 56019Telefono: 050/803170 function initialize() { directionsDisplay = new google.maps.DirectionsRenderer(); var myLatlng = new google.maps.LatLng(43.76638, 10.33583);var myOptions = { zoom: 8, center: myLatlng, mapTypeId: google.maps.MapTypeId.HYBRID }; map = [...]

Utensili E Attrezzature di Migliarino

Utensili E Attrezzature si trova a Migliarino in provincia di Pisa.Citta': MigliarinoIndirizzo: Via Canapiglia, 13Cap: 56019Provincia: PisaNum. di telefono: ************ var address = "Migliarino,Pisa"; var map; var directionsDisplay = new google.maps.DirectionsRenderer(); var displayMap = false; function initialize() { var myLatlng = new google.maps.LatLng(41.1121, 12.131); var myOptions = { zoom: 5, center: myLatlng, mapTypeId: google.maps.MapTypeId.HYBRID }; map [...]

Villa Taranto - Pallanza

Villa Taranto - Pallanza

Villa Taranto

Il corpo non ha più confini liberato dalla luce e dal movimento Boldini dialoga con Focault

Il corpo non ha più confini liberato dalla luce e dal movimento Boldini dialoga con Focault

HENRI FOUCAULT Arte contemporanea Offside Boldini dialoga con Focault  Henri Foucault,  scultore e fotografo francese,  espone da oggi 13 aprile i suoi "corpi splendenti" a Palazzo dei Diamanti Ferrara in contemporanea alla mostra Boldini e la moda del ritrattista  estense della Belle epoque  con cui si pone in un dialogo sulla luce tra passato e presente nei  diversi linguaggi espressivi a partire dalla traccia luminosa che Foucault  dedica alla [...]

Cassazione e Tribunale del Lavoro di Ferrara sgretolano il “muro” della esclusivita’ dei ccnl di Cgil, Cisl e Uil

Cassazione e Tribunale del Lavoro di Ferrara sgretolano il “muro” della esclusivita’ dei ccnl di Cgil, Cisl e Uil

Sentenze 08 Aprile 2019 RELAZIONI INDUSTRIALI Cassazione e Tribunale del Lavoro di Ferrara sgretolano il “muro” della esclusivita’ dei ccnl di Cgil, Cisl e Uil Con la sentenza n. 4951 del 2019, la Suprema Corte di Cassazione è intervenuta in materia di garanzia dei minimi di retribuzione per i lavoratori dipendenti dalle cooperative. Con tale pronunzia la Suprema Corte ha ribadito un principio già contenuto nella sentenza 51/2015 della Corte [...]

"Boldini e la moda": la Belle Epoque è in mostra a Ferrara

"Boldini e la moda": la Belle Epoque è in mostra a Ferrara

G. Boldini, Glady Deacon Fino al 2 giugno 2019, a Palazzo dei Diamanti di Ferrara, è aperta la mostra Boldini e la moda. Ovviamente non è un azzardo associare il nome di Boldini a quello di un mondo effimero come la moda giacché nessuno più di lui seppe rappresentare la Belle Epoque, la raffinata élite del suo tempo. G. Boldini, Fuoco d'artificio Più di cento ritratti (tra i quali anche quelli di Degas, Manet, Seurat) impreziosiscono il percorso, lungo cui [...]

Giacomo Leopardi, il ‘giovane favoloso’ Itinerario leopardiano in quattro incontri, a cura di Fiorenzo Baratelli (presidente dell’Istituto Gramsci di Ferrara)

Giacomo Leopardi, il ‘giovane favoloso’ Itinerario leopardiano in quattro incontri, a cura di Fiorenzo Baratelli (presidente dell’Istituto Gramsci di Ferrara) 1) Venerdì 5 aprile, ore 21 “Riflessioni sulla vita di Giacomo Leopardi”. “Ecco entrare il Conte Giacomo Leopardi. Tutti ci levammo in piè. Tutti gli occhi erano sopra di lui. Quel colosso della nostra immaginazione ci sembrò, a primo sguardo, una meschinità. In quella faccia emaciata e [...]

Il Po in secca, meno 300 milioni di metri cubi d’acqua.

Il Po in secca, meno 300 milioni di metri cubi d’acqua.

