Guerre Italiane del Rinascimento

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Guerre Italiane del Rinascimento. Cerca invece Guerre d'Italia.

Vedi anche

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

Guerre d'Italia del XVI secolo

La scheda: Guerre d'Italia del XVI secolo

Ducato di Milano e Italia meridionale (inclusa Sicilia) sotto la Spagna degli Asburgo
La Francia restituisce la Corsica alla Repubblica di Genova e il Piemonte al Ducato di Savoia.
Papato, Firenze e Venezia rimangono entità indipendenti.
Le Guerre d'Italia, spesso indicate anche come le Grandi Guerre d'Italia, furono una serie di conflitti, combattuti prevalentemente sul suolo italiano nella prima metà del secolo XVI (per la precisione durarono dal 1494 al 1559), aventi come obiettivo finale la supremazia in Europa. Furono inizialmente scatenate da alcuni sovrani francesi, che inviarono nella penisola italiana le loro truppe, per far valere i loro diritti ereditari sul Regno di Napoli e poi sul Ducato di Milano. Da locali le guerre divennero in breve tempo di scala europea, coinvolgendo, oltre alla Francia anche la maggior parte degli stati italiani, il Sacro Romano Impero, la Spagna, l'Inghilterra e l'Impero Ottomano.
Nel 1492, con la morte di Lorenzo De Medici, era crollata la Lega Italica che aveva assicurato la pace nella penisola per 50 anni. Nel 1494, Carlo VIII di Francia calò in Italia andando ad occupare il Regno di Napoli sulla base di una rivendicazione dinastica. Tuttavia, venne costretto ad abbandonare i territori occupati dopo la formazione di una Lega anti-francese (cui aderirono Venezia, Milano, il Papa, la Spagna, l'Inghilterra, Massimiliano d'Asburgo). L'esercito messo in campo dalla Lega non riuscì, nella battaglia di Fornovo, a sbarrare il passo alle forze di Carlo VIII nella loro risalita verso il Piemonte e la Francia. Carlo dunque lasciò l'Italia senza mantenere le conquiste territoriali, ma per l'Italia le conseguenze furono comunque catastrofiche. Ora l'Europa intera sapeva che l'Italia era una terra incredibilmente ricca e facilmente conquistabile perché divisa e difesa soltanto da mercenari.
Nel tentativo di evitare gli errori del suo predecessore, Luigi XII di Francia annetté il ducato di Milano e firmò un accordo con Ferdinando d'Aragona (già governatore di Sicilia e di Sardegna) per condividere il Regno di Napoli. Tuttavia, Ferdinando abbandonò Luigi XII e espulse le truppe francesi dal Mezzogiorno in seguito alle battaglie di Cerignola e Garigliano. Dopo una serie di alleanze e tradimenti, il Papato decise di schierarsi contro il controllo francese su Milano e sostenne Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero ed erede dei territori dell'Aragona in Italia. Dopo le battaglie di Bicocca e Pavia, la Francia guidata dal re Francesco I perse il controllo di Milano a favore degli Asburgo. Tuttavia, le mutevoli truppe protestanti tedesche di Carlo V saccheggiarono Roma nel 1527: questo evento rappresentò un punto di svolta nello sviluppo delle guerre europee di religione e indusse Carlo V a concentrarsi sull'affermarsi del protestantesimo nel Sacro Romano Impero.
Il successore di Francesco I, Enrico II di Francia, approfittò della situazione e cercò di stabilire la supremazia in Italia invadendo la Corsica e la Toscana. Tuttavia, la sua conquista della Corsica fu rovesciata dall'ammiraglio genovese Andrea Doria e le sue truppe in Toscana furono sconfitte nella Battaglia di Scannagallo dai fiorentini e dall'esercito imperiale. Con l'abdicazione di Carlo V, Filippo II di Spagna ereditò Milano e il Mezzogiorno. L'ultimo significativo scontro, la battaglia di San Quintino (1557), fu vinto da Emanuele Filiberto di Savoia per le forze spagnole e imperiali: ciò portò il restauro del Piemonte occupato dalla Francia alla casa Savoia.
Nel 1559 fu stipulata la Pace di Cateau-Cambrésis. La mappa politica dell'Italia fu largamente influenzata dalla fine delle guerre: il Mezzogiorno e Milano erano sotto il controllo spagnolo, la Casa Savoia si era stabilita a Torino e, per mezzo dell'editto di Rivoli, rese l'italiano la sua lingua ufficiale, Firenze assorbì Siena in un ducato di Firenze, e il Papato avviò la controriforma con il Concilio di Trento. In un torneo tenuto per celebrare il trattato di pace, Enrico II di Francia venne accidentalmente ucciso da una lancia: l'instabilità che seguì alla sua morte portò alle guerre di religione francesi. Inoltre, al termine delle guerre la Spagna si affermò come la principale potenza continentale, ponendo gran parte della penisola italiana sotto la sua dominazione diretta (Ducato di Milano, Regno di Napoli, Regno di Sicilia e Stato dei Presidi) o indiretta, gli unici stati italiani che seppero mantenere una certa autonomia furono il Ducato di Savoia (legato alla Francia) e la Repubblica di Venezia, mentre il Papato, pur autonomo, risultava perlopiù legato alla Spagna dalla comune politica di far prevalere in Europa la Controriforma cattolica.


