Gianni Amelio

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Alessandra Amoroso
In rilievo

Alessandra Amoroso

Gianni Amelio

La scheda: Gianni Amelio

Gianni Amelio (Magisano, 20 gennaio 1945) è un regista e sceneggiatore italiano.


Alice nella città si fa classic con Amelio e Tornatore

Alice nella città si fa classic con Amelio e Tornatore

11/07/2019“Ricominciamo dai grandi maestri, da chi ha raccontato la complessità della crescita, del diventare adulto. Perciò alla prossima edizione di Alice nella città, dal 17 al 27 ottobre a Roma, il nostro giovane pubblico potrà vedere alcuni importanti restauri: Alice si fa classic”. Gianluca Giannelli, che con Fabia Bettini condivide la direzione artistica, nel dare alcune anticipazioni si riferisce in particolare a due titoli [...]

deleted

deleted

EVENTI: Gianni Amelio

Nel 1965 si trasferisce a Roma dove lavora fino al 1969 come operatore e aiuto regista in sei film, alcuni dei quali di Gianni Puccini, ma anche con Giulio Questi (in Se se vivo spara) Vittorio De Seta, Anna Gobbi, Andrea Frezza, Liliana Cavani.

Nel 1979 gira quello che è considerato il suo lavoro migliore sul piccolo schermo, Il piccolo Archimede, molto apprezzato dalla critica - qualcuno lo paragona addirittura a Luchino Visconti - adattato dal romanzo omonimo di Aldous Huxley, che frutta a Laura Betti il premio di miglior attrice al Festival internazionale del cinema di San Sebastián.

Nel 1989 il film Porte aperte, tratto dal romanzo omonimo di Leonardo Sciascia e interpretato da Gian Maria Volonté, lo lancia come autore di dimensioni internazionali e gli procura una nomination all'Oscar nel 1991.

Nel 1982 gira il suo primo film, Colpire al cuore, presentato al Festival di Venezia, che affronta il tema del terrorismo nell'ottica di un rapporto contrastato tra padre e figlio, riscuotendo il favore della critica.

Nel 1970 si mette dietro la macchina da presa nell'ambito dei programmi Rai, in un periodo in cui la televisione di stato favorisce l'esordio di molti giovani registi, realizza per la serie Film Sperimentali per la TV la pellicola La fine del gioco, a cui fanno seguito nel 1973 La città del sole, tratto dall'omonima opera di Tommaso Campanella, che vince il Gran Premio del Festival di Thonon-Les-Bains dell'anno successivo, quindi Bertolucci secondo il cinema (1976), un documentario sulla lavorazione dal film Novecento.

Nel 1992 viene nominato membro della giuria alla 49ª edizione della Mostra del cinema di Venezia, e nel 1995 ricopre le stesse mansioni al Festival di Cannes.

Il 28 gennaio 2014 fa coming out dichiarandosi omosessuale sulle pagine del quotidiano la Repubblica.

Dal 1983 al 1986 ricopre la carica di insegnante nel corso di regista al Centro Sperimentale di Cinematografia.

Il 9 dicembre 2008 viene nominato direttore del Torino Film Festival che ha diretto fino alla trentesima edizione, nel 2012.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_Gianni+Amelio_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Gianni{{}}Amelio" alt="" style="display:none;"/> ?>