Giovanni Melchiorre

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Tina Cipollari
In rilievo

Tina Cipollari

Don Bosco

La scheda: Don Bosco

Presbitero e fondatore
Giovanni Melchiorre Bosco, meglio noto come don Bosco (Castelnuovo d'Asti, 16 agosto 1815 – Torino, 31 gennaio 1888), è stato un presbitero e pedagogo italiano, fondatore delle congregazioni dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice. È stato canonizzato da papa Pio XI nel 1934. È considerato uno dei santi sociali torinesi.


Ancora formiche all'ospedale San Giovanni Bosco di Napoli

Ancora formiche all'ospedale San Giovanni Bosco di Napoli

Nuovo avvistamento di formiche all’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. Questa volta, dopo i tre casi precedenti, i piccoli insetti sono stati avvistati nel reparto di rianimazione. E il direttore generale dell’Asl Napoli 1, Mario Forlenza, parla di caso sospetto, soprattutto dopo il ritrovamento di bustine di zucchero aperte. “Proprio oggi – commenta Forlenza – nel giorno in cui si è riunita, per concludere i propri lavori, la Commissione di indagine [...]

Crolla il soffitto nell'ospedale delle 'formiche'

Crolla il soffitto nell'ospedale delle 'formiche'

Crolla una controsoffittatura della zona di Ginecologia e Ostetricia dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, venuto alla ribalta per il ritrovamento di formiche. A darne notizia è Luigi Paganelli, componente delle Rsu Cgil del nosocomio. Come riporta ANSA, la zona del crollo, avvenuto la notte scorsa, era già stata precedentemente chiusa per infiltrazioni d’acqua. “La stanza dove si è verificato il dissesto – riferisce Paganelli – è una camera [...]

EVENTI: Don Bosco

Il 2 giugno 1929 papa Pio XI lo beatificò, dichiarandolo santo il 1º aprile 1934, giorno di Pasqua.

Il 2 giugno 1929 papa Pio XI lo beatificò, dichiarandolo santo il 1º aprile 1934, giorno di Pasqua.

Il 2 giugno 1929 papa Pio XI lo beatificò, dichiarandolo santo il 1º aprile 1934, giorno di Pasqua.

Il 2 giugno 1929 papa Pio XI lo beatificò, dichiarandolo santo il 1º aprile 1934, giorno di Pasqua.

Nel febbraio del 1826 Giovanni Bosco perse anche la nonna paterna che viveva con loro.

Nel febbraio del 1826 Giovanni Bosco perse anche la nonna paterna che viveva con loro.

Nel febbraio del 1826 Giovanni Bosco perse anche la nonna paterna che viveva con loro.

Nel febbraio del 1826 Giovanni Bosco perse anche la nonna paterna che viveva con loro.

Il 3 novembre 1837 Giovanni incominciò la teologia, studio fondamentale per gli aspiranti al sacerdozio.

Il 3 novembre 1837 Giovanni incominciò la teologia, studio fondamentale per gli aspiranti al sacerdozio.

Il 3 novembre 1837 Giovanni incominciò la teologia, studio fondamentale per gli aspiranti al sacerdozio.

Il 3 novembre 1837 Giovanni incominciò la teologia, studio fondamentale per gli aspiranti al sacerdozio.

Nel 1859 bruciò, per mostrare dinanzi ai suoi allievi come dovessero avere in disprezzo l'eresia, libri protestanti e opuscoli anticattolici, tra cui la Bibbia nell'edizione Diodati, ossia l'edizione utilizzata dai protestanti italiani.

Nel 1859 Lazzaretti si era arruolato nella cavalleria piemontese, prendendo parte nel 1860 alla battaglia di Castelfidardo contro le truppe pontificie.

Nel 1859 bruciò, per mostrare dinanzi ai suoi allievi come dovessero avere in disprezzo l'eresia, libri protestanti e opuscoli anticattolici, tra cui la Bibbia nell'edizione Diodati, ossia l'edizione utilizzata dai protestanti italiani.

Nel 1859 Lazzaretti si era arruolato nella cavalleria piemontese, prendendo parte nel 1860 alla battaglia di Castelfidardo contro le truppe pontificie.

Nel 1859 bruciò, per mostrare dinanzi ai suoi allievi come dovessero avere in disprezzo l'eresia, libri protestanti e opuscoli anticattolici, tra cui la Bibbia nell'edizione Diodati, ossia l'edizione utilizzata dai protestanti italiani.

