Gay Pride

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Gerry Scotti
In rilievo

Gerry Scotti

Gay pride

La scheda: Gay pride

L'espressione inglese Gay pride (letteralmente: "orgoglio gay") richiama in italiano due concetti distinti: quello di "Fierezza gay" e quello di Gay Pride Parade, la marcia dell'orgoglio gay che mantiene in vita la memoria dei moti di Stonewall del 1969.
Attualmente è in uso solamente l'appellativo Pride, in modo da essere inclusivo verso tutte le realtà arcobaleno.



La prima manifestazione pubblica di omosessuali in Italia ha luogo il 5 aprile 1972 a Sanremo, per protesta contro il "Congresso internazionale sulle devianze sessuali" organizzato dal Centro italiano di sessuologia, di ispirazione cattolica. Alla manifestazione parteciparono una quarantina di persone appartenenti alle associazioni omosessuali aderenti: il Front homosexuel d'action révolutionnaire (FHAR) francese, il Movement Homosexuel d'Action Révolutionnaire (MHAR) belga, il Gay Liberation Front britannico, l'Internationale Homosexuelle Révolutionnaire (IHR), di recente costituzione, ed il Fuori! italiano. Tra gli esponenti italiani figurarono Angelo Pezzana, Mario Mieli ed Alfredo Cohen. Vi partecipò anche Françoise d'Eaubonne.
Nel 1978 furono organizzati a Torino i primi eventi specificamente correlati alle celebrazioni internazionali del gay pride: il sesto congresso del Fuori! ed una settimana del film omosessuale, tra il 19 ed il 25 giugno dello stesso anno. Nel 1979, il collettivo Orfeo organizzò a Pisa il primo corteo in Italia contro le violenze subite da persone omosessuali. Episodi di violenza contro omosessuali erano frequenti e nell'estate del 1979 due ragazzi gay erano stati uccisi a Livorno. Il 24 novembre parteciparono circa 500 gay e lesbiche alla manifestazione, che rimarrà la più partecipata fino al 1994.
Il 28 giugno 1981 a Palermo, presso Villa Giulia, si svolse la "festa dell'orgoglio omosessuale", a pochi mesi dalla nascita, il 9 dicembre 1980, sempre a Palermo, del primo circolo arci-gay italiano, da un'idea di Don Marco Bisceglia, sacerdote cattolico dell'area del dissenso, come reazione all'emozione suscitata dal ritrovamento dei corpi di due giovani amanti uccisi a Giarre, in provincia di Catania, a causa della loro relazione omosessuale. Il circolo di Palermo si chiamò ARCI Gay e fu il primo nucleo (presto imitato da altre città) di quella che sarebbe diventata nei decenni successivi la più nota organizzazione per i diritti gay d'Italia.
In Italia, il primo Gay Pride nazionale ufficiale si svolge nel 1994, a Roma, dopo un difficile accordo fra l'associazione nazionale, Arcigay, e il Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, a cui fu affidata l'organizzazione. Tra gli organizzatori Imma Battaglia e Vladimir Luxuria. Vi presero parte la parlamentare europea tedesca Claudia Roth, promotrice della risoluzione europea per i diritti degli omosessuali, ed esponenti del Partito Radicale, tra cui il sindaco di Roma Francesco Rutelli. La marcia, andando oltre le aspettative, vide la partecipazione di oltre diecimila persone. Per il movimento italiano, abituato a manifestazioni di alcune centinaia di persone, fu un successo, che confermò la giustezza dell'approccio unitario. Il giornalista Gianni Rossi Barilli così ha scritto a proposito della manifestazione:
L'anno seguente l'iniziativa si ripeté a Bologna, e nel 1996 a Napoli, con "Iesce sole" e la "Madonna di Pompei vuole bene anche ai gay". Nel 1995, durante una manifestazione nazionale di protesta a Verona, "Alziamo la testa", Franco Grillini dal palco lanciò l'idea d'una manifestazione nazionale anticlericale a Roma in occasione del Giubileo, che fu approvata da tutti i gruppi. I successivi Pride avrebbero dovuto essere le "prove generali" per una manifestazione d'imponenza mai vista prima in Italia.
Tuttavia nel 1997 iniziarono i problemi. Il Mieli, in parte esaltato proprio dal successo dei Pride, nel 1994 aveva lanciato la federazione Azione omosessuale (che sarebbe durata fino alla fine del 1997), col dichiarato intento di "rompere il monopolio politico esistente all'interno del movimento omosessuale italiano", ossia in funzione anti-Arcigay. Il tentativo del Mieli di assumere l'egemonia del movimento gay italiano non fu ovviamente benvisto da Arcigay: le tensioni crebbero di anno in anno finché nel 1997 si arrivò a due Pride separati: uno a Roma guidato dal Mieli ed "Azione Omosessuale", l'altro a Venezia, con la presenza dei circoli Arcigay e Arcilesbica. I due Pride, complessivamente, ebbero un'affluenza inferiore a quella del primo Pride del 1994, invertendo la tendenza al graduale ma costante aumento dei partecipanti che aveva caratterizzato i Pride unitari.
L'anno precedente il Giubileo, il 1999, i due Pride separati (Arcigay a Como, Mario Mieli a Roma) toccarono in assoluto il punto più basso della partecipazione: la comunità lgbt non capiva la ragione del contendere fra gli organizzatori ed espresse il suo dissenso disertando entrambi i Pride. Resisi conto della situazione, gli organizzatori fecero un passo indietro (una mossa resa più facile dallo sbandamento di Azione Omosessuale, discioltasi per dissensi interni nell'ottobre 1997). Arcigay annunciò che nel 2000 non avrebbe organizzato alcun Pride, invitando tutti a convergere su Roma, dove il Mieli stava organizzando un World Pride per la settimana dal 1° al 9 luglio 2000.
Anche così le tensioni non furono però superate: in particolare creò problemi la proposta che ogni associazione contribuisse al Pride in proporzione al numero dei soci, ma che le votazioni concedessero un voto ad ogni associazione. Arcigay, come federazione di gruppi, aveva da sola più militanti di tutte le altre associazioni sommate, e si sarebbe trovata così a pagare la maggior parte dei costi, potendo però contare nelle decisioni su un unico voto. Arcigay nazionale pertanto decise di uscire dall'organizzazione dell'evento, lasciando libertà di rimanervi per tutti i singoli circoli lo desiderassero. A poco a poco però anche i circoli più vicini al Mieli uscirono dall'organizzazione, e a pochi mesi dall'evento sembrava quindi profilarsi un fallimento.
