Greenpeace International

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Theresa May
In rilievo

Theresa May

Green peace

La scheda: Green peace

Greenpeace è un'organizzazione non governativa ambientalista e pacifista fondata a Vancouver nel 1971.
È famosa per la sua azione diretta e non violenta per la difesa del clima, delle balene, dell'interruzione dei test nucleari e dell'ambiente in generale. Negli ultimi anni l'attività dell'organizzazione si è rivolta ad altre questioni ambientali come il riscaldamento globale, l'ingegneria genetica e la pesca a strascico. Greenpeace ha uffici nazionali e regionali in 41 paesi, tutti affiliati con Greenpeace International, con sede ad Amsterdam.
L'organizzazione è finanziata tramite contributi individuali da parte di circa 2,8 milioni donatori e fondazioni no profit, ma non accetta fondi da governi, partiti politici o grandi aziende. Non è nemmeno una società di aderenti spontanei, in quanto Greenpeace accetta le donazioni ma non iscrive soci.


Siberia in fiamme, già bruciata un’area grande come la Grecia, ma  nessuno fa niente - L'allarme di Greenpeace: "Una minaccia per il clima dell'intero pianeta"

Siberia in fiamme, già bruciata un’area grande come la Grecia, ma nessuno fa niente - L'allarme di Greenpeace: "Una minaccia per il clima dell'intero pianeta"

          .   seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping   .   Siberia in fiamme, già bruciata un’area grande come la Grecia, ma  nessuno fa niente - L'allarme di Greenpeace: "Una minaccia per il clima dell'intero pianeta"   Incendi in Siberia, Greenpeace: «Una minaccia per il clima del pianeta» Il fumo degli oltre 400 incendi che stanno devastando la Grande foresta del Nord ha già raggiunto gli Stati Uniti e il Canada. Le autorità russe [...]

Per non dimenticare - 10 luglio 1985 - Quando i servizi segreti francesi affondarono la nave di Greenpeace per nascondere i propri test nucleari nel Pacifico, uccidendo Fernando Pereira, fotografo e attivista per l’ambiente...

Per non dimenticare - 10 luglio 1985 - Quando i servizi segreti francesi affondarono la nave di Greenpeace per nascondere i propri test nucleari nel Pacifico, uccidendo Fernando Pereira, fotografo e attivista per l’ambiente...

. seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping .   Per non dimenticare - 10 luglio 1985 - Quando i servizi segreti francesi affondarono la nave di Greenpeace per nascondere i propri test nucleari nel Pacifico, uccidendo Fernando Pereira, fotografo e attivista per l’ambiente... «Ci sarà un giorno in cui gli uccelli cadranno dal cielo, gli animali che popolano i boschi moriranno, il mare diventerà nero e i fiumi scorreranno avvelenati. Quel giorno, uomini di ogni [...]

EVENTI: Green peace

Nel 1977 nacque Greenpeace UK da un legame di McTaggart con "Amici della Terra" e in Francia fu aperta la filiale francese da Remi Parmentier.

Nel 1977 Robert Hunter diede le dimissioni da presidente, Paul Watson, accusato di non condividere la tattica contro la caccia alle balene, fu deposto e in seguito fonderà Sea Shepherd.

Nel 1977 nacque Greenpeace UK da un legame di McTaggart con "Amici della Terra" e in Francia fu aperta la filiale francese da Remi Parmentier.

Nel 1977 Robert Hunter diede le dimissioni da presidente, Paul Watson, accusato di non condividere la tattica contro la caccia alle balene, fu deposto e in seguito fonderà Sea Shepherd.

Nel 1977 nacque Greenpeace UK da un legame di McTaggart con "Amici della Terra" e in Francia fu aperta la filiale francese da Remi Parmentier.

Nel 1977 Robert Hunter diede le dimissioni da presidente, Paul Watson, accusato di non condividere la tattica contro la caccia alle balene, fu deposto e in seguito fonderà Sea Shepherd.

Nel 1999, in seguito alle denunce di Greenpeace sulle tossicità di alcune materie plastiche utilizzate nei giocattoli per bambini, numerose aziende annunciarono l'eliminazione del PVC "morbido" dai loro prodotti.

Nel 1999, in seguito alle denunce di Greenpeace sulle tossicità di alcune materie plastiche utilizzate nei giocattoli per bambini, numerose aziende annunciarono l'eliminazione del PVC "morbido" dai loro prodotti.