Nel 1859 Lazzaretti si era arruolato nella cavalleria piemontese, prendendo parte nel 1860 alla battaglia di Castelfidardo contro le truppe pontificie.

Nel 1859 bruciò, per mostrare dinanzi ai suoi allievi come dovessero avere in disprezzo l'eresia, libri protestanti e opuscoli anticattolici, tra cui la Bibbia nell'edizione Diodati, ossia l'edizione utilizzata dai protestanti italiani.

Nel 1859 Lazzaretti si era arruolato nella cavalleria piemontese, prendendo parte nel 1860 alla battaglia di Castelfidardo contro le truppe pontificie.

Nel 1872, con santa Maria Domenica Mazzarello, fondò l'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, con lo scopo di educare, con il medesimo spirito, la gioventù femminile.

Nel 1872, con santa Maria Domenica Mazzarello, fondò l'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, con lo scopo di educare, con il medesimo spirito, la gioventù femminile.

Nel 1872, con santa Maria Domenica Mazzarello, fondò l'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, con lo scopo di educare, con il medesimo spirito, la gioventù femminile.

Nel 1872, con santa Maria Domenica Mazzarello, fondò l'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, con lo scopo di educare, con il medesimo spirito, la gioventù femminile.

Il 29 marzo 1841 ricevette l'ordine del diaconato, il 26 maggio incominciò gli esercizi spirituali di preparazione al sacerdozio che ricevette il 5 giugno 1841 nella Cappella dell'Arcivescovado di Torino.

L'8 dicembre 1841 incontrò, prima di celebrare Messa, Bartolomeo Garelli nella sacrestia della chiesa di San Francesco d'Assisi.

Il 29 marzo 1841 ricevette l'ordine del diaconato, il 26 maggio incominciò gli esercizi spirituali di preparazione al sacerdozio che ricevette il 5 giugno 1841 nella Cappella dell'Arcivescovado di Torino.

L'8 dicembre 1841 incontrò, prima di celebrare Messa, Bartolomeo Garelli nella sacrestia della chiesa di San Francesco d'Assisi.

Il 29 marzo 1841 ricevette l'ordine del diaconato, il 26 maggio incominciò gli esercizi spirituali di preparazione al sacerdozio che ricevette il 5 giugno 1841 nella Cappella dell'Arcivescovado di Torino.

L'8 dicembre 1841 incontrò, prima di celebrare Messa, Bartolomeo Garelli nella sacrestia della chiesa di San Francesco d'Assisi.

Il 29 marzo 1841 ricevette l'ordine del diaconato, il 26 maggio incominciò gli esercizi spirituali di preparazione al sacerdozio che ricevette il 5 giugno 1841 nella Cappella dell'Arcivescovado di Torino.

L'8 dicembre 1841 incontrò, prima di celebrare Messa, Bartolomeo Garelli nella sacrestia della chiesa di San Francesco d'Assisi.

Nel 1884 don Cagliero venne nominato vicario apostolico della Patagonia settentrionale e centrale e ricevette la consacrazione episcopale il 7 dicembre dello stesso anno.

Nel 1884 don Cagliero venne nominato vicario apostolico della Patagonia settentrionale e centrale e ricevette la consacrazione episcopale il 7 dicembre dello stesso anno.

Nel 1884 don Cagliero venne nominato vicario apostolico della Patagonia settentrionale e centrale e ricevette la consacrazione episcopale il 7 dicembre dello stesso anno.

Nel 1884 don Cagliero venne nominato vicario apostolico della Patagonia settentrionale e centrale e ricevette la consacrazione episcopale il 7 dicembre dello stesso anno.

Nel 1854 don Bosco diede inizio alla Società Salesiana, con la quale assicurò la stabilità delle sue opere e del suo spirito anche per gli anni futuri.

Nel 1854 don Bosco diede inizio alla Società Salesiana, con la quale assicurò la stabilità delle sue opere e del suo spirito anche per gli anni futuri.

Nel 1854 don Bosco diede inizio alla Società Salesiana, con la quale assicurò la stabilità delle sue opere e del suo spirito anche per gli anni futuri.

Nel 1854 don Bosco diede inizio alla Società Salesiana, con la quale assicurò la stabilità delle sue opere e del suo spirito anche per gli anni futuri.