Ducato di Milano e Italia meridionale (inclusa Sicilia) sotto la Spagna degli Asburgo
La Francia restituisce la Corsica alla Repubblica di Genova e il Piemonte al Ducato di Savoia.
Papato, Firenze e Venezia rimangono entità indipendenti.
Le Guerre d'Italia, spesso indicate anche come le Grandi Guerre d'Italia, furono una serie di conflitti, combattuti prevalentemente sul suolo italiano nella prima metà del secolo XVI (per la precisione durarono dal 1494 al 1559), aventi come obiettivo finale la supremazia in Europa. Furono inizialmente scatenate da alcuni sovrani francesi, che inviarono nella penisola italiana le loro truppe, per far valere i loro diritti ereditari sul Regno di Napoli e poi sul Ducato di Milano. Da locali le guerre divennero in breve tempo di scala europea, coinvolgendo, oltre alla Francia anche la maggior parte degli stati italiani, il Sacro Romano Impero, la Spagna, l'Inghilterra e l'Impero Ottomano.
Nel 1492, con la morte di Lorenzo De Medici, era crollata la Lega Italica che aveva assicurato la pace nella penisola per 50 anni. Nel 1494, Carlo VIII di Francia calò in Italia andando ad occupare il Regno di Napoli sulla base di una rivendicazione dinastica. Tuttavia, venne costretto ad abbandonare i territori occupati dopo la formazione di una Lega anti-francese (cui aderirono Venezia, Milano, il Papa, la Spagna, l'Inghilterra, Massimiliano d'Asburgo). L'esercito messo in campo dalla Lega non riuscì, nella battaglia di Fornovo, a sbarrare il passo alle forze di Carlo VIII nella loro risalita verso il Piemonte e la Francia. Carlo dunque lasciò l'Italia senza mantenere le conquiste territoriali, ma per l'Italia le conseguenze furono comunque catastrofiche. Ora l'Europa intera sapeva che l'Italia era una terra incredibilmente ricca e facilmente conquistabile perché divisa e difesa soltanto da mercenari.
Nel tentativo di evitare gli errori del suo predecessore, Luigi XII di Francia annetté il ducato di Milano e firmò un accordo con Ferdinando d'Aragona (già governatore di Sicilia e di Sardegna) per condividere il Regno di Napoli. Tuttavia, Ferdinando abbandonò Luigi XII e espulse le truppe francesi dal Mezzogiorno in seguito alle battaglie di Cerignola e Garigliano. Dopo una serie di alleanze e tradimenti, il Papato decise di schierarsi contro il controllo francese su Milano e sostenne Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero ed erede dei territori dell'Aragona in Italia. Dopo le battaglie di Bicocca e Pavia, la Francia guidata dal re Francesco I perse il controllo di Milano a favore degli Asburgo. Tuttavia, le mutevoli truppe protestanti tedesche di Carlo V saccheggiarono Roma nel 1527: questo evento rappresentò un punto di svolta nello sviluppo delle guerre europee di religione e indusse Carlo V a concentrarsi sull'affermarsi del protestantesimo nel Sacro Romano Impero.
Il successore di Francesco I, Enrico II di Francia, approfittò della situazione e cercò di stabilire la supremazia in Italia invadendo la Corsica e la Toscana. Tuttavia, la sua conquista della Corsica fu rovesciata dall'ammiraglio genovese Andrea Doria e le sue truppe in Toscana furono sconfitte nella Battaglia di Scannagallo dai fiorentini e dall'esercito imperiale. Con l'abdicazione di Carlo V, Filippo II di Spagna ereditò Milano e il Mezzogiorno. L'ultimo significativo scontro, la battaglia di San Quintino (1557), fu vinto da Emanuele Filiberto di Savoia per le forze spagnole e imperiali: ciò portò il restauro del Piemonte occupato dalla Francia alla casa Savoia.
Nel 1559 fu stipulata la Pace di Cateau-Cambrésis. La mappa politica dell'Italia fu largamente influenzata dalla fine delle guerre: il Mezzogiorno e Milano erano sotto il controllo spagnolo, la Casa Savoia si era stabilita a Torino e, per mezzo dell'editto di Rivoli, rese l'italiano la sua lingua ufficiale, Firenze assorbì Siena in un ducato di Firenze, e il Papato avviò la controriforma con il Concilio di Trento. In un torneo tenuto per celebrare il trattato di pace, Enrico II di Francia venne accidentalmente ucciso da una lancia: l'instabilità che seguì alla sua morte portò alle guerre di religione francesi. Inoltre, al termine delle guerre la Spagna si affermò come la principale potenza continentale, ponendo gran parte della penisola italiana sotto la sua dominazione diretta (Ducato di Milano, Regno di Napoli, Regno di Sicilia e Stato dei Presidi) o indiretta, gli unici stati italiani che seppero mantenere una certa autonomia furono il Ducato di Savoia (legato alla Francia) e la Repubblica di Venezia, mentre il Papato, pur autonomo, risultava perlopiù legato alla Spagna dalla comune politica di far prevalere in Europa la Controriforma cattolica.