Nel 1999, in seguito alle denunce di Greenpeace sulle tossicità di alcune materie plastiche utilizzate nei giocattoli per bambini, numerose aziende annunciarono l'eliminazione del PVC "morbido" dai loro prodotti.

Nel 1976 i sostenitori si aggiravano intorno ai 10000.

Nel 1976 i sostenitori si aggiravano intorno ai 10000.

Nel 1976 i sostenitori si aggiravano intorno ai 10000.

Nel giugno del 1978 la Rainbow Warrior si diresse verso i mari della Spagna per impedire nuovamente la caccia alle balene da parte di Islanda e Spagna, ma durante il viaggio l'obiettivo mutò.

Nel 1978 fu fondata Greenpeace Paesi Bassi e la filiale olandese del WWF accordò una sovvenzione per finanziare una campagna contro la caccia alle balene in Islanda.

Nel giugno del 1978 la Rainbow Warrior si diresse verso i mari della Spagna per impedire nuovamente la caccia alle balene da parte di Islanda e Spagna, ma durante il viaggio l'obiettivo mutò.

Nel 1978 fu fondata Greenpeace Paesi Bassi e la filiale olandese del WWF accordò una sovvenzione per finanziare una campagna contro la caccia alle balene in Islanda.

Nel giugno del 1978 la Rainbow Warrior si diresse verso i mari della Spagna per impedire nuovamente la caccia alle balene da parte di Islanda e Spagna, ma durante il viaggio l'obiettivo mutò.

Nel 1978 fu fondata Greenpeace Paesi Bassi e la filiale olandese del WWF accordò una sovvenzione per finanziare una campagna contro la caccia alle balene in Islanda.

Il 4 ottobre 1991 22 nazioni firmarono un protocollo del Trattato Antartico (conosciuto in inglese come Protocol on Environmental Protection to the Antarctic Treaty e a tutt'oggi ratificato da 27 nazioni) con il quale sostanzialmente si proibisce lo sfruttamento dell'Antartide per scopi economici: con grande soddisfazione, dopo 8 anni di testimonianza, Greenpeace poté riportante la propria più grande vittoria come movimento ecologista.

Nel 1991 l'ONU votò una risoluzione per mettere al bando la pesca con reti pelagiche (le cosiddette reti a strascico) e le derivanti (le spadare) con soddisfazione di Greenpeace.

Nel 1991, dopo una pesante pressione da parte di Greenpeace, il consiglio dei ministri della Comunità europea proibì, con la Direttiva 1991/414, l'uso di fitofarmaci con alto rischio di inquinamento delle falde acquifere.

Il 4 ottobre 1991 22 nazioni firmarono un protocollo del Trattato Antartico (conosciuto in inglese come Protocol on Environmental Protection to the Antarctic Treaty e a tutt'oggi ratificato da 27 nazioni) con il quale sostanzialmente si proibisce lo sfruttamento dell'Antartide per scopi economici: con grande soddisfazione, dopo 8 anni di testimonianza, Greenpeace poté riportante la propria più grande vittoria come movimento ecologista.

Nel 1991 l'ONU votò una risoluzione per mettere al bando la pesca con reti pelagiche (le cosiddette reti a strascico) e le derivanti (le spadare) con soddisfazione di Greenpeace.

Nel 1991, dopo una pesante pressione da parte di Greenpeace, il consiglio dei ministri della Comunità europea proibì, con la Direttiva 1991/414, l'uso di fitofarmaci con alto rischio di inquinamento delle falde acquifere.

Il 4 ottobre 1991 22 nazioni firmarono un protocollo del Trattato Antartico (conosciuto in inglese come Protocol on Environmental Protection to the Antarctic Treaty e a tutt'oggi ratificato da 27 nazioni) con il quale sostanzialmente si proibisce lo sfruttamento dell'Antartide per scopi economici: con grande soddisfazione, dopo 8 anni di testimonianza, Greenpeace poté riportante la propria più grande vittoria come movimento ecologista.

Nel 1991 l'ONU votò una risoluzione per mettere al bando la pesca con reti pelagiche (le cosiddette reti a strascico) e le derivanti (le spadare) con soddisfazione di Greenpeace.

Nel 1991, dopo una pesante pressione da parte di Greenpeace, il consiglio dei ministri della Comunità europea proibì, con la Direttiva 1991/414, l'uso di fitofarmaci con alto rischio di inquinamento delle falde acquifere.

