French Roman Catholic writers

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Sistema elettorale
In rilievo

Sistema elettorale

In questa categoria: Onorato Balzac

Honoré de Balzac, nato Honoré Balzac (AFI: 'balzak, Tours, 20 maggio 1799 – Parigi, 18 agosto 1850) è stato uno scrittore, drammaturgo, critico letterario, saggista, giornalista e stampatore francese, considerato fra i maggiori della sua epoca, ed anche il principale maestro del romanzo realista francese del XIX secolo. Scritt...

Biagio Pascal

Blaise Pascal (Clermont-Ferrand, 19 giugno 1623 – Parigi, 19 agosto 1662) è stato un matematico, fisico, filosofo e teologo francese.
Bambino prodigio, fu istruito dal padre. I primi lavori di Pascal sono relativi alle scienze naturali e alle scienze applicate. Contribuì in modo significativo alla costruzione di calcolatori ...

Honoré De Balzac

Se il cuore umano trova qualche istante di riposo nell'elevarsi alle altezze dell'affetto, raramente si arresta sul rapido pendio dei sentimenti di odio. Honoré De Balzac da Papà Goriot

Pascal..

Pascal..

NON CI ACCONTENTIAMO MAI DEL PRESENTE .Anticipiamo il futuro perché tarda a venire, come per affrettarne il corso, o richiamiamo il passato per fermarlo, come se fosse troppo veloce, così, imprudentemente , ci perdiamo i tempi che non ci appartengono e non pensiamo al solo che è nostro, e siamo tanto vani da occuparci di quelli che non sono nulla , fuggendo senza riflettere il solo che esiste. (Blaise Pascal)

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Tesine d'informatica

Sezioni: Home Page Matematica Informatica Links Ecco un elenco di tesine che ho personalmente scritto durante il corso di laurea in matematica, nei diversi corsi di informatica. Sono tutte in formato PDF; in alcune i listati di esempio sono stati messi in un file a parte. Algoritmi di ordinamento - PDF 160 KB con esempi in Pascal Studio delle componenti fortemente connesse di un grafo orientato - PDF 140 KB con esempi in Pascal Studio dei circuiti in una griglia - [...]

Pre de Pascal 12/08/17

Pre de Pascal 12/08/17Ho lasciato i miei pianti alla luna,sognando d' amor carezze leggereperché l' anima mia le forze radunae cancella quelle false chimere.Ai piedi del Gigante verdi pratidi violacei steli trapunti,che perle di rugiada fan preziosi broccati,lasciano il passo ai miei scarponi consunti.Sulla vetta sfavilla la lucee quel raggio di sole rifrantocome amante seducein un amplesso d' incanto.Ed è allora che il cuore la gioia traduce,su nel petto, in un [...]

Honoré de Balzac - La pelle di zigrino

Lo scrittore francese Honoré de Balzac (1799- 1850) visse in età romantica ma rinnovò completamente il romanzo, tanto da essere considerato uno dei primi autori tipici del romanzo realistico e sociale. Sino ad allora il romanzo si era limitato a descriverne i personaggi in modo del tutto psicologico, che non mangiavano, né bevevano, né avevano casa, né conti con il sarto. Le eroine somigliavano a dipinti di acquarelli: capelli dai lunghi riccioli, veste di [...]

Menzogna Romantica e verità romanzesca di René Girard

VitaRené Girard nacque ad Avignone, in Francia, nel 1923.Ha studiato a Parigi all'Ecole des Chartres in cui divenne archivista-paleografo nel 1947. Ha studiato poi negli Stati Uniti dottorandosi in storia nel 1950 all'Indiana University. Divenne "incaricato" in questa stessa università come anche nella Duke University, fu assistente al Bryn College, professore alla State University di New York (Buffalo) e al dipartimento delle lingue romanze dello John's [...]

Menzogna Romantica e verità romanzesca di René Girard

PremessaGirard resta soprattutto legato ad un tentativo che si autodefinisce come un'ipotesi di antropologia generale razionalisticamente protesa ad una 'spiegazione' unitaria dell'insieme dei comportamenti dell'umanità, vale a dire una 'reinterpretazione globale' ove concorrono letteratura, etnologia e psicologia. Credo infatti che se Girard suscita interesse nella cultura contemporanea è proprio per il suo approccio antropologico allo studio della religione e [...]