La situazione fu modificata dall'attacco mosso dalla Chiesa cattolica all'idea del Pride, causando non solo un inatteso compattamento all'ultimo minuto di tutte le realtà lgbt italiane, ma anche una partecipazione straordinaria che andò oltre il mezzo milione di persone (la presidentessa del Mieli, Imma Battaglia, dal palco gridò "Siamo un milione!"), e che non era stata prevista neppure dagli stessi organizzatori. Enorme fu l'afflusso all'evento anche di gente comune, che partecipò per solidarietà. All'evento presero parte molti personaggi noti anche internazionali tra cui: Gloria Gaynor, i Village People, RuPaul e Geri Halliwell.
L'esperienza del World Pride dimostrò ancora una volta che il movimento lgbt otteneva risultati ogni volta che si presentava unito, mentre la divisione causava la diserzione dei partecipanti. Negli anni successivi è così proseguita sì una certa tensione fra i gruppi romani (che sostengono che il Pride nazionale spetti "naturalmente" a Roma in quanto capitale) e il resto del movimento lgbt italiano (che ha optato per la scelta di un solo Pride nazionale "itinerante", assegnato di anno in anno ad una città diversa, accanto a vari Pride cittadini o regionali). Ciononostante, le tensioni di sono mantenute sempre sotto il livello di guardia, e la regola dei Pride nazionali unitari non si è più interrotta.
Molto partecipato fu in particolare quello del 17 giugno 2007, in risposta al Family day, che si svolse nella stessa piazza (le stime arrivano fino a 500.000 partecipanti). L'11 giugno 2011 a Roma si svolge il 18° Europride che coinvolge centinaia di migliaia di persone (alcune stime dicono 1 milione). Guest star dell'evento è Lady Gaga, che tiene un lungo discorso a sostegno del movimento gay dal palco della manifestazione.
Il 26 giugno 2010 il Pride nazionale ritorna a Napoli dopo 14 anni. Da "Jesce Sole" del 1996 si è passati " Alla Luce del Sole", slogan condiviso da tutte le associazioni ed organizzazioni locali Arcigay Napoli - Arcilesbica Napoli - Famiglie Arcobaleno - ATN e nazionali. Per l'occasione il Comune di Napoli, oltre ad attivare numerosi servizi per la buona riuscita della manifestazione ha prodotto una campagna di sensibilizzazione ad hoc che è stata visibile in città per oltre un mese sia negli spazi classici dedicati alle affissioni che sui mezzi di trasporto pubblici e nelle stazioni delle metropolitane e funicolari. Grande l'affluenza dei partecipanti durante il corteo soprattutto campani, pacifico e coinvolgente con oltre 20 carri conclusasi con un comizio in piazza del Plebiscito.
Il 9 giugno 2012 a Bologna si è svolto il Pride Nazionale. La manifestazione si è svolta senza i carri e la musica che solitamente caratterizzano tali eventi, come forma di rispetto per le vittime del terremoto dell'Emilia. Ai terremotati è stato devoluto quanto era stato raccolto per l'allestimento dei carri. Alla conclusione della manifestazione hanno preso la parola dal palco in Piazza Maggiore rappresentanti del movimento LGBT, tra cui Vladimir Luxuria, ed il sindaco di Bologna Virginio Merola, che si è espresso per il riconoscimento del matrimonio civile tra persone dello stesso.
Il 22 giugno 2013 a Palermo, per la prima volta nella storia dei gay pride italiani, hanno partecipato molte importanti cariche istituzionali: il presidente della camera, il ministro delle pari opportunità, il presidente della regione siciliana ed il sindaco della città ospitante. Inoltre, per l'occasione, è stato istituito il Gay Village più grande d'Europa all'interno dei Cantieri Culturali della Zisa (50.000  m², dove per 10 giorni sono stati organizzati concerti, mostre d'arte, convegni, rassegne cinematografiche, due discoteche e grandi spazi per la ristorazione e l'artigianato. Appena tre giorni prima dell'inaugurazione il comune di Palermo aveva istituito il registro delle unioni civili, proprio per lanciare un segnale concreto in occasione della manifestazione fortemente voluta dal sindaco e da lui stesso preannunciata durante la parata del gay pride cittadino dell'anno precedente.
Il 29 giugno del 2013 nasce, su idea del comitato Arcigay di Napoli, insieme ai comitati pride di Napoli, Milano, Bologna, Catania, Barletta e della Sardegna, la prima edizione dell'ONDA PRIDE: un sistema che mette rete e unisce i vari pride cittadini, regionali che ogni anno vengono organizzati in diverse città e regioni d'Italia.
Nel 2014 continua ad essere attivo l'Onda Pride con tredici Pride in tredici città di Italia. In ordine, da giugno ad agosto, i Pride si sono tenuti a: Roma, Alghero, Bologna, Catania, Lecce, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Torino, Venezia, Siracusa e Reggio Calabria, che ha ospitato il primo Pride in terra calabrese.
Nel 2015 sono state 15 le città ospitanti dell'Onda Pride. La stagione dei Pride si è aperta il 6 giugno con Verona, già ospite in passato di Pride, Benevento e Pavia, al loro primo Pride. Il 13 giugno si è tenuto il Pride a Roma, durante il quale i manifestanti hanno usato come formula il Family Gay, in contrapposizione con il Family Day che si sarebbe tenuto nella capitale dopo qualche giorno. Il 27 giugno è stata la volta di Torino, Milano, Bologna, Palermo, Perugia e del Sardegna Pride a Cagliari. Il 4 luglio Foggia ha ospitato il suo primo Pride, e contemporaneamente si sfilava a Genova e Catania. Napoli ha ospitato il Pride del Mediterraneo l'11 luglio, mentre è stata Reggio Calabria a chiudere l'onda il primo di agosto.
Nel 2015 è stato adottato It's Human Pride, come slogan per l'Onda Pride in ottica di rivendicazione dei diritti umani.
Nel 2016 ci sarà il 18 giugno a Firenze