Ducato di Milano e Italia meridionale (inclusa Sicilia) sotto la Spagna degli Asburgo
La Francia restituisce la Corsica alla Repubblica di Genova e il Piemonte al Ducato di Savoia.
Papato, Firenze e Venezia rimangono entità indipendenti.
Le Guerre d'Italia, spesso indicate anche come le Grandi Guerre d'Italia, furono una serie di conflitti, combattuti prevalentemente sul suolo italiano nella prima metà del secolo XVI (per la precisione durarono dal 1494 al 1559), aventi come obiettivo finale la supremazia in Europa. Furono inizialmente scatenate da alcuni sovrani francesi, che inviarono nella penisola italiana le loro truppe, per far valere i loro diritti ereditari sul Regno di Napoli e poi sul Ducato di Milano. Da locali le guerre divennero in breve tempo di scala europea, coinvolgendo, oltre alla Francia anche la maggior parte degli stati italiani, il Sacro Romano Impero, la Spagna, l'Inghilterra e l'Impero Ottomano.
Nel 1492, con la morte di Lorenzo De Medici, era crollata la Lega Italica che aveva assicurato la pace nella penisola per 50 anni. Nel 1494, Carlo VIII di Francia calò in Italia andando ad occupare il Regno di Napoli sulla base di una rivendicazione dinastica. Tuttavia, venne costretto ad abbandonare i territori occupati dopo la formazione di una Lega anti-francese (cui aderirono Venezia, Milano, il Papa, la Spagna, l'Inghilterra, Massimiliano d'Asburgo). L'esercito messo in campo dalla Lega non riuscì, nella battaglia di Fornovo, a sbarrare il passo alle forze di Carlo VIII nella loro risalita verso il Piemonte e la Francia. Carlo dunque lasciò l'Italia senza mantenere le conquiste territoriali, ma per l'Italia le conseguenze furono comunque catastrofiche. Ora l'Europa intera sapeva che l'Italia era una terra incredibilmente ricca e facilmente conquistabile perché divisa e difesa soltanto da mercenari.
Nel tentativo di evitare gli errori del suo predecessore, Luigi XII di Francia annetté il ducato di Milano e firmò un accordo con Ferdinando d'Aragona (già governatore di Sicilia e di Sardegna) per condividere il Regno di Napoli. Tuttavia, Ferdinando abbandonò Luigi XII e espulse le truppe francesi dal Mezzogiorno in seguito alle battaglie di Cerignola e Garigliano. Dopo una serie di alleanze e tradimenti, il Papato decise di schierarsi contro il controllo francese su Milano e sostenne Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero ed erede dei territori dell'Aragona in Italia. Dopo le battaglie di Bicocca e Pavia, la Francia guidata dal re Francesco I perse il controllo di Milano a favore degli Asburgo. Tuttavia, le mutevoli truppe protestanti tedesche di Carlo V saccheggiarono Roma nel 1527: questo evento rappresentò un punto di svolta nello sviluppo delle guerre europee di religione e indusse Carlo V a concentrarsi sull'affermarsi del protestantesimo nel Sacro Romano Impero.
Il successore di Francesco I, Enrico II di Francia, approfittò della situazione e cercò di stabilire la supremazia in Italia invadendo la Corsica e la Toscana. Tuttavia, la sua conquista della Corsica fu rovesciata dall'ammiraglio genovese Andrea Doria e le sue truppe in Toscana furono sconfitte nella Battaglia di Scannagallo dai fiorentini e dall'esercito imperiale. Con l'abdicazione di Carlo V, Filippo II di Spagna ereditò Milano e il Mezzogiorno. L'ultimo significativo scontro, la battaglia di San Quintino (1557), fu vinto da Emanuele Filiberto di Savoia per le forze spagnole e imperiali: ciò portò il restauro del Piemonte occupato dalla Francia alla casa Savoia.
Nel 1559 fu stipulata la Pace di Cateau-Cambrésis. La mappa politica dell'Italia fu largamente influenzata dalla fine delle guerre: il Mezzogiorno e Milano erano sotto il controllo spagnolo, la Casa Savoia si era stabilita a Torino e, per mezzo dell'editto di Rivoli, rese l'italiano la sua lingua ufficiale, Firenze assorbì Siena in un ducato di Firenze, e il Papato avviò la controriforma con il Concilio di Trento. In un torneo tenuto per celebrare il trattato di pace, Enrico II di Francia venne accidentalmente ucciso da una lancia: l'instabilità che seguì alla sua morte portò alle guerre di religione francesi. Inoltre, al termine delle guerre la Spagna si affermò come la principale potenza continentale, ponendo gran parte della penisola italiana sotto la sua dominazione diretta (Ducato di Milano, Regno di Napoli, Regno di Sicilia e Stato dei Presidi) o indiretta, gli unici stati italiani che seppero mantenere una certa autonomia furono il Ducato di Savoia (legato alla Francia) e la Repubblica di Venezia, mentre il Papato, pur autonomo, risultava perlopiù legato alla Spagna dalla comune politica di far prevalere in Europa la Controriforma cattolica.