Nel 2002 venne prolungata la moratoria sulla caccia alle balene da parte dell'IWC in un momento in cui avveniva una vera e propria compravendita di voti da parte del Giappone, smascherata da Greenpeace.

Nel 2002 venne prolungata la moratoria sulla caccia alle balene da parte dell'IWC in un momento in cui avveniva una vera e propria compravendita di voti da parte del Giappone, smascherata da Greenpeace.

Nel 2002 venne prolungata la moratoria sulla caccia alle balene da parte dell'IWC in un momento in cui avveniva una vera e propria compravendita di voti da parte del Giappone, smascherata da Greenpeace.

Nel 2001 Greenpeace denunciò il commercio illegale di mogano amazzonico, che avviene in Brasile, questa mossa costò minacce di morte al responsabile di campagna brasiliano, ma anche divieto di taglio e commercializzazione del mogano da parte del governo brasiliano.

Nel 2001 George Bush, durante i colloqui di Bonn rese nota la decisione, che gli Stati Uniti non avrebbero firmato il protocollo di Kyōto e Greenpeace attivò una campagna chiamata Stop Esso.

Nel 2001 Greenpeace denunciò il commercio illegale di mogano amazzonico, che avviene in Brasile, questa mossa costò minacce di morte al responsabile di campagna brasiliano, ma anche divieto di taglio e commercializzazione del mogano da parte del governo brasiliano.

Nel 2001 George Bush, durante i colloqui di Bonn rese nota la decisione, che gli Stati Uniti non avrebbero firmato il protocollo di Kyōto e Greenpeace attivò una campagna chiamata Stop Esso.

Nel 2001 Greenpeace denunciò il commercio illegale di mogano amazzonico, che avviene in Brasile, questa mossa costò minacce di morte al responsabile di campagna brasiliano, ma anche divieto di taglio e commercializzazione del mogano da parte del governo brasiliano.

Nel 2001 George Bush, durante i colloqui di Bonn rese nota la decisione, che gli Stati Uniti non avrebbero firmato il protocollo di Kyōto e Greenpeace attivò una campagna chiamata Stop Esso.

Nel 1993 Greenpeace Italia ottenne un risultato significativo con l'approvazione, da parte del parlamento italiano, della legge più avanzata in Europa per la protezione dell'ozonosfera (dismissione della produzione di CFC entro il 1995).

Nel 1993 Greenpeace Italia ottenne un risultato significativo con l'approvazione, da parte del parlamento italiano, della legge più avanzata in Europa per la protezione dell'ozonosfera (dismissione della produzione di CFC entro il 1995).

Nel 1993 Greenpeace Italia ottenne un risultato significativo con l'approvazione, da parte del parlamento italiano, della legge più avanzata in Europa per la protezione dell'ozonosfera (dismissione della produzione di CFC entro il 1995).

Nel 1992, in occasione del Summit della Terra (anche noto come Conferenza di Rio), tenutosi a Rio de Janeiro in Brasile, Greenpeace ebbe un grande rilancio nell'America Latina, la Nuova Rainbow Warrior fece il giro di molti porti nel suo viaggio inaugurale in occasione del vertice.

Nel 1992, su commissione di Greenpeace venne prodotto il primo frigorifero che rispetta l'ozono (il Greenfreeze prodotto da una piccola azienda tedesca) mentre, con la ratifica del protocollo di Montréal, venne bandito l'uso dei CFC (dannosi per l'ozonosfera) entro il 1996.

Nel 1992, in occasione del Summit della Terra (anche noto come Conferenza di Rio), tenutosi a Rio de Janeiro in Brasile, Greenpeace ebbe un grande rilancio nell'America Latina, la Nuova Rainbow Warrior fece il giro di molti porti nel suo viaggio inaugurale in occasione del vertice.

Nel 1992, su commissione di Greenpeace venne prodotto il primo frigorifero che rispetta l'ozono (il Greenfreeze prodotto da una piccola azienda tedesca) mentre, con la ratifica del protocollo di Montréal, venne bandito l'uso dei CFC (dannosi per l'ozonosfera) entro il 1996.

Nel 1992, in occasione del Summit della Terra (anche noto come Conferenza di Rio), tenutosi a Rio de Janeiro in Brasile, Greenpeace ebbe un grande rilancio nell'America Latina, la Nuova Rainbow Warrior fece il giro di molti porti nel suo viaggio inaugurale in occasione del vertice.

