Giulio Cesare Andrea Evola

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Father
In rilievo

Father

Julius Evola

La scheda: Julius Evola

Giulio Cesare Andrea Evola, meglio conosciuto come Julius Evola (Roma, 19 maggio 1898 – Roma, 11 giugno 1974), è stato un filosofo, pittore, poeta, scrittore ed esoterista italiano. Fu personalità poliedrica nel panorama culturale italiano del Novecento, in ragione dei suoi molteplici interessi: arte, filosofia, storia, politica, esoterismo, religione, costume, studi sulla razza.
Le sue posizioni si inquadrano nell'ambito di una cultura di tipo aristocratico-tradizionale e di tendenze ideologiche in parte presenti nel fascismo e nel nazionalsocialismo, pur esprimendosi spesso in chiave critica nei confronti dei due regimi. Mussolini ne apprezza alcune impostazioni: in particolare il ritorno alla romanità e una teoria della razza in chiave spirituale. Da parte sua il filosofo nutre una pacata ammirazione nei confronti del Duce.
Evola ha una sua influenza, anche se difficilmente quantificabile, nel variegato mondo della cultura fascista: con lo scopo di indirizzarne l'impostazione culturale ed ideologica verso posizioni più affini al suo pensiero, scrive numerosi saggi, collabora intensamente con riviste e giornali di grande tiratura e partecipa alla vita accademica del suo tempo in veste di conferenziere, sia presso alcune prestigiose università italiane e straniere che nell'ambito dei corsi di mistica fascista.
Ma è lo stesso Evola, nel primo numero della rivista da lui diretta, La Torre, quando espone il suo pensiero sul mondo della tradizione, a sintetizzare la sua posizione verso il fascismo: «Nella misura che il fascismo segua e difenda tali principi, in questa stessa misura noi possiamo considerarci fascisti. E questo è tutto». C'è anche chi ritiene che in sede diplomatica Evola svolgesse missioni ad altissimi livelli per conto dello stesso governo italiano.
Nonostante ciò, le sue idee eterodosse non sempre sono ben accette dalla classe dirigente italiana del tempo e gli valgono la sospensione di alcune pubblicazioni da parte dello stesso PNF e in Germania il sospetto delle gerarchie naziste. Evola contribuisce alla divulgazione in Italia di importanti autori europei del XIX e del XX secolo: Bachofen, Guénon, Jünger, Ortega y Gasset, Spengler, Weininger, traducendo alcune loro opere e pubblicando saggi critici.
La complessità del suo pensiero gli procura, anche dopo la fine della guerra, un grande seguito negli ambienti conservatori italiani ed europei, da quelli più tradizionalisti del neofascismo (Pino Rauti ed Enzo Erra del Centro Studi Ordine Nuovo) fino a quelli rappresentati da esponenti della destra più moderata (Giano Accame, Marcello Veneziani). Le sue opere vengono tradotte e pubblicate in Germania, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio, Grecia, Svizzera, Gran Bretagna, Russia, Stati Uniti, Messico, Canada, Romania, Argentina, Brasile, Ungheria, Polonia, Turchia.


JULIUS EVOLA, PENSIERO E OPERE

JULIUS EVOLA, PENSIERO E OPERE

    di Mike Plato L’italiano Julius Evola (all’anagrafe Giulio Cesare Andrea Evola) passa dalla filosofia alla tradizione esoterica occidentale (alchimia, magia, tradizione del Graal) e orientale (tantra, Taoismo e buddhismo). Pensatore Tradizionale, filosofo, pittore, poeta, scrittore ed esoterista italiano, è personalità poliedrica nel panorama culturale italiano del Novecento, in ragione dei suoi molteplici interessi: arte, filosofia, storia, [...]

EVOLA vs ZOLLA

EVOLA vs ZOLLA

ElŽmire Zolla, italian writer, Montepulciano, marzo 1996. © Leonardo Cendamo Il seguente è un articolo estremamente importante di Evola, uscito sul periodico “Il conciliatore” il 15 giugno 1971 e successivamente inserito, con qualche modifica, nella raccolta “L’Arco e la clava”. In questo scritto Evola, partendo dalla critica di un libro di Elémire Zolla, passa poi ad [...]