1994 - Roma (02/07)
1995 - Bologna - Verona
1996 - Napoli
1997 - Roma (28/06) - Venezia
1998 - Roma (27/06)
1999 - Roma (29/06) - Como
2000 - Roma (08/07 World Pride)

Un solo Pride nazionale assegnato di anno in anno ad una città diversa
2001 - Milano
2002 - Padova
2003 - Bari
2004 - Grosseto
2005 - Milano
2006 - Torino
2007 - Roma
2008 - Bologna
2009 - Genova
2010 - Napoli
2011 - Roma (Europride)
2012 - Bologna e Roma
2013 - Palermo e Onda Pride (Napoli, Milano, Bologna, Vicenza, Catania, Cagliari, Barletta).
2014 - Onda Pride (Milano, Palermo, Catania, Napoli, Lecce, Roma, Bologna, Perugia, Venezia, Torino, Alghero, Siracusa, Reggio Calabria).
2015 - Onda Pride (Verona, Pavia, Roma, Torino, Milano, Bologna, Palermo, Cagliari, Genova, Perugia, Catania, Reggio Calabria, Benevento, Napoli, Foggia)
2016 - Onda Pride (Napoli, Varese, Catania, Roma, Milano, Taranto, Pavia, Caserta, Torino, Treviso, Bologna, Siracusa, Firenze, Perugia, Gallipoli, Genova, Latina, Rimini, Palermo, Cagliari, Tropea)

Il simbolo con maggior importanza del "Pride" è bandiera arcobaleno, anche nota come Rainbow Flag.

