French Resistance members

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Max Biaggi
In rilievo

Max Biaggi

La scheda: Ernest Hemingway

Ernest Miller Hemingway (Oak Park, 21 luglio 1899 – Ketchum, 2 luglio 1961) è stato uno scrittore e giornalista statunitense. Fu autore di romanzi e di racconti.
Soprannominato Papa, fece parte della comunità di espatriati americani a Parigi durante gli anni venti, conosciuta come "la Generazione perduta" e da lui stesso così chiamata nel suo libro di memorie Festa mobile, ispirato da una frase di Gertrude Stein. Condusse una vita sociale turbolenta, si sposò quattro volte e gli furono ...

Alessandra Appiano come Ernest Hemingway. Due vite, lo stesso destino

Alessandra Appiano come Ernest Hemingway. Due vite, lo stesso destino

Il destino di Alessandra Appiano ha una inquietante analogia con quello dello scrittore americano Ernest Hemingway. Anche lui soffriva di depressione. Ricoverato in ospedale e trattato con l'elettroshock, riuscì a convincere i medici di sentirsi meglio e ottenne di farsi dimettere. Invece, giunto a casa, caricò un fucile e si sparò un colpo in bocca. Che lo scrittore fosse affascinato dalla morte lo si evinse da una frase che lui stesso aveva scritto poco prima [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

.-UmanesimoPlanetario|Appunti|Morin

.-UmanesimoPlanetario|Appunti|Morin

  "È meglio una testa ben fatta che una testa ben piena". Edgar Morin sostiene che "la cultura, ormai, non solo è frammentata in parti staccate, ma anche spezzata in due blocchi": da una parte la cultura umanistica "che affronta la riflessione sui fondamentali problemi umani, stimola la riflessione sul sapere e favorisce l'integrazione personale delle conoscenze", dall'altra, la cultura scientifica che "separa i campi della conoscenza, suscita [...]

Festa mobile-Ernest Emingway

Festa mobile-Ernest Emingway

Festa mobile-Ernest Hemingway Festa mobile-Ernest Hemingway   Festa mobile-Ernest Emingway. Festa mobile (Oscar scrittori moderni Vol. 752) Il fantasma di Parigi, dove Hemingway soggiornò tra il 1921 e il 1928, accompagnò lo scrittore per tutta la vita, tornandogli prepotentemente alla mente soprattutto a partire dal 1957 quando, ormai malato, si fece urgente il bisogno di dedicare a [...]

Beckett sempre.

Beckett sempre.

Siamo contenti. E che facciamo, ora che siamo contenti? Aspettiamo Godot.

Albert Camus

 "Non camminare dietro a me,potrei non condurti.Non camminarmi davanti,potrei non seguirti.Cammina soltanto accanto a mee sii mio amico."(Albert Camus)  Albert Camus è stato uno scrittore, filosofo, saggista, drammaturgo ed attivista francese.Con la sua multiforme opera è stato in grado di descrivere e comprendere la tragicità di una delle epoche più tumultuose della storia contemporanea, quella che va dall’ascesa dei totalitarismi al secondo [...]

Le mosche - Jean-Paul Sartre

 (…) ORESTE(accasciato):Dici bene: senza odio. Come senza amore. Tu, avrei potuto amarti. Avrei potuto… Ma che dico? Per amare, per odiare, bisogna darsi. È bello, l'uomo dal sangue ricco, saldamente piantato in mezzo ai suoi beni, che un giorno si dà all'amore, all'odio, e che con sé dà la sua terra, la sua casa e i suoi ricordi. Chi sono, io, e che ho da dare, io? Esisto appena fra i fantasmi che gironzolano oggi per la città, nessuno è più fantasma [...]

Jean-Paul Sartre dal libro "La nausea"

Il mondo... questo grosso essere assurdo. Non ci si poteva nemmeno domandare da dove uscisse fuori, tutto questo, n� come mai esisteva un mondo invece che niente. Non aveva senso, il mondo era presente dappertutto, davanti, dietro. Non c'era stato niente prima di esso. Niente. Non c'era stato un momento in cui esso avrebbe potuto non esistere. Era appunto questo che m'irritava: senza dubbio non c'era alcuna ragione perch� esistesse, questa larva strisciante. Ma [...]