Menzogna Romantica e verità romanzesca di René Girard

Il sacrificio esige perciò che vi sia un'apparenza di continuità tra la vittima realmente immolata e gli altri esseri umani a cui tale vittima viene sostituita22. Talvolta si assiste però al rovesciamento catastrofico del sacrificio: ad esempio, il vero tema della Follia di Eracle di Euripide - dove Eracle in un momento di follia mentre offre un sacrificio uccide la sua prima moglie Megara ed i figli - è il fallimento di un sacrificio, è la violenza [...]

Menzogna Romantica e verità romanzesca di René Girard

 2. L'eredità di E. DurkheimNell'approccio al fenomeno religioso Girard è debitore della tradizione dell'indirizzo sociologico francese che difficilmente può venir separato da E. Durkheim, orientato ad una 'spiegazione' del religioso entro il quadro sociale. Ecco in breve i punti di contatto e di distacco.La fondazione positivistica delle scienze sociali operata da Durkheim ha influenzato profondamente una delle più importanti tradizioni della sociologia [...]

Menzogna Romantica e verità romanzesca di René Girard

 §3. L'eredità di FreudAlcuni temi portanti del pensiero di Girard - quello della violenza e quello del meccanismo della vittina espiatoria e dei suoi rapporti con la psicologia interindividuale - mostrano, implicitamente o esplicitamente, la loro derivazione da alcune intuizioni del pensiero di Freud. Girard parte dalle tesi freudiane ma poi le supera rimproverando al fondatore della psicoanalisi di aver soltanto intuito la forza operativa della visione [...]

Menzogna Romantica e verità romanzesca di René Girard

Lo studioso francese si interessa anche del passo di Totem e Tabù che riporta l'interpretazione globale di Freud sul genere tragico: "l'eroe della tragedia deve soffrire. Era oberato dalla cosiddetta 'colpa tragica'... Egli deve soffrire perché è il progenitore, l'eroe della grande tragedia primordiale''l21. Sotto molti aspetti questo testo si spinge più avanti in direzione della vittima espiatoria ed intere frasi coincidono con la lettura girardiana: non [...]

Menzogna Romantica e verità romanzesca di René Girard

 5. Conclusione 5.1.L'approccio antropologico di Girard allo studio della religione Negli ultimi decenni c'è stata un'invasione nello studio delle religioni, e di conseguenza anche del rituale e del sacrificio145, da parte della sociologia, della psicologia e soprattutto dell'antropologia socio-culturale. Quest'ultima, nata dallo studio dei costumi e del comportamento dei popoli primitivi, si è ampiamente allargata incorporando in sé elementi sociologici, [...]

deleted

deleted

SEDUZIONE OMOSESSUALE

Vi presento oggi il capitolo di “Uranismo e Unisessualità” intitolato: “Seduzione di un eterosessuale da parte di un unisessuale, seduzione di un eterosessuale da parte di un eterosessuale, inversione per orgoglio, noia o ideale.” Nella prima parte del capitolo Raffalovich porta come primo esempio di seduzione il rapporto tra Vautrin e Lucien de Rubempré, come presentato da Balzac. È necessario però fare alcune precisazioni. Raffalovich vede nel [...]

Michel de Montaigne,il mito del buon selvaggio

"Michel de Montaigne(1533-1592)...scrisse i suoi famosi saggi nella seconda metà del '500 quando giungevano in Europa le notizie,più o meno fantasiose,sulle nuove terre scoperte oltre oceano e sui popoli che le abitavano.Vivendo in un paese travagliato dalle guerre di religione,egli rimase colpito dalla presunta mitezza e semplicità di vita di quei "primitivi" e fu tra i primi inventori del mito del "buon selvaggio"....Quanto Montaigne scrive contiene peraltro [...]

IL FU MATTIA PASCAL DI PIRANDELLO

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il fu Mattia Pascal AutoreLuigi Pirandello 1ª ed. originale1904 Genereromanzo autodiegetico Lingua originaleitaliano Ambientazionefine '800 - inizi '900. ProtagonistiMattia Pascal (Adriano Meis) Altri personaggiRoberto Pascal, zia Scolastica, Batta Malagna, Romilda Pescatore, Marianna Dondi (vedova Pescatore), Oliva, Anselmo Paleari, Adriana Paleari, la signorina Caporale, Pinzone, Terenzio Papiano, Scipione Papiano, Gerolamo [...]

Blaise Pascal

“L’uomo non è che una canna, la più fragile di tutta la natura; ma è una canna pensante” [B. Pascal].

&id=HPN_French+Roman+Catholic+writers_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Category:French{{}}Roman{{}}Catholic{{}}writers" alt="" style="display:none;"/> ?>