Nel 1992, su commissione di Greenpeace venne prodotto il primo frigorifero che rispetta l'ozono (il Greenfreeze prodotto da una piccola azienda tedesca) mentre, con la ratifica del protocollo di Montréal, venne bandito l'uso dei CFC (dannosi per l'ozonosfera) entro il 1996.

Dal 2003 venne proibita, con un bando da parte del consiglio di sicurezza dell'ONU, l'importazione di legname dalla Liberia, perché alimentava i conflitti armati nella regione.

Dal 2003 venne proibita, con un bando da parte del consiglio di sicurezza dell'ONU, l'importazione di legname dalla Liberia, perché alimentava i conflitti armati nella regione.

Dal 2003 venne proibita, con un bando da parte del consiglio di sicurezza dell'ONU, l'importazione di legname dalla Liberia, perché alimentava i conflitti armati nella regione.

Nel 1995 Greenpeace approdò nella laguna di Venezia per denunciare la presenza di diossine e conseguentemente la magistratura dispose la chiusura degli scarichi dell'Enichem e avviò un'indagine.

Nel 1995 Shell ottenne l'autorizzazione da parte del governo britannico all'affondamento nel Mare del Nord della piattaforma petrolifera Brent Spar.

Nel 1995 Greenpeace manifestò contro il taglio delle foreste presenti nel Clayquot Sound nella Columbia Britannica e in seguito il governo canadese accettò la proposta di modificare i metodi di gestione forestale.

Nel 1995 Greenpeace approdò nella laguna di Venezia per denunciare la presenza di diossine e conseguentemente la magistratura dispose la chiusura degli scarichi dell'Enichem e avviò un'indagine.

Nel 1995 Shell ottenne l'autorizzazione da parte del governo britannico all'affondamento nel Mare del Nord della piattaforma petrolifera Brent Spar.

Nel 1995 Greenpeace manifestò contro il taglio delle foreste presenti nel Clayquot Sound nella Columbia Britannica e in seguito il governo canadese accettò la proposta di modificare i metodi di gestione forestale.

Nel 1995 Greenpeace approdò nella laguna di Venezia per denunciare la presenza di diossine e conseguentemente la magistratura dispose la chiusura degli scarichi dell'Enichem e avviò un'indagine.

Nel 1995 Shell ottenne l'autorizzazione da parte del governo britannico all'affondamento nel Mare del Nord della piattaforma petrolifera Brent Spar.

Nel 1995 Greenpeace manifestò contro il taglio delle foreste presenti nel Clayquot Sound nella Columbia Britannica e in seguito il governo canadese accettò la proposta di modificare i metodi di gestione forestale.

Nel 1994 l'IWC approvò un progetto di Santuario Antartico delle balene in seguito alle azioni di Greenpeace e all'appoggio della Francia e finalmente nel 1999 i ministri di Italia, Francia e Principato di Monaco consentirono la nascita del "Santuario delle Balene" nel mar Ligure, chiesto da Greenpeace dal 1989, ma nel 2000 Greenpeace denunciò, con un tour della nave Vega nel mar Tirreno, lo scarico di fanghi tossici provenienti dal porto di Livorno direttamente nell'area del santuario, con il conseguente blocco da parte delle autorità.

Nel 1994 la Convenzione di Basilea proibì l'esportazione di rifiuti pericolosi ai paesi del terzo mondo.

Nel 1994 l'IWC approvò un progetto di Santuario Antartico delle balene in seguito alle azioni di Greenpeace e all'appoggio della Francia e finalmente nel 1999 i ministri di Italia, Francia e Principato di Monaco consentirono la nascita del "Santuario delle Balene" nel mar Ligure, chiesto da Greenpeace dal 1989, ma nel 2000 Greenpeace denunciò, con un tour della nave Vega nel mar Tirreno, lo scarico di fanghi tossici provenienti dal porto di Livorno direttamente nell'area del santuario, con il conseguente blocco da parte delle autorità.

Nel 1994 la Convenzione di Basilea proibì l'esportazione di rifiuti pericolosi ai paesi del terzo mondo.

Nel 1994 l'IWC approvò un progetto di Santuario Antartico delle balene in seguito alle azioni di Greenpeace e all'appoggio della Francia e finalmente nel 1999 i ministri di Italia, Francia e Principato di Monaco consentirono la nascita del "Santuario delle Balene" nel mar Ligure, chiesto da Greenpeace dal 1989, ma nel 2000 Greenpeace denunciò, con un tour della nave Vega nel mar Tirreno, lo scarico di fanghi tossici provenienti dal porto di Livorno direttamente nell'area del santuario, con il conseguente blocco da parte delle autorità.