Adolf Hitler, Julius Evola e Carl Gustav Jung

Adolf Hitler, Julius Evola e Carl Gustav Jung

di Miguel Serrano (dal saggio Adolf Hitler, l'ultimo Avatara) Evola parla di una cospirazione mondiale, che supera il giudaismo e che comprenderebbe elementi non umani. Menziona un principe delle tenebre. Ed in ciò ha ragione. Perché che cosa sono gli archetipi junghiani dell’inconscio Collettivo? Sono entità inumane. Gli antichi li chiamarono demoni e Dei. È la memoria del sangue, per meglio dire, una memoria che circola nel sangue, che opera sulla terra per [...]

EVENTI: Julius Evola

Nel 2009 una serie di scritti di Evola relativi alla scuola di mistica fascista, sono stati pubblicati dall'editore Controcorrente di Napoli, e aiutano in parte a chiarire le posizioni assunte dal filosofo all'interno della suddetta corrente.

Nel 2009 una serie di scritti di Evola relativi alla scuola di mistica fascista, sono stati pubblicati dall'editore Controcorrente di Napoli, e aiutano in parte a chiarire le posizioni assunte dal filosofo all'interno della suddetta corrente.

Nel 1934 appare la sua opera fondamentale, Rivolta contro il mondo moderno, nella quale traccia un affresco della storia letta secondo lo schema ciclico tradizionale delle quattro età: oro, argento, bronzo e ferro nella tradizione occidentale e satya, treta, dvapara e Kali Yuga in quella induista.

Nel 1934 appare la sua opera fondamentale, Rivolta contro il mondo moderno, nella quale traccia un affresco della storia letta secondo lo schema ciclico tradizionale delle quattro età: oro, argento, bronzo e ferro nella tradizione occidentale e satya, treta, dvapara e Kali Yuga in quella induista.

Nel 1937 pubblica Il Mito del Sangue (poi riedito nel 1942) dove ricostruisce le concezioni sulla razza dalle civiltà antiche fino alle teorie del XVIII secolo (de Gobineau, Woltmann, de Lapouge, Chamberlain), contrapponendole alla versione moderna del razzismo biologico di stampo nazionalsocialista.

Nel 1937 pubblica la Introduzione alla quinta edizione italiana dei Protocolli dei savi di Sion, manifestando adesione al feroce e maniacale antisemitismo di Giovanni Preziosi, traduttore ed editore del pamphlet.

Nel 1937 pubblica Il Mito del Sangue (poi riedito nel 1942) dove ricostruisce le concezioni sulla razza dalle civiltà antiche fino alle teorie del XVIII secolo (de Gobineau, Woltmann, de Lapouge, Chamberlain), contrapponendole alla versione moderna del razzismo biologico di stampo nazionalsocialista.

Nel 1937 pubblica la Introduzione alla quinta edizione italiana dei Protocolli dei savi di Sion, manifestando adesione al feroce e maniacale antisemitismo di Giovanni Preziosi, traduttore ed editore del pamphlet.

Nel 1959 esce un testo sul pensiero di Jünger: L'«Operaio» nel pensiero di Ernst Jünger.

Nel 1959 esce un testo sul pensiero di Jünger: L'«Operaio» nel pensiero di Ernst Jünger.

Nel 1958 esce la Metafisica del sesso sulla forza magica e potentissima dell'atto sessuale, attraverso lo studio dei simboli esteso a numerose tradizioni.

Nel 1958 esce la Metafisica del sesso sulla forza magica e potentissima dell'atto sessuale, attraverso lo studio dei simboli esteso a numerose tradizioni.

Nel 1951 l'opera viene poi tradotta in inglese da Harold Edward Musson (Ñāṇavīra Thera) con l'avallo della Pali Society, anche se l'unica fonte che riporta questa informazione è lo stesso Evola: «L'edizione inglese aveva avuto il crisma della Pali Society, noto istituto accademico di studi sul buddhismo delle origini, che aveva riconosciuto la validità della mia trattazione».

Nel 1951 Evola viene arrestato con le accuse di apologia di fascismo e di essere l'ispiratore di alcuni gruppi neofascisti: si tratta del processo ai FAR (Fasci di Azione Rivoluzionaria).