Il 21 marzo 1831 il fratellastro Antonio sposò Anna Rosso, di Castelnuovo, e la madre decise di dividere l'asse patrimoniale con lui così che Giovanni poté tornare a casa e riprendere da settembre gli studi a Castelnuovo con la possibilità di una semi-pensione presso Giovanni Roberto, sarto e musicista del paese che gli insegnò il proprio mestiere.

Il 21 marzo 1831 il fratellastro Antonio sposò Anna Rosso, di Castelnuovo, e la madre decise di dividere l'asse patrimoniale con lui così che Giovanni poté tornare a casa e riprendere da settembre gli studi a Castelnuovo con la possibilità di una semi-pensione presso Giovanni Roberto, sarto e musicista del paese che gli insegnò il proprio mestiere.

Il 21 marzo 1831 il fratellastro Antonio sposò Anna Rosso, di Castelnuovo, e la madre decise di dividere l'asse patrimoniale con lui così che Giovanni poté tornare a casa e riprendere da settembre gli studi a Castelnuovo con la possibilità di una semi-pensione presso Giovanni Roberto, sarto e musicista del paese che gli insegnò il proprio mestiere.

Il 21 marzo 1831 il fratellastro Antonio sposò Anna Rosso, di Castelnuovo, e la madre decise di dividere l'asse patrimoniale con lui così che Giovanni poté tornare a casa e riprendere da settembre gli studi a Castelnuovo con la possibilità di una semi-pensione presso Giovanni Roberto, sarto e musicista del paese che gli insegnò il proprio mestiere.

Nel 1875 partì la prima spedizione missionaria per l'Argentina, terra della grande emigrazione italiana dell'Ottocento.

Nel 1875 partì la prima spedizione missionaria per l'Argentina, terra della grande emigrazione italiana dell'Ottocento.

Nel 1875 partì la prima spedizione missionaria per l'Argentina, terra della grande emigrazione italiana dell'Ottocento.

Nel 1875 partì la prima spedizione missionaria per l'Argentina, terra della grande emigrazione italiana dell'Ottocento.

Formiche,blitz ispettori ministero e Nas

Formiche,blitz ispettori ministero e Nas

(ANSA) – NAPOLI, 10 GEN – Controlli da parte degli ispettori del Ministero della Salute e del Nas di Napoli sono in corso da stamattina nell’ospedale San Giovanni Bosco del capoluogo partenopeo dove, anche nelle scorse settimane, in alcuni reparti, tra cui la terapia intensiva, è stata accertata la presenza di formiche. Gli ispettori, tra i quali figura anche un ingegnere, e i carabinieri stanno effettuando verifiche e confronti sugli interventi eseguiti [...]

Formica sul volto di un paziente in rianimazione

Formica sul volto di un paziente in rianimazione

Hanno notato una formica sul volto di un loro parente ricoverato nel reparto di rianimazione ed hanno hanno telefonato al 112: è successo nell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, dove lo scorso novembre una paziente allettata (deceduta nei giorni scorsi) venne presa d’assalto dalle formiche. A chiamare i carabinieri sono stati i familiari di un 78enne. In ospedale si sono recati i militari della compagnia Stella e del Nas di Napoli che hanno trovato [...]

Formiche su volto donna ospedale Napoli

Formiche su volto donna ospedale Napoli

(ANSA) – NAPOLI, 3 GEN – Hanno notato una formica sul volto di un loro parente ricoverato nel reparto di rianimazione ed hanno telefonato al 112: è successo ieri, nell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, dove lo scorso novembre una paziente allettata (deceduta nei giorni scorsi) venne presa d’assalto dalle formiche. A chiamare i carabinieri sono stati i familiari di un 78enne. In ospedale si sono recati i militari della compagnia Stella e del Nas di [...]

Sommersa formiche, stop bar e ristorante

Sommersa formiche, stop bar e ristorante

(ANSA) – NAPOLI, 5 DIC – I carabinieri della Compagnia Stella e del Nas di Napoli hanno sequestrato, per mancanza di autorizzazioni, il bar e il ristorante dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, dove, agli inizi dello scorso novembre, una anziana paziente dello Sri Lanka, intubata, venne letteralmente presa d’assalto dalle formiche nel suo letto. Numerosi sono stati i sopralluoghi eseguiti dai militari dell’arma, coordinati dalla Procura della [...]

Crozza De Luca: “Le formiche al San Giovanni Bosco di Napoli sono tutte laureate...”