Ducato di Milano e Italia meridionale (inclusa Sicilia) sotto la Spagna degli Asburgo
La Francia restituisce la Corsica alla Repubblica di Genova e il Piemonte al Ducato di Savoia.
Papato, Firenze e Venezia rimangono entità indipendenti.
Le Guerre d'Italia, spesso indicate anche come le Grandi Guerre d'Italia, furono una serie di conflitti, combattuti prevalentemente sul suolo italiano nella prima metà del secolo XVI (per la precisione durarono dal 1494 al 1559), aventi come obiettivo finale la supremazia in Europa. Furono inizialmente scatenate da alcuni sovrani francesi, che inviarono nella penisola italiana le loro truppe, per far valere i loro diritti ereditari sul Regno di Napoli e poi sul Ducato di Milano. Da locali le guerre divennero in breve tempo di scala europea, coinvolgendo, oltre alla Francia anche la maggior parte degli stati italiani, il Sacro Romano Impero, la Spagna, l'Inghilterra e l'Impero Ottomano.
Nel 1492, con la morte di Lorenzo De Medici, era crollata la Lega Italica che aveva assicurato la pace nella penisola per 50 anni. Nel 1494, Carlo VIII di Francia calò in Italia andando ad occupare il Regno di Napoli sulla base di una rivendicazione dinastica. Tuttavia, venne costretto ad abbandonare i territori occupati dopo la formazione di una Lega anti-francese (cui aderirono Venezia, Milano, il Papa, la Spagna, l'Inghilterra, Massimiliano d'Asburgo). L'esercito messo in campo dalla Lega non riuscì, nella battaglia di Fornovo, a sbarrare il passo alle forze di Carlo VIII nella loro risalita verso il Piemonte e la Francia. Carlo dunque lasciò l'Italia senza mantenere le conquiste territoriali, ma per l'Italia le conseguenze furono comunque catastrofiche. Ora l'Europa intera sapeva che l'Italia era una terra incredibilmente ricca e facilmente conquistabile perché divisa e difesa soltanto da mercenari.
Nel tentativo di evitare gli errori del suo predecessore, Luigi XII di Francia annetté il ducato di Milano e firmò un accordo con Ferdinando d'Aragona (già governatore di Sicilia e di Sardegna) per condividere il Regno di Napoli. Tuttavia, Ferdinando abbandonò Luigi XII e espulse le truppe francesi dal Mezzogiorno in seguito alle battaglie di Cerignola e Garigliano. Dopo una serie di alleanze e tradimenti, il Papato decise di schierarsi contro il controllo francese su Milano e sostenne Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero ed erede dei territori dell'Aragona in Italia. Dopo le battaglie di Bicocca e Pavia, la Francia guidata dal re Francesco I perse il controllo di Milano a favore degli Asburgo. Tuttavia, le mutevoli truppe protestanti tedesche di Carlo V saccheggiarono Roma nel 1527: questo evento rappresentò un punto di svolta nello sviluppo delle guerre europee di religione e indusse Carlo V a concentrarsi sull'affermarsi del protestantesimo nel Sacro Romano Impero.
Il successore di Francesco I, Enrico II di Francia, approfittò della situazione e cercò di stabilire la supremazia in Italia invadendo la Corsica e la Toscana. Tuttavia, la sua conquista della Corsica fu rovesciata dall'ammiraglio genovese Andrea Doria e le sue truppe in Toscana furono sconfitte nella Battaglia di Scannagallo dai fiorentini e dall'esercito imperiale. Con l'abdicazione di Carlo V, Filippo II di Spagna ereditò Milano e il Mezzogiorno. L'ultimo significativo scontro, la battaglia di San Quintino (1557), fu vinto da Emanuele Filiberto di Savoia per le forze spagnole e imperiali: ciò portò il restauro del Piemonte occupato dalla Francia alla casa Savoia.
Nel 1559 fu stipulata la Pace di Cateau-Cambrésis. La mappa politica dell'Italia fu largamente influenzata dalla fine delle guerre: il Mezzogiorno e Milano erano sotto il controllo spagnolo, la Casa Savoia si era stabilita a Torino e, per mezzo dell'editto di Rivoli, rese l'italiano la sua lingua ufficiale, Firenze assorbì Siena in un ducato di Firenze, e il Papato avviò la controriforma con il Concilio di Trento. In un torneo tenuto per celebrare il trattato di pace, Enrico II di Francia venne accidentalmente ucciso da una lancia: l'instabilità che seguì alla sua morte portò alle guerre di religione francesi. Inoltre, al termine delle guerre la Spagna si affermò come la principale potenza continentale, ponendo gran parte della penisola italiana sotto la sua dominazione diretta (Ducato di Milano, Regno di Napoli, Regno di Sicilia e Stato dei Presidi) o indiretta, gli unici stati italiani che seppero mantenere una certa autonomia furono il Ducato di Savoia (legato alla Francia) e la Repubblica di Venezia, mentre il Papato, pur autonomo, risultava perlopiù legato alla Spagna dalla comune politica di far prevalere in Europa la Controriforma cattolica.