Nel 1951 l'opera viene poi tradotta in inglese da Harold Edward Musson (Ñāṇavīra Thera) con l'avallo della Pali Society, anche se l'unica fonte che riporta questa informazione è lo stesso Evola: «L'edizione inglese aveva avuto il crisma della Pali Society, noto istituto accademico di studi sul buddhismo delle origini, che aveva riconosciuto la validità della mia trattazione».

Nel 1951 Evola viene arrestato con le accuse di apologia di fascismo e di essere l'ispiratore di alcuni gruppi neofascisti: si tratta del processo ai FAR (Fasci di Azione Rivoluzionaria).

Nel 1950 pubblica su Imperium l'opuscolo Orientamenti nel quale vengono sintetizzate in undici punti le sue idee (poi sviluppate nei libri successivi e riedite nel 1970).

Nel 1950 pubblica su Imperium l'opuscolo Orientamenti nel quale vengono sintetizzate in undici punti le sue idee (poi sviluppate nei libri successivi e riedite nel 1970).

Nel 1994 vengono ritrovate presso l'archivio crociano di Napoli sette lettere scritte da Evola a Benedetto Croce (più una, l'ottava, indirizzata all'editore Laterza).

Nel 1994 vengono ritrovate presso l'archivio crociano di Napoli sette lettere scritte da Evola a Benedetto Croce (più una, l'ottava, indirizzata all'editore Laterza).

Nel 1953 pubblica Gli uomini e le rovine – testo che esercita grande influenza negli ambienti della destra italiana – nel quale spiega la decadenza del mondo moderno in seguito alla distruzione del principio di autorità e di ogni possibilità di trascendenza per l'affermarsi del razionalismo, in contrasto con le antiche civiltà e i valori della Tradizione.

Nel 1953 pubblica Gli uomini e le rovine – testo che esercita grande influenza negli ambienti della destra italiana – nel quale spiega la decadenza del mondo moderno in seguito alla distruzione del principio di autorità e di ogni possibilità di trascendenza per l'affermarsi del razionalismo, in contrasto con le antiche civiltà e i valori della Tradizione.

Nel 1975 compaiono, in un articolo di Giovanni Lista, brani di due lettere inviate da Evola a Tristan Tzara, il fondatore del Dadaismo.

Nel 1975 compaiono, in un articolo di Giovanni Lista, brani di due lettere inviate da Evola a Tristan Tzara, il fondatore del Dadaismo.

Nel 1930, con la guida alpina Eugenio David, affronta la scalata della parete settentrionale del Lyskamm Orientale.

L'8 aprile 1930 Evola scrive nuovamente a Croce chiedendo aiuto per la sua nuova opera sull'alchimia: La tradizione ermetica.

Nel 1930, con la guida alpina Eugenio David, affronta la scalata della parete settentrionale del Lyskamm Orientale.

L'8 aprile 1930 Evola scrive nuovamente a Croce chiedendo aiuto per la sua nuova opera sull'alchimia: La tradizione ermetica.

Nel 1919 partecipa alla "Grande Esposizione Nazionale Futurista" di Palazzo Cova a Milano.

Nel 1919 partecipa alla "Grande Esposizione Nazionale Futurista" di Palazzo Cova a Milano.

Nel 1943, riprendendo temi già trattati nei suoi anni giovanili, pubblica La dottrina del risveglio, un saggio sull'ascesi buddhista.

Nel 1943, riprendendo temi già trattati nei suoi anni giovanili, pubblica La dottrina del risveglio, un saggio sull'ascesi buddhista.

Nel 1923 cessa l'attività pittorica e fino al 1925 fa uso di sostanze stupefacenti con il fine di raggiungere stati alterati di coscienza: «In questo contesto, vi è anche da accennare all'effetto di alcune esperienze interiori da me affrontate a tutta prima senza una precisa tecnica e coscienza del fine, con l'aiuto di certe sostanze che non sono gli stupefacenti più in uso Mi portai, per tal via, verso forme di coscienza in parte staccate dai sensi fisici».