Il pò in secca Il Po in secca, meno 300 milioni di metri cubi d’acqua. Grave siccità nel Nord Italia, situazione difficile per il Po e il Lago Maggiore. E’ una siccità record quella che sta colpendo in questi giorni il nord Italia. A soffrire è l’agricoltura, ormai a secco, e i maggiori bacini d’acqua quasi prosciugati. Particolarmente grave è la situazione del lago Maggiore, [...]

Po' esse' che domani vinco al Superenalotto ?

"boh."

Rispondi

FOTO: Fiscaglia

Torre di Tieni, torre difensiva e doganale, eretta dagli Estensi in difesa dagli attacchi dei Veneziani

Torre di Tieni, torre difensiva e doganale, eretta dagli Estensi in difesa dagli attacchi dei Veneziani

Le paludi e le isole formate dalle alluvioni del Po secondo una carta del 1568.

Le paludi e le isole formate dalle alluvioni del Po secondo una carta del 1568.

Il territorio ferrarese nel 1570.

Il territorio ferrarese nel 1570.

Valle di Canneviè a Codigoro, tipica zona umida.

Valle di Canneviè a Codigoro, tipica zona umida.

Scariolanti al lavoro per elevare un argine.

Scariolanti al lavoro per elevare un argine.

Chiesa dei Santi Pietro e Giacomo, a Massa Fiscaglia.

Chiesa dei Santi Pietro e Giacomo, a Massa Fiscaglia.

Palazzo del Vescovo, a Massa Fiscaglia.

Palazzo del Vescovo, a Massa Fiscaglia.

Flavio Insinna e il fuorionda violento, Rocchetta poteva licenziarlo

Flavio Insinna e il fuorionda violento, Rocchetta poteva licenziarlo

La Co.ge.di., proprietaria dei marchi Uliveto, Rocchetta e Brio Blu, aveva ragione a licenziare il conduttore Flavio Insinna da sponsor. Perché il fuorionda del novembre 2016 - diffuso da “Striscia la notizia” qualche mese dopo - in cui il presentatore di “Affari tuoi” aveva pronunciato frasi volgari e una bestemmia, riporta un comportamento che rende legittima la risoluzione del contratto. Una decisione impugnata da Insinna, giudicata legittima dal [...]

Flavio Insinna e il fuorionda violento, Rocchetta poteva licenziarlo

Flavio Insinna e il fuorionda violento, Rocchetta poteva licenziarlo

La Co.ge.di., proprietaria dei marchi Uliveto, Rocchetta e Brio Blu, aveva ragione a licenziare il conduttore Flavio Insinna da sponsor. Perché il fuorionda del novembre 2016 - diffuso da “Striscia la notizia” qualche mese dopo - in cui il presentatore di “Affari tuoi” aveva pronunciato frasi volgari e una bestemmia, riporta un comportamento che rende legittima la risoluzione del contratto. → PERDERE PESO CON LA DIETA 2 SETTIMANE → Dimagrire [...]

Addio a don Roberto Sardelli, il sacerdote degli ultimi. Un Prete vero. Andò a vivere nelle baracche di Roma per aiutare i più poveri.

Addio a don Roberto Sardelli, il sacerdote degli ultimi. Un Prete vero. Andò a vivere nelle baracche di Roma per aiutare i più poveri.

        .   seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping   .     Addio a don Roberto Sardelli, il sacerdote degli ultimi. Un Prete vero. Andò a vivere nelle baracche di Roma per aiutare i più poveri.   È morto Don Sardelli, il prete degli ultimi: salvò con la cultura i ragazzi delle baraccopoli di Roma - Allievo di Don Milani, si trasferì nel 1968 in una baraccopoli dove visse per anni, insegnando ai ragazzi. È morto Roberto Sardelli, [...]

Il Corpo Vigili Giurati rimarrà a Ferrara e vuole assumere

Il Corpo Vigili Giurati rimarrà a Ferrara e vuole assumere

Attualità Lun 18 Feb 2019 Il Corpo Vigili Giurati rimarrà a Ferrara e vuole assumere In tre mesi di subentro a Securpol già 600 nuovi clienti. “Assumeremo nuovo personale, chi cerca un'azienda solida venga a lavorare per noi” Il Corpo Vigili Giurati Spa rimarrà a Ferrara. Dopo tre mesi di subentro da parte dell’azienda fiorentina alla Securpol Srl di Ferrara, il gruppo – uno dei principali operatori del settore nel Centro Italia per la fornitura [...]