Ducato di Milano e Italia meridionale (inclusa Sicilia) sotto la Spagna degli Asburgo
La Francia restituisce la Corsica alla Repubblica di Genova e il Piemonte al Ducato di Savoia.
Papato, Firenze e Venezia rimangono entità indipendenti.
Le Guerre d'Italia, spesso indicate anche come le Grandi Guerre d'Italia, furono una serie di conflitti, combattuti prevalentemente sul suolo italiano nella prima metà del secolo XVI (per la precisione durarono dal 1494 al 1559), aventi come obiettivo finale la supremazia in Europa. Furono inizialmente scatenate da alcuni sovrani francesi, che inviarono nella penisola italiana le loro truppe, per far valere i loro diritti ereditari sul Regno di Napoli e poi sul Ducato di Milano. Da locali le guerre divennero in breve tempo di scala europea, coinvolgendo, oltre alla Francia anche la maggior parte degli stati italiani, il Sacro Romano Impero, la Spagna, l'Inghilterra e l'Impero Ottomano.
Nel 1492, con la morte di Lorenzo De Medici, era crollata la Lega Italica che aveva assicurato la pace nella penisola per 50 anni. Nel 1494, Carlo VIII di Francia calò in Italia andando ad occupare il Regno di Napoli sulla base di una rivendicazione dinastica. Tuttavia, venne costretto ad abbandonare i territori occupati dopo la formazione di una Lega anti-francese (cui aderirono Venezia, Milano, il Papa, la Spagna, l'Inghilterra, Massimiliano d'Asburgo). L'esercito messo in campo dalla Lega non riuscì, nella battaglia di Fornovo, a sbarrare il passo alle forze di Carlo VIII nella loro risalita verso il Piemonte e la Francia. Carlo dunque lasciò l'Italia senza mantenere le conquiste territoriali, ma per l'Italia le conseguenze furono comunque catastrofiche. Ora l'Europa intera sapeva che l'Italia era una terra incredibilmente ricca e facilmente conquistabile perché divisa e difesa soltanto da mercenari.
Nel tentativo di evitare gli errori del suo predecessore, Luigi XII di Francia annetté il ducato di Milano e firmò un accordo con Ferdinando d'Aragona (già governatore di Sicilia e di Sardegna) per condividere il Regno di Napoli. Tuttavia, Ferdinando abbandonò Luigi XII e espulse le truppe francesi dal Mezzogiorno in seguito alle battaglie di Cerignola e Garigliano. Dopo una serie di alleanze e tradimenti, il Papato decise di schierarsi contro il controllo francese su Milano e sostenne Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero ed erede dei territori dell'Aragona in Italia. Dopo le battaglie di Bicocca e Pavia, la Francia guidata dal re Francesco I perse il controllo di Milano a favore degli Asburgo. Tuttavia, le mutevoli truppe protestanti tedesche di Carlo V saccheggiarono Roma nel 1527: questo evento rappresentò un punto di svolta nello sviluppo delle guerre europee di religione e indusse Carlo V a concentrarsi sull'affermarsi del protestantesimo nel Sacro Romano Impero.
Il successore di Francesco I, Enrico II di Francia, approfittò della situazione e cercò di stabilire la supremazia in Italia invadendo la Corsica e la Toscana. Tuttavia, la sua conquista della Corsica fu rovesciata dall'ammiraglio genovese Andrea Doria e le sue truppe in Toscana furono sconfitte nella Battaglia di Scannagallo dai fiorentini e dall'esercito imperiale. Con l'abdicazione di Carlo V, Filippo II di Spagna ereditò Milano e il Mezzogiorno. L'ultimo significativo scontro, la battaglia di San Quintino (1557), fu vinto da Emanuele Filiberto di Savoia per le forze spagnole e imperiali: ciò portò il restauro del Piemonte occupato dalla Francia alla casa Savoia.
Nel 1559 fu stipulata la Pace di Cateau-Cambrésis. La mappa politica dell'Italia fu largamente influenzata dalla fine delle guerre: il Mezzogiorno e Milano erano sotto il controllo spagnolo, la Casa Savoia si era stabilita a Torino e, per mezzo dell'editto di Rivoli, rese l'italiano la sua lingua ufficiale, Firenze assorbì Siena in un ducato di Firenze, e il Papato avviò la controriforma con il Concilio di Trento. In un torneo tenuto per celebrare il trattato di pace, Enrico II di Francia venne accidentalmente ucciso da una lancia: l'instabilità che seguì alla sua morte portò alle guerre di religione francesi. Inoltre, al termine delle guerre la Spagna si affermò come la principale potenza continentale, ponendo gran parte della penisola italiana sotto la sua dominazione diretta (Ducato di Milano, Regno di Napoli, Regno di Sicilia e Stato dei Presidi) o indiretta, gli unici stati italiani che seppero mantenere una certa autonomia furono il Ducato di Savoia (legato alla Francia) e la Repubblica di Venezia, mentre il Papato, pur autonomo, risultava perlopiù legato alla Spagna dalla comune politica di far prevalere in Europa la Controriforma cattolica.