Nel 1923 cessa l'attività pittorica e fino al 1925 fa uso di sostanze stupefacenti con il fine di raggiungere stati alterati di coscienza: «In questo contesto, vi è anche da accennare all'effetto di alcune esperienze interiori da me affrontate a tutta prima senza una precisa tecnica e coscienza del fine, con l'aiuto di certe sostanze che non sono gli stupefacenti più in uso Mi portai, per tal via, verso forme di coscienza in parte staccate dai sensi fisici».

Nel 1945 Evola si trova a Vienna e nell'intento «di non schivare anzi di cercare i pericoli, nel senso di un tacito interrogare la sorte» si avventura in una passeggiata durante i bombardamenti sovietici che colpiscono la capitale austriaca.

Nel 1945 Evola si trova a Vienna e nell'intento «di non schivare anzi di cercare i pericoli, nel senso di un tacito interrogare la sorte» si avventura in una passeggiata durante i bombardamenti sovietici che colpiscono la capitale austriaca.

Tra il 1927 e il 1929 coordina il Gruppo di Ur, che si occupa di esoterismo e di ricerche sulle tradizioni extra europee: un'antologia dei fascicoli editi viene più tardi pubblicata in tre volumi (tra il 1955 e il 1956) con il titolo Introduzione alla magia quale scienza dell'Io.

Tra il 1927 e il 1929 coordina il Gruppo di Ur, che si occupa di esoterismo e di ricerche sulle tradizioni extra europee: un'antologia dei fascicoli editi viene più tardi pubblicata in tre volumi (tra il 1955 e il 1956) con il titolo Introduzione alla magia quale scienza dell'Io.

Nel 1961 è la volta di Cavalcare la tigre in cui prosegue la sua critica al mondo moderno, offrendo una guida per coloro che pur non sentendo di appartenere interiormente a questo mondo, hanno intenzione di non cedervi psicologicamente ed esistenzialmente.

Nel 1961 è la volta di Cavalcare la tigre in cui prosegue la sua critica al mondo moderno, offrendo una guida per coloro che pur non sentendo di appartenere interiormente a questo mondo, hanno intenzione di non cedervi psicologicamente ed esistenzialmente.

Nel 1920 aderisce al Dadaismo ed entra in contatto epistolare con Tristan Tzara.

Nel 1920 aderisce al Dadaismo ed entra in contatto epistolare con Tristan Tzara.

Nel 1942 viene pubblicato un suo saggio dal titolo Per un allineamento politico-culturale dell'Italia e della Germania nel quale esprime ammirazione per il nazismo tedesco, considerandolo superiore al fascismo in ragione del coraggio nel risvegliare l'antico spirito ariano e germanico.

Nel 1942 viene pubblicato un suo saggio dal titolo Per un allineamento politico-culturale dell'Italia e della Germania nel quale esprime ammirazione per il nazismo tedesco, considerandolo superiore al fascismo in ragione del coraggio nel risvegliare l'antico spirito ariano e germanico.

Nel 1963 pubblica Il cammino del cinabro, la sua autobiografia, e nel 1968 un volume di saggi: L'arco e la clava.

Nel 1963 pubblica Il cammino del cinabro, la sua autobiografia, e nel 1968 un volume di saggi: L'arco e la clava.

Recensione Libraria: Julius Evola - "Etica Aria"

ETICA ARIA di Julius Evola di Dagoberto Husayn Bellucci "Giù dalla torre butterei tutti quanti gli artisti perché le trombe del giudizio suoneranno per tutti quelli che credono in quello che fanno. Per gli spartani una volta era uguale buttavano giù da una rupe quelli che venivano male. Giù dalla torre butterei tutti quanti i teatranti e nostra signora dei turchi specchio delle mie brame, chi è fra noi il più bravo del reame. E salverei chi non ha voglia di [...]

Recensione Libraria: Julius Evola - "Psicologia criminale ebraica"

"Psicologia criminale ebraica" di Julius Evola - di Dagoberto Husayn Bellucci Pubblicato una prima volta in forma di articolo per la rivista "La Difesa della Razza" del luglio 1939 il presente saggio di Evola venne riproposto per i tipo della "Sentinella d'Italia" trent'anni or sono. Merita la nostra attenzione per la puntuale ricognizione analitica che l'autore - sicuramente una delle personalità più importanti della cultura non conformista italiana nonché un [...]