Nel 1994 la Convenzione di Basilea proibì l'esportazione di rifiuti pericolosi ai paesi del terzo mondo.

Nel 2007 l'organizzazione contava 27 uffici nazionali con un budget di 170 milioni di euro derivanti dai versamenti di 2,7 milioni di simpatizzanti.

Nel 2007 l'organizzazione contava 27 uffici nazionali con un budget di 170 milioni di euro derivanti dai versamenti di 2,7 milioni di simpatizzanti.

Nel 2007 l'organizzazione contava 27 uffici nazionali con un budget di 170 milioni di euro derivanti dai versamenti di 2,7 milioni di simpatizzanti.

Nel 1989 un giornalista islandese, Magnus Gudmundsson, girò un documentario sull'organizzazione dal titolo Survival in the High Nord (Sopravvivenza nell'alto Nord), nel quale Greenpeace International veniva accusata di essere un'organizzazione che, sotto la pretesa di salvaguardare la natura, aveva il solo scopo di ottenere un potere politico ed economico.

Nel 1989 un giornalista islandese, Magnus Gudmundsson, girò un documentario sull'organizzazione dal titolo Survival in the High Nord (Sopravvivenza nell'alto Nord), nel quale Greenpeace International veniva accusata di essere un'organizzazione che, sotto la pretesa di salvaguardare la natura, aveva il solo scopo di ottenere un potere politico ed economico.

Nel 1989 un giornalista islandese, Magnus Gudmundsson, girò un documentario sull'organizzazione dal titolo Survival in the High Nord (Sopravvivenza nell'alto Nord), nel quale Greenpeace International veniva accusata di essere un'organizzazione che, sotto la pretesa di salvaguardare la natura, aveva il solo scopo di ottenere un potere politico ed economico.

Nel 1980 il porto di Rotterdam fu il teatro di una continua manifestazione (a cui partecipò la Rainbow Warrior) contro lo scarico di tonnellate di rifiuti acidi nel mare del Nord e il coinvolgimento della Bayer.

Nel 1980 il porto di Rotterdam fu il teatro di una continua manifestazione (a cui partecipò la Rainbow Warrior) contro lo scarico di tonnellate di rifiuti acidi nel mare del Nord e il coinvolgimento della Bayer.

Nel 1980 il porto di Rotterdam fu il teatro di una continua manifestazione (a cui partecipò la Rainbow Warrior) contro lo scarico di tonnellate di rifiuti acidi nel mare del Nord e il coinvolgimento della Bayer.

Nel 2013 è stato notato che Pascal Husting, direttore dei programmi internazionali di Greenpeace International, viaggiava diverse volte al mese in aereo tra i Paesi Bassi e il Lussemburgo (360 km) per andare a visitare la sua famiglia, nonostante l'attivismo di Greenpeace per ridurre i viaggi aerei a causa dell'effetto serra da loro prodotto.

Nel 2013 è stato notato che Pascal Husting, direttore dei programmi internazionali di Greenpeace International, viaggiava diverse volte al mese in aereo tra i Paesi Bassi e il Lussemburgo (360 km) per andare a visitare la sua famiglia, nonostante l'attivismo di Greenpeace per ridurre i viaggi aerei a causa dell'effetto serra da loro prodotto.

Nel 2013 è stato notato che Pascal Husting, direttore dei programmi internazionali di Greenpeace International, viaggiava diverse volte al mese in aereo tra i Paesi Bassi e il Lussemburgo (360 km) per andare a visitare la sua famiglia, nonostante l'attivismo di Greenpeace per ridurre i viaggi aerei a causa dell'effetto serra da loro prodotto.

Nel 1982, l'IWC votò l'adozione di una moratoria sulla caccia commerciale alle balene, operativa dal 1985, che è tuttora in vigore.

Nel 1982 Greenpeace orientò la propria attenzione anche all'uccisione di migliaia di giovani foche (che, dopo la nascita, rimangono dal manto bianco per due settimane prima di seguire la madre in mare) ogni anno nel mese di marzo.

Nel 1982, l'IWC votò l'adozione di una moratoria sulla caccia commerciale alle balene, operativa dal 1985, che è tuttora in vigore.

Nel 1982 Greenpeace orientò la propria attenzione anche all'uccisione di migliaia di giovani foche (che, dopo la nascita, rimangono dal manto bianco per due settimane prima di seguire la madre in mare) ogni anno nel mese di marzo.