deleted

deleted

A Villa Brasini a Ponte Milvio  le stelle di Marina Corazziari Roma Sunset Art&Craft Factory

A Villa Brasini a Ponte Milvio le stelle di Marina Corazziari Roma Sunset Art&Craft Factory

A Villa Brasini a Ponte Milvio  le stelle di Marina Corazziari Roma Sunset Art&Craft Factory Roma di sera, al tramonto, dove le luci e i suoni la rendono fatata.......in una città resa frenetica dai mille eventi snodati nella città e dalle temperature torride che hanno contrassegnato l’edizione di luglio 2019 di Altaroma, nel giardino incantato del Gabsby Garden  di Villa Brasini a Ponte Milvio Marina Corazziari, artista stilista di gioielli e coreografa, [...]

Costretti alla ritirata.

Costretti alla ritirata.

Cosa c’è nel disegno di legge di assestamento di bilancio Via libera in Consiglio dei ministri. Varato anche un decreto che congela i risparmi di reddito e quota 100 per abbassare il deficit. Indebitamento ridotto di 7,6 miliardi, ma Salvini e Di Maio disertano il vertice. Passa la linea di Mattarella, Conte e Tria. Il Consiglio dei ministri ha varato il disegno di legge per l’assestamento di bilancio. Con questo provvedimento il governo certifica [...]

Sabato la 52° edizione del Trofeo Giorgio Bravin a Roma

Sabato la 52° edizione del Trofeo Giorgio Bravin a Roma

Sabato 8 giugno 2019 si terrà la 52° edizione del Trofeo Giorgio Bravin, importante meeting nazionale riservato agli atleti Under 18. Numerosi gli atleti partecipanti che si ritroveranno nella spettacolare cornice dello Stadio Nando Martellini - Terme di Caracallaper una intensa giornata di sport che si abbina tra l'altro alla Notte Bianca dello Sport indetta dal Comune di Roma. Il ricco programma gare sarà ulteriormente valorizzato dalla apertura alle [...]

Una Vita violenta

Arriva finalmente nelle sale Italiane il Film Drammatico Una Vita violenta (Francia 2017, 107'. Nella Foto). Regia di Thierry de Peretti. Nel cast: Jean Michelangeli, Henri-Noël Tabary, Cédric Appietto, Marie-Pierre Nouveau.«Parigi. Stéphane è uno studente in esilio in Francia. L'uomo, originario di Bastia, nasconde armi e finisce in carcere. Qui entra in contatto con attivisti nazionalisti. Poi rischia la vita per partecipare al funerale del suo migliore [...]

GIORDANO BRUNO

GIORDANO BRUNO

Non avrei potuto dare al mio blog una dedica che rappresentasse meglio la mia ammirazione e il mio amore per uno dei filosofi più grandi che abbia avuto l’Italia. Poteva essere uno studioso del tempo, riverito ed incensato se non fosse stato schiavo della verità il mio "intrepido cavaliere errante del Sapere". Lui stesso ammette nella lettera proemiale di “De l’infinito, l’universo e mondi”: “Se io, illustrissimo Cavalliero, contrattasse l'aratro, [...]

Palladio

 Arriva Lunedì 20 Maggio nelle Sale il nuovo Docu-Film Palladio (Italia 2019, 97'. Nella Foto). Regia di Giacomo Gatti. Progetto dedicato all’architetto Andrea Palladio, nato nel 1508. Con contributi di Kenneth Frampton, Peter Eisenman, Antonio Foscari, Lionello Puppi, Gregorio Carboni Maestri. «Con la sua opera divenne il punto di riferimento per la costruzione dei più importanti edifici del potere nel mondo. È un viaggio tra New York, la Virginia, [...]