JULIUS EVOLA NEI RAPPORTI DELLE SS

JULIUS EVOLA NEI RAPPORTI DELLE SS

Julius Evola nei rapporti delle SS, a cura di Gianfranco De Turris e  Bruno Zoratto, introduzione e traduzione di Nicola Cospito, Fondazione Julius Evola, Europa Libreria Editrice, Roma 2000, Euro 7,75 + 2,28 di spese postali   Dopo la pubblicazione nel 1986 di Julius Evola nei documenti segreti del Terzo Reich, curato da Nicola Cospito e da Hans Werner Neulen, e nel 1997 di Julius Evola nei documenti segreti dell’Ahnenerbe, curato da Gianfranco de Turris, [...]

In questo giorno: Evola

In questo giorno: Evola Categoria : In Memoriam, Video Tratto da juliusevola.it: Nell’introduzione alle Enneadi Porfirio scrisse di Plotino: “Della sua origine dei suoi parenti, della sua patria non amava parlare: né mai permise che pittore o scultore gli facesse il ritratto, quasi si vergognasse di avere un corpo”. Di Julius Evola si potrebbe dire la stessa cosa: degli anni dell’infanzia e dell’adolescenza infatti sappiamo poco o nulla, e poco o nulla [...]

Evola, l’antimoderno

Evola, l’antimoderno

Julius Evola è uno di quegli uomini della riflessione, che siam soliti chiamare filosofi, di cui spesso si sente parlare anche a sproposito all’interno di certi ambienti culturali, ma che, fondamentalmente viene dai più completamente accantonato. Come si è avuto modo di spiegare in più circostanze e come è sempre bene ribadire, ogni pensatore vive di sé e degli altri che con lui si pongono in confronto. Non è possibile inquadrare né tantomento catalogare [...]

Julius Evola.... Cenni di Biografia

Degli anni dell'infanzia e dell'adolescenza infatti sappiamo poco o nulla, e poco o nulla conosciamo, attraverso di lui, di episodi, esperienze o solo aneddoti della sua vita. Nel Cammino del Cinabro, un libro considerato la guida attraverso i suoi libri e le sue idee, e che possiamo tranquillamente definire la sua autobiografia spirituale, Evola non si abbandona mai all'onda dei ricordi: si ha così l'impressione che nulla nella sua vita sia stato lasciato in [...]

Evola- dedicato agli pseudo destroidi che ci scrivono e rompono il c....

«GLI ARYA SEGGONO ANCORA AL PICCO DELL’AVVOLTOIO» Nell'introduzione alle Enneadi Porfirio scrisse di Plotino: "Della sua origine dei suoi parenti, della sua patria non amava parlare: né mai permise che pittore o scultore gli facesse il ritratto, quasi si vergognasse di avere un corpo". Di Julius Evola si potrebbe dire la stessa cosa: degli anni dell'infanzia e dell'adolescenza infatti sappiamo poco o nulla, e poco o nulla conosciamo, attraverso di lui, di [...]

Girelle di pasta sfoglia con con nutella e pistacchi

Girelle di pasta sfoglia con con nutella e pistacchi

Girelle di pasta sfoglia con con nutella e pistacchi Laboratorio a 4 mani  io e la mia bimba in cucina cucinando dolci di pasta sfoglia con nutella e pistaccchio Non sono belle ma erano buone e ci siamo divertite a cucinare insieme Potete fare la medesima ricetta con la pasta brisè Potete farcire con mandorle o nocciole Sbizzarrite la vostra fantasia Pote spennellare la sfoglia con uovo soprattutto  se non dovete  ricoprire con la granella normalmente [...]

Francesca Michielin va "a letto" con Alberto Angela

Francesca Michielin va "a letto" con Alberto Angela

Francesca Michielin va "a letto" con Alberto Angela. La cantante mostra la coperta col volto del divulgatore scientifico La foto che non ti aspetti. In tempi di selfie con labbra a canotto e lati B negazionisti della legge di gravità, la brava e bella Francesca Michielin sorprende tutti con un’immagine da “Bella Addormentata”. A meravigliare ancora di più però è il suo principe azzurro: è "a letto" nientepopodimeno che con Alberto Angela. La cantante [...]