Ristorante Castelli Cena Primi Piatti Colli Euganei Rovolon

Ristorante Castelli Cena Primi Piatti Colli Euganei Rovolon

Cena Dedicata ai Primi Piatti 2019 Come di Consuetudine il Ristorante Ai Castelli di Rovolon vi invita alle famose cene a tema a scopo promozionale . Sabato 23-03-2019 dalle ore 20,30 Circa MENU’ BAMBINI PASTA Sugo -COTOLETTA PATATE FRITTE- € 15,00 – CENA A SCOPO PROMOZIONALE DURANTE IL SERVIZIO NON VERRANNO EVASE VARIAZIONI ALLE PORTATE Gradita La Prenotazione DURANTE IL SERVIZIO NON VERRANNO EVASE VARIAZIONI ALLE PORTATE

Impianti Dentali, Cosa Sono e da chi Andare

Impianti Dentali, Cosa Sono e da chi Andare

Gli impianti Dentali sono sostanzialmentecome riporta wikipedia: "Un dispositivo medico di tipo chirurgico utilizzato per riabilitare funzionalmente ed esteticamente la perdita o la mancanza congenita di uno o più denti, permettendo il sostegno di un sostituto protesico tramite il supporto diretto dell'osso grazie a un processo biologico noto come osteointegrazione; può essere inserito sia nella mandibola che nella mascella." Sostanzialmente una protesi inserita [...]

Comunità Terapeutica per Alcolisti Ferrara

Comunità Terapeutica per Alcolisti Ferrara

Hai Bisogno di una Comunità Terapeutica per Alcolisti che Interviene Anche a Ferrara? Sei alla Ricerca di una Soluzione Definitiva per Risolvere un Problema di Alcolismo? Chiama Subito il Numero Verde Gratuito 800 178 796?—?Attivo 24 ore su 24–7 giorni su 7 La Comunità Narconon Gabbiano, operativa dal 1988, non è la classica comunità terapeutica, ma una comunità di recupero per alcolisti specializzata nella disintossicazione e riabilitazione [...]

deleted

deleted

Centro per Disintossicarsi dal Metadone Ferrara

Centro per Disintossicarsi dal Metadone Ferrara

Sei alla Ricerca di un Centro per Disintossicarsi dal Metadone che Interviene a Ferrara? Chiama Subito il Numero Verde 800 178 796 e Mettiti in Contatto con il Centro Narconon Gabbiano. Il Centro per Disintossicarsi dal Metadone Narconon Gabbiano, operativo dal 1988, interviene anche a Ferrara ed ha permesso a migliaia di persone di risolvere un problema di dipendenza da metadone. Ferrara è una città contraddistinta da una storia antichissima e da una [...]

deleted

deleted

Centro per Disintossicarsi dall’Eroina Ferrara

Centro per Disintossicarsi dall’Eroina Ferrara

Cerchi un Centro per Disintossicarsi dall’Eroina che interviene anche a Ferrara? Chiama Subito il Numero Verde 800 178 796. Il Centro per Disintossicarsi dall'Eroina Narconon Gabbiano interviene anche a Ferrara ed ha aiutato migliaia di persone a risolvere definitivamente un problema di tossicodipendenza. Recarsi a Ferrara vuol dire fare un viaggio nell’eleganza dell’architettura e delle opere d’arte, massima espressione del periodo medioevale e [...]

Centro per Disintossicarsi dalla Cocaina Ferrara

Centro per Disintossicarsi dalla Cocaina Ferrara

Sei alla Ricerca di un Centro per Disintossicarsi dalla Cocaina che Interviene a Ferrara? Chiama Subito il Numero Verde 800 178 796 e Mettiti in Contatto con il Centro Narconon Gabbiano. Il Centro per Disintossicarsi dalla Cocaina Narconon Gabbiano, operativo dal 1988, interviene anche a Ferrara ed ha aiutato migliaia di persone ad uscire dal tunnel della dipendenza da cocaina in modo definitivo. A causa dell'uso di cocaina, a Ferrara sono stati [...]

deleted

deleted

&id=HPN_Fiscaglia_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Fiscaglia" alt="" style="display:none;"/> ?>