Regina Elisabetta cerca un social media manager: «Ottimo stipendio»

Regina Elisabetta cerca un social media manager: «Ottimo stipendio»

La regina Elisabetta è alla ricerca di un social media manager che gestisca gli account della famiglia reale e fornisca ai sudditi una descrizione dettagliata degli appuntamenti ai quali partecipano i Windsor. La paga è di circa 44mila euro all'anno. Lo riporta il sito People. La regina Elisabetta, a 93 anni compiuti, si dimostra sempre all'avanguardia. Ha da poco fatto il suo primo post su Instagram e adesso è a caccia di un esperto di comunicazione digitale [...]

La fortuna della Scapiliata di Leonardo da Vinci

La fortuna della Scapiliata di Leonardo da Vinci

Dal 18 maggio quattro opere di Leonardo da Vinci celebrano il cinquecentesimo anniversario della sua scomparsa (1452-1519) e sono affiancate da altri capolavori di maestri quali Tintoretto, Hans Holbein e Bernardo Luini nella mostra La fortuna della Scapiliata di Leonardo da Vinci, alla Galleria Nazionale di Parma. Chiunque osservi questa figura femminile, non potrà non ricordare le parole dello stesso Leonardo nel Trattato sulla pittura: "Fa tu adunque alle tue [...]

Bona Sforza, Donna del Rinascimento. Spettacolo a Polignano a Mare

Oggi a Polignano a Mare è stato presentato il progetto culturale «Bona Sforza, Donna del Rinascimento. Storia di una Duchessa che si fè Regina», dedicato alla vita di Bona Sforza, per annunciare lo spettacolo che va in scena Giovedì 9 Maggio (Sipario ore 21:00 Teatro Multisala Vignola, via Rimembranze).La piece teatrale in atto unico - scritta, diretta e interpretata da Vito Lopriore - nasce dall’incontro di tre personalità che operano in differenti ambiti [...]

FOTO: Guerre d'Italia del XVI secolo

Guerre_Italiane_del_Rinascimento

Guerre_Italiane_del_Rinascimento

Guerre_d'Italia

Guerre_d'Italia

Guerre_Italiane

Guerre_Italiane

Guerre_d'Italia_del_XVI_secolo

Guerre_d'Italia_del_XVI_secolo

L'Italia alla vigilia dell'invasione di Carlo VIII di Francia

L'Italia alla vigilia dell'invasione di Carlo VIII di Francia

L'Italia alla vigilia dell'invasione di Carlo VIII di Francia

L'Italia alla vigilia dell'invasione di Carlo VIII di Francia

L'Italia alla vigilia dell'invasione di Carlo VIII di Francia

L'Italia alla vigilia dell'invasione di Carlo VIII di Francia

"LEONARDO DA VINCI. TUTTI I DIPINTI E I DISEGNI"

"LEONARDO DA VINCI. TUTTI I DIPINTI E I DISEGNI"

AUTORE: Johannes Nathan & Frank Zollner EDITORE: Taschen GENERE: Storia dell'arte PAGINE: 488 PREZZO CARTACEO: 15,00 euro   SINOSSI: Il volume esplora la vita e l'opera di Leonardo in dieci capitoli basati sulle lettere, i contratti, le pagine di diario e gli scritti del maestro. Tutti i dipinti vengono presentati e analizzati approfonditamente e L'annunciazione e Il cenacolo sono riprodotti a doppia pagina. La seconda parte del libro offre un catalogo [...]

Lucrezia Borgia a cinquecento anni dalla morte

Lucrezia Borgia a cinquecento anni dalla morte

Festival Francescano Tracce di Bellezza Domenica 5 maggio 2019, ore 18,30 Ferrara, Loggiato del Castello Estense «Che la canzone di voi si possa cantare» Lucrezia Borgia a cinquecento anni dalla morte   Testo di Piero Stefani Lucrezia, Luisa Cattaneo Voce maschile, Fabio Mangolini Interventi musicali: Coro da camera Euphonè direttrice, Silvia Marcolongo Tutti conoscono il nome di Lucrezia Borgia, il più delle volte esso gravita nell'ambito di una [...]

La Regina Elisabetta compie 93 anni: ecco tutti i segreti della sovrana più longeva della storia britannica

La Regina Elisabetta compie 93 anni: ecco tutti i segreti della sovrana più longeva della storia britannica

La Regina Elisabetta compie 93 anni. Il compleanno di Lady Elisabeth verrà molto probabilmente festeggiato al castello di Windsor, la sua proprietà reale preferita. La Regina è notoriamente abitudinaria e potrebbe continuare a festeggiare come ha sempre fatto negli ultimi anni, anche se questo potrebbe essere un compleanno speciale con l'imminente nascita del suo quarto nipote. Elisabetta II riceverà figli e nipoti a palazzo, dove si recheranno per farle gli [...]