Trentuno anni fa, il 18 di maggio del 1988, la morte di Enzo Tortora. Ricordiamo le parole della figlia: “da allora nulla è cambiato”…!

Trentuno anni fa, il 18 di maggio del 1988, la morte di Enzo Tortora. Ricordiamo le parole della figlia: “da allora nulla è cambiato”…!

    .   seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping   . .   Trentuno anni fa, il 18 di maggio del 1988, la morte di Enzo Tortora. Ricordiamo le parole della figlia: “da allora nulla è cambiato”…! A 31 anni dalla sua morte, Tortora è diventato la personificazione dell’errore giudiziario italiano. Il suo ricordo vive in strade, piazze, scuole, biblioteche sparse per l’Italia a lui intitolate. l 18 maggio 1988, a soli 59 anni, muore Enzo [...]

Giunta Pigliaru (PD): elimina i finanziamenti per master and back e corsi di formazione

Giunta Pigliaru (PD): elimina i finanziamenti per master and back e corsi di formazione

Ricordo gli scempi causati dall'ex giunta Pigliaru (PD) Regione Sardegna che con la sua legislatura non solo non ha mai più rivisto i requisiti dei master and back, i percorsi di formazione post-laurea, sopratutto per voto di laurea ed età i quali andavano levati rendendoli fruibili a tutti i laureati, ma anzi, ha eliminato totalmente i finanziamenti per tali percorsi annullandoli per sempre. Così dicasi per i corsi di formazione professionale finanziati dalla [...]

Fedez, la nonna Luciana diventa una star su Instagram: «Non è che vado in prigione?»

Fedez, la nonna Luciana diventa una star su Instagram: «Non è che vado in prigione?»

Fedez, la nonna Luciana diventa una star su Instagram: «Non è che vado in prigione?» Anche la nonna di Fedez sbarca su Instagram e diventa subito una star. La signora Luciana sembra essersi ambientata in fretta nel mondo social, pubblicando foto e video nelle Stories con l’aiuto del famoso nipote. Il suo esordio come aspirante influencer è stato però piuttosto incerto e nel primo video condiviso ha mostrato una certa preoccupazione. “Ma non è che vado [...]

FOTO: Julius Evola

Julius Evola in una fotografia dei primi anni quaranta

Julius Evola in una fotografia dei primi anni quaranta

Cacciari: "Alleanza Pd-5S? E' destino" Cacciari vai a cagare. Portaci i tuoi D'Alemiani nella setta 5S.

Cacciari: "Alleanza Pd-5S? E' destino" Cacciari vai a cagare. Portaci i tuoi D'Alemiani nella setta 5S.

Cacciari insiste: presto o tardi Pd e M5s saranno alleati L'opinione controcorrente del sindaco di Venezia: l'alleanza tra M5s e Pd è destino, perché il loro elettorato è molto più simile L'ex sindaco di Venezia Massimo Cacciari va completamente controcorrente le dichiarazioni di Paola De Micheli, vicesegretaria del Pd, che ha escluso categoricamente qualsiasi futura alleanza tra il Pd e il M5s. Per cacciari invece, Pd e Cinque stelle insieme sono "un destino": [...]

IL FASCISMO NON È MORTO

Immagino di essere fra i pochi ancora vivi che hanno avuto il tempo di essere fascisti. Di essere Figlio della Lupa non m’importava nulla, ma aspettavo di divenire Avanguardista. Infatti adoravo i pantaloni alla zuava. Invece Mussolini perse la guerra, arrivarono gli Alleati con le jeep, la gomma americana e interi capitali da spendere con le puttane, e di pantaloni alla zuava non si parlò più. Almeno così credevo io. E non solo io. I “grandi” parlavano [...]

poesia di Alda Merini, “Ho bisogno di sentimenti”..(dal web)

poesia di Alda Merini, “Ho bisogno di sentimenti”..(dal web)

Io non ho bisogno di denaro.Ho bisogno di sentimenti,di parole, di parole scelte sapientemente,di fiori detti pensieri,di rose dette presenze,di sogni che abitino gli alberi,di canzoni che facciano danzare le statue,di stelle che mormorino all’ orecchio degli amanti.Ho bisogno di poesia,questa magia che brucia la pesantezza delle parole,che risveglia le emozioni e dà colori nuovi.La mia poesia è alacre come il fuocotrascorre tra le mie dita come un rosarioNon [...]