Jean-Paul Sartre dal libro "La nausea"

Jean-Paul Sartre dal libro "La nausea"

Il mondo... questo grosso essere assurdo. Non ci si poteva nemmeno domandare da dove uscisse fuori, tutto questo, né come mai esisteva un mondo invece che niente. Non aveva senso, il mondo era presente dappertutto, davanti, dietro. Non c'era stato niente prima di esso. Niente. Non c'era stato un momento in cui esso avrebbe potuto non esistere. Era appunto questo che m'irritava: senza dubbio non c'era alcuna ragione perché esistesse, questa larva strisciante. Ma [...]

Mike Zonno presenta a Bari “Et Maintenant”. Conceto dedicato a Gilbert Bécaud

Domenica 26 Marzo viene riproposto a Bari il Concerto “Et Maintenant”, dedicato a Gilbert Bécaud.Saranno reinterpretati i più grandi successi dell'artista (Marie Marie, Mourir a Capri, C’est un Septembre, Nathalie, L’important c’est la Rose) per una serata piena di fascino e poesia con la voce di Mike Zonno e il trio di musicisti: Guido Di Leone alla chitarra, Villy Calabrese al pianoforte e Armando De Cillis al contrabasso.Gilbert Bécaud nel 1961 [...]

Il vecchio e il mare -The old man and the sea E. Hemingway - Alfonso Cusano

Il vecchio e il mare -The old man and the sea E. Hemingway - Alfonso Cusano

Pubblicato il 03 ott 2016 "Il vecchio e il mare" di Ernest Hemingway - 1952. Un altro romanzo della mia gioventù. Riletto adesso che sono un po' più grande. Mi stupisce sempre ...https://www.youtube.com/watch?v=BW8n2SZqfto

LO STRANIERO DI ALBERT CAMUS

Meursault è un impiegato di origini francesi che vive ad Algeri. Il primo incontro del lettore con l’uomo avviene con … Continua a leggere → The post LO STRANIERO DI ALBERT CAMUS appeared first on Pillole di letteratura...

OMAGGIO A EDITH PIAF

    La più famosa "chanson" dell'  "oiseau" EDITH PIAF  ha il titolo di " NON, JE NE REGRETTE RIEN " scritta nel 1956 da Charles DUMONT  ma cantata nel 1960,  la sua voce conquistò subito tutto il mondo. Ho scelto la scena finale del film "La vie en rose" dedicato alla vita della Piaf, dove l'attrice interpreta la canzone in modo sublime, il "primo piano" del volto esprime la fierezza  e la malinconia del brano.           L'ultimo concerto lo fece a [...]

OMAGGIO A EDITH PIAF

    La più famosa "chanson" dell'  "oiseau" EDITH PIAF  ha il titolo di " NON, JE NE REGRETTE RIEN " scritta nel 1956 da Charles DUMONT  ma cantata nel 1960,  la sua voce conquistò subito tutto il mondo. Ho scelto la scena finale del film "La vie en rose" dedicato alla vita della Piaf, dove l'attrice interpreta la canzone in modo sublime, il "primo piano" del volto esprime la fierezza  e la malinconia del brano.           L'ultimo concerto lo fece a [...]

L'autunno...pensiero di Albert Camus

L'autunno...pensiero di Albert Camus

"L'autunno è una seconda primavera dove ogni foglia è un fiore"                                                                            Albert Camus 

Il cinema o l'uomo immaginario. Saggio di antropologia sociologica di Edgar Morin (Cortina Raffaello)

Morin evidenzia qui il legame strutturale tra cinema e immaginario, descrivendo il cinema come un meccanismo che riattiva processi profondi della psiche. Elemento intermedio tra reale e fantastico, l’immagine ha un ruolo centrale nella conoscenza. Come spettacolo immaginario, il cinema implica una percezione realizzata in stato di doppia coscienza: l’illusione di realtà è inseparabile dalla coscienza che si tratta effettivamente di un’illusione. In questo [...]

Mike Zonno presenta a Bari “Et Maintenant”, una dedica a Gilbert Bécaud.

Mike Zonno annuncia la presentazione a Bari - il prossimo Mercoledì 6 Aprile – del suo ultimo lavoro musicale, dal titolo “Et Maintenant” dedicato a Gilbert Bécaud. Voce: Mike Zonno; piano Villy Calabrese, contrabbasso Armando de Cillis. Lo strordinario cantante e compositore nato a Tolone, allievo di pianoforte al Conservatorio di Nizza, dopo la guerra stabilisce un sodalizio artistico con Marie Bizet e Maurice Vidali. Il successo arriva quando - durante [...]

&id=HPN_French+Resistance+members_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Category:French{{}}Resistance{{}}members" alt="" style="display:none;"/> ?>