A giugno il primo Gay Pride di Modena

A giugno il primo Gay Pride di Modena

(ANSA) – MODENA, 24 GEN – A Modena il primo giugno si terrà il primo Gay Pride della città emiliana. Ad annunciarlo è il presidente dell’Arcigay di Modena, Francesco Donini. “Pensiamo sia arrivato il momento che anche questa città, così ricca di cultura e tessuto sociale ma non indifferente al clima di intolleranza crescente nel Paese, veda questa manifestazione, che già dal claim della card (‘diritti al centro’) vuole portare al centro del [...]

Gay: no discriminazioni, Pride a Trieste

Gay: no discriminazioni, Pride a Trieste

(ANSA) – TRIESTE, 23 GEN – Per “ribadire il proprio no a qualsiasi forma di violenza e discriminazione” i movimenti Lgbtqia del Fvg hanno lanciato oggi l’Fvg Pride 2019: una serie di eventi, tra spettacoli, concerti e convegni, in tutta la regione che si concluderanno con una parata a Trieste l’8 giugno. L’iniziativa – ha spiegato Antonella Nicosia, presidente di Arcigay Arcobaleno Trieste Gorizia e responsabile Diritti persone trans della [...]

Taiwan: decine di migliaia al gay pride

Taiwan: decine di migliaia al gay pride

(ANSA) – TAIPEI, 27 OTT – Decine di migliaia di persone, almeno 130mila secondo gli organizzatori, hanno sfilato per le strade di Taiwan per il gay pride, che quest’anno è particolarmente significativo perché si svolge ad un mese dal referendum sul riconoscimento dei matrimoni omosessuali. Primo caso in tutta l’Asia, l’anno scorso la Corte Costituzionale di Taiwan si era espressa in favore delle nozze gay, coronando tanti anni di battaglie degli [...]

Kosovo: a Pristina secondo Gay Pride

Kosovo: a Pristina secondo Gay Pride

(ANSAmed) – PRISTINA, 10 OTT – Alcune centinaia di persone hanno partecipato oggi a Pristina al secondo Gay Pride organizzato in Kosovo, una manifestazione che si e’ svolta in una atmosfera festosa e senza incidenti. ‘In nome della liberta’ era lo slogan del raduno nel quale, tra bandiere arcobaleno, musiche e balli, e’ stata condannata la discriminazione contro gli omosessuali ancora molto diffusa in Kosovo, ed e’ stata chiesta piu’ tolleranza e [...]

Brasile, il Gay Pride a Rio a una settimana dalle elezioni

Brasile, il Gay Pride a Rio a una settimana dalle elezioni

Rio de Janeiro (askanews) - Una bella giornata di sole condita dalla musica e dai colori arcobaleno. A Rio de Janeiro è andata in scena la 23esima edizione locale del Gay Pride. Una edizione festosa come al solito ma questa volta ancora più carica di orgoglio. Fra una settimana in Brasile si votano le presidenziali e il favorito dai sondaggi, Jair Bolsonaro, per le sue posizioni è considerato dai detrattori come razzista, misogino e omofobo.

Murale Falcone e Borsellino,scritta'gay'

Murale Falcone e Borsellino,scritta'gay'

(ANSA) – PALERMO, 22 SET – L’enorme murale che ritrae i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borselino su una parete esterna dell’istituto nautico che si affaccia sulla Cala di Palermo, è stato imbrattato con un scritta ”gay” e un cuore scritti con vernice nera. Il murale, ispirato al celebre scatto del fotografo Tony Gentile, era stato realizzato dagli street artist Rosk e Loste. La cura del murale è affidata agli studenti del Nautico. Oggi si [...]