Crozza De Luca: “Le formiche al San Giovanni Bosco di Napoli sono tutte laureate...”

Maurizio Crozza veste i panni del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante una puntata di Fratelli di Crozza | Episodio 21 | Stagione 2 | 16/11/2018

Crozza De Luca: “Se al San Giovanni Bosco di Napoli non ci sono più neanche le formiche, è solo grazie al sottoscritto...”

Crozza De Luca: “Se al San Giovanni Bosco di Napoli non ci sono più neanche le formiche, è solo grazie al sottoscritto...”

Maurizio Crozza veste i panni del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante una puntata di Fratelli di Crozza | Episodio 21 | Stagione 2 | 16/11/2018

Sommersa dalle formiche, controlli antimafia sugli appalti

Sommersa dalle formiche, controlli antimafia sugli appalti

Controlli finalizzati ad accertare il rispetto delle normative antimafia nell’assegnazione degli appalti nell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli saranno eseguiti dai carabinieri del Nas nell’ambito delle indagini sul caso della paziente dello Ski Lanka intubata, trovata sommersa dalle formiche. I militari si recheranno negli uffici della Prefettura verosimilmente in giornata per acquisire la relativa documentazione. Intanto è il terzo giorno di ispezioni [...]

San Giovanni Bosco

Tutte le informazioni relative a San Giovanni Bosco sono state tratte da: "Vita di San Giovanni Bosco, Vol. I, II, Autore G.B. Lemoyne, Editrice SEI". Per rendere più agevole la lettura, il linguaggio originale del XIX secolo è stato rivisto. A prima vista sembrava un prete qualunque, sempre dignitoso e raccolto, e questo raccoglimento interiore gli conferiva un qualcosa di attraente. Chi lo incontrava provava un senso di simpatia e riverenza. Le sue maniere [...]

FOTO: Don Bosco

San_Giovanni_Bosco

San_Giovanni_Bosco

Don_Giovanni_Bosco

Don_Giovanni_Bosco

Don_Bosco

Don_Bosco

La casa natale di don Bosco a I Becchi.

La casa natale di don Bosco a I Becchi.

La casa natale di don Bosco a I Becchi.

La casa natale di don Bosco a I Becchi.

La casa natale di don Bosco a I Becchi.

La casa natale di don Bosco a I Becchi.

La casa natale di don Bosco a I Becchi.

La casa natale di don Bosco a I Becchi.

Guarigioni operate da San Giovanni Bosco

Guarigioni operate da San Giovanni Bosco

Un giorno Don Bosco benedisse uno storpio che si sosteneva con le grucce da sedici anni e immediatamente guarì, così depose le sue grucce perché non più necessarie, io, Don Dalmazio, chiesi a Don Bosco: "Dunque è guarito perfettamente subito dopo la benedizione?" Mi rispose il Santo: "La benedizione di Maria Ausiliatrice l'ha guarito". Risposi: "Anch'io ho dato molte benedizioni con la stessa formula ma non è successa la stessa cosa" Aggiunse Don Bosco: "È [...]

Vita San Giovanni Bosco

Vita San Giovanni Bosco

Nato a Castelnuovo d'Asti il 16 agosto 1815 e deceduto a Torino il 31 gennaio 1888, Don Bosco fu un Santo prete plasmato secondo il cuore di Dio. Sin da fanciullo si senti chiamato dal Signore, attraverso sogni divini, ad essere l'apostolo della gioventù. In questo secolo già è tramontato il mito di Napoleone, ma sarà il tempo di moti risorgimentali, di rivoluzioni, di grandi turbamenti e d'industrializzazione, dove la Chiesa è considerata una nemica da [...]

Sogni di San Giovanni Bosco

Sogni di San Giovanni Bosco

Don Bosco considerava i suoi sogni di provenienza soprannaturale; alcuni di essi hanno la caratteristica della profezia, altri il carattere pedagogico o di formazione. Narra il Santo: "Le cose che vedo accadere nei sogni mi caricano di responsabilità immensa. Essi contengono presagi, rivelazioni, annunci di morte, ma anche la via da percorrere e il modo". Molteplici furono i sogni di Don Bosco, più di centocinquanta, ne riportiamo solo alcuni a titolo di esempio [...]

