Gaio Valerio Catullo

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Summer
In rilievo

Summer

Gaio Valerio Catullo

La scheda: Gaio Valerio Catullo

Gaio Valerio Catullo (in latino: Gaius Valerius Catullus, Verona, 84 a.C. – Roma, 54 a.C.) è stato un poeta romano. Il poeta veronese è noto per l'intensità delle passioni amorose espresse, per la prima volta nella letteratura latina, nel suo Catulli Veronensis Liber, in cui l'amore ha una parte preponderante, sia nei componimenti più leggeri che negli epilli ispirati alla poesia di Callimaco e degli Alessandrini in generale.



deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Gaio Valerio Catullo

Catullo da Lesbia, dipinto di Lawrence Alma-Tadema (1865)

Catullo da Lesbia, dipinto di Lawrence Alma-Tadema (1865)

Marco Antonio Mureto, Catullus et in eum commentarius, Venetiis, apud Paulum Manutium, 1554

Marco Antonio Mureto, Catullus et in eum commentarius, Venetiis, apud Paulum Manutium, 1554

Il poeta Catullo legge uno dei suoi scritti agli amici, da un dipinto di Stefano Bakalovich.

Il poeta Catullo legge uno dei suoi scritti agli amici, da un dipinto di Stefano Bakalovich.

deleted

deleted

Metrica latina, Metrica tedesca, Metrica italiana. Riferimenti a Catullo, Ovidio, Goethe, Foscolo, Carducci, Firpo, Gori

Il distico elegiaco e le goethiane R�mische Elegien    Quando, nel lontano 1984, riuscii a trovare la chiave metrica delle Roemische Elegien di Goethe saltai dalla gioia: il distico elegiaco era reso dal sommo poeta tedesco in modo perfetto, in ci� aiutato dalla struttura della lingua dove numerosissime sono le parole di una o due sillabe, che conferiscono al tedesco la flessibilit� necessaria alla giusta collocazione degli accenti nel tentativo di [...]

i Carmi di Catullo

i Carmi di Catullo

  Gli alunni della V A del Liceo Classico Vittorio Emanuele II di Napoli commentano alcuni brani tratti dai Carmi di Catullo 3. L'epicedio del passero Il componimento comincia con tono solenne e imperioso: Lugete,o Veneres Cupidinesque et quantum est hominum venustiorum, in questi due versi si nota subito un climax che aumenta la solennità dell’imperativo Lugete(piangete). Al terzo e quarto verso notiamo un secondo climax questa volta riguardante il passero di [...]

Catullo

Viviamo, mia Lesbia, ed amiamo, e ogni mormorio perfido dei vecchi valga per noi la più vile moneta. Il giorno può morire e poi risorgere, ma quando muore il nostro breve giorno, una notte infinita dormiremo. Tu dammi mille baci, e quindi cento, poi dammene altri mille, e quindi cento, quindi mille continui, e quindi cento. E quando poi saranno mille e mille, nasconderemo il loro vero numero, che non getti il malocchio l’invidioso per un numero di baci così [...]

Catullo

GAIO VALERIO CATULLO, "Odi et Amo" (odio e amo). Catullo, poeta latino, nasce a verona nell'84 aC., non mi dilungherò nel raccontare la vita dell'illustre poeta che definirei romantico (lo farò un'altra volta.) Mi soffermo sui suoi famosi versi che tuitti conosciamo : ODI ET AMO Il poeta a quanto pare era pazzamente innamorato di una donna sposata, tale lesbia (come la chiama lui) ma realmente chiamata (forse) Clodia. Questo rapporto, travolgente, passionale, [...]

OMOSESSUALITA’ IN CATULLO E TIBULLO

Questo articolo è dedicato all'omosessualità, così come essa appare in Catullo (84 a.C. – 54 a.C.) e in Tibullo (54 a.C.- 19 a.C.). Catullo, in genere, è ricordato come un ragazzo giovane follemente innamorato della sua bella Lesbia. In realtà Lesbia si chiamava Clodia, il padre, Appio Claudio Pulcro, era stato Console nel 79 a.C., il fratello di Clodia era Publio Clodio Pulcro, Tribuno della plebe e temuto capo del partito cesariano. Clodia aveva sposato [...]

A studiar Catullo in biblioteca

C'è un verso di una canzone di Aim&Ignite, il primo album dei Fun. che personalmente trovo bellissimo. Dice, con una traduzione italiana abbastanza letterale, “lo so che è già stato cantato prima d'ora, ma tu sei la mia vacanza umana”. Ed è un'immagine bellissima, pensateci: praticamente è come se una persona fosse il tuo [...]

Catullo

"Le cose che si amano non si posseggono mai completamente.Semplicemente si custodiscono."

Poesia di Catullo

Stavolta il testo che vi consiglio è dell'autore Catullo.Cosa ne pensate? Vita e amore a noi due Lesbia e ogni acida censura di vecchi come un soldo bucato gettiamo via. Il sole che muore rinascerà ma questa luce nostra fuggitiva una volta abbattuta, dormiremo Dammi baci cento baci mille baci e ancora baci cento baci e mille baci! Le miriadi dei nostri baci tante saranno che dovremo poi per non cadere nelle malie di un invidioso che sappia troppo, perderne il [...]

Catullo

Da mi basìa mille, deinde centum, dein mille altera, dein secunda centum deinde usque altera mille, deinde centum. Dein, cum milia multa fecerimus, conturbabimus illa, ne sciamus, aut nequis malus invidere possit, cum tantum sciat esse basiorum. Dammi mille baci, e quindi cento, poi altri mille, e poi cento ancora una volta, e altri mille senza fine, e poi cento. poi, quando ne avermo contate molte migliaia, li mescoleremo, per non tenerne più conto, perchè [...]

&id=HPN_Gaio+Valerio+Catullo_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Catullus" alt="" style="display:none;"/> ?>