Nel 1982, l'IWC votò l'adozione di una moratoria sulla caccia commerciale alle balene, operativa dal 1985, che è tuttora in vigore.

Nel 1982 Greenpeace orientò la propria attenzione anche all'uccisione di migliaia di giovani foche (che, dopo la nascita, rimangono dal manto bianco per due settimane prima di seguire la madre in mare) ogni anno nel mese di marzo.

Nel 2014 la filiale olandese di Greenpeace ha perduto 3,8 milioni di euro in speculazioni in borsa con operazioni di pronti contro termine al ribasso sull'euro.

Nel 2014 la filiale olandese di Greenpeace ha perduto 3,8 milioni di euro in speculazioni in borsa con operazioni di pronti contro termine al ribasso sull'euro.

Nel 2014 la filiale olandese di Greenpeace ha perduto 3,8 milioni di euro in speculazioni in borsa con operazioni di pronti contro termine al ribasso sull'euro.

Nel 1984 la Comunità Europea vietò l'importazione di qualsiasi manufatto di pelliccia di foca.

Nel 1984 la Comunità Europea vietò l'importazione di qualsiasi manufatto di pelliccia di foca.

Nel 1984 la Comunità Europea vietò l'importazione di qualsiasi manufatto di pelliccia di foca.

L'8 luglio 1986 gli "sposini" furono rilasciati dal carcere in Nuova Zelanda e confinati nell'atollo militare francese di Hao.

L'8 luglio 1986 gli "sposini" furono rilasciati dal carcere in Nuova Zelanda e confinati nell'atollo militare francese di Hao.

L'8 luglio 1986 gli "sposini" furono rilasciati dal carcere in Nuova Zelanda e confinati nell'atollo militare francese di Hao.

Nel 1985 Greenpeace era appoggiata anche dai sindacati inglesi, che si rifiutavano di far trasportare dagli operai i barili di scorie ai moli per lo scarico.

Nel 1985 Greenpeace era appoggiata anche dai sindacati inglesi, che si rifiutavano di far trasportare dagli operai i barili di scorie ai moli per lo scarico.

Nel 1985 Greenpeace era appoggiata anche dai sindacati inglesi, che si rifiutavano di far trasportare dagli operai i barili di scorie ai moli per lo scarico.

L'allarme di Greenpeace, nell’ultimo decennio i Grandi Marchi, nonostante le promesse fatte, hanno cancellato 50 milioni di ettari di foreste - Parliamo di un’area grande quanto la Spagna... Pensateci quando andate a fare la spesa...

L'allarme di Greenpeace, nell’ultimo decennio i Grandi Marchi, nonostante le promesse fatte, hanno cancellato 50 milioni di ettari di foreste - Parliamo di un’area grande quanto la Spagna... Pensateci quando andate a fare la spesa...

      .   seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping   .     L'allarme di Greenpeace, nell’ultimo decennio i Grandi Marchi, nonostante le promesse fatte, hanno cancellato 50 milioni di ettari di foreste - Parliamo di un’area grande quanto la Spagna... Pensateci quando andate a fare la spesa... Consumo: i grandi marchi hanno cancellato 50mln d’ettari di foreste Secondo l’analisi di Greenpeace International, nell’ultimo decennio il Pianeta [...]

“Centrali nucleari francesi non sicure”: il rapporto di Greenpeace che NON PUÒ essere pubblicato. E c'è poco da sorridere... Questi stanno proprio attaccati a noi...!

“Centrali nucleari francesi non sicure”: il rapporto di Greenpeace che NON PUÒ essere pubblicato. E c'è poco da sorridere... Questi stanno proprio attaccati a noi...!

    . seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping . .   “Centrali nucleari francesi non sicure”: il rapporto di Greenpeace che NON PUÒ essere pubblicato. E c'è poco da sorridere... Questi stanno proprio attaccati a noi...!   Da Il Fatto Quotidiano:   “Centrali nucleari francesi non sicure”: il rapporto che non può essere pubblicato. La prova: Greenpeace entra a Cattenon 'associazione ambientalista ha commissionato uno studio sulla [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Green peace

Protesta di Greenpeace contro Esso/ExxonMobil

Protesta di Greenpeace contro Esso/ExxonMobil

Protesta di Greenpeace contro Esso/ExxonMobil

Protesta di Greenpeace contro Esso/ExxonMobil

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_Greenpeace+International_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Greenpeace{{}}International" alt="" style="display:none;"/> ?>