Mimmo Lucano alla Sapienza: "Noi, onda rossa contro onda nera" Il FASCISMO NON PASSERA.

Mimmo Lucano alla Sapienza: "Noi, onda rossa contro onda nera" Il FASCISMO NON PASSERA.

Mimmo Lucano accolto da cori e applausi al suo arrivo alla Sapienza.Aula di Lettere stracolma di studenti per il sindaco sospeso di Riace: "Siamo tutti Lucano".Mentre fuori. L'estrema destra di forza nuva manifesta nei pressi della Sapienza malgrado il divieto,e un militante schiaffeggia un ragazzo dopo un diverbio. Un ragazzo è stato schiaffeggiato da un militante di Forza Nuova nei pressi dell'ingresso della biblioteca nazionale di Castro Pretorio. Il giovane, [...]

Zuppetta con crema cassata

Zuppetta con crema cassata

Zuppetta con crema cassata La zuppetta con crema cassata è una specialissima variante del tradizionale dolce napoletano. Un dolce morbido e cremoso, dal sapore ammaliante e irresistibile, che saprà fare da cornice ad un pranzo o a una cena. Ingredienti 2 rotoli di pasta sfoglia rettangolari Per il pan di spagna: 100 gr di fecola di patate 6 uova Una bustina di vanillina 200 gr di zucchero Un pizzico di sale 100 gr di farina 00 Una bustina di lievito Per la [...]

Francesco Guccini senza peli sulla lingua: "A Salvini piacciono le mie canzoni? Anche Dante lo hanno letto cani e porci..."

Francesco Guccini senza peli sulla lingua: "A Salvini piacciono le mie canzoni? Anche Dante lo hanno letto cani e porci..."

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Francesco Guccini senza peli sulla lingua: "A Salvini piacciono le mie canzoni? Anche Dante lo hanno letto cani e porci..." L'ironia di Guccini: "A Salvini piacciono le mie canzoni? Anche Dante lo hanno letto cani e porci..." Il cantautore lo ha detto in conferenza stampa a Palermo, dove il conservatorio gli ha dedicato un'iniziativa Sempre ironico Francesco Guccini, che da Palermo - dove si trova [...]

Gino Strada: "Non siamo a rischio fascismo, il fascismo ce l'abbiamo già...!"

Gino Strada: "Non siamo a rischio fascismo, il fascismo ce l'abbiamo già...!"

    .   seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping   . .   Gino Strada: "Non siamo a rischio fascismo, il fascismo ce l'abbiamo già...!" Il fondatore di Emergency ha parlato a Piazza Pulita su La7. E esprime le sue preoccupazioni Quale messaggio viene da Casal Bruciato, da Casapound libera di fare quello che vuole, di un ministro che strizza l’occhio all’estrema destra e scimmiotta le frasi e le adunate di Mussolini mentre cavalca odio e [...]

La bolla di sapone dei fascisti

La bolla di sapone dei fascisti

Scorrendo le notizie degli ultimi giorni, mi sono fatto un’idea sui tempi che stiamo vivendo, costretti ogni momento a parlare di fascismo, di fascisti, di casapound , di forza nuova , di rom,  e di barconi. Questa storia dei fascisti viene alimentata ad arte dai mass media berlusconiani e salviniani, per nascondere problemi gravi che stiamo attraversando dal punto di vista economico e sociale , e far voltare  lo sguardo altrove. I fascisti, in percentuale [...]

Non siamo a rischio fascismo, il fascismo ce l'abbiamo già.Gino Strada

Non siamo a rischio fascismo, il fascismo ce l'abbiamo già.Gino Strada

Gino Strada: "Non siamo a rischio fascismo, il fascismo ce l'abbiamo già" Il fondatore di Emergency ha parlato a Piazza Pulita su La7. E esprime le sue preoccupazioni. Quale messaggio viene da Casal Bruciato, da Casapound libera di fare quello che vuole, di un ministro che strizza l’occhio all’estrema destra e scimmiotta le frasi e le adunate di Mussolini mentre cavalca odio e xenofobia? Che siamo con un piede nel fascismo e chi lo nega o è in malafede (vedi [...]