Jacopo !

Ti amo sono un musicista squattrinato sono pienamente consapevole che non gradisci le rose ma i fiori di campo appena sfiorati da una tiepida rugiada carezzevole Chi copia è plagio e ci sono diritti della sottoscritta ! luluocchiblu19610@ https://youtu.be/FSea1YPxK1c

Jacopo !

Ti amo sono un musicista squattrinato sono pienamente consapevole che non gradisci le rose ma i fiori di campo appena sfiorati da una tiepida rugiada carezzevole Chi copia è plagio e ci sono diritti della sottoscritta ! luluocchiblu19610@ https://youtu.be/FSea1YPxK1c

Regina Elisabetta, quando morirà ecco cosa sarà vietato ai sudditi

Regina Elisabetta, quando morirà ecco cosa sarà vietato ai sudditi

Quando morirà la regina Elisabetta ai sudditi sarà vietato fare una cosa. È una delle disposizioni dell'Operation London Bridge, piano studiato per affrontare la morte della sovrana. Ma ecco cosa sarà severamente vietato fare. Come riporta il sito britannico Pop sugar Uk, ai sudditi sarà vietato ridere per 12 giorni. Secondo una delle disposizioni, infatti, la BBC cancellerà per 12 giorni tutte le trasmissioni comiche dalla programmazione. La decisione è [...]

Regina Elisabetta, quando morirà ecco cosa sarà vietato ai sudditi

Regina Elisabetta, quando morirà ecco cosa sarà vietato ai sudditi

Quando morirà la regina Elisabetta ai sudditi sarà vietato fare una cosa. È una delle disposizioni dell'Operation London Bridge, piano studiato per affrontare la morte della sovrana. Ma ecco cosa sarà severamente vietato fare. Come riporta il sito britannico Pop sugar Uk, ai sudditi sarà vietato ridere per 12 giorni. Secondo una delle disposizioni, infatti, la BBC cancellerà per 12 giorni tutte le trasmissioni comiche dalla programmazione. La decisione è [...]

Leonardo da Vinci

Leonardo da Vinci

Cosa sappiamo di Leonardo Da Vinci? Di sicuro che ha dipinto la ‘’Monna Lisa, detta anche la Gioconda’’ che oggi si trova al Louvre di Parigi, ma di lui, della sua vita, che cosa sappiamo? Proviamo un pò a fare un piccolo riassunto … non tanto parlando delle sue opere ma proprio della sua esistenza. Il 15 aprile del 1452, ad Anchiano una piccola frazione del Comune di Vinci, vicina a Firenze, nasce Leonardo, figlio illegittimo di un ricco benestante, il [...]

ANN PIZZORUSSO, UNA GEOLOGA SULLE TRACCE DI LEONARDO DA VINCI

ANN PIZZORUSSO, UNA GEOLOGA SULLE TRACCE DI LEONARDO DA VINCI

 Pubblichiamo l'intervista integrale apparsa su comunicaresenzafrontiere------------------------------------------------------------------------------------------------A seguito della presentazione del suo saggio TWITTANDO DA VINCI avvenuta sabato 23 marzo da Lux In Fabula, a Pozzuoli, abbiamo intervistato l'autrice, la geologa americana Ann Pizzorusso la quale ci ha accolto nella sua bella casa sul Petraio con vista sul golfo di Napoli.Dopo un caffè e una [...]

ANN PIZZORUSSO, UNA GEOLOGA SULLE TRACCE DI LEONARDO DA VINCI

ANN PIZZORUSSO, UNA GEOLOGA SULLE TRACCE DI LEONARDO DA VINCI

Pubblichiamo l'intervista integrale apparsa su comunicaresenzafrontiere --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- A seguito della presentazione del suo saggio TWITTANDO DA VINCI avvenuta sabato 23 marzo da Lux In Fabula, a Pozzuoli, abbiamo intervistato l’autrice, la geologa americana Ann Pizzorusso la quale ci ha accolto nella sua bella casa sul Petraio con vista [...]

posticipo scuola elementare.

Ingresso posticipato alla scuola primaria Cosa hanno in comune Nikola Tesla, Albert Einstein , Leonardo da Vinci, Galileo Galilei, Alexander Graham Bell, Michael Faraday, Pierre Curie, Steve Jobs, Walt Disney, Giulio Verne, Tom Cruise , Whoopi Goldberg, John Lennon, James Clerk Maxwell?... Sono tutti affetti da dislessia. Albert Einstein ha iniziato a parlare molto tardi ma quando ha parlato... Fonte: [...]

&id=HPN_Guerre+d'Italia_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Italian{{}}Wars" alt="" style="display:none;"/> ?>