San Giovanni Bosco

San Giovanni Bosco

San Giovanni Bosco   Invia       Nome: San Giovanni Bosco Titolo: Sacerdote Ricorrenza: 31 gennaio Questo nome popolarissimo e tanto venerato ricorda un'istituzione grandiosa e benefica che da anni assiste ed educa cristianamente la gioventù, raccolta in centinaia di case sparse in tutto il mondo. Giovanni Bosco nacque il 16 agosto 1815 ai Becchi, frazione di Murialdo presso Castelnuovo d'Asti, da una povera famiglia di agricoltori. Sua mamma, [...]

Rubata reliquia don Bosco, sparita l'urna che conteneva il cervello

Rubata reliquia don Bosco, sparita l'urna che conteneva il cervello

Roma, 3 giu. (askanews) – Rubato nel pomeriggio di ieri il reliquiario contenente il cervello di san Giovanni Bosco. Il furto, compiuto nel tempio di don Bosco, è stato reso possibile probabilmente dalla grande affluenza di pellegrini che ieri hanno affollato la frazione dei Becchi luogo natale del Santo (nell’astigiano). Le indagini – a quanto riferisce il Sir -sono tuttora in corso. Gli inquirenti sembrano ottimisti sulla possibilità di recuperare in [...]

La lezione di don Bosco

Cedendo all'insistenza di un buon parroco della diocesi di Alba, era andato a predicarvi nella circostanza dei fedeli defunti. La sera del 2 novembre scendeva da quelle colline per andare alla stazione di Bra; ma avendo smarrita la via ed essendo l'ora tarda e la pioggia dirotta, si vide costretto a chiedere ospitalità al cappellano di una chiesetta che sorgeva a fianco della strada. Fu accolto con un po' di malumore, ed esposto ad una specie d'interrogatorio: - [...]

Un morto che parla

Giovanni Bosco e il suo intimo amico Luigi Comollo si erano fatta reciproca promessa di pregare l'un per l'altro e con l'impegno che chi fosse stato il primo a morire avrebbe recato notizia della propria salvezza al compagno superstite, qualora Dio l'avesse permesso. Il chierico Comollo mori in Seminario a Chieri, la notte del 2 aprile 1839, e nella notte della sepoltura, dal 3 al 4 aprile, mentre Bosco e compagni dormivano, si ode un rumore cupo e prolungato, che [...]

Oratorio San Giovanni Bosco

Oratorio San Giovanni Bosco

La parrocchia del Sacro Cuore di Gesù, nel quartiere Borgata di Augusta, da martedì 13 ottobre 2009  ha il suo oratorio.  Una celebrazione eucaristica presieduta dal parroco don Davide Di Mare,  un'assemblea numerosa con tanti bambini, ragazzi e le rispettive famiglie hanno fatto da cornice all'inaugurazione dell'oratorio parrocchiale dedicato a san Giovanni Bosco. Realizzare unoratorio nella parrocchia del Sacro Cuore di Gesù era una delle “urgenze” [...]

La vita di Don Bosco

  Giovanni Bosco nacque il 16 agosto 1815 ai Becchi, frazione di Castelnuovo d'Asti (oggi Castelnuovo Don Bosco). La sua fu una famiglia di poveri contadini. Rimase orfano del papà, Francesco, a soli due anni. Sua madre, Margherita, lo tirò su con tenerezza ed energia. Gli insegnò a lavorare la terra e a vedere Dio dietro la bellezza del cielo, l'abbondanza del raccolto, il temporale che schiantava le viti. Mamma Margherita, nella chiesa, aveva imparato a [...]

FR GIOVANNI BOSCO: UN SANTO CON UN CUORE DI BAMBINO

  CARISSIMI AMICI DEL BLOG,   OGGI RICORRE IL TERZO ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI FRATEL GIOVANNI BOSCO. LO CELEBRO A ROMA, CON UN PO’ DI NOSTALGIA, PENSANDO CHE A CHAARIA TUTTI SI RADUNERANNO NEL PICCOLO CIMITERO DELLA MISSIONE, PER UNA MESSA SULLA SUA TOMBA. ANCHE NEL 2005 ERO IN ITALIA IL 5 GIUGNO, QUANDO GIOVANNI CI HA LASCIATI REPENTINAMENTE: RICORDO CHE ERA DOMENICA. ERO APPENA TORNATO DA PAVIA DOVE AVEVO INCONTRATO I VOLONTARI LOMBARDI PER DUE GIORNI. ERA [...]

&id=HPN_Giovanni+Melchiorre_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Giovanni{{}}Bosco" alt="" style="display:none;"/> ?>