Migliaia persone a Gay Pride Gerusalemme, rigida sorveglianza

Migliaia persone a Gay Pride Gerusalemme, rigida sorveglianza

Gerusalemme (askanews) - Migliaia di persone hanno partecipato giovedì 2 agosto a Gerusalemme alla 17esima edizione del Gay Pride nella Città Santa, organizzato sotto attenta sorveglianza delle forze di polizia e in un clima quest'anno particolarmente teso. Rilasciando qualche dichiarazione alla partenza del corteo, il leader dell'opposizione Tzipi Livni, della coalizione Unione Sionista (centro), ha affermato di essere venuta "per dire al governo che lo stato [...]

Medioevo a Rimini, si riuniscono a pregare in 400 contro il Gay Pride - Ma attenzione, non condividete questo post, altrimenti la furia di Dio si scatenerà contro di voi con una terribile peste bubbonica...

Medioevo a Rimini, si riuniscono a pregare in 400 contro il Gay Pride - Ma attenzione, non condividete questo post, altrimenti la furia di Dio si scatenerà contro di voi con una terribile peste bubbonica...

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Medioevo a Rimini, si riuniscono a pregare in 400 contro il Gay Pride - Ma attenzione, non condividete questo post, altrimenti la furia di Dio si scatenerà contro di voi con una terribile peste bubbonica...   Medioevo a Rimini, si riuniscono a pregare in 400 contro il Gay Pride Una vera e propria "processione di riparazione pubblica" guidata da sacerdoti che vengono dalla Fraternità ultra [...]

Gay Pride: al via festa a Napoli

Gay Pride: al via festa a Napoli

(ANSA) – NAPOLI, 14 LUG – Una folla colorata e allegra di migliaia di persone è partita da Piazza Dante a Napoli per il Gay Pride 2018, il quinto che si tiene in città. Il popolo lgbt venuto da tutta la Campania e fa altre regioni, si muove al ritmo di musica intorno ai camion scoperti e pieni di palloncini che stanno lentamente percorrendo la piazza e proseguiranno poi verso via Toledo per terminare la sfilata sul lungomare. Tra i partecipanti anche [...]

Laboratorio Gay pride al campo estivo

Laboratorio Gay pride al campo estivo

(ANSA) – BOLOGNA, 13 LUG – Una giornata dedicata al gay pride in un campo estivo per i bambini della scuola materna di Casalecchio di Reno, alle porte di Bologna, ha suscitato numerose polemiche che finiranno anche in parlamento con un’interpellanza ai ministri dell’Istruzione e della famiglia presentata dal deputato di Forza Italia Galeazzo Bignami, che definisce l’iniziativa “inopportuna, strumentale e provocatoria”. La polemica, raccontata dal [...]

FOTO: Gay pride

La Rainbow Flag, bandiera del movimento gay.

La Rainbow Flag, bandiera del movimento gay.

Sylvia Rivera e Marcella di Folco al Word Pride di Roma del 2000.

Sylvia Rivera e Marcella di Folco al Word Pride di Roma del 2000.

Napoli Pride nazionale LGBTQI - 26 giugno 2010.

Napoli Pride nazionale LGBTQI - 26 giugno 2010.

Pride: sindaco Londra, liberi d'amare

Pride: sindaco Londra, liberi d'amare

(ANSA) – LONDRA, 8 LUG – Londra rivendica l’immagine di metropoli liberale ed aperta nel week end del gay pride, segnato ieri dall’ormai abituale London Pride Parade. E lo fa anche con un messaggio fatto affiggere dal sindaco laburista Sadiq Khan – primo musulmano e figlio d’immigrati pachistani alla guida di una grande capitale europea – nelle stazioni della metro cittadina, la popolare ‘tube’, su cartelloni ‘di servizio’ a sua firma con [...]

Madrid, la corsa sui tacchi a spillo per il Gay pride

Madrid, la corsa sui tacchi a spillo per il Gay pride

Roma, (askanews) - Sandali, décolleté, stivaletti coloratissimi. Per le strade di Madrid la divertente e tradizionale corsa sui tacchi a spillo all'interno delle manifestazioni del Gay pride. Tra palloncini rosa e bandiere arcobaleno, qualcuno ha dimostrato di saper correre velocemente anche sui trampoli, altri, invece sono rimasti vittime di piccoli incidenti di percorso. Ma l'importante era divertirsi e manifestare per i diritti LGBT.

Gay Pride a Istanbul nonostante il divieto del governo

Gay Pride a Istanbul nonostante il divieto del governo

Milano (askanews) - Il divieto imposto dal governo non ha fermato un migliaio di persone che sono scese in piazza per il Gay Pride di Istanbul. I manifestanti hanno ballato, sventolato bandiere arcobaleno e letto una dichiarazione alla stampa, circondati da numerosi poliziotti che ad un certo punto hanno cercato di disperdere il corteo. 11 persone sono state arrestate.