Tra CasaPound e NoTav, a Torino il Salone dell’Ipocrisia

Tra CasaPound e NoTav, a Torino il Salone dell’Ipocrisia

Centomila persone alla camera ardente dell’Avvocato, ma solo duemila al funerale di Primo Levi. Due lutti che in qualche modo fotografano Torino: folla oceanica per il patron della Fiat e dalla Juventus, di cui ora si scoprono i miliardi di euro “riparati” all’estero, lontano dal fisco italiano. Molto più intime, invece, le esequie dell’autore di “Se questo è un uomo”, massimo capolavoro della memorialistica mondiale sulla Shoah. Unico paese in cui [...]

E un male per l’Italia RIPROPORRE IL VECCHIO PASSATO. CHE SIANO MUMMIE O E FASCISMO.

E un male per l’Italia RIPROPORRE IL VECCHIO PASSATO. CHE SIANO MUMMIE O E FASCISMO.

Un male che si presenti in modo chiaro può essere necessario perché consente, almeno potenzialmente, di fargli fronte in modo altrettanto chiaro  È necessario che gli scandali avvengano (Matteo 18,7). Il nuovo Governo, che somma due populismi sovranisti,e vecchie mummie è un male per l’Italia, quindi anche per noi tutti, Pd compreso. Tuttavia citare quella frase evangelica ha un senso. C’è infatti una graduatoria dei mali.Un male che si presenti [...]

GRATTERI: “non c’è più il senso della vergogna e del rossore”.

GRATTERI: “non c’è più il senso della vergogna e del rossore”.

Quello che mi ha colpito di più della “Lectio Magistralis” che il Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri ha tenuto la mattina del 17 maggio 2018, qui a San Giovanni in Fiore, presso la nostra Abbazia Florense, agli studenti liceali sangiovannesi, ma anche ai tantissimi cittadini presenti, è quando ha detto che oggi non c’è più il senso della vergogna e del rossore. Quando ha detto: “oggi si ride, si fanno barzellette e storielle [...]

Intervista allo storico Franco Cardini da antidiplomatico

Intervista allo storico Franco Cardini da antidiplomatico

Intervista allo storico Franco Cardini: «L'Occidente ha dato sostegno a movimenti “fondamentalisti” islamici per scalzare organizzazioni politiche laiche»Franco Cardini, professore ordinario di Storia medievale presso l’Università di Firenze, professore emerito dell’Istituto italiano di Scienze umane alla Scuola Normale Superiore di Pisa e autore di numerosi libri sull’Islam (“L’islam è una minaccia? Falso!”, “L'ipocrisia dell'Occidente Il [...]

BUGIE E FASCISMO

Naturalmente ognuno ha diritto non soltanto alle proprie opinioni, ma anche alle proprie impressioni: la mia è quella di essere sommerso dalle bugie ufficiali. E sono talmente stupido da rettificarle senza tregua, nella mia mente: “Questo non è vero”, “Questo non è vero”, “Quest’altro non è vero”. Fino a togliere l’audio, quando parlano certi politici, per non affaticare inutilmente le mie orecchie e il mio cervello. Però si direbbe che il [...]

VENEZUELA, INDRO MONTANELLI E LIBERTA' D'INFORMAZIONE

VENEZUELA, INDRO MONTANELLI E LIBERTA' D'INFORMAZIONE

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer per la ricostruzione del P.C.I. di Andrea Montella Carissime compagne e compagni durante il tentativo di colpo di Stato in Venezuela da parte dell'imperialismo Usa e della sua marionetta Juan Guaidò, la stampa e i media del nostro paese, ma in generale quasi tutti quelli occidentali, hanno dimostrato tutta la loro pochezza e di essere dei produttori compulsivi di fake news, tra queste: il sanguinario golpista è la vittima, [...]

&id=HPN_Giulio+Cesare+Andrea+Evola_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Julius{{}}Evola" alt="" style="display:none;"/> ?>