Polizia carica Gay Pride a Istanbul

Polizia carica Gay Pride a Istanbul

(ANSA) – ISTANBUL, 1 LUG – La polizia turca ha sparato proiettili di plastica contro un gruppo di una trentina di manifestanti lgbti che stava cercando di sfidare il divieto imposto dalle autorità al corteo del Gay Pride a Istanbul nella zona di piazza Taksim. Lo denunciano gli organizzatori dell’evento, che avevano annunciato l’intenzione di radunarsi malgrado il bando.

Gay pride sfida divieto a Istanbul

Gay pride sfida divieto a Istanbul

(ANSA) – ISTANBUL, 1 LUG – La comunità Lgbt di Istanbul sfida il divieto e annuncia in un tweet che oggi pomeriggio sfilerà a piazza Taksim per il Gay Pride. Gli organizzatori riferiscono che il governatore ha vietato il corteo ‘illegalmente’ per il quarto anno consecutivo e che il bando viola la loro libertà di riunirsi. Dal 2015, il governatore cita motivi di sicurezza per spiegare il divieto, ma in precedenza le autorità turche hanno permesso che [...]

Pompei Pride, migliaia al corteo

Pompei Pride, migliaia al corteo

(ANSA) – POMPEI (NAPOLI), 30 GIU – Un lungo fiume colorato e festoso ha percorso le strade di Pompei per il Pride regionale, al quale hanno partecipato tra gli altri il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vincenzo Spadafora, titolare della delega alle pari opportunità, la senatrice dem Monica Cirinnà, prima firmataria della legge sulle unioni civili, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. Una manifestazione preceduta da forti polemiche per la [...]

Pride Parade per le strade di Milano

Pride Parade per le strade di Milano

(ANSA) – MILANO, 30 GIU – Sono migliaia le persone di ogni età che stanno sfilando per le vie di Milano in occasione del Pride, la parata dell’orgoglio Lgbt. Il corteo, partito dal piazzale della Stazione Centrale, si concluderà a porta Venezia, con gli interventi dal palco e il saluto dei rappresentati delle istituzioni, in primis il sindaco di Milano, Beppe Sala. Il Comune patrocina l’iniziativa promossa da Arcigay Milano e Coordinamento arcobaleno, [...]

LEVI’S® AL PRIDE DI MILANO

LEVI’S® AL PRIDE DI MILANO

Sabato 30 giugno in occasione del Pride di Milano, Levi’s® -  da sempre difensore dei principi di uguaglianza, accettazione e progresso e che sostiene la comunità LGBTQ -  parteciperà alla manifestazione con tre hero ambassador d’eccezione: Sem&Stènn, duo elettro PoP italiano che hanno performato all’ultima edizione di X Factor e Annie Mazzola,  entertainer 2.0, icona gay milanese, tutti e 3 portavoce dei diritti LGBT, contro qualsiasi [...]

Netflix colora d'arcobaleno la metro di Milano in vista del Pride

Netflix colora d'arcobaleno la metro di Milano in vista del Pride

Milano (askanews) - A Milano Netflix ha colorato d'arcobaleno la fermata della metropolitana Porta Venezia. E' il modo in cui la piattaforma di film e serie in streaming ha deciso di celebrare il Milano pride, la giornata dell'orgoglio omosessuale, che si svolgerà il 30 giugno prossimo. I colori dell'arcobaleno fanno da sfondo a cartelloni pubblicitari che mostrano alcune coppie gay di serie disponibili su Netflix, come Lito e Hernando, di "Sense 8" e "Piper e [...]

NEW YORK,MIGLIAIA DI PERSONE AL GAY PRIDE: «Trump, non ci puoi ingabbiare».

Decine di migliaia di persone invadono le strade di New York domenica pomeriggio per il 49° Gay Pride. La parata ha inizio sulle note di 'Born This Way' di Lady Gaga,con le parole del governatore dello stato Andrew Cuomo e con le parole dell'attrice Cynthia Nixon, nota per il ruolo di Miranda Hobbes nella serie televisiva Sex and the City: «Direi che il nostro coming out non è mai stato più importante di adesso. Sia che siamo lesbiche o gay o transgender o [...]

&id=HPN_Gay+Pride_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Pride{{}}parade" alt="" style="display:none;"/> ?>